Leggi qui tutti i racconti erotici di: trikeko

Ma……. Gianna si volta e mi dice ; non ora adesso abbiamo altro da fare
guardo Eva in modo interrogativo e lei mi fa spallucce . Dopo aver pranzato Gianna ci comunica che saremmo andati a fare una passeggiata infatti di li a poco eravamo immersi nel verde della campagna circostante . Gianna camminava davanti poi io e dietro di noi Eva io avevo ancora il cazzo che mi doleva per il forzato stop che mi era stato imposto da Gianna e il suo culo era . davanti a me non faceva altro che aumentare il mio desiderio di possederla e magari fare anche una capatina nel suo culo.
Indossava un paio di pantaloncini di jeans talmente ridotti che quando allungava in alto il piede per scansare dei rami a terra le si vedevano dei ciuffetti di pelo uscire dai bordi dei pantaloncini.
Di colpo ci ritroviamo in un vero e proprio paradiso terrestre un laghetto naturale alimentato da una cascata alta circa 25 metri io ed Eva rimaniamo a bocca spalancata da una visione così inaspettata quando ci riprendiamo vediamo un’altra visione paradisiaca Gianna si era tolto quel poco che aveva ed era li davanti a noi completamente nuda ci guarda con il suo sguardo da porcellina e ci fà: che ne dite di un bel bagno ristoratore? in men che non si dica eravamo tutti e tre in acqua. Era fantastica, fresca ma corroborante ad un certo punto ci ritroviamo tutti vicini e sento una mano afferrarmi il cazzo che era tornato ai minimi livelli grazie al fresco dell’acqua e incominciare a fare un su e giù lentissimo il mio fratellino si mise immediatamente sull’attenti e pensando fosse la mano di Eva rimasi di sasso quando la vidi allontanarsi di un paio di metri e fare l’occhiolino alla sua amica.
Gianna si avvicina sempre di più e mi infila la sua lingua fino in gola io da parte mia ricambio con gratitudine e incominciamo a limonare di brutto ad un certo punto si stacca leggermente mi fissa negli occhi e mi dice :Che cazzo aspetti a scoparmi? non le risposi ma allungai una mano verso la sua pelosissima fica e gli umori che le uscivano da sotto erano talmente vischiosi che tirando la mano fuori dall’acqua erano ancora attaccati. Mi portai le dita alla bocca e guardandola fissa negli occhi mi leccai le dita avevano un sapore stupendo un misto di salato e dolce che a ripensarci sento ancora il suo forte sapore. Avrei voluto leccargliela ma le circostanze non lo permettevano così la presi per le natiche e la sollevai, portai il mio bacino sotto di lei, e quando capii che il mio cazzo era all’entrata della fica la lasciai scivolare sopra di me dapprima mi guardò negli occhi e poi emettendo un rantolo che avevo già sentito gli si girarono le pupille al punto che si vedeva solo il chiaro degli occhi. Portò le sue braccia intorno al mio collo e cominciò a fare su e giù dettando lei il ritmo. Io ero al settimo cielo la tenevo per le chiappe e un dito andò a sfiorarle il buco del culo cominciai ad accarezzarlo, più lo accarezzavo, più lui si allargava così decisi di infilare la prima falange e intanto il ritmo si faceva sempre più veloce e i rantoli sempre più forti la testa mi pulsava forte così decisi di infilare tutto il dito; non vi dico che cosa successe incominciò a darmi morsi sul collo e sulle spalle a farmi succhiotti dappertutto. Di colpo mi ricordai di Eva girai lo sguardo e la vidi sdraiata sulla piccola spiaggetta che si masturbava guardandoci non ci capii più niente di colpo infilai un secondo dito nel culo di Gianna che mi disse ; sei un porco e io le risposi ; e tu una troia. A queste parole Gianna incominciò ad urlare e a dimenarsi in preda ad un travolgente orgasmo ma anche io ero al limite non sapevo però se potevo venirle dentro guardai Eva che continuava a masturbarsi e come se mi avesse letto negli occhi incomincio a dirmi ” VIENILE DENTRO A QUESTA TROIA” a questo punto non capii più niente e le riversai nella fica una prima bordata di sborra quando Gianna capì che gli stavo venendo dentro aprì gli occhi si tolse immediatamente da sopra il cazzo si immerse sott’acqua e mi prese in bocca il cazzo facendosi sborrare in bocca. Quando riemerse era come se stesse masticando ma invece si stava gustando il sapore della mia sborra .
Quando Eva capì quello che la sua amica stava facendo corse in acqua anche lei e incominciò a baciare Gianna. Le due amiche si stavano dividendo il mio seme . Rimasero attaccate a baciarsi per un tempo lunghissimo io nel frattempo ero uscito fuori dall’acqua e mi ero sdraiato sulla sabbia avevo le gambe che mi dolevano e il cazzo arrossato ma ero felice come una pasqua .
Quando le due amiche uscirono anche loro dall’acqua si vennero a sdraiare vicino a me Eva da una parte e Gianna dall’altra ad un certo punto sentii le labbra di Eva darmi un bacio sulla guancia e dirmi ” Grazie per tutto questo ” ma poi aggiunse : Quando rientriamo al casale cerca di riposare perchè stanotte io e Gianna non ti faremo dormire.

Voi che dite sarà stata una promessa o una minaccia?
questo lo potrete scoprire nel prossimo racconto.
A presto

1
1
Autore Pubblicato il: 29 Aprile 2022Categorie: Trio0 Commenti

Lascia un commento

1
1