Leggi qui tutti i racconti erotici di: Cammy90

Ciao a tutti, oggi voglio raccontarvi cosa m è successo la quest’estate a lavoro…
Nel tempo libero lavoro in una parrucchieria della zona. I miei titolari son persone alla mano,
marito e moglie, ma andiamo al dunque.
Dovete sapere che da quando ho iniziato a lavorare li la proprietaria si e sempre complimentata per il mio seno
e come lei anche alcune clienti mentre il marito spesso fingeva d nn sentire anche se i complimenti nn mancavano mai.
Un giorno mentre asciugavo i capelli della mia titolare uno dei laccetti della mia canotta cede
lasciandomi praticamernte cn un seno scoperto, in un attimo il complimento di lei arrivo assieme a una sua mano
, wow sono anche sode oltre che enormi!!! Arrossi tentando di coprirmi, ma lei mi sorprese aprendosi la cammicetta
che indossava,mi disse d non preoccuparmi e finire di asciugarle i capelli, inizialmente non ci pensai e rassicurata rimasi
con un seno scoperto ogni tanto toccato dalle sue mani.Improvvisamente ricordo che un brivido mi scosse
avevo dimenticato che c era anche suo marito il quale gia da un po aveva impugnato il suo membro, masturbandosi vistosamente
Mirella capendo il mio disagio, mi tranquillizzo dicendomi che potevi coprirmi se volevo e che lui nn avrebbe fatto storie in casocontrario.
Mi coprii all’istante e ripresi il mio lavoro, arrivo il momento della piega, non ero ancora molto brava e cosi
Mirella m disse di esercitarmi su di lei mentre suo marito ancora col coso in mano supervisionava.
Ero imbarazzata ma mi concentrai,notai pero quasi subito la mano di lei che accarezzava suo marito…l’imbarazzo crebbe
ma anche l eccitazione, soprattutto quando lui si mise davanti a lei che aveva iniziato a toccarsi.
Restai d stucco quando lui si abbasso e ado sotto la mantellina, ero sicura che la stesse leccando
lei gemeva cercando d star fermacon la testa, abbandonai l’impresa della piega, volevo allontanarmi, ero eccitata,
sentivo i miei slip bagnati, i miei capezzoli sembravano bucare la leggera stoffa che copriva i miei seni.
Mi prese la mano, Mirella voleva che restassi, stava godendo era rossa in viso, s tiro via la mantella e marco era li ke le leccava la fica
Rimasi come una scema, la mano di lei si spostò sotto la mia gonna, proprio sul sedere, mi avvicino il più possibile
mi toccava, ero eccitatissima al punto che scesi una mano, mi toccavo, lo slip era bagnato…Vidi lui alzarsi, e introdurre
un bel pezzo d cazzo dentro di lei, godeva e la mano di Mirella lasciando il mio sedere si aggrappo ai miei seni,strappando
letteralmente la mia canotta. Marco alla vista dei miei seni aumento il ritmo scopando sua moglie ancora con piu foga,
mi fissava, finche mi chiese il permesso di toccarmi, acconsentii dopo un assenso di Mirella, mi toccavano le tette
una per uno, e io li lasciavo fare…Quando Mirella inizio ad abbassarmi lo slip da sotto la gonna l’aiutai,
e presi a spogliare lei, prima la cammicetta, poi il reggiseno, la gonna era arrotolata in vita e marco x agevolarmi
estrasse il suo cazzo dalla fica d Mirella, si alzarono in piedi lei nonostante i 42 anni e comunque una bella donna
capelli rossi bassina ma un fisico snello una 3a di seno un po toccata dall’eta ma cmq molto attraente, lui invece
atletico, in forma con un bel palo fra le gambe…Ricordo mi spostai sul divano e sedutami alzai la gonna,
e masturbandomi a piu non posso li guardai avvicinarsi, Mirella si mise al mio fianco, e inizio ad imitarmi
Marco eccitato se lo accarezzava finche Mirella non mi tiro su d lei,scivolai in un attimo fra le sue gambe,
la lleccai non pensavo piu a nulla li a 4 zampe fra le cosce della mia titolare, d’un tratto sentii aprirmi la fica
Marco mi scopava il suo cazzo era come un treno dentro di me,grosso, duro, godevo di continuo.
Intanto Mirella venne gemeva e mi teneva la bocca sulla sua fica, anch’io ero prossima all’orgasmo, mi senti svuotare
avevo la fica grondante di umori e il suo grosso cazzo voleva essere succhiato, non mi feci attendere.
Iniziai a leccarne la punta sotto gli occhi di Mirella,lo infilai in bocca succhiavo,leccavo con voglia
meglio che potevo, volevo la sua sborra, la desideravo come si desidera qualcosa di prezioso.Quel cazzo entrava e usciva dalla mia bocca
lo sentii ingrossarsi, sentivo fosse al limite e infatti mi riempì la bocca, lo tenni tutto ne passai un po a sua moglie con un bacio
e ingoiai il resto ero eccitata soddisfatta avevo goduto come poche volte…
Inutile dire che andare a lavoro adesso e molto piu piacevole, spero il racconto vi sia piaciuto
per eventuali commenti o consigli solo email su palmyecetty@hotmail.it

Autore Pubblicato il: 23 Dicembre 2009Categorie: Trio0 Commenti

Lascia un commento