Leggi qui tutti i racconti erotici di: maxxximm

Con la mia ragazza avevamo sentito parlare di un pub nella nostra zona molto carino, in quanto caratterizzato dal fatto che si poteva ballare (anche sui tavoli) mentre si beveva qualcosa.
Decidemmo, quindi, un venerdì sera di andare a vedere il posto e per l’occasione la mia ragazza si mise veramente in tiro.
Infatti, indossò un maglioncino leggero incrociato che metteva in risalto il suo seno piccolo ma proporzionato ed ovviamente senza reggiseno, una minigonna nera, calze a rete (ma di quelle con i buchi larghi) e scarpe con tacco alto.
Era una bomba sexy e le feci subito notare che avrebbe fatto rizzare molti cazzi, ma lei mi disse che esageravo sempre e che, comunque, si vestiva così perché sapeva che mi faceva piacere, in quanto mi eccitavo se altri uomini la guardavano e la desideravano.
Confermai e dentro al mio cervello già speravo che in quel posto ci fossero dei bei maschi che potevano ammirarla e forse provarci.
Arrivati nel locale la musica era a palla, c’erano già alcune ragazze che ballavano sul tavolo con una birra in mano e notai come l’età media dei clienti era veramente bassa.
Prendemmo da bere, ballammo un pò e naturalmente la mia donna fu oggetto di occhiate da parte di diversi ragazzi; non era raro vedere ragazzi imbambolati a guardarla mentre giravamo per il locale o che la indicavano ai loro amici e parlottavano fra loro.
Ad un certo punto della serata mi allontanai per andare in bagno e vista la fila ci misi un pò; al mio ritorno, non vedendo la mia ragazza dove l’avevo lasciata, la cercai e la vidi appoggiata al bancone del bar che parlottava con due ragazzi che avranno avuto si e no 18/19 anni.
Tenuto conto del volume della musica, erano molto vicini e per farsi sentire si allungavano verso l’orecchio dell’uno e dell’altro, ma la cosa che mi fece sorridere era che, mentre la mia ragazza si girava per dire qualcosa ad uno dei due ragazzi, l’altro ne approfittava per ammirare le sue gambe ed il suo culo.
Dopo un pò decisi di andare da loro ed una volta che fui lì vicino la mia ragazza con un gran sorriso disse ai due: “Vi presento il mio amico con cui sono venuta…”; io rimasi un pò perplesso ma capii subito che non aveva intenzione di spacciarmi con i due nuovi amici come il suo ragazzo.
Dopo le presentazioni, scambiammo due parole ma la mia ragazza disse che doveva andare in bagno e si allontanò lasciandomi con i due.
Appena fummo soli uno dei due ragazzi mi disse: “che fortuna avere un’amica così figa !” …. ed io, forse per l’effetto dell’alcool, continuai: “lo puoi dire…glielo avevo detto che vestita così era troppo sexy ed avrebbe rimorchiato subito !”.
I due ragazzi si misero a ridere e dissero: “e lei cosa ti ha detto ?”
Naturalmente: “perché no !”…. poi, continuai: ”è bella, sexy ed è una bomba a letto!”
I due mi guardarono con gli occhi sgranati ma non dissero nulla perché lei era tornata e vedendo una situazione strana chiese: “di cosa stavate parlando ?”
Ed io: “di te naturalmente !”
E lei: “e cosa dicevate ?”
Ed io: “che sei figa stasera !”
Lei guardando i due ragazzi chiese: “solo questo ?”
I due erano in panico e quindi intervenni subito io: “beh…gli ho detto anche che sei una bomba a letto !”
Lei si mise a ridere e disse: “beh … è la verità … pensavo avessi detto una cattiveria su di me !”.
Ci mettemmo tutti a ridere ed i due ragazzi, stemperata la tensione, ci proposero di andare a bere qualcosa a casa loro dove avremmo potuto chiacchierare con la musica meno alta.
La mia ragazza non ci pensò un attimo e dopo un breve tragitto fummo a casa loro a sorseggiare altra birra ascoltando musica a basso volume.
Ma lo scopo di andare a casa loro era palese: i due si volevano fare la mia donna e lei certamente era già bagnata al pensiero di essere al centro delle loro attenzioni.
Infatti, senza che nessuno dicesse una parola, lei iniziò a spogliarsi ed a spogliare i due che rimasero quasi stupiti da tanta spregiudicatezza; lei li spogliava, li baciava ed accarezzava quei corpi giovani con un evidente voglia di farli suoi.
Io, come altre volte, l’ammiravo e mi segavo già pregustando il seguito.
Fu molto eccitante vedere come la mia donna, in ginocchio, impugnando i due cazzi già belli duri, passava la sua bocca e la sua lingua da un membro all’altro e, poi, indossati i preservativi, farli scomparire dentro di lei.
Fu fantastico sentirla gemere e godere in mezzo a quei due corpi che, ad un certo punto, la presero anche in doppia fino ad esplodere dentro di lei.
Ma i due ragazzi erano giovani e carichi e pur essendo già venuti desideravano ancora quel corpo e lei desiderava fortemente quei cazzi.
Infatti, ad un certo punto, fu lei che, dopo averli fatti tornare di marmo con la sua bocca, li prese e, perso ogni limite, si fece nuovamente penetrare, ma questa volta a pelle !
Io avevo il cuore a mille ed era sconvolgente ma, allo stesso tempo, pazzescamente eccitante vedere quei cazzi che strusciavano sulle grandi labbra della figa della mia donna per poi entrare; era indescrivibile vedere quei cazzi che entravano ed uscivano dalla figa e sentire lei che godeva e ne chiedeva sempre di più.
Dopo l’ennesimo orgasmo della mia ragazza i due giovani posizionarono i loro uccelli in faccia a lei e con un urlo liberatorio sborrarono per la seconda volta !
Lei, con la faccia imbrattata di sperma che le colava anche sui seni, mi guardò e mi sorrise vedendo che anch’io avevo sborrato.
Alla fine raccontammo ai due ragazzi che, in realtà, eravamo una coppia e non semplici amici (ma forse l’avevano già capito!) e ci salutammo con la promessa di rivederci; cosa che successe in diverse occasioni con piena soddisfazione di tutti.

8
6
Autore Pubblicato il: 2 Giugno 2022Categorie: Racconti Cuckold, Racconti Erotici0 Commenti

Lascia un commento

8
6