;

l’evoluzione del sesso nel matrimonio

5 1

Credo che la condizione di cuck sia innata in alcuni di noi e siano alcune vicende della vita che slatentizzano questa predisposizione .

Non ho mai avuto pulsioni omosessuali , mi e’ sempre piaciuto il sesso femminile e in giovane eta’ mi sono sposato con una affascinante donna . Quando eravamo ancora fidanzati un giovane divenne suo vicino di casa , era un tipo molto espansivo e creo’ un rapporto di amicizia con la sua famiglia e con lei . Spesso era invitato a pranzo dai suoi e l’invito era ricambiato . Anche lui si fidanzo’ e spesso si stava insieme in quattro durante i weekend e la sera. Quando oramai eravamo sposati Non mi ricordo perche’ ,mi confesso’ di avermi tradito con lui diverse volte : questa confessione mi fece incazzare ma mi accorsi che mi provoco’ un eccitazione sessuale . Quella sera facemmo sesso con una foga da un po’ dimenticata :mentre facevo sesso con lei immaginavo lui che la penetrava e mi e il mio stato di eccitazione aumentava .

cosi’ cominciai a immaginarla a fare sesso con altri e a desiderarlo .

Durante i nostri amplessi incominciai a parlarle delle mie fantasie che facesse sesso con altri :mentre la masturbavo con le dita e le leccavo la fica le chiedevo se le sarebbe piaciuto che al posto delle mie dita ci fosse stato il cazzo di un altro :le prime volte si irrigidi e si risenti dicendomi che se volevo che scopasse con altri significava che non l’amavo. ma poi piano queste fantasie eccitavano anche lei , . Spesso era lei a iniziare a raccontarmi quanto desiderava essere chiavata da altri . Mentre le leccavo la fica mi diceva che avrebbe voluto succhiare il cazzo di un’ altro .

Andai in un sexshop e comprai un fallo di lattice con la forma e le nervature di un cazzo vero , quando lo feci vedere per la prima volta a mia moglie sorrise e disse che era grosso e non era sicura di provarlo ma quando iniziammo a usarlo le piacque e divenne un oggetto costante nei nostri rapporti . Dopo averla lubrificata bene con la lingua glielo introducevo dicendole di pensare che fosse il cazzo di un uomo che la chiavava ,lei sbrodolava e a volte se lo prendeva in mano masturbandosi e dicendomi che desiderava essere chiavata da un cazzo vero davanti a me . Un giorno questa figura anonima della fantasia assunse dei connotati precisi , un suo collega sposato che le faceva delle avances .Le dicevo che desideravo tanto che si facesse chiavare da lui e lei nel momento massimo dell’eccitazione mi diceva che lo avrebbe fatto . Dopo l’atto sessuale tutto tornava normale :non si parlava piu ‘ di quelle cose ,io provavo un senso di vergogna nell’aver manifestato il mio desiderio di essere cornuto e per lei l’argomento sessuale era chiuso , .

Desiderare di essere cornuto era diventato un’ ossessione , Quando facevamo sesso lui era sempre presente nella nostra fantasia ,col passare del tempo inizio’ a raccontarmi che si era gia’ fatta chiavare da lui , mentre le leccavo e le masturbavo con il fallo la fica mi raccontava i suoi amplessi

“ sai ci sono andata ,e’ un gran porco ,appena arrivo mi spoglia e mi mette le dita nella fica e se le lecca poi si spoglia nudo e sta in piedi mi fa inginocchiare e mi prende la testa e la spinge sul suo cazzo, vuole che glielo succhio tutto anche i coglioni ,allarga le gambe e mi ordina di leccargli anche il buco del culo ,vuole che gli infili la lingua dentro mentre lo sego ,mi chiede se lo sai quanto sono porca e se faccio le stesse cose con te , mi dice che un giorno vuole chiavarmi con un altro , ha una cazzo enorme poi mi gira e mi chiava alla pecorina , vuole che lo imploro di darmi il suo cazzo altrimenti quando sto per godere si ferma e allora io lo prego di chiavarmi, , gli dico che sono una troia e ho bisogno del suo cazzo e allora lui mi chiava per bene chiamandomi troia, poi quando sta per godere lo tira fuori e mi dice di succhiarlo e mi gode in bocca “.

E tu cosa fai con la sua sborra ? “

“ la bevo tutta , mi ordina di bere tutto e non perdere nemmeno una goccia e la butto giu” .

Mia moglie e’ sempre stata un amante dei pompini e spesso anche io le sborravo in bocca ma non la ingoiava per cui pensavo che non raccontasse la verita’ ma volesse spingere al massimo le fantasie. .Allora con il mio cazzo la penetravo e godevamo insieme .

Finito il sesso non se ne parlava piu’ : non riuscivo a capire se i suoi racconti erano realta’ o frutto della fantasia ,Pero’ mi ero accorto che negli ultimi tempi aveva la vagina piu’ larga ,il mio cazzo penetrava piu’ facilmente e i suoi racconti erano cosi’ minuziosi di particolari che cominciai a pensare che potessero essere veri. . Cominciai a controllare la sua biancheria intima dismessa e notai qualche volta che il cavallo delle mutandine aveva delle macchie secche biancastre che poteva essere sperma secco ,notavo che quelle con la crosta erano sempre le mutandine di pizzo quelle piu’ ose’ che talvolta indossava e allora mi convincevo che ero cornuto ,ero contento che le cose che mia moglie mi raccontava erano vere e mi eccitavo , ma mi mancava sempre la controprova .Come succede nelle coppie I nostri rapporti sessuali diventarono sempre meno frequenti ,mi soddisfavo da solo immaginando mia moglie fare la maiala con altri. Passo’qualche anno cosi , nell’incertezza e nel desiderio di essere ufficialmente cornuto .

Poi un giorno dopo che mia moglie scopri che l’avevo tradita , a freddo mi confesso’ che anche io ero un cornuto , che da alcuni anni aveva una relazione sessuale col suo collega. .Conoscevo il suo collega , qualche volta lo incontravo e aveva sempre un sorriso sulla bocca , capii che pensava a quanto ero cornuto .Questa rivelazione riaccese il mio desiderio sessuale nei confronti di mia moglie.

Quella sera dopo aver fatto l’amore mi chiese “ vuoi che domani vada da lui ?

Rimasi spiazzato ,era stata diretta , lo desideravo ma mi vergognavo un po’ ,

Vinsi la vergogna “ si mi piacerebbe “

“appena vado ti mando un sms cosi mi pensi e ti ecciti , ti piace l’idea ? “ e quando torno ti racconto tutto .”

“ si voglio che ti fai chiavare bene bene , se vuoi puoi farti fare anche il culo . “

era quasi vergine nel culo, era sempre stata restia a farsi inculare io avevo provato alcune volte ma poi avevo rinunciato ma il pensiero che un altro le sfondasse il sedere mi eccitava .

“ Ci ha gia provato diverse volte ma ha il cazzo grosso e sento male , , sapessi come ce l’ha grosso , sa che li’ sono ancora vergine e mi ha giurato che mi inculera’ ,un giorno glielo faccio fare “

, la porcaggine di mia moglie mi eccitava sempre di piu’ ,era disposta anche a farsi fare il culo da lui dopo che beveva la sua sborra .

“sai mi tratta come una puttana e mi piace “

”dimmi quando torno cosa mi fai ?

“ ti faccio tutto quello che ti ha fatto lui , ma prima vorrei leccartela ancora sporca del suo sperma e pulirtela tutta”

“Mi faccio chiavare bene due o tre volte, voglio che mi riempia tutta e vengo via subito ancora piena e tu me la pulisci tutta . Ti piace essere cornuto e domani ti faccio un bel regalino ,aspettami”

Quella notte eccitati da quello che sarebbe successo l’indomani passammo una notte di sesso favolosa , ero felice di sapere che il giorno seguente avrei vissuto a distanza ma in tempo reale le maialate di mia moglie con l’altro , l’avrei aspettata a casa mentre lei faceva la vacca con un altro uomo ,.

Il giorno dopo all’ora di pranzo arrivo l’sms : vado ora aspettami , ti amo .

Ecco in quel momento mia moglie veniva usata come una troia , penetrata in bocca , nella fica , stava implorando il cazzo di un altro uomo che avrebbe scaricato il suo nettare dentro di lei ..

L’attesi per tre ore , immaginando quello che stavano facendo con il cazzo che era diventato un tubo di ferro ,poi mi arrivo l’sms “arrivo………” .

Poco dopo suono’ alla porta di casa, le aprii e mi fece un sorriso malizioso che confermava tutto quello che avevo immaginato, mi diede un bacio e sentii nella sua bocca sapore di cazzo .

Andammo a letto , si sfilo’ il vestitino e rimase in perizoma di pizzo bianco , le palpai in mezzo alle cosce e sentii il cavallo del perizoma completamente bagnato , glielo sfilai e lei mi prese la testa e la spinse verso il suo sesso , l’introito della vagina completamente era dilatato arrossato e da esso colava un abbondante fluido opalescente .

“leccami puliscimi tutto , ho voglia che me la lecchi tutta ,sapessi quanto mi ha chiavato , mi ha aperta tutta , mi ha sborrato due volte dentro , mi ha chiamata troia hai bisogno del mio cazzo , ti apro bene la fica cosi quel cornuto di tuo marito ci naviga , se tuo marito sapesse quanto sei troia e quanto e’ cornuto .

“ ti piace essere cornuto vero ? Dimmelo “

“ si mi piace, mi piace che ti fai chiavare dagli altri ”

le introdussi due dita in vagina che entrarono senza resistenza e incominciai a leccare quel liquido, il misto degli umori di mia moglie e lo sperma oramai fluidificato del suo amante , aveva una consistenza filamentosa e un sapore un po’ acre e legava leggermente alla bocca , ma per me era nettare , era la cosa che piu’ desideravo , pulirle la fica dopo che un altro l’aveva usata e scaricato il suo piacere .immaginavo il suo cazzo entrare e uscire da quella cavita’. Infilai la lingua in profondita’ perche’ non volevo perderne una goccia mentre lei mi raccontava tutto.

“si e’fatto leccare tutto, abbiamo fatto un sessantanove e gli ho leccato anche il buco del culo , a lui piace , poi mi ha messo a pecorina e’ mi ha chiavato per almeno mezz’ora , mi dava le sberle sulle natiche chiamandomi puttana da cazzi dicendomi dillo che vuoi il mio cazzo , se ti vedesse adesso quel cornuto di tuo marito quanto sei troia ,ti voglio troia fino in fondo,; un giorno ti faccio provare il trio, porto un mio amico e ti chiaviamo insieme , cosi mentre succhi uno l’altro ti chiava ,lo so che ti piace ? “ si mi piacerebbe , vorrei che mi chiavaste in due “

“ dio che porca che sono stata , dopo che ha sborrato glielo pulito tutto con la lingua fino a quando gli e’ tornato duro e mi ha chiavato di nuovo per non so quanto tempo . Mi ha scaricato un litro di sborra e mentre godeva pensavo a te , di portartela a casa e fartela bere tutta , dai vedi come sono sporca puliscimi tutta, ne ho bisogno .

Ero felice ,mentre la leccavo pensavo che il cazzo di un altro uomo era penetrato li’ dentro , aveva dilatato le pareti della vagina e aveva scaricato tutto il suo piacere .

Quel giorno facemmo l’amore cinque volte , alla fine lei era distrutta considerando anche le chiavate precedenti . Ci addormentammo felici .

E cosi il mio desiderio di essere cornuto si e’ avverato .

Vorrei che qualcuno che ha le mie pulsioni mi scrivesse , cosi’ ci raccontiamo.

1 commento

  1. Scrivi bene, non sempre succede tra chi posta racconti, detto da uno che posta pure lui racconti qui. Credo che le tue siano fantasie sulla tua mogliettina anche se hai descritto bene quello che è successo. Spesso mi contattano mariti con le tue pulsioni per avere suggerimenti e spunti, se vuoi puoi scrivermi a mastermind1755@gmail.com. Troverai massima discrezione.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.