Skip to main content
Erotici RaccontiRacconti di Dominazione

Oltre il limite dell’esser troia.

By 16 Dicembre 2023No Comments

Sarà stata la noia o forse qualcosa di inespresso, un osceno desiderio che mi portò a fare la puttana. . Viaggi, shopping, tennis e palestra che ad altre avrebbero riempito la vita a me suscitavano un certo tedio. L’essere pagata per le mie prestazioni aggiungeva poi un piacere sottile e sordido molto eccitante. Un gruppo di signore bene della mia città condivideva la stesso spirito trasgressivo unito a una sete mai sazia di denaro e ben consce dei pericoli che questa attività potesse comportare ci organizzammo per poter operare una selezione dei clienti e inoltre sistema di protezione capace di garantirci una effettiva sicurezza. Il meccanismo era molto oliato e le cose filavano lisce.

Tuttavia il mio mercimonio, indubbiamente riprovevole moralmente, mi consentiva cospicue entrate extra che non disprezzavo, anzi ero disposta a dispensare prestazioni particolari in cambio di molto denaro. D’altro canto ero in buona compagnia, facendo parte di un gruppo di signore bene della mia città use ad esercitare il mestiere più antico del mondo, sia per spirito trasgressivo ma anche per un buon ritorno economico. Avevamo costituito una società e offrivamo le nostre prestazioni a clienti attraverso alcuni mediatori, abili nel mantenere segreta la nostra vera identità.
Fu pertanto un’eccezione incontrare di persona Mattia, un uomo volgare che esibiva in maniera rozza la sua ricchezza sfoggiando abiti costosi ma pacchiani e anelli e catene d’oro. Lui aveva insistito che voleva visionare di persona “la merce” e il ricco contratto che mi offriva mi aveva fatto derogare dalle usuali regole. Nel nostro sodalizio mi distinguevo per la mia esuberante e disinvolta capacità di affrontare le situazioni più scabrose unitamente a un’indubbia dose di classe fors’anche altezzosa e si ritenne fossi la persona giusta per quel lavoro.
Preso atto che il mio aspetto corrispondeva ai suoi desiderata passò a illustrarmi i dettagli dell’operazione.
Alcuni suoi clienti africani con cui stava per concludere un favoloso affare – non osavo neanche indagare la natura di tali maneggi – gli avevano confidato un desiderio: si volevano divertire in gruppo con una donna bianca, non una prostituta, ma appartenente alla buona società. Mattia prese contatti con noi sperando di trovare la persona che facesse al caso suo la persona giusta, essendosi informato della nostra estrazione sociale
– I miei clienti si portano dietro una sorta di risentimento nei confronti degli occidentali e vogliono scoparsi e umiliare una bianca. Si sono talmente incapricciati da non chiedermi altro e mi preme accontentarli ricorrendo a questo stratagemma. Certo non saranno teneri e romantici ma per te ne varrà la pena. Una puttana non guadagna di solito tanti soldi quanti te ne sto offrendo.
Fui fredda e professionale, mantenendo il silenzio.
– Ho raccontato agli africani che tu sei un avvocato che curi i miei affari e che per un tuo errore ho perso molto denaro; ho affermato che per ottenere il mio perdono ti sei assoggettata ad assicurare la tua completa disponibilità in materia sessuale con loro, miei graditi ospiti. La storiella l’hanno bevuta senza problemi. Quindi io mi sarei dovuta calare nella parte, considerando di avere le caratteristiche giuste per quel ruolo.
Mi consegnò una cifra veramente rilevante e definimmo i dettagli dell’incontro, entrambi soddisfatti. Prima di accomiatarmi affermò senza distogliere gli occhi dal mio seno prosperoso:
– Finita questa storia voglio averti mia ospite. Oltre a essere una bella donna, hai qualcosa di aristocratico che mi attizza alquanto.
– Al suo servizio, quando vorrà.
Il giorno prefissato, sistemai le cose con mio marito per non dare adito ad alcun sospetto e mi presentai puntuale all’appuntamento.
Era una serata invernale fredda e uggiosa quando giunsi seguendo le indicazioni ad una villa isolata immersa nel verde.
Se durante il viaggio, che mi aveva condotto in quel luogo, ero intrigata all’idea di potermi esibire nuda davanti a più uomini affamati di sesso e – particolare piccante – perfino pronti a umiliarmi da schiava, ora sentivo scemare la baldanza con cui avevo accettato il lavoro, provavo ansia per l’ignoto a cui andavo incontro; il mio cuore aveva accelerato i battiti. Tuttavia dovevo mantenere l’impegno di vera professionista del sesso per cui ero stata più che generosamente compensata.
Ero attesa con impazienza. Mattia definì gli ultimi dettagli, mi fece trovare biancheria sexy di pessimo gusto peraltro che volle indossassi. Lui mi osservava e valutava compiaciuto mentre mi spogliavo e rivestivo.
– Sei decisamente appetitosa e ti prenoto già per una notte di sesso bollente, ma adesso su andiamo che ci aspettano e mi condusse attraverso una scala a un salone seminterrato: erano presenti quattro uomini di alta statura, neri, di aspetto non troppo rassicurante. Un tavolo era ricolmo di vari cibi e bevande, musica veniva diffusa in sottofondo. Mattia che mi aveva condotto lì, fece le presentazioni:
– John, Terry, Hassan, Taiwo lei è Alessandra, il mio avvocato che mi faceva piacere presentarvi. Tu cara farai gli onori di casa, in mia vece, con questi amici perché dovrò assentarmi per un impegno improvviso a cui non posso derogare e che mi terrà impegnato per alcune ore.
Se ne andò lanciandomi un sorriso sardonico e sussurrandomi laidamente:
– Buon divertimento.
Ero sola con quei grossi individui neri. Per un attimo tutto sembrò cristallizzarsi e gli uomini immobili mi guardavano senza proferire parola, in un silenzio surreale.
Sentivo le gambe che mi tremavano, la gola era secca, senza saliva, ma ero in ballo e poi una certa eccitazione mi pervadeva.
Li invitai a servirsi al tavolo, presero a confabulare fra loro e a sghignazzare.
John l’unico che parlava bene l’italiano si rivolse a me dapprima con frasi di circostanza, ma rapidamente arrivò al sodo. Sapeva, per quello raccontatogli da Mattia, che ero a loro disposizione.
_ So che a voi bianche piacciono molto i neri, soprattutto per una certa ragione – rise malizioso.
Mi era di fronte , mi sollevò il mento, si chinò – era molto più alto di me – e mi baciò.
Cercai di resistere, ma finii per accogliere quella linguona che mi invadeva la bocca.
Come da copione, dovevo mostrare imbarazzo – ero pur sempre una signora bene – e palesai una certa freddezza mantenendo le braccia abbandonate lungo il corpo. Rudemente mi fece sedere accanto a lui su di un divano e chiamò i suoi compagni.
John riprese a baciarmi sul collo e in bocca, mentre gli altri tre, nel frattempo avvicinatisi, mi palpavano al di sopra degli indumenti.
La situazione si faceva esplosiva e, mettendo da parte i miei timori, i miei sensi si accesero: risposi ai baci e mi abbandonai sul divano ad occhi chiusi con il capo all’indietro ed esponendo il collo alle loro bocche.
Terry con movimento repentino afferratemi le patte della camicetta me la aprì quasi strappandola, Taiwo si dedicò ai miei jeans e fu costretto a togliermi le scarpe per potermeli sfilare; schiacciò il suo grosso naso sulla pianta del miei piedi che annusò e leccò.
Ora rivestita solo della lingerie finsi (non del tutto) imbarazzo e vergogna.
– Cosa significa questo? Smettetela!
Risero e John esclamò
– Non fare la smorfiosa. Adesso troia pallida denudati completamente e girati su te stessa: vogliamo vederti bene.
In piedi, in mezzo a loro mi sfilai reggiseno e mutandine e rimasi li indifesa ai loro sguardi ruotando sull’asse del mio corpo per esibirmi come mi avevano ordinato. Adesso ero emozionata, eccitata
Parlavano fra loro a voce alta nella loro lingua per me incomprensibile, ma intuivo facilmente quale fosse l’argomento.
John parlò per tutti:
– Ci piacciono le tue belle tette con quei piccoli, graziosi capezzolini rosa e il contrasto fra il tuo nero pelo pubico e il candore della pelle. Adesso ti facciamo vedere qualcosa che ti piacerà, sgualdrina bianca.
Si spogliarono stringendomi in cerchio.
– Hai visto che bei cazzi? Non vedi l’ora di assaggiarli, non è vero?
– No, cosa volete? Vi supplico lasciatemi andare. Recitavo ma un po’ d’inquietudine si annidava dentro me.
Quei grandi corpi neri con i loro maestosi peni mi stringevano sempre più, avanzando con movimenti ipnotici, che osservavo ammaliata. Avvertivo l’afrore di quei corpi sudati. Ero la preda in procinto di essere catturata e sbranata da quel branco di predatori spietati e cercai istintivamente e vanamente di coprirmi i seni e la figa con le mani in un gesto pudico che finì per accrescere la loro libidinosa furia. Ma anch’io, ormai, desideravo lasciarmi andare ed essere presa; la recita di una donna terrorizzata e finita lì per caso ormai non interessava più a nessuno e tanto meno a me. Percepivo come un fremito al basso ventre e la mia intimità era sempre più calda e bagnata.
Mi afferrarono brutalmente i quattro arti, che tennero divaricati, tenendomi. stesa. Mi sentivo come una bestia sacrificale. Mi tormentavano, torturavano i seni, i glutei. Strillai quando dita si spinsero a esplorare la mia figa e quando ferocemente un dito si insinuò nel buchetto anale. La frequenza del mio cuore e del mio respiro aumentavano tumultuosamente. Ano e vagina erano ora esposti in bella mostra. Lingue saettanti raggiunsero come avanguardie, le mie cavità, lappando, assaggiando il nettare ivi contenuto, facendomi gemere. Era giunto il momento: mi chiavarono a turno, incalzanti, con un vigore disumano. Quando poi un grosso pene mi sfondò il buco del culo, con un intenso e spietato affondo, urlai, come forse fa una preda azzannata, ma il mio grido fu strozzato subito da una mano che mi afferrò il volto e mi ficcò in bocca un grosso cazzo, che succhiai, mentre quello entrava e si ritraeva ritmicamente. Quella grossa cappella aveva un forte, selvaggio, inebriante odore e sapore di maschio.
Figa e culo erano riempiti da quei cazzi roventi che si alternavano nello scoparmi; dita si intingevano nelle mie secrezioni intime, giocavano con le mie grandi
labbra e tormentavano eroticamente il clitoride; le mie burrose mammelle erano strapazzate da mani che ne gustavano la morbida consistenza o stringevano dolorosamente i capezzoli turgidi. Era un ulteriore godimento osservare quelle nere mani muoversi sulla mia pelle candida. Partecipavo agli amplessi muovendo il bacino per esaltare al massimo il piacere di quelle penetrazioni; le mie mani bramavano di stringere quei membri gonfi e nerboruti. Ora mi ero abbandonata completamente e godevo meravigliosamente. La mia figa spalancata e fradicia di sperma e umori non offriva la benché minima resistenza al passaggio di quei pali d’ebano, che producevano un rumore di sciacquettio. Il mio culo ormai dilatato cedeva arrendevole a quei pali di nera carne che lo invadevano. Mentre mi inculavano d’improvviso un getto di urina chiara fuoriuscì dal mio corpo inondando il volto di Jerry che mi stava leccando la figa. Uno scoppio di ilarità salutò la mia pioggia dorata. Le mie viscere erano ormai inondate dallo sperma, ma gli assalti si ripetevano incessanti, interrotti solo da fugaci pause. Mi infilavano e mi sfilavano come uno stivale. La mia bocca si offriva a cazzi che si alternavano, e che nettavo dallo sperma che li ricopriva e che gocciolava dai loro bruni glandi. Gustavo quel caldo liquido cremoso, facendolo scivolare in gola e deglutendolo; il resto tracimava dalle labbra sul mio corpo ormai ricoperto di secrezioni che all’aria si rapprendevano.
Ero una schiava umiliata ma provavo un intenso piacere fisico e volevo, perduta nella mia spasmodica eccitazione, ancora e ancora, sesso. Ripetevo travolta dalla passione come in una cantilena:
– Si, prendetemi tutta, non stancatevi, è troppo bello, troppo…
Spossata infine piombai in uno stato onirico assai piacevole e mi rilassai; dai miei orifizi così tanto violati continuava a fuoriuscire all’esterno, colando seme maschile.
Mi ridestai sola nella stanza e sotto i getti bollenti di una doccia ristoratrice ripensai a quel piacere, brutale invero, ma intensissimo.
I fari dell’auto fendevano il buio mentre tornavo a casa a notte fonda.
Ero esausta ma la serata era stata memorabile.
Feci una risata: ero proprio una troia…per vocazione.

26
6

Leave a Reply