Skip to main content

Sono sempre stata la classica ragazza che non ha mai tradito il suo uomo e mai avrei pensato di poterlo fare.
Essendo una storia realmente accaduta, i nomi non corrispondono alla realtà.
Io e Andrea stiamo insieme da 7 anni. Sono venuta a conoscenza di vari tradimenti da parte sua ma ogni volta mi prometteva di non farlo più ed io ogni volta gli credevo. Dopo l’ennesimo litigio, decido di andare a ballare con una mia amica in un locale della nostra città. Entriamo e ci buttiamo in mezzo alla folla, mentre ci riprendiamo si avvicina a me un ragazzo, si poggia delicatamente dietro di me ed io lo lascio fare. Non parliamo tutta la sera, ma lui mi cercava anche solo per sfiorarmi e i suoi occhi e il modo in cui mi guardava mi eccitavano da morire. Torno a casa e mi masturbo vicino al mio fidanzato che dormiva. Comincia la mia ricerca sfrenata per sapere come si chiamasse questo tizio.. non ne ho saputo nulla per circa due mesi. Avevo perso le speranze. Un giorno decido di andare al centro commerciale, entro in un noto negozio e, mentre guardo alcuni articoli, mi sfiora qualcuno da dietro, ERA LUI. Lo guardo, mi sorride ed io ricambio mordendomi il labbro. Fa di tutto per passarmi dietro in questi piccoli corridoi ed ogni volta si poggia su di me. Vado alla cassa e percepisco il suo trattenersi, ho pensato: “scopami qui davanti a tutti”. Stringeva le mani, pago e me ne vado. Decido che per scaricare la tensione avevo bisogno di una sigaretta. Mi dirigo in una delle uscite, accendo la sigaretta, si aprono le porte delle uscite e lo vedo.. inutile spiegare il mio livello di eccitazione in quel momento. Mi poggio su un muro e lui si avvicina a me, così vicino che percepivo il calore della sua pelle, mi sorride senza dirmi nulla per qualche secondo poi esordisce: “sono mesi che ti cerco, ora non scappi più.” Non mi uscivano le parole, mi lascia solo un bigliettino con scritto il suo nome e il numero di telefono. Va via ed io non esito un attimo e gli invio un messaggio: “anche io ti aspetto da due mesi”. Iniziano una serie di messaggi in cui mi dice che non ha fatto altro che pensarmi e che appena avrebbe staccato doveva vedermi. Accetto. Viene sotto casa mia, erano le 21:00, il mio fidanzato dopo due ore avrebbe staccato. Entro nella sua macchina e non faccio in tempo a sedermi che mi prende il viso tra le mani e comincia a baciarmi, sentivo il suo respiro affannato e la sua lingua che esplorava tutta la mia bocca. Non ce la facevo più, volevo farmi scopare. Lo invito a casa, saliamo e in un secondo mi ritrovo sul divano, quasi mi strappava i vestiti di dosso, era già con il viso tra le mie gambe e comincia a leccarmi, ero talmente eccitata che passano pochi minuti, lo scosto e comincio a fargli un pompino.. infila la sua mano tra i miei capelli e mi stringe. Lo porto in camera, mi guarda con lo sguardo pieno di eccitazione ed esclama: “non hai paura di nulla?” Faccio no con la testa e mi chiede di dargli le mie mani.. si toglie la cinta e me le lega.. inutile dirvi che non aspettavo altro. Allarga di nuovo le mie gambe e inizia di nuovo a leccarmi, sento la sua lingua esplorare ogni centimetro dentro di me, entra con due dita, sento un brivido.. la sua lingua mista alle sue dita mi stavano facendo venire. Non mi era mai successo prima ma inizio a squirtare. Volevo spostarlo via ma le mani legate non me lo permettevano, lui mi teneva le gambe con una forza inaudita e si prende tutto il liquido che mi stava uscendo. Mi guarda, mi sorride.. mi slega e mi mette a 90 e mi penetra. Mi sculacciava, mi scopava come se non lo avesse mai fatto prima, sentivo che entrava ed usciva, mi prendeva per il capelli e me li tirava talmente forte che sentivo il suo cazzo sempre più dentro. In un attimo mi gira e decide di scoparmi guardandomi negli occhi, nel frattempo sono venuta altre due volte e stavo per arrivare alla terza, sento dalla sua voce che sta per venire, gli dico di non uscire perché prendevo la pillola, mi stringe i capelli, mi bacia e veniamo insieme. Rimane lì, sopra di me, mi continua a guardare e, guardando delle foto appese sul muro con il mio compagno, esclama: “nonostante lui, tu un giorno sarai mia!”

17
14

One Comment

Leave a Reply