Leggi qui tutti i racconti erotici di: angelborn_1

era stata insegnante di liceo per una quindicina di anni .. poi dovette smettere perché la cosa era insostenibile per la sua indole di aver bisogno di uomini. I ragazzi la facevano divertire certamente e le dispiacque rinunciare. …

Mia moglie quando era insegnante

Già, questo faceva fino all’età di 43 anni. Smise per ovvii motivi dovuti alla sua indole che si palesò in seguito.
In classe, aveva le 4e e 5e classi, tutti di 18 19 anni, era una insegnante integerrima, di quelle con gli occhiali … ma quando si sedeva in cattedra, era molto disinvolta nell’accavallare le gambe e questo lasciava i ragazzi perplessi … aveva 30 anni e ancora non avevo iniziato ad offrirla in internet cosa che divenne consueta qualche anno dopo, mi era da subito frugata in testa l’idea di farla trombare da altri e forse lei aveva capito questa mia indole e per questo si era messa con me dopo il divorzio dal suo primo marito, le andavo bene per assecondare la sua voglia di trombare a destra e sinistra … Torniamo a quando era insegnante … Lei comunque usava le calze da reggicalze e NON SI CURAVA DI non MOSTRARE GENEROSAMENTE IL SOTTO COSCIA CON LE FASCIA DEL FINE DELLE CALZE BEN RISALTANTI SULLA SUA CARNE BIANCHISSIMA. La cosa andava avanti da qualche mese a uno dei suoi allievi, sfrontato, un giorni le fece trovare un dildo sulla cattedra. Lei entrata e sedutasi fece finta che fosse una cosa normale e dopo poco, dopo aver sistemato le sue cose ed il libro di testo sulla cattedra tranquillamente chiese : cosa dovrei farci con questo ? E il ragazzo intraprendente le disse : saremo felici se ci facesse vedere dove va messo, che con le nostre coetanee non se ne parla … Ah .. rispose lei, va bene ! Si alzò e tirandosi su la stretta gonna in tessuto di principe di Galles con spacco posteriore espose tutto il suo be di dio, coscie , calze agganciate, carnazza bianca e peli che uscivano di fianco alla mutandina color beige chiarissimo, scompigliati. E chiese : dove volete che me lo metto ? Non si sentiva volare una mosca e sempre lui, con la voce strozzata per l’emozione : beh .. se può … prima nella cosa … e lei si abbassò la mutandina e afferrato il dildo dalle palle di plastica se lo infilò su tutto, si ritirò su le mutandine, ritirò giù con movimenti ondeggianti la stretta gonna e si sedette con il grosso dildo piazzato tutto dentro che ovviamente da seduta entrò fino in fondo. Lei fece anche alcuni movimenti da seduta e i ragazzi capirono che si era fatta entrare anche le palle del dildo… videro che si tocc la pancia per far capire fin dove le era entrato, ma con indifferenza … il suo viso non esprimeva emozioni e la videro stringere le ginocchia e si rilassò. Era entrato proprio tutto.
La cosa si ripetette parecchie volte, lei stessa chiese che gli portassero, senza emozione sul viso ma come fosse la richiesta dei gessetti nuovi o dello straccio della lavagna, un attrezzo più grosso. Fu precisa … non lo voleva più lungo .. portatemene uno più grosso e nodoso. Tutte queste cose me le raccontava a casa la sera e anche con me non mostrava emozioni e me le raccontava segandomi e mi chiedeva, come fosse a chiedermi cosa volessi per pranzo il giorno dopo, cosa normalissima, solo se secondo me dovesse anche farsi scopare dai ragazzi. Risposi che certamente sì … ed immaginavo di quanto sperma me l’avrebbero riempita … La incularono tutti i giorni per il resto dell’anno scolastico e quelli della 4a anche l’anno dopo … Quello più sfrontato un giorno mentre era interrogato, e rispose bene, alla fine dell’interrogazione le chiese se poteva tirarle fuori una tetta. Lei annuì con il capo e lui si avvicinò e infilata la mano dentro la camicetta che lei gli sbottonò per assecondarlo, gliela tirò fuori e le chiese se potesse rimanere a far lezione così. Lei non rispose e rimanendo con la tetta fuori riprese a fare lezione … una voce dagli ultimi banchi flebile disse : anche l’altra per favore meglio tutte e due fuori .. e lei li accontentò … si girò verso la lavagna per a tirarsi fuori anche l’altra tetta e fece lezione girando fra i banchi con le tette fuori.

4
5
Autore Pubblicato il: 4 Luglio 2022Categorie: Racconti Cuckold, Racconti Erotici, Racconti Erotici Etero1 Commento

Commenti per questo racconto

  1. angelborn_1 7 Luglio 2022 at 07:41

    per contattarci : angelborn-2@outlook.it

Lascia un commento

4
5