Leggi qui tutti i racconti erotici di: Yoshi

Dopo una giornata d’ufficio come promesso ad Elena la invito fuori, mando a casa entrambe le impiegate alla fine del loro orario.
Chiara sembra insospettita dal fatto che oggi non le abbia rivolto particolari attenzioni ma magari è solo un’idea mia…
Dopo un paio d’ore passo a prendere Elena, è stupenda.
Indossa un vestito da sera lungo nero ben scollato sull’attaccatura del seno e che segna un po’ le sue morbide forme, i capelli sciolti e ovviamente trucco impeccabile.
Andiamo in un ristorante di lusso della città di cui ovviamente conosco il proprietario.
Tavolo con vista sulla città e saletta a nostra disposizione.
Ovviamente faccio accomodare Elena prima di sedermi e ordiniamo.
Tra una chiacchiera e l’altra pare stupita dal mio trattamento, le dico però che stasera come promesso sarà trattata da signora.
Dopo cena andiamo da me.
Le offro da bere un liquore poi ci dirigiamo in camera dove dopo essermi di nuovo complimentato con lei prendo a baciarle il collo e farle scendere i vestito.
la faccio sdraiare e prendo a massaggiarla su tutto il corpo, mi soffermo sui suoi bei seni che dopo poco inizio a succhiare avidamente.
Scendo con le labbra e mi soffermo a leccarle la figa fino a regalarle un orgasmo di cui mi rendo conto dalla quantità di liquido che mi manda in bocca e da come serra le gambe.
Dopo avermi liberato mi tira a sè e si fa scopare.
La scopo con calma, mi assaporo il suo corpo maturo fino a che vengo e mi metto accanto a lei.
Lei si riprende dall’orgasmo avuto insieme a me e si mette in ginocchio, scende su di me e mi prede l’uccello in bocca quanto basta per farmelo tornare duro, dopo di che senza una parola si impala la figa con il mio uccello.
Prende a scoparmi mentre io mi prendo cura delle sue tette con la bocca e le palpo il culo.
Mi cavalca riempiendo la stanza con le sue urla finchè non viene.
Si ferma poi inizio a scoparla io in quella posizione fino a venire tra le urla di entrambi.
Dopo esserci riposati un altro po’ sul mio letto guardiamo l’ora… Meglio che la riaccompagni a casa.
Ancora la faccio salire in auto e le apro la porta per scendere.
Lei mi ringrazia per la serata e inaspettatamente mi bacia velocemente poi se ne va.

2
3
Autore Pubblicato il: 18 Maggio 2022Categorie: Racconti Erotici, Racconti Erotici Etero0 Commenti

Lascia un commento

2
3