Skip to main content
Racconti GayRacconti Trans

Un cugino premuroso

By 17 Gennaio 2024No Comments

Vivevo in campagna e frequentavo le superiori nella cittadina vicina. Il desiderio era di poter passare qualche giorno in città’. Così che, per il mio diciottesimo compleanno, mamma mi promise di poter stare nel week end a Milano, ospitato dagli zii. Giunto accompagnato nel loro palazzo, dopo i saluti la zia mi invito’ a salire sul piano superiore dove abitava mio cugino con la moglie. Entrambi trentenni e in carriera, spesso passavano il fine settimana distanti. Quel sabato, suonato alla parta, comparve Enzo, solo in casa e in procinto di fare colazione. Dopo qualche convenevole, si era spinto a qualche considerazione, per giungere a chiedermi un favore. Avendo la taglia della moglie, mi chiese se potevo indossare alcuni indumenti femminili che aveva acquistato per farle un regalo. Da un lato la mia timidezza e, dall’altro, l’imprevista richiesta, colse nel mio silenzio un’accettazione! Lascio’ la cucina e poco dopo mi chiese di raggiungerlo in camera. Sul letto erano distese mutandine e reggiseno nero, con abbinato un reggicalze e calze grigio fumo. In terra un paio di decolte’ nero lucido con tacco vertiginoso.
– forza caro, spogliati così provi il tutto e vedo se ti sta bene! Non sapevo che fare, impacciato mi tolsi la maglia, poi i pantaloni e le scarpe, restando in boxer…
– dai, togli tutto e prova questo bel completino … intanto si era avvicinato, chinato e mi sfilava l’ultimo indumento prima di lasciarmi nudo! Mi sfuggi sotto voce…
– ma se arriva tua moglie, cosa potrà pensare?!
Mi rassicuro’ e, sempre chinato, davanti al mio cazzo, lo prese in mano, scappellato e le diede un bacio…
– inizia a vestirti con questo bel completino, non vedo l’ora di vedere come ti sta…!
Indossai tutto e, da ultimo, seduto sul letto mi misi le scarpe.
Non mi accorsi che ora era di fronte a me, pantaloni aperti e con il suo cazzo in mano turgido…
– adesso dallo tu un bacio!…
Intanto mi prese con l’altra mano la testa e mi poso’ la cappella sulla bocca!
Non sapevo che fare, se non assecondare la sua richiesta…
Dato il bacio mi disse che si poteva fare qualche cosa di meglio…
– apri la bocca…. E adesso succhialo!
Aprii leggermente le labbra e, con una leggera spinta, mi trovai il suo cazzo in bocca!
Mi chiamava al femminile, e mi esortava…
– dai troietta, succhia il mio cazzo che ti piace…
A quel punto me lo mise in mano senza mai lasciare la mia bocca iniziai a farle un pompino, sentendo che anche il mio cazzo si era indurito e debordava dagli slip della moglie!
A quel punto, mi allontano’ chiedendomi di passeggiare nella camera che voleva osservarmi… che lo eccitava ancora di più vedermi sculettare. Prese poi un tubetto dal comodino e mi disse di mettermi in ginocchio sul letto…
– adesso devi fare la bella pecorella, vedrai che ti piacerà’!
Si mise dietro di me, scostò gli slip senza togliermeli, e sentivo che con la lingua mi leccava il buco del culo.,, sino a quando ho sentito un liquido fresco e un suo dito che mi stava penetrando!
– cosa fai?… non farmi male!
Nel frattempo aveva messo due dita e, nel ritrarle, mi disse…
– adesso ferma che ti inculo, verginella! Vedrai che ti piace!
Non feci nemmeno in tempo a riflettere che sentii il suo cazzo entrare dentro di me…. Dolore misto a piacere, inizio’ a montarmi.
Anche il mio cazzo era duro e sentivo che di lì a poco sarei venuto.
Lo sentivo ansimare e sussurrare il nome della zia!… quegli indumenti non erano della moglie, ma di sua madre!
Stava per venire quando mi disse di girarmi a pancia in su, mi allargo’ le gambe tendone alzate per le mie caviglie, e torno’ ad incularmi!…io stesso, nel vedermi in quella posizione mi eccitavo e iniziai a stimolarlo…
– forza tesoro, scopa la tua mamma, mi stai inculando divinamente…
Avevo colpito nel segno… e mi piaceva terribilmente impersonare una donna!
Eravamo entrambi prossimi all’orgasmo…
– quanto sei troia … ti piace farti inculare…
– si vieni dentroooo…
Intanto anche dal mio cazzo partivano schizzi verso di lui!…
Sei stato bravissimo!… hai fatto la verginella in modo meraviglioso … oltre le mie fantasie….
Nel rivestirmi, mi avvicinai, chinato diedi un bacio alla sua cappella…
Era l’invito per il giorno successivo… riprendendo da un pompino!

20
2

Leave a Reply