Skip to main content
Racconti erotici sull'IncestoSensazioni

sono rientrato da dove ero uscito

By 19 Ottobre 2023No Comments

Oggi a 30 anni mi sento di raccontare la mia storia
Fin dalla nascita sono stato allevato solo da mia madre (16enne) e dai nonni materni, con tanto amore da parte di mia madre. Viviamo in una piccola cittadina sul mare.
Mamma grazie all’aiuto dei miei nonni ha saputo occuparsi bene della mia crescita, e darci una relativa sicurezza economica grazie a un negozio lasciatoci in eredità
Il tutto inizia sin da piccolo mi ricordo che ogni volta che mi faceva il bagnetto, dietro consiglio del pediatra, mi apriva il pisellino per pulirlo bene e per evitarmi la circoncisione e a volte lo baciava, a 5 anni questa manovra iniziò a farmi piacere ma non ero ancora in grado di capire il parchè, il rituale del bagno è durato fino ai 10 anni all’ora si accorsa che ogni volta mi diventava duro allora mi disse, con mio dispiacere, che era giunto il momento che potevo fare il bagno da solo, vivendo soli in casa ero abituato fin da subito a vedere mia madre nuda quando si faceva la doccia, e fino ai 12 anni non mi faceva grande effetto, all’inizio dei 13 anni il vedere mai madre sotto la doccia nuda e in giro per casa con poco addosso mi dava piacere anzi mi eccitava, e iniziavo a vederla come donna e non madre, e iniziavo a toccarmi il cazzo cosa che mi dava piacere penso se ne fosse accorta ma faceva finta di niente
Mia madre non è una gran ficona è carina si alta 1,60 e non ha un seno prorompente, un terza ma seni ben sodi con due capezzoli grandi e sporgenti la fica con poca peluria labbra grandi e un bel clitoride grande . Fin da appena nato dormo nel lettone con mamma ,ho iniziato a pensare a lei come donna a 14 anni, mi piaceva e mi eccitava al pensiero di toccarla e iniziai a farmi le seghe e penso che lei lo avesse notato e la cosa le faceva piacere perché mi accorsi che ogni tanto si chiudeva in bagno e sentivo dei gemiti di piacere dovuti alla masturbazione, l’occasione arrivò a 16 anni già ero ben sviluppato e avevo un bel pene lungo e cicciotto, e mi masturbavo di nascosto pensando a lei con delle sborrate copiosissime, un pomeriggio d’estate eravamo a letto per il pisolino lei stava solo con uno slippino trasparente e il bel seno turgido bene in vista con i capezzoli ben turgidi e ritti il che mi eccito moltissimo ed ebbi un’erezione mentre lei si era addormentata , mi feci forza o la va o la spacca facendo finta di dormire mentre mi masturbavo lentamente appoggiai l’altra mano sulla fica tenendola inizialmente ferma, aveva un sonno profondo e non si è svegliata allora ho iniziato piano a carezzarle la fica da sopra gli slip, sotto le mia mano percepivo le sue grandi labbra e percepivo il solco che mi avrebbe portato in paradiso, e iniziai a carezzarla più profondamente, in quel momento lei ebbe un sospiro di piacere e allargò un po’ le gambe facendo finta di dormire ancora, ho continuato a massaggiarle la fica da sopra gli slip entrando con un dito di più nel solco mamma a iniziato a gemere di piacere molto sommessamente, mi sono fatto coraggio e ho infilato la mano sotto gli slip e aveva la fica bagnata e ho iniziato a carezzarle il clitoride che diventava sempre più turgido e mamma iniziava ad avere dei fremiti di piacere gli titillavo il clitoride e gli infilavo il dito nella vagina fino a farla venire e sentivo i suoi gemiti soffocati, a quel punto si è girata da una parte facendo allontanare la mia mano e facendo finta di seguitare a dormire, mi sono alzato e sono andato in bagno dove mi sono fatto una gran sega con sborrata megagalattica.
Dopo circa una mezzora mentre ero in sala a guardare la tv mia madre è venuta e mi ha salutato molto calorosamente schiccandomi un bacio sulle guance ma senza accennare a quanto successo, si è venuta a sedere accanto sul divano e sentivo il calore del suo corpo accanto a me il che mi sono eccitato di nuovo e mi sono avvicinato di più le ho messo un braccio dietro le spalle e mi sono avvicinato al suo viso e ho iniziato a baciarla delicatamente sul collo non so come ma ci siamo ritrovati a baciarci in bocca dei baci caldissimi, le nostre lingue si cercavano e si intrecciavano voluttuosamente, mentre ci baciavamo le mano di mia madre iniziò a carezzarmi il petto e titillare i mie capezzoli facendomi eccitare al massimo e facendomi avere un’erezione che si vedeva da sopra gli slip, sene accorse e infilò l’atra mano sotto gli slip prendendo in mio cazzo e iniziò a farmi una sega prima molto lentamente carezzandomi bene tutto il cazzo e le palle per aumentare sempre più il ritmo fino a farmi esplodere in un orgasmo favoloso come mai e eiaculando abbondantemente nella sua mano, alche tutto rosso le dissi che ero mortificato per averle eiaculato in mano, al che mmi rispose che alla mia età era normale e le confessai che era la prima volta che lo facevo praticamente mi aveva iniziato ai piaceri del sesso e lei mi confidò che dopo tanti anni aveva goduto per il fatto che l’unica volta che aveva fatto l’amore ed era stata sverginata poi sono nato io e da allora non aveva più avuto nessun rapporto, dato che il vigliacco si era dileguato e quello che era successo quel giorno era normale fra un uomo e una donna ed era bellissimo e che mi ha sempre amato e spesso pure lei aveva avuto delle fantasie con me, siamo rimasti abbracciati stretti per molto tempo, la sera a letto ci siamo di nuovo abbracciati e iniziato a carezzarci voluttuosamente ho assaporato il piacere di baciargli i seni sentire i suoi capezzoli tra le labbra mentre lei carezzava tutto il mio corpo fremevamo tutti e due di piacere, la baciavo tutta fino ad arrivare alla vagina che era già fradicia di suoi umori e iniziai a baciarla, essendo la prima volta ero inesperto dietro sua richiesta iniziai a leccargli il clitoride e infilargli un dito dentro la vagina che era molto stretta, a causa della forzata astinenza, fino a farla urlare di piacere mentre il suo corpo aveva delle forti convulsioni, rimanemmo un po’ abbracciati fortemente dopo un po iniziò lei a carezzarmi e baciare il mio corpo iniziando dai miei capezzoli, parte del mio corpo molto sensibile, e carezzarmi il cazzo con le mani fino a farlo diventare nuovamente eretto allora scese e lo prese in bocca facendomi avere un brivido di piacere inizio a leccarlo tutto specie sulla cappella che stringeva delicatamente tra le labbra carnose prendendolo tutto avidamente dentro la bocca fino a farmi esplodere sentivo che stavo per venire la avvisai ma lei rispose che voleva prendersi il mio piacere fino in fondo e gli sborrai tutto in bocca, e cosi siamo andati avanti per quasi un anno dandoci piacere a vicenda con dei 69 favolosi e carezze senza scopare, il che successe quando avevo circa 17 anni, quando il mio cazzo era diventato lungo 22 cm e spesso di diametro, ed è accaduto naturalmente, eravamo a letto nudi lei era coricata su di un fianco io dietro di lei, stavamo riposando, ed io ero abbracciato a lei con i corpi a contatto il calore ed il profumo del suo corpo mi hanno causato una erezione il pene si era inserito sul solco del culetto mamma a inarcato la schiena, nella posizione a cucchiaio, verso di me facendo in maniera che la mia cappella si trovasse in direzione della sua fica già calda e bagnata, sentivo la sua vagina ancora molto stretta per la lunghissima astinenza a prendere cazzi grossi aprirsi ad ogni spinta della mia cappella dandogli dei fremiti di piacere con una spinta più forte il mio cazzo è entrato tutto nella fica di mamma fino all’utero che ha emesso un gemito di piacere, il mio cazzo era tutto dentro la sua fica calda begata e avvertivo tutte le contrazioni di piacere della sua vagina, finalmente aveva un bel cazzo dentro che la scopava dopo ben 18 anni il suo corpo si muoveva avanti e indietro seguendo il mio ritmo di scopata la sua fica era un fiume di umori e lei gemeva di piacere ad ogni mio affondo sentendo il mio cazzo che si gonfiava sempre di più fino a sentire il corpo di mamma che iniziava a fremere mentre si titillava i capezzoli e ad avere delle forti convulsioni sino ad emettere urla e mugolii a quel punto anche io ero al massimo del piacere e siamo esplosi in un orgasmo contemporaneamente e gli ho riempito la vagina della mia calda sborra e siamo rimasti cosi abbracciati con il cazzo dentro di lei per parecchio tempo e quando ci siamo un po’ ripresi lei mi ha detto GRAZIE AMORE mi hai reso felice per avermi fatto avere il mio primo vero orgasmo, io le risposi mamma ti amo da sempre sei e sarai la mia donna.
Quel giorno ci è andata bene perché era un giorno non fertile, continuammo per un un po’ usando il preservativo finche ha iniziato a prendere la pillola. Poi per il regalo dei miei 20 anni mi disse che voleva regalarmi la sua unica verginità rimastale ovvero il suo culetto, per l’occasione ci siamo procurati del gel lubrificante appositamente per rapporti anali, la sera del mio compleanno dopo una bella festa con amici e parenti, una volta soli ci siamo recati in bagno per farci una doccia tonificante e ancora umidi e nudi siamo andati in camera sul nostro letto di piacere abbracciati e baciandoci appassionatamente e per riscaldare l’ambiente abbiamo iniziato con un bel 69 lei che succhiava avidamente il mio cazzo e io con la lingua passavo dalla fica al buchetto del culo e con un dito lo carezzavo e messo del gel preparandolo al dopo, mentre il dito entrava sempre più lei iniziava a gemere di piacere al primo aggiunto un secondo dito che inizialmente entravano a fatica spingendo con delicatezza ora entravano entrambe le dita e sentivo i muscoli dello sfintere che si rilassavano pronto ad essere penetrato, prendo altro gel e lubrifico abbondantemente il buco del culo di mamma, e poi le chiedo in che posizione preferiva, e mi rispose io sotto e lei sopra come quando scopiamo, in modo da graduare lei la penetrazione, il mio cazzo era diventato duro come il ferro lei mi monta sopra prende il cazzo e se lo dirige verso il buco del culo, data l’abbondanza di gel la mia cappella inizia ad entrare sentivo il suo buco del culo che iniziava ad avvolgere la mia cappella dandomi una sensazione di piacere immenso, non appena la punta del mio cazzo è entrata con una mossa decisa se lo fa entrare tutto dentro lanciando inizialmente un gridolino di dolore ma subito dopo sostituito da gemiti di piacere, ha iniziato a pompare su e giù e sentivo il mio cazzo che entrava ed usciva dal culo di mamma e lei che urlava di piacere mentre io con la mano titillavo il clitoride per farle aumentare il piacere fino ad esplodere entrambi in un orgasmo mai provato prima che ci sfinito lasciandoci avvinghiati in bacio appassionato. Ora a distanza di 10 anni ancora proviamo sensazioni meravigliose ogni volta che scopiamo trovando sempre luoghi e posizioni diverse, ogni qual volta ci viene il desiderio di scopare ci appartiamo e più è insolito e più ci da godimento e ancora oggi scopiamo almeno 4/5 volte a settimana.

25
3

Leave a Reply