Leggi qui tutti i racconti erotici di: Yoshi

È ormai periodo natalizio, così invito a cena le mie due impiegate.
Ho lasciato loro libero il giorno della cena così da lasciarlo a disposizione per presentarsi bene la sera.
Ho detto loro di fare ciò che credevano come preparazione, che sarebbe stato tutto a mie spese, compreso l’abito da sera che avranno indossato.
Come luogo avevo scelto un famoso albergo cittadino, così da cenare e passare la notte lì, ovviamente insieme.
Arriva l’ora della cena.
Io mi presento ovviamente in abito.
Le ragazze sono stupende, si presentano entrambe con un vestito da sera nero, dritto e, come sanno mi piace, con le spalline.
Chiara lungo fino al ginocchio e fasciante, Elena un po’ più ampio e molto scollato sia davanti che dietro.
Sono entrambe bellissime.
Ci sediamo a tavola e procediamo con la cena tra cibo, vino e chiacchiere.
Arriviamo alla fine della cena e ci trasferiamo in camera.
Mi libero dall’abito e vado a spogliare entrambe, facendo cadere le spalline dei vestiti lasciando che gli stessi vadano a terra.
Ordino alle ragazze di inscenare uno spettacolo intanto che mi metto a letto nudo.
Loro iniziano a sfiorarsi, baciarsi e leccarsi su tutto il corpo mentre si avvicinano mettendosi a disposizione delle mie mani.
Le tocco avidamente per tutto il corpo, soffermandomi volentieri sui loro seni e sulle loro natiche.
Quando il mio cazzo le reclama ordino loro di succhiarmelo in due, loro lo prendono in mezzo alle labbra, salgono e scendono perfettamente in contemporanea come se fossero due troie consumate.
Dopo questo bel pompino le faccio sdraiare e le bendo così che non sappiano dove andrò.
Mi prendo prima le giovani tette di Chiara mentre sditalino Elena e vengo la prima volta sporcando Chiara di sborra.
Inizio poi a scoparmi Elena che ansima mentre ordino a Chiara di leccarmi le palle.
Scopo Elena per un po’ poi faccio loro invertire i ruoli.
Mi faccio leccare le palle da Elena finchè non vengo dentro Chiara.
Elena me lo prende poi in bocca, una volta duro ci sale sopra senza che glielo chieda e mi scopa, senza che io fiati finchè non vengo dentro di lei.
Per punizione per essersi mossa senza che io lo chiedessi la faccio mettere a novanta e glielo metto nel culo mentre dico a Chiara di solleticarle la figa da sotto.
Dopo esser venuto nel culo di Elena torno a scopare Chiara da dietro finchè esausto mi addormento tra loro due.

1
1
Autore Pubblicato il: 5 Maggio 2022Categorie: Racconti Erotici0 Commenti

Lascia un commento

1
1