Leggi qui tutti i racconti erotici di: scaaty

– a che ora pensi di arrivare a casa? –

– mha, non lo so, credo che per le settemmezza potrei essere a casa’ –

– bene, allora va bene. Ecco le istruzioni –

– va bene, sono pronta. Dimmi –

– arriverai a casa per le sette e mezza. Avrai mezz’ora per prepararti –

– Cosa devo fare? –

– preparati per me. Fai tutto quello che vuoi, o che pensi di dover fare. La doccia, o un bagno veloce. Rilassati. Truccati –

– truccarmi? Per stare in casa? –

– queste sono le mie istruzioni, decidere se seguirle o no sta a te. Però sai che truccata mi piaci –

– ok –

– togli le lenti, metti gli occhiali –

– ma mi cadono’ –

– togli le lenti, metti gli occhiali’ –

– ooooccheiii’. –

– niente calze, fa troppo caldo. Anche se le autoreggenti’ –

– no no, non se ne parla, fa troppo caldo’ –

– va bene, niente calze. Scarpe col tacco, alto. Scegli tu quali –

– vanno bene quelle marroni? –

– scegli tu. Metti una gonna. Una qualsiasi. Corta, lunga, stretta, larga, non mi interessa. Ma ti voglio con la gonna –

– va bene –

– metti una camicia. Qualcosa con dei bottoni da slacciare –

– mhm –

– e niente reggiseno –

– come niente reggiseno? Nemmeno se metto un completino intimo carino’? –

– niente reggiseno, ho detto –

– ok’ come vuoi tu. Abbiamo detto che decidi tu’ –

– scegli un paio di mutande, ma che siano il perizoma più sottile che hai. Voglio un minuscolo filo di stoffa che scompare nel solco del tuo culo’ –

– va bene, le cercherò. Poi? –

– poi, ti lascerò un pacchetto in camera –

– ah sì? –

– sì’ quando sarai pronta, dopo aver fatto tutto quello che ti ho detto, lo aprirai –

– e cosa c’&egrave, dentro? –

– un po’ di cose’ –

– e cosa devo fare, con quelle cose? –

– aspettare –

– aspettare? –

– sì. Verso le otto, io arriverò sotto casa e citofonerò’ –

– e? –

– e poi mi siederò al bar all’angolo per dieci minuti –

– perché? –

– perché in quei dieci minuti tu finirai di prepararti’ –

– ah, e come? –

– primo, accenderai lo stereo e schiaccerai play. La musica sarà già pronta’ –

– mmmh –

– poi, aprirai il pacchetto. Per prima cosa, prenderai le piccole manette e ti chiuderai i polsi, sul davanti –

– le manette?? Ma non’ –

– …e metterai le chiavi sul tavolino, in soggiorno, accanto alla colonna –

– ok’ –

– poi prenderai dal pacchetto la benda, nera, e te la metterai sugli occhi –

– una benda? –

– …ma prima di abbassarla sugli occhi, prenderai le altre cose che ci sono nel pacchetto e le disporrai, in ordine, sul tavolino, accanto alle chiavi’ –

– e cosa c’&egrave nel pacchetto? –

– poco altro’ un vibratore’ –

– questo &egrave interessante’ –

– una cremina lubrificante’ –

– questo mi preoccupa un po” –

– e un piccolo frustino’ –

– una frusta????? –

– un gioco. Però sì, una frusta. Perché? –

– e cosa te ne fai di una ‘piccola frusta’??? –

– bhe, magari potrei cambiare e non avere voglia di sculacciarti’ –

– va bhe va bhe’ ho capito che mi devo preoccupare’ poi? –

– poi, ti metti davanti alla colonna del soggiorno, rivolta verso il muro. Appoggi le mani alla colonna. Ti abbassi la benda sugli occhi. Abbassi le mani sulla colonna, e metti indietro le gambe, spingendo in fuori il culo. Dieci minuti esatti dopo aver suonato, io aprirò la porta di casa –

– e cosa farai? –

– entrerò in casa’ –

– stupido’ e una volta in casa, cosa farai? –

– verrò in soggiorno. A guadare se &egrave tutto pronto –

– e se sarà tutto pronto? –

– allora andrò in cucina, e mi aprirò una bottiglia di vino’ –

– e io? –

– tu cosa? Tu sei là, appoggiata alla colonna –

– e io, niente vino? –

– hai ragione. Allora facciamo che il vino &egrave in frigorifero, e tu prima di cominciare a prepararti, puoi bere un bicchiere’ –

– ecco, così va meglio’ e poi? –

– poi, con il mio bicchiere in mano, vengo in soggiorno –

– e? –

– e ti guardo –

– e basta? –

– all’inizio sì –

– e poi? –

– e poi ti alzo la gonna, sui fianchi –

– e poi? –

– e poi ti frusto, col frustino. Non piano, non troppo forte. Dieci colpi –

– no! Dieci no! Secondo me la frusta fa più male di una sculacciata… e lo sai che anche dieci sculacciate mi fanno male, sono troppe –

– quante? –

– due’ tre –

– cinque –

– no, tre –

– cinque. Mi piacerebbe che contassi, ‘uno’ due’ tre” ma lo so che non ti piace’ –

– no, non mi piace. Però vediamo’. magari’ fino a cinque posso contare’ se non mi fa troppo mala posso contare, per questa volta… e poi? –

– e poi mi toglierò con calma la giacca, la cravatta, le scarpe, le calze, i pantaloni e le mutande –

– e la camicia? –

– no, quella la tengo –

– perché? –

– per vedere i due lembi della camicia che si aprono ai lati del mio cazzo’ –

– ah. E poi? –

– e poi prendo la cremina, e me la spalmo sul cazzo, sulla punta, soprattutto –

– e a me? –

– a te niente. Poi ti sposto il filo del perizoma da una parte’ –

– non me lo togli? –

– no, subito no. Dopo –

– ok. E poi? –

– e poi ti metto le mani sulle chiappe e te le allargo, fino a che non vedo il buco del tuo culo stirarsi’ –

– non farmi male –

– no, starò attento –

– e poi? –

– poi, tenendoti le chiappe allargate, appoggerò la punta del mio cazzo al tuo buco –

– ah sì? –

– sì –

– e mi scoperai il culo? –

– sì. Ma prima lo accarezzerò con la punta del cazzo, intorno, e un po’, appena un po’, dentro, per metterci la cremina’ –

– ah già’ la cremina’ –

– e poi inizierò a spingere. Vuoi che lo faccia piano, o forte? –

– piano’ all’inizio piano’ –

– all’inizio piano, allora’ e dopo? –

– e dopo’ vediamo’ dopo vediamo’ vediamo come va… magari… magari dopo anche forte… un po’… forte… –

– e ti scopo il culo. A lungo, senza fretta. Fino in fondo. Allungo le mani sotto la camicetta, e ti afferro le tette, tanto sei senza reggiseno’ –

– ah, ecco perché’ –

– eh già. E ti scopo il culo –

– e io cosa dico? –

– tu non dici niente. Ti lasci scopare il culo, zitta. E ferma –

– ah sì? –

– sì. E mentre ti scopo il culo, ti do qualche sculacciata, o magari un colpo con la frusta. Lo sai perché? –

– sì che lo so’ –

– e perché lo faccio, allora? –

– lo sai’ –

– voglio sentirtelo dire –

– …perché ti piace come stringo il culo quando mi sculacci –

– brava. Proprio per quello –

– ma non succede altro? –

– cosa vorresti succedesse? –

– non so, qualcosa che piaccia anche a me’ –

– perché, questo non ti piace? –

– lo sai cosa intendo’ –

– lo so. Dopo che ti ho scopato il culo per bene, ti slaccio le manette e te le rimetto, però dietro la schiena –

– mhm –

– poi ti tolgo le mutande e la gonna. E ti porto a letto –

– questo mi piace. E la benda? –

– quella la tieni –

– ah. E a letto, cosa succede? –

– succede che ti sdrai a pancia in su, le gambe larghe, la faccia appoggiata sul cuscino e le mani ammanettate dietro la schiena. Io mi siedo a cavalcioni sopra di te, sul petto, e ti appoggio il cazzo alle labbra –

– dopo avermi scopato là? –

– vuoi che prima mi lavi? –

– sì’ –

– e mi aspetti a letto, bendata, ammanettata, con le gambe larghe? –

– sì’ –

– allora va bene. Prima mi lavo, poi torno e ti guardo. E poi mi siedo sul tuo petto, e poi mi faccio leccare il cazzo, piano piano. Voglio che tiri fuori la lingua e me lo lecchi. E poi me lo succhi –

– questo mi piace’ e poi? –

– e poi ti scopo la bocca. Ti afferro la testa, e ti spingo il cazzo in fondo. Dentro e fuori –

– ah –

– e poi di nuovo, esco e mi faccio leccare il cazzo. Poi mi sposto in avanti, mi siedo sulla tua faccia e mi faccio leccare prima le palle, e poi il culo –

– e poi? Hai intenzione di scoparmi, prima o poi? –

– poi. Perché prima scendo, e comincio a leccarti. Come piace a te. E con un dito ti accarezzo il buco del culo, senza spingerlo dentro. E con l’altra mano ti prendo e accarezzo un seno –

– oh’ questo mi piace già abbastanza –

– ma quando sento che stai per venire, ti infilo il dito nel culo’ –

– no! Non mi piace’ –

– e ti pizzico il capezzolo, fino a farti male’ –

– ma così non vengo!!!! –

– e siccome non sei riuscita a venire, io ricomincio a leccarti, ricominciando da dove ti ho interrotta’ –

– ah, ecco’ –

– e lo faccio una, due, tre volte’ e ogni volta quando stai per venire ti faccio male, e ti interrompo facendoti male’ –

– che bastardo… e poi? –

– e poi, continuo. Finch&egrave quando per l’ennesima volta stai per venire, e senti le mie dita sul capezzolo, e il mio dito appoggiato all’ano’ e mentre ti lecco pensi ‘ecco che mi fa male di nuovo ecco che lo fa e rovina tutto di nuovo” –

– …e? –

– e invece questa volta non lo faccio’ e quando capisci che questa volta ti lascerò venire cominci ad agitarti e a sospirare –

– bene’ –

– e io mentre ti lecco ti chiedo se vuoi venire…

– e io cosa dico? –

– tu dici che sì, che vuoi venire, e mi dici di farti venire questa volta, di lasciarti venire per piacere –

– certo che lo dico… –

– e io allora ti dico che però voglio sentirti gridare’ –

– e io? –

– e tu gridi’ vieni gridando’ appena un attimo prima dell’orgasmo mi prendi la testa e la scosti appena’e stringi le gambe e spingi in su la pancia’ poi mi riporti la testa tra le gambe’ e io tiro fuori la lingua e resto fermo, e tu lo sai che starò lì, fermo con la lingua fuori, a tua disposizione, e tenendomi la testa ferma ti sfreghi e strusci la fica sulla mia lingua, sulla mia faccia, e poi gridi ancora’ mi sposti, ti giri su un fianco, stringi le gambe, porti le mani ammanettate sulla figa, da sotto, e gridi di nuovo –

– e tu mi scopi subito subito, come piace a me? –

– mentre stai ancora gridando, lo faccio. Ti apro a forza le gambe strette, appoggio le tue ginocchia alle mie spalle e ti entro dentro –

– e come sono? –

– sei calda, bollente, e umida e liquida. Ti scopo per pochi secondi, poi mi infilo in fondo in fondo, il più possibile, e resto lì, fermo, piantato dentro di te, ti prendo per le spalle e le uso per spingerti ancora più giù, per infilarmi in fondo in fondo a te, e mentre tu agiti il bacino contro il mio cazzo e sento tutto, là dentro, che si muove e si contrae, finch&egrave non vieni di nuovo, e allora esco da te –

– fallo. Fallo così. Promettimelo –

– ‘e verrò di nuovo da te, sulla tua faccia, e ti bacerò e poi mi farò leccare e pulire con la lingua da tutto il tuo sapore e da tutto il tuo odore –

– e poi verrai anche tu? –

– sì, ma prima ti farò male –

– male? Di nuovo? –

– sì, ma il giusto’ –

– e qual &egrave il ‘male giusto”? –

– mi metterò in ginocchio, di fianco alla tua testa sul cuscino, e ti infilerò il cazzo in bocca, e tu me lo succhierai –

– e questo non fa male’ –

– e poi prenderò in mano i tuoi seni, e torturerò i capezzoli con le mani, mentre mi succhi il cazzo –

– di nuovo? –

– di nuovo –

– e per quanto? –

– finch&egrave non mi farai venire’ –

– e quando verrai? –

– quando verrò, ti farò male, più male, ai capezzoli, perché voglio venirti in bocca mentre gridi di dolore –

– questo non so se mi pace –

– ma piace a me –

– non so’ pensi di riuscire a convincermi? –

– no. Penso di averti già convinta -.

Autore Pubblicato il: 16 Giugno 2014Categorie: Racconti di Dominazione0 Commenti

Lascia un commento