Leggi qui tutti i racconti erotici di: Esposto

Quella sera aveva lo stomaco bloccato era ancora troppo umiliato dalla visita ma Elena non era ancora contenta, cosi prese Alberto e cercando di tranquillizzarlo gli disse che si sarebbe accupata lei di lui e di stare tranquillo , cosi lo prese per un braccio e lo porto verso il bagno, lui tremava e lei per togliere l’ imbarazzo gli disse stai tranquillo ne ho già visti tanti … entrarono in bagno e lei non chiuse la porta comincio a spogliarlo e in un attimo era completamente nudo di nuovo rossissimo, lo fece entrare dentro la doccia e comincio a lavarlo arrivato al pisellino lo strapazzo per bene e lo pulisse con estrema cura , si stava ingrandendo ma ancora non era abbastanza eccitato cosi fingendo che si stava bagnando tutta si tolse il vestitino e rimase in perizona e reggiseno a quel punto ebbe un erezione e lei da stronza lo lascio cosi, visto che non poteva neanche masturbarsi, poi lo fece uscire dalla doccia e con la scusa che si era dimenticata l’ asciugamano chiamo la sorella per portarglielo, cosi entrando vidde Alberto tutto nudo con quella piccola erezione e scoppio a ridere, lui era viola dalla vergogna loro ridevano sempre più forte, poi decisero di lasciarlo nudo cosi che potesse andare in bagno quando voleva senza aiuto, lui ormai stremato non aveva più la forza di reagire, il terzo giorno le due sorelle misero in atto un nuovo piano per umiliarlo , Erika lo prese e lo porto in bagno per lavarlo, ma aveva il cellulare dietro e lo riprese cosi tutto nudo mentre di lavava quando usci dalla doccia gli fece vedere il filmato dicendo che lo avrebbe mandato su fb a tutti i suoi contatti, lui si mise a piangere implorando di non farlo, allora lei capito di avere la situazione in pugno le dice con tono autoritario, se farai tutto cio che ti dico non manderò il video ma se non obbedirai immediatamente hai miei ordini lo inviero a tutti,, lui sempre piangendo promise di rispettare il patto implorandola di non farlo vedere a nessuno, e mia sorella non deve sapere niente di questa storia, hai capito? Lui fece si con la testa, invece la sorella lo sapeva eccome , ma facendo cosi avrebbe finto di fare l’ amica e di non sapere nulla, bene per prima cosa dobbiamo levare tutti questi peli, cosi lo porta in salotto e gli fece una ceretta nelle sue parti intime, strillava e piangeva dal dolore, lui che non si era mai depilato, ora era completamente senza peli, lei continuo a scattargli foto con il cellulare.
L’ indomani sarebbero tornate in ospedale per togliere il gesso e lei voleva umiliarlo pesantemente cosi si raccomando che domani doveva eseguire tutti gli ordine senza discutere davanti agli altri, lui terrorizzato fece segno di si con la testa.
Quella sera i ragazzi erano andati a pescare in barca e le ragazze e Alberto erano rimasti a casa, Lui era li sul suo letto, la sua amica le aveva messo le mutande e si sentiva meno umiliato del solito, nella casetta di fianco a noi ci stavano due famiglie con tre ragazzine molto carine, Erika con la scusa di fare amicizia le porto in casa lui rimase ovviamente nella sua camera per non farsi vedere , ma un certo punto lei ando a prenderlo e portarlo in salotto con loro, quando entro li in mutande ci su una risata generale, da perfida racconto alle ragazze perché era ingessato e tutto il resto, lui imbarazzatissimo sempre in mutande mentre loro chiaccheravano avevanogia bevuto qualche bicchiere ed erano un po allegre e si misero a ballare tra di loro, Elena mi prese e mi porto a ballare con lei, io non ero capace e facevo ridere lei si appoggiava volutamente per farmi eccitare, dalle mutande si vedeva qualcosa crescere ed era sempre più in imbarazzo , ma quella perfida della sorella lo prese per ballare con lei lo stuzzicava e li tirava le mutande, poi comincio lentamente ad abbassarle tutte le ragazzine lo stavano guardando, lui era viola in volto, la stronza chiese a voce alta alle tre, lo volete vedere un uomo nudo … le risate si fecero più forti e il coro nudo nudo comincio a sentirsi, la sua amica Elena lo strappo dalle mani della sorella fingendo di difenderlo si mise di nuovo a ballare con lui, a quel punto la sorella si avvicino, prese le mutande e guardanolo negli occhi gli chiese il permesso per toglierle, lui sapeva che doveva obbedire , cosi rispose di si con la testa, e rivolgendosi alla sorella disse: vedi e lui che vuole, cosi lei rivolgendosi a lui disse Elena non ti crede, puoi dirglielo te che vuoi che ti abbassi le mutande, lui viola in viso chiese ad Elena di abbassargli le mutande, lei allora le prese con le due mani, lo giro verso le tre ragazzine che in tanto avevano tirato fuori i cellulari Erika si raccomando che non filmassero il viso, poi lo spettacolo ebbe inizio lentamente le mutande vennero abbassate , le ragazzine nel vedere quel membro cosi piccolo si misero a ridere tanto da coprire la musica, lui era li col pisello moscio davanti a tutte loro che continuavano a indicarlo e a ridere.

2
3
Autore Pubblicato il: 5 Ottobre 2021Categorie: Racconti di Dominazione1 Commento

Commenti per questo racconto

  1. Notorius 6 Ottobre 2021 at 08:36

    Buongiorno. Penso tu stia descrivendo la tua indole. Quella di essere sottomesso da chi ha una mente autoritaria e credibile. Potresti essere anche sposato ma lei di certo non sospetta la tua natura. Se vuoi confrontarti con una persona seria, discreta ma esigente che può farti fare un percorso all’interno della tua vita sentimentale e fuori scrivimi a mastermind1755@gmail.com. Ti aspetto

Lascia un commento

2
3