;

delirio con lei

27 0

Vorrei solo condividere i pensieri che si rincorrono nella mia testa. Non sempre è facile star loro dietro e riuscire a definirli per quello che sono. Spesso i loro confini sono molto levigati, ed è difficile percepire la loro superficie per dar loro forma.

Vorrei solo trovare qualcuna che riaccenda in me la stessa fiamma che lei accendeva. Insieme divampavamo! Dal profondo delle mie viscere gli istinti più animaleschi si mischiano a ricordi dolci e fragili. Mi manca il profumo della sua pelle, delicato e quasi impercettibile, che si mischiava al sudore quando ci divoravamo a vicenda. 

Anche in quelle circostanze una parte di me faticava ad uscire…la sentivo premere per uscire…ma anni di perbenismo mi frenavano. Volevo farla mia, sottometterla. Volevo dirle che era la mia troia, la mia vacca, che il suo corpo era mio, che volevo arrivarle al cervello partendo dall’utero. Ogni spinta veniva accompagnata da un’esplosione di piacere; infatti ad ogni affondo dentro di lei mi chiedevo se fosse già arrivato il momento….o se avrei dovuto continuare ancora. É un sublime supplizio quello di volerle esplodere nel ventre ma non riuscirci.

Mi accorgo che avrei goduto molto di più se solo avessi liberato anche quella bestia dentro di me….senza confini, sensi di colpa, giudizi. Avrei vissuto per davvero quei momenti fino in fondo. Mi riprometto che non commetterò gli stessi errori.

Un saluto, 

Clavata

per suggerimenti mirmico93@gmail.com

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.