Leggi qui tutti i racconti erotici di: Baxi

Ciao, sono Paola, una donna di mezza età, a detta di tutti abbastanza carina, bruna di carnagione, con un bel corpo, una di quelle bellezze mediterranee che non passa mai inosservata, in special modo quando indosso abiti che esaltano le mie forme sinuose. Mio marito si chiama Giorgio, ha qualche anno più di me, è un uomo prestante, di bella presenza e mi ama alla follia. La nostra vita coniugale è costellata di alti e bassi, come succede un po’ in tutte le coppie e, proprio durante una fase di stanca, in un momento in cui mi sentivo trascurata da Giorgio, sempre più preso dal suo lavoro e dai suoi interessi, capitò che, quasi per ripicca, iniziai ad assecondare le avances di un mio collega, che da tempo mi stuzzicava, ma cui non avevo mai concesso nulla di più, se non poche battute al bar. Fu così che, quasi per gioco, una mattina, salendo in ascensore con Andrea, il collega, per raggiungere l’ufficio, decisi di sbottonare audacemente la camicia, lasciando intravedere il reggiseno, noncurante dello sguardo sbigottito di lui che non riusciva a staccare gli occhi dalla piacevole visione; poi, fingendo di essermi accorta dell’involontario ‘decolleté’, mi scusai e cercai di ricompormi, ma Andrea si oppose e mi chiese di non farlo. Intanto mi prese la mano e mi tirò a sé; io ero impietrita di fronte ad una situazione che, evidentemente, mi stava sfuggendo di mano; lo lasciai fare e accettai quel suo bacio, cui seguì un abbraccio mentre le sue mani mi frugavano un po’ dappertutto. Giunti al piano, mi ricomposi e pregai Andrea di dimenticare quell’episodio, che non si sarebbe dovuto più ripetere. Nei giorni a seguire, in ufficio l’imbarazzo regnava sovrano: non avevo il coraggio di guardare Andrea in viso e mi rifiutai anche di prendere il caffè al bar, se c’era lui; poi, un pomeriggio, durante lo straordinario, essendo in pochi, Andrea mi chiese di potermi parlare ed io d’istinto rifiutai, per poi cedere alle sue insistenze. Cosicché accettai che mi riportasse a casa con la sua auto e, lungo il percorso, fermò l’auto in una zona isolata, per, a suo dire, finalmente chiarire quanto accaduto in ascensore. Stando seduta in auto, la gonna a portafoglio che indossavo, già di per sé piuttosto corta, offriva un’ampia visuale delle mie belle cosce, sulle quali Andrea pose le sue mani e, molto delicatamente, iniziò a massaggiare, sino a raggiungere la mia intimità ed infilarci prima un dito, poi un altro, agevolato dalla abbondante lubrificazione costituita dai miei umori. Questa volta non seppi trattenermi e lo baciai voluttuosamente, spingendomi a tastare il suo membro che presto liberai, abbassandogli la cerniera e permettergli di svettare in tutta la sua rigidità. Mi venne naturale e spontaneo, dapprima masturbarlo lentamente, finché la cappella si bagnò di quel liquido caldo e trasparente che spalmai sulla arrogante e lucida cappella, per poi fargli un pompino. A conclusione, di questa mia pratica, ricevetti in gola ripetuti fiotti di sborra calda, che ingoiai avidamente, mentre lui continuava ad infilare le sue dita nella mia passerina allagata. Una volta finito, mi accompagnò nei pressi di casa, ci salutammo baciandoci a lingue intrecciate e mani che ancora cercavano gli ultimi intimi contatti. Rientrai in casa con i battiti del cuore accelerati, a causa dell’imprudenza appena commessa e riuscii a stento a mascherare il disagio nei confronti di mio marito. Trascorsi la notte a pensare a quanto accaduto e mi ripromisi che quell’episodio doveva restare tale: unico e solo; ma il piacere che ancora provavo per quella trasgressione improvvisata e iniziata quasi per scherzo, metteva in dubbio quel mio proponimento. Nei mesi a seguire, gli incontri si susseguirono con sempre maggior frequenza; ormai con Giorgio il sesso era del tutto sporadico e non mi dava piacere, mentre con Andrea il rapporto si era consolidato al punto che, per stuzzicarlo, mi presentavo in ufficio in abbigliamento moderatamente provocante, indossando gli abiti che, sapevo, gli piacevano di più. Insomma facevo di tutto per attirare sempre più le sue attenzioni e devo riconoscere che ci riuscivo con successo. L’unico handicap era dovuto al fatto che i nostri incontri avvenivamo in auto, e ciò limitava notevolmente il piacere che ne ricavavamo: esso era contenuto ad una reciproca masturbazione, con pompino ed ingoio finale, tranne rare occasioni nelle quali volle penetrarmi con tutte le difficoltà determinate dagli spazi angusti. Questa storia andò avanti per anni, ma una sera in cui, dopo aver fatto due pompini, approfittando del fatto che Giorgio era andato a giocare a calcetto e che quindi sarebbe rientrato più tardi, tornata a casa trovai mio marito rientrato anzitempo per una storta alla caviglia. Ebbi la disattenzione di obliare, per un attimo, i pompini che avevo appena fatto, e, spinta dalla naturale apprensione per lui e del suo stato di malessere, corsi a baciarlo. Egli avverti uno strano sapore dalla mia bocca e notò qualche macchia di sperma sulla mia gonna nera, che di fatto svelarono il segreto, fino a quel momento tenuto ben custodito. Avemmo una lite furibonda, nella quale ci rinfacciammo le rispettive colpe. Giorgio sembrava impazzito per la rabbia, urlava e inveiva come mai prima, sembrava una furia inarrestabile, che io cercavo in tutti i modi di arginare, dapprima negando tutto, poi ammettendo quella relazione che ormai era stata scoperta. Passarono giorni durante i quali, nel silenzio glaciale che si era abbattuto su di noi, le ore scorrevano interminabili, finché Giorgio ruppe il silenzio e mi disse che avrebbe voluto sapere tutto, altrimenti si sarebbe dato da fare per chiedere la separazione. Quella minaccia per me rappresentava un tormento vero e proprio; in un attimo la mia vita, la mia famiglia e tutto quanto, stava andando a farsi benedire e così, preso il coraggio a due mani, gli dissi:

«Andiamo di là, in salotto, e parliamone.»

Iniziai a raccontare tutto, fin dal principio, dicendo che mi sentivo trascurata e che il nostro rapporto stava attraversando una fase di criticità notevole; sebbene non ritenevo quelle considerazioni idonee a giustificare il mio comportamento, lo invitai, per lo meno, a ritenerlo un’attenuante alla mia colpa e del perché avevo iniziato a valutare positivamente le attenzioni che Andrea mi riservava. Giorgio volle conoscere anche i dettagli più intimi della nostra relazione e, sebbene molto imbarazzata, cercai di minimizzare. Giorgio, però, se ne accorse e tuonò perentorio, che non si sarebbe accontentato di un riassunto all’acqua di rose, pretendeva una ampia e completa confessione e così fui costretta a raccontargli tutto, cioè come, dove e quando avvenivamo i nostri incontri. Per puro caso, mi accorsi che, mentre parlavo, stava avendo un’erezione e stupita dalla cosa, mi adoperai ad esser sempre più precisa, riferendogli ogni particolare, soprattutto quelli più scabrosi e, mentre lo facevo, Giorgio mi fissò negli occhi e, sorprendentemente, mi strinse forte a sé, baciandomi con passione e, spogliatami, ci abbandonammo in un amplesso che non avevamo mai vissuto in maniera così intensa, nemmeno nei momenti più esaltanti della nostra intimità. Rimasi talmente sorpresa da quella inattesa reazione, che proprio non sapevo come comportarmi: mi chiedevo come potesse esser successo che quella storia lo avesse eccitato così tanto e, quando fummo a letto, Giorgio mi spiegò che nemmeno lui sapeva il perché di quella reazione, ma l’aver saputo di essere stato fatto cornuto, gli dava una carica di eccitazione mai provata in precedenza. Parlammo a lungo, per quasi tutta la notte e, quando, inavvertitamente, ebbi a dirgli:

«Amore, mi dispiace di averti fatto cornuto…»

Gli si rizzò di colpo il cazzo e chiese di ripeterlo, cosa che feci volentieri, ribadendogli con tanta devozione:

«Ti amo, gran cornuto.»

Senza nemmeno finire la frase, avvertii che aveva riversato nella mia mano tanta caldissima sborra. Lui volle leccarla prima di baciarmi, ringraziandomi per quelle corna che avevano decisamente cambiato il corso del nostro rapporto, rendendolo più intenso e stimolante. Da quel giorno, ogni mattina al risveglio, lo saluto baciandolo e dandogli del cornuto e la giornata non potrebbe iniziare meglio.
Come si dice: il mattino ha il cornuto in bocca…ops, il mattino ha l’oro in bocca.

4
4
Autore Pubblicato il: 23 Settembre 2021Categorie: Racconti Cuckold, Tradimento0 Commenti

Lascia un commento

4
4