Leggi qui tutti i racconti erotici di: MasterAll

Dopo numerosi giochi e il raggiungimento della mia sottomissione incondizionata il mio Padrone decise che era arrivato il momento di arrivare al punto più estremo.
Visto che ci eccitavamo parecchio coi puttan tour mi disse che per una notte sarei stata una di loro.

Non so per quale motivo ma al posto di offendermi, preoccuparmi o altro mi eccitai.
Era giugno inoltrato, mi disse che la cosa sarebbe avvenuta nel weekend e mi mandò a fare spese in un sexy shop (minigonna inguinale, perizoma, calze a rete scarpe da schiava con tacco e reggiseno semitrasparente).
Il venerdì sera dopo il lavoro tornata a casa lo trovai fuori dal cancello su un camper a noleggio, mi fece cenno di salire.
Mi allungò un sacchetto con dentro gli abiti del sexy shop e il tutto città, mi disse “apri su una pagina a caso e leggi il primo paese di mare che trovi”
Esegui e trovai un paesino, Mondolfo, nelle Marche, lui impostò il navigatore e partì,arrivati sul posto dopo quasi 3 ore di viaggio con nostro dispiacere ci accorgemmo che seppur vicino al mare questo paese era nell’entroterra.
Senza dire nulla accostò il camper, scese ed entrò in un bar, pochi secondi dopo uscì e ripartimmo.
In 5 minuti arrivammo in una zona sosta per camper davanti ad una spiaggia sassosa e abbastanza dunosa a Marota.
Ci sistemammo per la notte, andammo in un ristorantino a pochi metri dal parcheggio e poi a dormire. Il mattino dopo ci alzammo, colazione e spiaggia, io rigorosamente topless e costume a perizoma.
All’inizio ero un po’ a disagio a mostrarmi, sono 140 cm sederone con cellulite e seno molto piccolo (prima scarsa) ma ormai dopo quasi un anno ero a mio agio in quei panni succinti.
Ogni tanto mi scattava qualche foto, qualche palpeggiata anche dentro il costume.
La sera tornando dal ristorante entrammo nel camper e mi passò gli abiti “da lavoro”. Mi spogliai e mi vesti da prostituta truccandomi pesantemente.
Una volta pronta mi disse:
“Le regole sono le seguenti
1. Andrai solo con chi accetta di entrare nel camper e farmi assistere
2. I prezzi sono 5€ bocca, 10€ figa e 15€ culo
3. Solo con preservativo
4. Prima di iniziare aspetta il mio cenno.
Io riprenderò tutto, terrò la cassa e controllerò la situazione”
Mi diede un bacio sulla fronte per non rovinare il trucco, poi una sberla sul sedere e mi aprì la porta. “Stai davanti alle finestre del camper così che ti possa osservare”.
Dopo circa 15 minuti arrivò la prima auto, erano circa le 22, si accostò e all’interno c’era un signore, distinto di circa 70 anni, spiegata la situazione accettò di buon grado, parcheggiò l’auto e salì sul camper con me, salutò mio marito e gli porse 30€
“voglio tutto” disse

Mio marito mi guardò accese la videocamera posta sul 3 piede e disse “spogliati pure ed iniziate, il signore ha pagato la tariffa completa”, mi allungò un preservativo e mi misi in ginocchio. Nel frattempo l’anziano si era già abbassato pantaloni e slip, mostrando con orgoglio il suo minuscolo pene, forse arrivava a 5 cm, gli misi il preservativo e cominciai con la bocca, dopo qualche minuto mi alzai e mi sedetti sul tavolino e tenendo con 2 dita il preservativo condussi il pene dell’uomo dentro la mia vagina, dopo pochi colpi mi accorsi che stava quasi per arrivare, così lo estrassi da me, mi girai e mi feci penetrare il buchino sul retro. Tre colpi e lo sentii gemere, si spostò all’indietro e se ne andò salutando tutto contento.
Mi ripulii, misi di nuovo la mia uniforme e tornai in strada.
Di li a poco arrivò il secondo cliente, era un giovanotto sui 18-20 anni, con ancora la P sull’auto, balbettando mi chiese il prezzo, spiegai lui la situazione che accettò ed entrammo nel camper.
Era vergine e sia io che mio marito ce ne accorgemmo dal fatto che non appena mi vide nuda eiaculò imbarazzato. Cercai di consolarlo e anche mio marito lo consolò,
“vai a lavarti in bagno e torna che ricominci” gli disse.
Uscito dal bagno sorrise nell’imbarazzo più totale, mio marito gli lanciò il profilattico “fattelo mettere dalla troia, che così ti svergina”
Gli feci un pompino delicatissimo per non farlo venire senza penetrare una vagina o un sedere, poi come col vecchio mi sedetti sul tavolino invitando a penetrarmi, gli portai prima la mano su un seno e poi la faccia sull’altro invitandolo a leccarmi i capezzoli ed infine mi lubrificai il sedere e mi feci inculare fingendo un grande orgasmo. Sfilò da me il suo pene e col preservativo ancora indosso si rivestì e se ne andò.
Da li alle successive due ore non si vide nessuno, facevo avanti e indietro dalla strada al camper..poi dei fari in lontananza erano due auto di grosse dimensioni, con a bordo 10 ragazzotti in tutto e sempre sui 20 anni
“un nostro amico è stato qui poco fa, ha detto che fai prezzi stracciati”
Presa dal panico condussi quello che sembrava il capobranco nel camper per parlare col mio Padrone. “fa prezzi stracciati a singoli uomini, voi siete 10 ed il prezzo aumenta”
“ di quanto?”
“dipende da cosa volete”
“tutti e 10 vogliamo pompino, scopata e inculata” “in contemporanea o uno alla volta?”
“dipende da quanto ci fai”
“in contemporanea sono 1000€ in totale, con gokkun omaggio, separatamente 600€ totali con bukkake
omaggio ovviamente in spiaggia perché qui dentro in 12 non ci si stà” “vado dai miei amici a decidere e torno”
“vada per la tariffa da 600€”
“bene, le regole sono poche e semplici, si va in spiaggia, tutti nudi, solo io avrò la telecamera per filmare, ognuno di voi con un preservativo, lei si inginocchierà dove le dirò io e a turno vi porrete davanti a lei, vi spompinerà per 3 minuti a testa, io conterò i pompini fatti ad alta voce sino ad arrivare a 10, arrivati a 10 si metterà pancia su e gambe spalancate e avrete 5 minuti a testa per la sua vagina, anche qui terrò il conto

mentre filmo, arrivati all’ultimo di voi si metterà a 4 zampe e dopo aver lubrificato il suo culo ve lo lascerà usare per 3 minuti a testa. Dopo l’ultimo pisello si sdraierà nuovamente pancia su, coprirà il suo corpo dal ventre in giù col telo mare e voi a turno potrete venirle sui seni o in faccia sempre a turno.”
“ok”
I ragazzi si spogliarono e misero i vestiti nelle auto, io mi denudai e andai in spiaggia dove avvenne quanto detto sopra.
Si erano fatte le 4 del mattino e in lontananza i fari di una moto con a bordo 2 uomini che accostarono, spiegai loro il gioco e salimmo sul camper, il mio padrone ci accolse e uno dei due motociclisti chiese se potevano usarmi in contemporanea, lui disse “certo ma il prezzo sale a 100€ a testa”.
Accettarono ed io mi ritrovai in ginocchio a soddisfare due piselli, uno in bocca e uno in mano e viceversa, poi uno dei due si sedette sul divanetto e mi fece accomodare con la patatina su di lui, l’altro da dietro mi lubrificò col gel il sedere e mi penetrò componendo così una doppia penetrazione, poi si cambiarono di posto
“ragazzi venitele in viso…omaggio della casa” disse il mio uomo.
I due si sfilarono e mi fecero sedere per terra si misero davanti a me ed a turno mi riempirono la faccia del loro seme, si rivestirono e ripartirono, io andai a lavarmi e tornai in strada.
“l’ultimo” disse mio marito prima che chiudessi la porta.
Mezz’ora dopo accostò un nero di dimensioni colossali, a fatica stava seduto al volante, sarà stato 2 metri e 10 o giù di li ed il suo braccio era metà di me.
Anche a lui spiegai la situazione ed il prezzo, parcheggiò ed entrò con me nel camper, salutò mio marito che gli allungò i preservativi contenuti in un cestino e scelse la misura xxl.
Si mise davanti a me ridendo, mi appoggiò le mani sulle spalle e con una leggera pressione mi fece capire di inginocchiarmi davanti a lui, guardai il mio uomo che con un cenno della testa mi diede il via a procedere.
Già sono piccola in confronto a tutti, ma davanti a lui sembravo uno gnomo, figurarsi in ginocchio.
Mi prese le mani e le poggiò ai lati dei suoi bermuda per farmeli abbassare e una volta nudo mi trovai davanti ad una colonna di pelle nera, era lungo come il mio braccio e largo più o meno come una bottiglietta da mezzo litro.
Si infilò il goldone e iniziai a praticargli del sesso orale meglio che potevo, solo con il glande in bocca avevo la cavità piena.
Mi sollevò all’improvviso come un uomo adulto solleva un gatto e mi poggiò seduta sul tavolino, prese il lubrificante e me ne spalmò una bella quantità sulla passerina, poi lo mise sul suo arnese e mi penetrò con delicatezza. Sentì le mie labbra vaginali estendersi al massimo delle loro possibilità e vedevo il mio ventre muoversi al movimento di quel pene enorme, dopo un po’ mi abituai e mi eccitai veramente molto.
All’apice del mio piacere con mio disappunto lo estrasse e mi girò ponendo il mio ventre al tavolino nel movimento potevo sentire l’aria che entrava nella voragine che mi aveva scavato in mezzo alle gambe… non ricordavo che avesse pagato anche per il mio sedere…povera me, mi avrebbe distrutta, mi lubrificò con molta attenzione e mi penetrò. Per i primi secondo pensavo di esplodere letteralmente, poi le pareti dell’ano si abituarono ed iniziai a provare piacere sino ad un orgasmo esplosivo che poi ho scoperto chiamarsi squirting.

Pochi secondi dopo anche l’omone venne e lo sentii, col gonfiarsi degli spasmi del pene mi provocarono un dolorino al sedere. Poi si sfilò e se ne andò.
“ora è il mio turno” aggiunse mio marito che mi prese in braccio e mi gettò sul letto, mi mise pancia giù ed infilò la sua intera mano dentro il mio sedere ormai letteralmente sfondato, poi pose il suo pene dentro di me e mi scopò per una ventina di minuti, inondando il mio ventre con una quantità enorme di sperma, credo quasi un bicchiere.
Ci lavammo e ci addormentammo poco dopo.

6
4

Lascia un commento

6
4