;

Corrispondenza mail – Gli inizi 4

165 0

Ciao amico…appena svegliata ed ancora a letto…ieri come ti dicevo ho visto il porco che ha pisciato vicino a me..si chiama Aldo. Ho detto a mamma che avrei tardato e forse mangiato fuori quindi sono andata da lui primo pomeriggio. Lui è a casa solo..moglie e figlia sono in campagna…non ti dico la luce di voglia negli occhi quando mi ha vista…mi ha portata nella camera di sua figlia, gli ho detto ma non nel lettone più comodo? il porco ha detto..NO qui è più eccitante. Baciati, limonato, spogliati, subito il cazzo in bocca…linguaggio da porco per eccitarsi…poi rovesciata sul letto e faccia fra le cosce…dio come leccava..clito fica buchetto..lingua come un trapano…5 minuti e già smaniavo…sei una troia come tua madre, adesso ti faccio assaggiare il cazzo…mè montato fra le cosce e me la messo dentro. Il tempo di abituarmi al suo peso spra di me che già stantuffava come un matto…io dopo la lingua ero ancora in orgasmo..mi sa che strillavo perchè il porco mi incitava a godere…dopo un pò mi ha girata e scopata a pecorina. Mentre montava sentivo il suo dito pollice che mi stimolava l’ano…dentro fuori dentro fuori. Non so quanto è durata ma dopo un pò mi dice..prendi precauzioni? ..il tempo di dire si che ho sentito la sborrata nella fichetta…sè scaricato per bene prima che gli uscisse sgonfio. Ci siamo rilassati per un pò limonando..poi mi dice..dai succhia il cazzo che voglio gustare il tuo culetto…mi ha spinta la testa giu e mi ha ficcato il cazzo sporco in gola…non ha impiegato molto ed era già bello duro..mi ha messa a pecorina e dopo avermi lubrificata l’ano con la sua crema che mi usciva ancora dalla fichetta..ho sentito la punta che spingeva per entrare…mi sono rilassata cosi a colpi lo ha ficcato dentro tutto. Ero ancora un pò infiammata da lunedi cosi ho sentito un pò di male..gli ho detto fai piano porco ma lui manco mi ha sentita tutto preso a pomparmi il culetto…fortuna che era infoiato da me cosi dopo una decina di minuti mi ha schizzato dentro tutta la sua sborra calda. Dirai..è finita? no no..devo essermi assopita e mi son svegliata dopo un’oretta circa sentendomi scopare ancora nel culo…ma che fai..dai troia eri cosi eccitante nuda col culo che perdeva che nn ho resistito..dai goditi per bene il mio cazzo. Inculata per la seconda volta e sditalinata..finalmente ha goduto..lo ha tirato fuori e me lìha messo in bocca dandomi da bere. Poi mi ha riaccompaganta a casa..la ho trovato mamma in cucina che stava preparando due drink..nuda solo con la vestaglia..le ho detto…lo conosco? e lei..si è Carlo il vecchio amico di papà. Cazzo..proprio lui quello che mi ha sverginata la fichetta e svezzata al piacere del cazzo…cmq mamma mi ha detto..hai l’aria stanca..fatti una doccia che puzzi di sesso come una troietta e vai a letto.

Dopo la doccia prima di andare in camera mia ho curiosato da mamma visto che come al solito la porta era aperta…Carlo era sdraiato nudo e mamma lo stava spompinando..devo dire che era un pò appesantito da quando lo frequentavo cmq sempre un bel toro..mamma sè accorta che c’ero e ha smesso di succhiare e sè impalata su di lui di fica dandogli la schiena cosi lui nn mi vedeva…ha cominciato a cavalcarlo nel modo fluido che vorrei anchio imparare…il cazzo entrava e usciva col movimento del bacino…io eccitata ho aperto l’accapaptoio e mi sditavo la fichetta..mamma guardava e continuava a cavalcare…ho sentito Carlo gemere e ho capito che veniva solo quando ho visto la sborra che usciva dalla fica e colava lungo il cazzo sulle palle…son scappata in camera a finire il ditalino..ho la fichetta un pò dolorante ma è stata una settimana ok.

Ci rìsentiamo..ciao ciao Laura

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.