Skip to main content
Erotici RaccontiOrgiaRacconti di Dominazione

Giovanna la ninfomane, si racconta …su cosa le piace e cosa vuole fare in futuro dopo queste esperienze di sesso, lo fa durante una stupenda Glory Hole

By 12 Marzo 2024No Comments

Cosa sono e cosa desidero fare da oggi in poi, dopo queste ultime straordinarie esperienze di sesso anche violento ma certamente intenso, che mi ha praticamente fatto diventare totalmente dipendente degli orgasmi che mi procura, consapevole che ero diventata una troia esibizionista.
Sono passati una decina di giorni, dall’ultima mia performances con il gigantesco dildo a forma di cazzo di un cavallo, dove mi hanno aperto ben bene, sia la figa che il culo, dove il cazzo gigantesco uguale a quello di uno stallone è arrivato a penetrarmi fino a 80 centimetri nel mio slabbrato culo entrando fino all’intestino, scaricandomi una paio di litri di un denso e caldo liquido, poi avevo fatta una bevuta di sborra nell’ultima Bukkake, con decine e decine di cazzi che hanno depositato la sborra in un imbuto, ficcato di prepotenza nel culo e in figa.
Tutto questo pensando anche ai quasi due anni di gang bang sempre più numerose, con negri dai cazzi meravigliosi, ho deciso che mi sarei licenziata dal mio lavoro, perché mi sarei dedicata totalmente a fare spettacoli di sesso estremo, unicamente privati e a pagamento, organizzati dal mio adorato marito Mario che era diventato il mio impresario, da quando mi chiamava puttana da strada .
Fatta questa scelta condivisa con Mario, siamo andati il giorno stesso a farmi tatuare altre scritte e a farmi altri piercing, sempre per la mia grande voglia di esibizionismo, ma anche per eccitare da subito, al primo sguardo gli spettatori e ovviamente, chi mi avrebbe usato come una vacca da monta.
Appena arrivati il ragazzo che mi aveva fatto tutto la prima volta, mi ha confermato che tutto quello che gli avevo chiesto era in grado di farlo.
Cominciamo dalle precedenti scritte sia sulla figa che sul culo, che sono state completate dopo la monta degli stalloni e in previsione della monta dei doberman giganti, con “only black men cocks of horses and dogs” .
Poi mi sono fatta fare due belle frecce, che partivano dai mie due glutei, fino al buco del culo, con la scritta “usare con violenza è già sfondato”
Poi sulla schiena abbiamo misurato 80 centimetri partendo dal buco del culo, per poi farmi tatuare ben visibile il contorno della riproduzione di un cazzo di cavallo, con la bella cappella a fungo finale, in grandezza reale che praticamente mi arrivava quasi alle spalle lungo la spina dorsale, cosi chi mi inculava alla pecorina, avrebbe subito capito, quanto mi piace essere sfondata e a che punto mi ero fatta riempire.
Alla fine ho voluto un piercing sul mio grosso clitoride, perché avevo sentito che è molto stimolante, uno grosso anche sulla lingua perché ero certa, che sarebbe stato molto sexy farsi fare un pompino con sulla lingua un piercing
Dopo essermi guardata allo specchio ero felicissima e andando a casa ho detto subito a Mario che ero pronta a qualsiasi sua richiesta anche la più bizzarra, oscena e che volevo ancora essere legata e tratta come una scrofa da torturare e sfondare.
Per me era diventato importante soddisfare la mia voglia di esibizionismo, la mia porcaggine, la mia voglia di cazzi l’importante che fossero belli grossi, volevo essere sfondata da decine di negri, volevo dare spettacolo, volevo bere più sborra che potevo, volevo farmi penetrare dagli oggetti più disparati come lo scopino usato dei cessi al cuneo a strumenti di lavoro come le chiavi inglesi cacciaviti e martelli , e che sognavo di vedermi inserire nel culo qualche metro di una grossa catena di ferro, certa che sarebbe stato stupendo quando me l’avrebbero tolta lentamente..
Il giorno dopo Mario mi ha detto che aveva trovato un locale dove si praticava il Glory Hole, aveva già organizzato una sala in esclusiva per me, per la sera dopo, con una trentina di negri, tutto per tenermi in allenamento prima della prossima monta bestiale di un bel gruppo di cani doberman ben addestrati e con dei grossi cazzi.
La sera dopo sono salita in macchina per andare in questo posto, solo con della nuove stupende scarpe rosse con un tacco 12 a spillo, un grosso cuneo ficcato nel mio accogliente culo, ma la novità di mio marito è stato mettermi dei grossi elastici alla base delle mie tettone, per stringerle allo spasimo, procurandomi un po’ di dolore, specie quando ha messo delle catene che partendo dai due anelli ai capezzoli, si infilavano negli anelli sulle labbra della mia figa, lasciandomi poco spazio ai miei movimenti, certamente servivano per torturarmi se non avessi spompinato a dovere più cazzi che potevo, e infine avevo sopra l’impermeabile.
Scesi davanti a questo specie di garage, sono entrata e Mario mi ha fatto entrare da una porticina, in una stanza abbastanza grande con le pareti in legno, dove cerano una decina di grossi buchi, al mio arrivo dai buchi sono dei cazzi neri mastodontici.
Davanti a ogni parete erano stati posizionati degli sgabelli bassi, appena mi sono avvicinata al primo ho visto con una sensazione di libidine, che nella seduta cerano fissati 2 molto grossi cazzi alti circa 25 centimetri, ma erano molto particolari, perché lungo tutte le pareti, cerano dei grossi nodi molto grezzi non lisci, che mi avrebbero stimolato al massimo, sfregando fortemente l’interno della mia figa e del culo.
Praticamente se volevo fare dei pompini seduta comoda, dovevo impalarmi entrambi i miei due buchi, con questi due grossi e nodosi cazzi.
Ma la mia libidine non finì li , perché osservando bene in tutta la seduta dello sgabello, avevano fissato delle puntine da disegno che certamente si sarebbero infilate nel mio sedere, se mi fossi impalata totalmente, a quel punto tolto il cuneo che avevo infilato da casa nel mio culo, ho spostato il primo sgabello posizionandolo davanti ai primi tre buchi nella parete e mi sono impalata senza nessun sforzo avendo la figa che al solo pensiero era già un lago.
Devo dire che le premesse per una sera stupenda, dove avrei potuto esprime al meglio quanto ero troia cerano tutte, anche il dolore procurato dalle puntine da disegno che si erano infilate nel mio sedere, mi facevano capire che ero una vacca completa essendo anche masochista.
Appena sono usciti i primi cazzoni belli neri con delle grosse cappelle, ho cominciato a leccarli e a succhiarli, fino a infilarmeli in fondo alla gola, andavo su e giù come una forsennata, emettendo gridolini di godimento soffocati da altri cazzi che si susseguivano velocemente, poi uno a uno hanno cominciato a sborrarmi direttamene in gola, certi li ho voluti sulle mie tettone strizzate dagli elastici.
Dopo un’ora avevo certamente spompinato tutti e 30 cazzi dei miei amici negri, però ne contavo di più, infatti cominciavano a uscire dai buchi, solo cazzi bianchi piccoli e grandi, di tutti i sapori, dalla pipì ad altri veramente nauseabondi.
Io vi confesso non mi sono fermata ma ero perplessa, ovviamente sempre impalata sui due cazzi fino in fondo, quando ho chiamato mio marito, di venire subito, è entrato credendo che stessi male, gli ho chiesto di chi erano tutti questi cazzi, lui ridendo, mi ha confessato che vedendo quanto ero felice di gustarmi cazzi e sborra, aveva chiamato della gente normale che passava dalla via, proponendogli di entrare in questo garage, mettere i loro luridi cazzi in quei buchi, dicendogli che cera una ninfomane che gli avrebbe spompinati e bevuto la loro sborra.
Alla fine della ne ho spompinati altri 34, per un totale di 64 bevute di sborra .
Finita la serata, con le mandibole che mi facevano male e il culo segnato dalle puntine da disegno, a malincuore, mi sono tolta dalla salda presa dei due grossi e nodosi cazzi, che mi avevano stimolato e fatto venire varie volte, per ritornare a casa, togliermi i grossi e dolorosi elastici alla tette e farmi una lunga doccia rinfrescante.
Mio marito asciugandomi, mi ha anticipato che prima della monta dei doberman, aveva già organizzato la settimana prossima, una gang bang con una decina di negri pronti a farmi godere come una pazza ninfomane, ma che dopo sarei stata oggetto di un sadico, specializzato in penetrazioni, con vari oggetti di tutte le misure e fattezze, tutto questo a grande richiesta di un certo pubblico pagante di fedeli mie spettatori.

5
3
Mauro57

Leave a Reply