;

Ad Anna piace bere

383 0

Il desiderio erotico è alla base di ogni rapporto umano. Io sono una fetish drunker, una ragazza lesbica a cui piace da morire far ubriacare le donne. Questo è il mio fetish, non sono l’unica. Adoro frequentare i bar e vedere se ci sono donne a cui piace alzare il gomito. Il mio sogno è conoscerne una che sia quasi alcolizzata, portarla a casa e fare l’amore con lei. Adoro che sia ubriaca. Che sia ubriaca e si lasci andare, che non sappia quasi cosa sta facendo. E’ la componente fondamentale. Che cosa accade in un corpo umano quando riceve dosi notevoli di alcool? Vi sono diversi livelli, ma la cosa più bella è ubriacare una donna che in condizioni normali non farebbe mai le cose che invece è disposta a fare da ubriaca. Questa è la base del rapporto erotico nel drunk fetish.

Andrea era entrato nel bar da solo dieci minuti. Vide una ragazza che beveva con delle amiche, beveva vino e si offrì per pagare il prossimo giro. La ragazza non si fece pregare. I giri furono parecchi ed alla fine tutto il gruppo di ragazze era abbastanza allegro. Ma soprattutto a lui interessava Anna. Questo il nome della bella ragazza. Le promise che se lo accompagnava a casa sua le avrebbe offerto dei cocktails speciali di sua invenzione. La ragazza era già piuttosto brilla e dobbiamo dire che non si fece pregare.
Nel tragitto a casa il suo camminare incerto rivelò che era già abbastanza piena di alcool. Ma la serata naturalmente era ancora piuttosto giovane.
‘Cara Anna, mi piace molto vederti bere in modo così gioviale. Devi sapere che io adoro le ragazze che bevono troppo.’
‘Come?’, la ragazza rise con allegria e spensieratezza.
‘Tu ami bere ed ubriacarti parecchie volte la settimana?’
‘E certo, io sono un’ubriacona.’
Arrivarono al cancello, la fece entrare, la sorresse in alcuni passaggi negli scalini perché Anna naturalmente alticcia non aveva un completo controllo del suo equilibrio.
Vino, vodka e birra furono posati sul tavolo del soggiorno in quantità. Per prima cosa Andrea versò ad Anna un bicchiere pieno di vino rosso.
La ragazza lo bevve con allegria.
Aveva i capelli castani, mediamente lunghi. Una terza abbondante, occhi blu e sicuramente era una bella ragazza.
Andrea torno a riempirle il bicchiere. Anna rise evidentemente brilla.
‘Ti piace questo vino?’
‘Sì, davvero tanto buono.’
‘E’ un’ottima annata, vino di Sicilia. Vorrei fartene bere una quantità.’
‘Sei davvero birichino’, disse la ragazza con voce leggermente biascicata.
Andrea cinse alla ragazza la vita con la mano sinistra.
Le sbirciò il decolleté e non poté fare a meno di sentire il suo cazzo nei pantaloni diventare turgido.
‘Sono parecchio brilla, forse non dovrei più bere.’
‘Prometto di fare il bravo boy scout.’
‘Sono io che ubriaca non prometto di fare la brava’, disse la ragazza mettendosi a ridere in modo civettuolo e anticipatore.
Andrea le versò un altro bicchiere abbondante.
‘Mi piace il vino, te ne sarai accorto.’
‘A me piace da matti vedere bere.’
Anna gli schioccò un bacio sulla guancia. Rise.
‘Devo stare partendo, non so nemmeno perché ti ho dato questo bacio. So solo che sei molto carino.’
‘Sei davvero tanto sexy.’
‘Anche parecchio alticcia e furbacchiona’, disse Anna ridendo.
Le versò un altro bicchiere di vino rosso, essendo questo di nuovo vuoto.
‘Sto davvero bevendo troppo’, disse Anna verso se stessa più che all’uomo, ma sicuramente con tutt’altro che l’intenzione di smettere ora.
Gli diede un altro bacio sulla guancia.
‘Sei molto affettuosa.’
‘Più bevo e più lo divento’, disse lei ridendo e trattenendo all’ultimo momento un rutto.
Rise per la comica della situazione, ed anche perché per molte ragazze quando bevono fino ad un certo punto comincia una ridarella incontenibile.
‘Sai, sono uno studioso dell’ubriachezza femminile, potremmo dire che sono una specie di scienziato.’
‘Questa è davvero nuova’, disse trattenendo a stento le risate la ragazza.
‘No dico davvero’, disse Andrea riempiendo il bicchiere di nuovo vuoto, ‘adoro vedere la reazione del corpo umano femminile quando l’alcool in corpo comincia ad essere a livelli di guardia. Amo vedere tutte le varie fasi dell’ubriachezza, dalla semplice lievissima alterazione agli stati più avanzati della cosiddetta intossicazione da alcool.’
‘Il vino sta facendo effetto’, disse la ragazza.
‘Mi vuoi baciare ancora?’
La ragazza stavolta baciò Andrea sulla bocca, un bacio tutt’altro che casto, ma ancora non volle dargli la lingua.
Rise distogliendosi dal bacio prima di perdere il respiro.
‘Povera me, devo essere davvero ciucca. Colpa tua che mi hai continuato a riempire il bicchiere.’
‘Ho solo sottostato al tuo desiderio di bere, cara Anna. Lo sai che sei bellissima con queste gote così rosse? Inoltre il tuo alito che sa di vino e del tuo profumo naturale mi sta mandando in sollucchero.’
‘Sono ubriaca credo, ma per sincerarmene versami ancora un bicchiere. Questo vino è squisito’, e Anna rise di nuovo.
Andrea si avvicinò di più ad Anna, le era già addosso.
Lei stava svuotando il bicchiere senza cerimonie. Ruttò, questa volta senza trattenere nulla.
‘Signorino, mi hai fatto bere troppo.’
‘Sei bellissima.’
‘E tu sei troppo galante, dai versami ancora del vino che comincio a prenderci davvero gusto.’
Ruttò di nuovo.
‘Oddio, sono sbronza.’
‘Che ne dici di darmi un bacio per ogni nuovo bicchiere?’
‘Ti dico che sono ciucca.’
Gli schioccò un bacio con le labbra, facendogli sentire la sua saliva dolce sulle labbra. Pregustò altri baci sempre più lascivi mano a mano che l’alcool sarebbe entrato in circolo nella ragazza.

Sondaggio dedicate a tutte le femminuccie che mi leggono. Vi piace bere? Lo farete mentre una scrittice od uno scrittore vi stanno intervistando? Scrivetemi a sbronza82@yahoo.it dandomi la vostra opinione favorevole o contraria e verrete accettate in un club esclusivo per coloro a cui piace davvero il drunk fetish.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.