;

L’orgia ai tempi del fascismo- Parte prima

Italia 1932. Rossella e Franco erano una coppia bella ed agiata. Entrambi avevano superato la trentina, conservando comunque un notevole fascino. Alla loro felicità mancava solo un figlio, che non arrivava a causa della sterilità di Franco.
Un giorno, mentre stavano pranzando tranquillamente, sentirono qualcuno bussare con forza alla porta posteriore della casa. Aprendo, si trovarono davanti due uomini feriti più o meno gravemente, che chiedevano di entrare. Stavano scappando dalla polizia fascista, avrebbero potuto causare loro dei seri problemi, ma entrambi decisero di accoglierli e di curarli come meglio potevano.
I due uomini vennero dunque nascosti nella cantina e Rossella divenne un’infermiera attenta e precisa.
I due uomini erano sulla quarantina, robusti, ma non grassi e piuttosto piacenti, nonostante le loro ferite.
Un giorno, mentre Rossella medicava le ferite di uno dei due, si accorse di un rigonfiamento all’altezza dell’inguine sotto il lenzuolo.
Dato che quest’ultimo dormiva, la curiosità prese il sopravvento e decise di spostare il lenzuolo per vedere di cosa si trattasse.
Rossella non era una santa, ma la sua esperienza nel sesso si limitava a quello coniugale con Franco, che dopo la scoperta della sterilità di lui, era venuto quasi a mancare del tutto.
Rossella sollevò dunque il lenzuolo ed abbassò le braghe dell’uomo, trovandosi davanti un cazzo di notevoli dimensioni. Era barzotto, grosso e con una cappella pulsante.
Al confronto quello di Franco, che pure era normale, sembrava una carotina. Provo’ a toccarlo, appoggiando la punta delle dita sulla cappella, ma l’uomo si levò di scatto dal letto, guardandola con aria interrogativa. Rossella arrossì fino alla punta dei capelli e stava alzandosi per andare via, quando si senti’ afferrare per un braccio. L’uomo la fece risedere e le portò la mano al suo pube. Lei era un po’ disorientata, voleva andare via e tirarsi fuori da quella situazione. D’altra parte la curiosità era tanta quanta la paura di essere scoperta e questo tipo di trasgressione, che non aveva mai provato, le dava il coraggio di osare cose che non avrebbe mai fatto prima. Alla fine decise di toccare quel cazzo così grande, afferrandolo con decisione e provocando all’uomo un fremito. Rossella iniziò ad accarezzare quel pene con delicatezza. Nel sentire i gemiti dell’uomo crebbe anche la sua eccitazione e divenne più sfrontata, cominciando a segare quella verga che si induriva sempre di più. Ad un certo punto una mano dell’uomo spinse la testa di Rossella vicino alla cappella. Lei non sapeva bene come comportarsi, non aveva mai fatto nulla del genere,a decise di assaggiarlo. Con la punta della lingua lecco’ il forellino all’apice della cappella e senti’ l’uomo sussultare. Questo le diede il coraggio di continuare e prendere in bocca tutta la cappella. In fin dei conti era come un gelato, anche se le riempiva tutta la bocca, e inizio’ a succhiarla, a leccarla, ingoiando sempre più quel cazzo incredibile.
Si sentiva la bocca piena, la cappella le arrivava in gola, ma non voleva desistere. In quel momento l’uomo prese l’iniziativa e afferratale la testa inizio a scoparle la bocca, prima lentamente, poi sempre più velocemente. Rossella si sentiva quasi soffocare, ma non poteva che subire questo assalto, fino a che non avverti’ un fiotto di sperma caldo annaffiarle la gola. Non sapendo cosa fare, ingoiò tutto. Vide l’uomo riaccasciarsi a letto, il volto disteso, quasi sollevato, mentre in lei cresceva l’imbarazzo di ciò che aveva fatto.
L’uomo a quel punto la guardo’ e le disse che le avrebbe reso il favore. Lei era disorientata, ma si lasciò guidare da lui che la stava facendo sedere ai piedi del letto, tirandole su la gonna fino a scoprire delle calze autoreggenti e delle brache di pizzo bianco. Le sfilò le mutande e le fece spalancare le gambe. Lei lo assecondava con un po’ di imbarazzo e tanta curiosità. Lo vide allora chinarsi con il volto sulla sua fica e annusarne il profumo tra la leggera peluria che la copriva, poi baciare le labbra e dare un colpo di lingua sul clitoride. Quello la fece trasalire, come se un fulmine le attraversasse il cervello, e spalancò ancora di più le gambe desiderosa di provare ancora quel brivido.
L’uomo iniziò a baciare il monte di Venere e le grandi labbra, inizio a leccare ed a succhiare e Rossella iniziò a gemere sempre più forte. Franco era al lavoro, non l’avrebbe sentita nessuno, così si lasciò andare.
Con una mano arrivo’ al seno, sbottonandosi la camicetta e tirandolo fuori. Solleticò il capezzolo, lo strinse, lo torturò continuando a gemere, mentre l’uomo le stava ormai scopando la fica con la lingua. Sentiva il piacere crescere in lei, la fica riempirsi di umori e diventare bollente. Un ultimo colpo di lingua lo toccò proprio nel suo punto più sensibile, in alto all’ingresso della vagina, facendola esplodere in un orgasmo violento.
Quasi svenne sul letto, accasciandosi e lasciando le gambe oscenamente aperte e la fica colante di umori. L’uomo a quella visione si riprese, la afferro’ per i fianchi e la tiro’a se’. La sua enorme cappella premeva sulle labbra già lubrificate di lei, facendo comunque fatica ad entrare. Rossella intanto presa dall’estasi lo lasciò fare fino a che non senti’ la grossa verga aprirle lentamente la fica. Era dolore e piacere al tempo stesso. Non si era mai sentita così piena. L’uomo le si mise sopra, appoggio’ le braccia al materasso ed iniziò a scoparla. Nonostante cercasse di controllarsi, la voglia e la lunga astinenza presero il sopravvento ed iniziò a spingere senza ritegno, quasi sfondandole la fica. I lamenti ed i gemiti di lei non facevano che eccitarlo e fargli aprire sempre più violentemente quella passera stretta e bagnata.
Al momento di venire, uscì e sparse il suo seme sul ventre di Rossella che veniva ancora e ancora.
Finita la scopata i due si accorsero che l’altro uomo nella stanza li stava guardando da un po’. Aveva l’aria compiaciuta e divertita, ma l’eccitazione gli si leggeva negli occhi. Voleva possedere quella donna come il suo amico, così le si avvicino’ e la guardo negli occhi, mentre scopriva la sua verga altrettanto grossa, ma un po’ più corta. “Ora che ti ha aperto lui” disse indicando il suo amico “con me non avrai problemi”. Rossella era eccitata, ma anche un po’ spaventata, la voce dell’uomo aveva un che di sadico che non la convinceva. Non ebbe il tempo di pensare a lungo, visto che l’uomo l’afferro’ per i capelli e la porto’ sul suo letto, la sbatte’ a pecorina sul bordo, si sputò sul cazzo per lubrificarlo e tutto d’un colpo glielo mise dentro. Rossella emise un urlo, ma l’uomo le tappo’ la bocca con una mano ed inizio ad insultarla mentre la scopava “Sei una troia. Ho visto come ti dimenavi con il mio amico. Sei così fradicia che non dovevo neanche sputarmi sul cazzo”. La scopava sempre più forte, spingendosi sempre più su di lei e bloccandola con il suo peso. Rossella era spaventata, ma sentiva anche una forte eccitazione crescere in lei e se ne vergognava. Quest’uomo era forte, durava molto più dell’amico e sapeva esattamente come farle provare piacere. L’altro uomo, che si era ripreso dall’orgasmo, intanto si menava il cazzo a vedere quella scena: una donna bellissima e sensuale appoggiata al letto con le gambe spalancate ed il cazzo del suo amico che la scopava senza pietà facendola gemere e mugolare nonostante le coprisse la bocca con una mano. Entrambi stavano raggiungendo il piacere, lei non fece in tempo a dirgli di uscire che lui le venne copiosamente nella fica inondandole l’utero di sperma caldo.
Lei lo seguì poco dopo con un orgasmo altrettanto forte e i due rimasero così sdraiati sul letto, esausti e soddisfatti.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.