;

Sara – 05 – Il compagno di scuola

2 0

Con Sara le cose andavano a meraviglia, gli avanzamenti di carriera che aveva avuto sia lei che suo marito avevano generato un notevole aumento di lavoro e di responsabilità, ma anche di guadagni, e questo la rendeva più serena. Franco, inoltre, era diventato responsabile di un’ agenzia che stava abbastanza lontana, per cui Sara aveva più “spazio di manovra” per gestire gli incontri con me e (molto di rado, invero) con Gianni.

Un giorno mi venne un’ idea: avevo un amico, Erminio, compagno di banco delle elementari, scapolo d’ oro, ben conservato, di cui, in gioventù, dicevano che aveva il cazzo più lungo della città; decisi di invitarlo, una bella gita a Roma non poteva che fargli piacere. Ne avevo accennato a Sara, rimarcando il discorso del cazzo:

“Tu che sei così appassionata di cazzi grandi, con lui ti potresti cavare la voglia!”

“Ma cosa ti sei messo in testa! Mi piace il tuo perché mi piace stare con te; quello di Gianni mi attira perché fa delle sborrate incredibili”.

Venne Erminio, erano anni che non ci si vedeva, e poco  a poco gli raccontai di Sara:

“Vedrai, che riuscirò a fartela scopare, così non ti lamenterai dell’ ospitalità del tuo vecchio amico!”

Chiamai Sara con l’ intenzione di invitarla a casa mia perché conoscesse Erminio.

“No, no, caro mio! Non vengo a casa tua! Tanto lo so che vuoi farmi scopare da lui, ma io ormai ho mangiato la foglia e non mi faccio più fregare! Se vuoi andiamo da qualche parte, facciamo due belle chiacchiere e così potrò conoscere questo “Erminio cazzo lungo”” Non si capiva mai se era seria o no, quando parlava così. Allora, mi venne un’ idea:

“Potremmo andare a Capocotta! Lì di sicuro non può succedere niente.”

“Figurati se non mi facevi una proposta indecente! È più forte di te! Comunque non ci sono mai stata, andiamo. Tanto siamo in pubblico e non mi potete fare niente di sicuro!”

Spiegai a Erminio che Capocotta è una spiaggia a sud di Ostia dove vanno molti nudisti: è frequentatissima da gay, ma anche da singles e coppie eterosessuali e c’ era la possibilità, neanche tanto remota, di assistere o vivere qualche situazione “interessante”. Erminio era un po’ perplesso, non era mai stato in una spiaggia nudista, ma lo rassicurai dicendogli, ridendo,  che se erano vere le voci che giravano su di lui quando eravamo giovani, non avrebbe avuto problemi di “ambientamento”.

Ci trovammo all’ appuntamento con Sara, salì sull’ auto e ci avviammo. Dopo le solite presentazioni, convenevoli e argomenti standard, lei cominciò:

“Certo che tu sei incorreggibile! Sembra che l’ unica cosa che ti interessa è portarmi alla perdizione. Non perdi occasione per farmi fare cose che mai penserei di fare. Per esempio, sono sicura che se fossi venuta a casa tua, mi sareste saltati addosso come due lupi! Ma io non sono quel tipo di ragazza!”

“Beh, non mi sembra che sia sempre su mia istigazione che fai certe cose!” Mi lamentai.

“Ma cosa stai dicendo!! Sempre e solo su spinta tua avvengono certe cose!”

“Non mi sembra proprio. Non mi dirai che sono stato io a dirti di spompinare i tuoi due colleghi a Milano!”

“Ma cosa c’ entra! Mi sono trovata in una situazione che non avevo previsto e mi sono trovata coinvolta mio malgrado!”

“E Gianni l’ hai scopato perché te l’ ho ordinato io?”

“Sai perfettamente che la prima volta è stato perché mi aveva fatto bere!”

“E le altre volte?”

“E’ stato per vendicarmi di come mi aveva trattata!

“E’ una vendetta abbastanza lunga, visto che dura ancora!!” le dissi ridendo.

“Lo sai cosa mi piace, non farmelo dire davanti a Erminio, mi vergogno!”

“Non mi ricordo quando ti ho spinta a fare un pompino con l’ ingoio al tuo amico quando sei andata all’ addio al nubilato di Ester?”

“Come sei!!! Avevo bevuto, eravamo tutti allegri, mi sono trovata in macchina con quello che quasi non me ne ero accorta e non potevo più tirarmi indietro.”

“Hai più sentito l’ animatore del villaggio che ti ha montato quest’ estate?” insistetti beffardo.

“Ero incazzata con mio marito, e poi mi sono pentita!”

“Il tuo ex, quando l’ hai incontrato un mese fa ti ha dato solo un bacino o ti ha dato una ripassata per ricordare i vecchi tempi?

“E’ perché è un porco, quasi come te; e poi non sono ancora riuscita a dimenticarlo del tutto, per cui quando lo vedo, se mi propone di fare qualcosa, non riesco a dirgli di no”

“E il pompino che hai fatto l’ altra settimana a quello che ti ha strusciato il cazzo sul culo sul bus?”

“E’ stato un attimo di follia! E poi lui era così bello! Era impossibile resistere! E comunque, smettila di fare lo stronzo: è colpa tua! Sei stato tu ad inculcarmi il tarlo della trasgressione, prima di conoscere te, avevo pensato solo qualche volta a fare qualcosa che era sideralmente lontano da quello che mi fai fare tu. Mi hai fatto diventare un troione da porto, questa è la verità!”

Erminio rideva divertito a queste schermaglie e la conversazione andò avanti su questa linea finchè arrivammo.

Non c’ era molta gente, alcuni uomini soli, un paio di coppie, nulla di particolare. Ci mettemmo sulla sabbia, Erminio vinse la sua riluttanza e, finalmente, apparve il suo “gioiello”; io non glielo avevo mai visto, ne avevo solo sentito parlare; in effetti era notevole, totalmente a riposo era già di “stazza” apprezzabile. Sarà lanciò un lungo sguardo di valutazione. Mettemmo, a turno, la crema sul corpo di Sara con salaci commenti di lei su quelli che, diceva lei, erano i pensieri che ci passavano per la testa; il cazzo di Erminio cominciava a prendere forma, il mio anche, tutto procedeva tranquillamente.

Ad un certo punto assistemmo ad un episodio curioso: arrivò una ragazza, circa 25 anni, biondina, carina, che si mise a circa 20 metri da noi e si mise a prendere il sole nuda. Dopo circa 5 minuti arrivarono due ragazzi, anch’ essi nudi: uno era normale, l’ altro era una specie di mostriciattolo: magrissimo, abbastanza alto, di una bruttezza quasi incredibile, con una faccia e denti da cavallo, con un modo di parlare da handicappato, ma con un cazzo al limite del credibile: a totale riposo sarà stato lungo 25 cm e con un diametro di 7/8 centimetri. Questi due ragazzi  si misero davanti alla ragazza, a circa 5 metri, ed il mostriciattolo comincio a muoversi simulando una danza e muovendo il cazzo in maniera ossessiva; cantava, nello stesso tempo, una filastrocca oscena (non ricordo, ma qualcosa come “Guarda puttanella, vieni e succhia sta cappella” cose così….). Dopo alcuni minuti dissero alla ragazza: “Noi andiamo, se vuoi siamo più in là!” Passarono cinque minuti e la ragazza prese le sue cose e si diresse proprio dietro ai due ragazzi: cosa sarà successo?

Sara aveva seguito con interesse quello che era accaduto, facemmo qualche commento, eravamo tutti un po’ eccitati, e decidemmo di fare un bagno. Ovviamente approfittammo dell’ occasione per giocare con Sara, che si lasciava fare volentieri: in particolare sembrava apprezzare le attenzioni di Erminio che ormai sfoderava senza problemi la sua arma: in effetti era notevole, grosso più o meno come il mio, ma più lungo di 4 o 5 centimetri.

Passammo un paio d’ ore così, sulla spiaggia, facendo qualche bagno, giocando un po’. Poi decidemmo di andarcene; bisognava accompagnare Sara a Fiumicino, dove vive, e da lì il tragitto era breve. Subito dopo essere partiti, Sara, che era seduta davanti, volle andare dietro con Erminio, per conoscerlo meglio (disse); il tempo del tragitto fu breve ma sufficiente perché la mia Saretta potesse fare un bel pompino al suo nuovo amico.

Il giorno dopo mi telefonò: “Quando parte Erminio?” mi chiese

“Dopo domani”

“OK, oggi non posso venire, ma domani passo da te, così lo saluto”

Venne, io avevo immaginato il solito gioco a tre, che tante volte ho fatto in vita mai, cominciando sul divano, prime carezze, primi bacetti ,etc; però questa volta mi resi conto dopo cinque minuti, che lei voleva Erminio. Qualche volta mi aveva accennato al fatto che era incuriosita dai cazzi grandi, per cui, visto che ne aveva uno veramente notevole a disposizione, non voleva perdere l’ occasione! Mi tolsi di mezzo e li lasciai fare. Quando se ne andò mi salutò con un bacetto, ma poi mi mandò un SMS:

“Con Erminio è stato bello, però tu sei sempre il mio Zio Paolo. Ti amo” Mi fece molta tenerezza.

Poche settimane dopo Erminio, tutto terminò, o meglio il mio rapporto con Sara entrò in un’ altra dimensione. Mi disse, infatti, che lei e Franco avevano deciso di avere un figlio e che quindi lei preferiva sospendere tutti i giochi per dedicarsi solo a questo. Ovviamente rispettai la sua decisione ed oggi sono a tutti gli effetti Zio Paolo. Infatti la mia Cerbiatta ha un bel pancino, è bellissima, più bella di prima se possibile, è assolutamente compenetrata nel ruolo di futura mamma e si considera più che mai la mia nipotina. Se prima era capricciosa, ora lo è dieci volte di più, se prima ero la sua spalla su cui piangere, oggi sono il riferimento per ogni momento di tristezza, allegria, riflessione. Per me è praticamente il Paradiso! Chissà se un giorno tornerà la mia Cerbiatta di un tempo, a volte lo penso quando vedo il suo sguardo che, da quando è incinta, è ancora più languido e conseguentemente non mi permette di oppormi in nessuna maniera ad ogni suo benevolo capriccio. Vedremo quello che accadrà!

Certo che se lo chiamassero Paolo, mi piacerebbe tanto………………

 

Graditi commenti al: ziopaolo1947@libero.it

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.