;

Sara – 07 – Lo zio dalla Francia

2 0

Si, il “ritorno” di Sara è stato come uno tsunami nella mia vita! Ancora oggi sono incredulo. Già mi sentivo un miracolato perché alla mia età godevo delle  grazie di una ragazza splendida come lei, lei che avrebbe potuto scegliersi i migliori amanti del mondo! Ma io non ero il suo amante, almeno lei non mi considerava così; non si sentiva in colpa con suo marito, anzi diceva che la mia presenza nella sua vita la completava, la rasserenava, le rendeva ancora migliori i rapporti, già molto buoni, con Franco.

Abbiamo ripreso il ritmo di prima, due, tre, a volte quattro volte al mese viene a casa mia, la passione è quella di sempre. Sara è forse un po’ più matura, vive il sesso in maniera più intensa, i suoi orgasmi sono più forti, più appaganti. Ho anche preso l’ abitudine di fotografarla nuda o mentre stiamo scopando, poi ho cominciato a filmare tutto. Bellissimo è, poi, rivedere tutto al PC: mi siedo davanti al computer, lei si mette  a cavalcioni sopra di me, si infila il cazzo nella fica e cominciamo a guardare. Le piace da morire, si muove per gustarsi la posizione, si eccita molto, vuole guardare anche siti pornografici, le piacciono le storie gay, non so perché.  Memore dei miei insegnamenti sulla filosofia Tantra ha cominciato a fare esercizi di contrazioni vaginali con il mio cazzo ed è davvero brava, già un paio di volte è riuscita a farmi sborrare con questa tecnica! Ormai la sodomizzazione è diventata prassi comune nei nostri incontri, la sua mente ed il suo sfintere hanno ormai accettato la novità e Sara riesce a godere molto bene anche con questa nuova pratica. Aveva cominciato, finalmente, a farsi inculare anche dal marito così per non discriminarlo…!!!

Tutto bene dunque? Non esattamente! Perché ognuno deve fare i conti con la propria natura e la mia è di essere sempre perennemente irrequieto, lo sono sempre stato e gli anni non hanno cambiato le cose. Cosa significa? Significa che questa fase idilliaca era fantastica, ma mi lasciava una sensazione di insoddisfazione, mancava qualcosa di indefinito. Avevo alcune voglie pendenti, la prima era che volevo portare Sara in un privè; come ho spesso ricordato, ho un’ autentica adorazione per questi locali, dove ho passato momenti indimenticabili e avrei dato molto per andarci con lei. La cosa era molto difficile: è vero che Sara aveva una serata libera, ma una cosa è ritornare a casa a mezzanotte per essere andata a mangiare una pizza con le amiche, un’ altra cosa è tornare alle 5 del mattino, magari strafatta di orgasmi.

Ma la cosa che più mi assillava era che Sara mi faceva impazzire quando mi raccontava certi episodi che le capitavano e che mi raccontava: tutti questi episodi avevano in comune il fatto che l’ avevano presa alla sprovvista e non aveva avuto la capacità di reagire lasciandosi, quindi, guidare da chi quell’ evento aveva provocato. Per sua natura non cercava avventure o amanti, ma se si trovava in una situazione particolare veniva presa da una sorta di paralisi emozionale, per cui si faceva fare tutto. Adesso che aveva molte responsabilità in più, nel lavoro, in famiglia con il marito ed il figlio, le occasioni perché lei si potesse trovare in una situazione un po’ “strana” erano molto poche, per cui non c’ era nulla di “stuzzicante” da vivere e raccontare. Volevo fare qualcosa, dovevo creare qualche situazione intrigante che prendesse Sara alla sprovvista, però volevo, questa volta, che lei vivesse queste nuove avventure con me presente, non mi bastava più che me le raccontasse. Non era facile, ma ci dovevo provare.

E la prima occasione venne abbastanza in fretta: da poche settimane era arrivato a Roma una specie di zio, era il fratello della suocera di Sara, Francesco. Era un omone molto grande, quasi un metro e novanta, abbastanza robusto, aveva più o meno la mia età ed era ancora ben in forma. Da molti anni era emigrato in Francia dove aveva vissuto tutta la sua vita senza sposarsi e da pochi mesi era andato in pensione. Aveva deciso di trascorrere qualche settimana in Italia come primo atto della nuova vita da pensionato ed era a Roma per visitare i parenti con i quali aveva comunque mantenuti rapporti abbastanza stretti.  Approfittando della presenza di Francesco (ormai diventato François) i parenti di Sara decisero di organizzare una festa per molte persone, per festeggiare François ed anche per il compleanno di due cugine di Sara; la festa fu organizzata non lontano da Fregene in una struttura un po’ strana, un po’ ristorante, un po’ discoteca, un po’ piano bar, tutto all’ aperto su una collina dalla quale, durante il giorno, era possibile avere una splendida vista sul mare. Essendo i due più vecchi, io e François simpatizzammo subito: in effetti era una persona gradevole, anche se il suo vocione ed il suo aspetto un po’ grossolano davano una prima impressione diversa. La serata si stava sviluppando in maniera classica, ottimo cibo, molte bevande, allegria; François ed io conversavamo divertendoci, facendo commenti di varia natura su questo e quello. François era molto generoso con se stesso nel versarsi da bere, evidentemente aveva una buona tenuta, però gli effetti poco a poco cominciavano a farsi vedere. Mi aveva chiesto come mai ero presente a quella festa, risposi evasivamente che ero amico di Sara e di suo marito, ma lasciai cadere il discorso, ma non sembrò molto convinto. Dopo un po’ François cominciò a ballare con le varie donzelle presenti in maniera abbastanza “disinvolta”, io lo seguivo con lo sguardo perché ero curioso di vedere eventuali sviluppi. Sara venne a sedersi vicino a me (ovviamente non manifestavamo nessuna intimità o familiarità) per chiedermi se tutto era OK, conversammo un po’ e ad un tratto venne François che invitò Sara a ballare. Si allontanarono verso la pista e François “pilotò” poco a poco Sara verso la parte più lontana e meno illuminata della pista e mi sembrava che stesse stringendo Sara con molta convinzione. Passò un po’ di tempo  e Sara mi si avvicinò un po’ turbata.

“Sai cosa mi ha fatto François?” Mi chiese. “Ci ha provato! Con me davanti a tutti!”

“Davvero!!??” dissi manifestando uno stupore poco genuino.

“Stavamo ballando e mi ha spinto verso la fine della pista!”

“Ho visto” le dissi.

“Poi ha cominciato a stringermi forte, mi diceva che ero diventata ancora più bella dopo aver avuto il bambino, che mio marito era fortunato a poter scopare una come me, che chissà quanti uomini mi stavano intorno, che lui per una come me avrebbe fatto pazzie, tutte queste cose mi diceva. E mi stringeva sempre più forte, sentivo il suo cazzo duro sulla mia pancia e lo strofinava, roteava per farmelo sentire bene. Poi ha cominciato a palparmi il culo, prima era una carezza ma poi mi ha ghermito le chiappe e mi attirava verso di sé. È molto forte e non potevo fare niente, che porco!”

“Ma l’ hai lasciato fare?” domandai

“Non potevo neanche muovermi, ero bloccata dalle mani dietro e dal cazzo davanti!”

“E come ce l’ ha? Enorme?” chiesi ridendo.

“E’ messo bene, credo che ce l’ abbia più o meno come il tuo!!” Un po’ imbarazzata e un po’ maliziosa.

“Beh, allora ti sei divertita!” dissi scherzando

“Avevo paura che qualcuno ci vedesse!” e mentre diceva questo vedevo che guardava verso la pista, dove François stava ballando con Erika, una cugina di Sara e era ben impegnato nella sua “opera” di avvicinamento. Sara aveva un’ aria molto seccata, anzi era quasi viola dalla rabbia e dopo aver guardato bene quello che accadeva in pista sibilò:

“Che stronzo! E che troia Erika! Guarda come si fa palpare davanti a tutti!”

“Ma che ti frega?” le dissi ”Non è mica il tuo fidanzato o vuoi l’ esclusiva per le palpate di culo di François?”

“Ma cosa c’ entra! Però non si fa così, quello ci prova con tutte, ‘sto stronzo!”.

 “Ma sei gelosa di  François? Vuoi che palpi solo te….” Incalzai ridendo.

“Ma vaffanculo!!!” mi disse inviperita e si alzò tornando nel gruppo dei parenti.

Questo episodio mi aprì gli occhi e mi venne l’ idea! Prima di andare via ebbi una breve conversazione con François, durante la quale facemmo commenti da caserma sulle ragazze presenti ma poi gli proposi di incontrarci.

“Ti farò una sorpresa che sicuramente ti piacerà. Lasciami il tuo numero di telefono e nei prossimi giorni cerca di non prendere impegni per il pomeriggio. Quando ti chiamerò dovrai essere pronto in mezz’ ora e non te ne pentirai!”. Rimase un po’ sbigottito ma accettò.

Nei giorni successivi mi misi d’ accordo con Sara per incontrarci a casa mia; normalmente non programmavamo questi incontri e soprattutto non ero io a richiederli, ma le dissi che avevo una voglia folle e che non poteva rifiutarsi. Quando suonò il citofono, avvisai immediatamente François che avrebbe dovuto essere a casa mia in 30 minuti, come avevamo già concordato.

Sara entrò, allegra come sempre, un po’ civettuola, per l’ inusualità della situazione.

“Cos’ hai le fregole? Non mi hai mai invitato una volta e oggi sembrava che se non venivo morivi!”

“Non è colpa mia se mi fai questo effetto. Il fatto è che quello che mi hai raccontato l’ altro giorno alla festa mi ha eccitato e mi è rimasto in testa, così ho deciso di chiamarti.”

“Sei sempre un porco. Basta che qualcosa di pruriginoso mi succeda e subito mi vuoi fottere!”

“Non ti lamenterai, spero”

E ci sedemmo sul divano, le preparai qualcosa da bere, conversammo un po’ perché lei si rilassasse dopo il lavoro, cominciai ad accarezzarla, prima i capelli, poi le cosce, le diedi qualche bacino, le strizzai le tette, però con calma, senza fretta. Suonò il campanello, andai al citofono, ed aprii.

“Chi era?” mi chiese

“Non ho capito” le dissi

Dopo due minuti suonò il campanello dell’ appartamento, aprii, feci cenno a François di non parlare e lo guidai nel soggiorno. Sara non sapeva nulla di lui e nemmeno François sapeva nulla di Sara, morivo dalla voglia di vedere la reazione dei due.

Quando François apparve alla porta del soggiorno e vide Sara rimase impietrito, Sara rimase letteralmente a bocca aperta e non riusciva a proferire parola.

“Sorpresaaaaa!!!!!” dissi allegramente. “Non ve l’ aspettavate, vero?”

“Ci puoi giurare che no!” disse François, mentre Sara cominciava ad avere un’ espressione un po’ ostile. E qui decisi di seguire un comportamento molto deciso, contrario a quello sempre molto gentile e disponibile che tenevo verso Sara; decisi di essere volgare, grossolano, volevo mettere Sara di fronte ad una situazione completamente nuova per lei, volevo, soprattutto, che si sentisse soggiogata da me, che non avesse la forza di rifiutare la situazione che avevo creato.

“Mi sono accorto, caro François, che Sara ti interessava molto l’ altra sera alla festa.” Dissi allegramente “E così ho pensato di fartela conoscere meglio. Sara mi ha detto che l’ hai “esaminata” bene mentre ballavi!

François era un po’ imbarazzato e non sapeva cosa dire, Sara era sempre silenziosa.

“Tu non sai che io e Sara siamo molto intimi, scopiamo già da molto tempo e non ci nascondiamo niente. Ma vieni sediamoci sul divano, vicino a Sara. È un po’ scarmigliata e ha la gonna un po’ sollevata perché mentre ti aspettavamo non ho potuto stare fermo. A proposito hai visto che belle gambe ha Sara? Poi così abbronzata è uno spettacolo!”

“Zio Paolo non fare lo stronzo” disse Sara con voce alta e un po’ alterata. Cominciai ad accarezzarle i capelli, incurante che facesse finta di respingermi, poi le diedi un bacino sulle labbra giocando un po’ con la lingua, in modo che François vedesse bene, e le accarezzai un po’ le gambe partendo dalla parte interna del ginocchio

“Perché stronzo? Ho solo detto che ti chiavo e che sei bella. In fondo François è uno di famiglia ed un uomo di vita queste cose le sa. Lo sai François che poi Sara era arrabbiata con te?”

“Perché?” Con la mano stavo risalendo verso la coscia di Sara mettendola ben in vista; lei non sapeva cosa fare, si vergognava, voleva respingermi ma lo faceva senza convinzione.

“Perché dopo che hai ballato con lei, l’ hai palpata e le hai detto un po’ di sconcezze, ti sei messo a fare lo stesso con sua cugina Erika!”

“Ah Erika, simpatica ragazza” commentò François che ormai aveva mangiato la foglia e si stava rilassando “Comunque, se è per quello, Erika me la sono anche scopata!” disse ridendo.

“Quella puttana! ” ringhiò Sara 

“Ma scusa” le dissi “A te cosa importa? Sei gelosa di Erika? E perché? Guarda che mi dovrei incazzare io non tu!”

“E’ una troia, e basta!”

“Ma allora ti piace François” continuai facendo cenno a François di darsi da fare con l’ altra gamba di Sara.

“Allora le palpate che ti ha dato l’ altra sera ti sono rimaste addosso, ti hanno fatto venire voglia del suo cazzo. Mi hai detto che l’ hai sentito bene sulla pancia, che era bello duro e grande, come piace a te!”.

François  aveva cominciato anche lui ad accarezzare le cosce di Sara e le accarezzava anche i capelli; lei non sapeva cosa fare, era un po’ rigida, ma chiaramente intrigata dalla situazione. Le baciai il lobo dell’ orecchio, con la mano arrivai a toccarle il pelo sotto le mutandine, François la stava sbaciucchiando sul collo dall’ altra parte e le palpava una tetta. Le presi la mano destra e la misi sul mio cazzo, lei lo accarezzò, poi lo ghermì.

“Senti come è duro, proprio come piace ate! Chissà se ce l’ ha duro anche François. Perché non provi a verificare?” Mi guardò con uno sguardo strano, tra il supplicante e l’ illibidinito, la baciai con forza, con un grande lavoro di lingua, e poi le feci cenno con gli occhi di muoversi. Allungò la mano, la posò sul cazzo di François, lo prese in mano attraverso i pantaloni.

“Ce l’ ha duro?” Non rispose, solo assentì. “Come l’ altra sera?” Ancora assentì, sembrava quasi un automa.

“Allora tiralo fuori, così puoi vederlo finalmente!” Esitò un attimo, poi si spostò un poco da me, aprì la cerniera con calma, infilò la mano, fece un po’ fatica ma alla fine la mano uscì con il cazzo in mano: era grande più o meno come il mio.

“Non male, vero? Ti piace?” Ancora un assenso e poi ci fu il gesto di resa di Sara. Si girò  verso di me, mi baciò sulla bocca e poi si lasciò cadere sullo schienale del divano: era un gesto di resa totale e di totale offerta. Cominciammo a toccarla dappertutto, a smanacciarla senza ritegno, sparì la camicetta, le tette subito furono liberate e François si avventò a baciarle, le tolsi la gonna, le mutandine; era nuda ed in nostra balia.

“François spogliati che Sara vuole vederti nudo, vuole succhiarti il cazzo, glielo leggo negli occhi. Questa è una troia come nessuno, tu non lo sai, ma io che me la fotto da anni so quello che dico. Questa per un cazzo in più potrebbe anche ammazzare. Oggi dobbiamo farla divertire, la dobbiamo far godere come mai ha goduto.” Mentre dicevo queste nefandezze, Sara era imbambolata ma eccitatissima, la sua fica era fradicia, i suoi capezzoli svettavano turgidi come non mai. Quando François fu nudo dissi a Sara di darsi da fare: si accoccolò per terra in mezzo alle gambe di lui e cominciò uno dei suoi sontuosi pompini.

Approfittai del pompino per alzarmi, andai a prendere la video camera, la posizionai in una posizione strategica e la misi in azione, mi spogliai anch’ io e mi sedetti ancora vicino a Sara, che aveva finito di succhiare e stava facendosi lavorare per bene da François.

Però non volevo che il primo a scoparla fosse lui, per cui mi misi anch’ io a toccarla, carezzarla, baciarla, lei era totalmente abbandonata a quelle carezze, dedicava le sue attenzioni alternativamente a me e a lui; poi, però, la presi e glielo infilai senza preamboli. La stantuffai con forza deciso, però, a non sborrare, volevo avere per lei energie infinite, quel giorno; ebbe un primo orgasmo subito, come sua consuetudine, ma poi la lavorai sentendo che il secondo orgasmo stava lievitando lentamente ma inesorabilmente; quando esplose nel godimento, la lascia a François.  Senza alcuno sforzo sollevò Sara, la posò sul bracciolo del divano e la infilò stando in piedi. Cominciò a bombardarla di colpi di cazzo, facendo un rumore fantastico ad ogni impatto del suo cazzo contro il pube di Sara. Era una scena fantastica!

“Sarai contenta, lurida puttana!” cominciai ad urlare. “L’ altra sera eri viola dalla rabbia perché palpava tua cugina, prima quasi sei schiattata perché hai saputo che l’ ha scopata, ma adesso è qui che ti sta montando. Si montando, è il termine giusto per una vacca come te. Dalle tutto quello che si merita, François, ma non venire. Adesso scopala per un po’, poi, quando vorrai, girala e inculala. Si, perché questa lurida cagna lo prende anche in culo, cosa credi? Se c’ è da fare la puttana lei non si fa certo pregare. L’ ho inculata da poco, ma ha già preso il ritmo e ci da giù alla morte. Anche da suo marito si fa inculare, adesso, per non perdere il vizio.”. François non se lo fece ripeter due volte, girò Sara (era bello vedere con quanta facilità quell’ omone maneggiava il corpo di Sara, che abbastanza piccolina) e prese il suo culo tra le mani: sembrava quasi commosso di avere quel ben di Dio a sua disposizione. Io gridavo, François grugniva e Sara non diceva nulla, solo emetteva gemiti di piacere e, quando veniva, ululava addirittura per manifestare il suo godimento.

“E’ un gran bel culo, vero?” gli dissi. “Lubrificalo un po’ prima di sfondarglielo, alla cagna!!!” da vecchio porco stagionato lui si piegò su quel culo divino, con i due pollici divaricò le chiappe e con la lingua cominciò a leccare il buco del culo, pratica che Sara adora; e manifestò subiti il suo piacere con sussulti e gemiti. Poi, con calma, posò la cappella all’ imboccatura e cominciò a spingere, aiutandosi con le mani (anzi manone) per divaricare un po’ il passaggio. In breve fu tutto dentro, ormai Sara era più che collaudata! Cominciò un’ altra tremenda sfilza di colpi di cazzo, François si stava scaldando ed i suoi grugniti erano sempre più forti accompagnati da espressioni in uno strano “slang” italo-francese che, comunque, trasmettevano insulti e passione incontenibili. La pompò a lungo, mentre io guardavo, riprendevo nei dettagli l’ inculata, incitavo i due a darci dentro alla morte.  Poi François si fermò, prima di sborrare, come gli avevo detto.

Ci sedemmo tutti e tre, Sara in mezzo brancicata con tenerezza ma con molta decisione  da tutti e due; volevo che ci rilassassimo un pochino prima dell’ affondo finale.

“Sentimi bene François! Adesso dobbiamo dare a Sara il colpo finale! Le facciamo fare una cosa che non ha mai fatto. Adesso io mi metto seduto sul divano, lei si mette a cavalcioni su di me e si mette il mio cazzo nella fica e tu da dietro e in piedi glielo metti nel culo. Faremo un po’ di fatica ma ci riusciremo. Poi cominciamo a pomparla. Dobbiamo sincronizzare bene i  movimenti, voglio che la penetrazione dei due cazzi sia armonica e fluida. Così la portiamo a godere alla grande. Lei ci piloterà i movimenti, prima perché non voglio che le facciamo male, ma, soprattutto, perché voglio che lei ci dica quando sta per godere. Noi dovremo resistere fino a che non godrà lei, così potremo avere un orgasmo simultaneo tutti e tre. Sei d’ accordo?”

“Certo” rispose lui con entusiasmo.

“Hai visto come il tuo Zio Paolo pensa a te? Anche se sei un puttanone da combattimento?” le dissi baciandola con tenerezza. Lei mi guardò con gli occhi dolci e mi disse solo: “Grazie.”.

Così facemmo, la penetrazione non fu semplice, dovevamo pur sempre infilarle due grossi calibri, poi la sincronizzazione dei movimenti ha richiesto un certo impegno, ma infoiati come eravamo avremmo mantenuto quell’ erezione imperiale per ore! Poi però, una volta preso il ritmo le cose andarono egregiamente. In verità Sara si adattò quasi istantaneamente a quella nuovissima situazione ed ebbe un orgasmo rapidissimamente e poi continuò ad assoggettarsi alla doppia con totale trasporto.

François continuava a martellare con forza, urlando quasi, diceva parole incomprensibili però piene di libidine, io mi ero spostato un po’ sul fianco per potermi muovere un po’ ed essere più efficace nella scopata, Sara era appoggiata a me con la bocca sulla mia, concentratissima a ricevere tutto il piacere possibile. Mi abbracciava con forza, era quasi aggrappata a me, sentire i suoi gemiti, il suo respiro affannato, il suo sudore direttamente sul mio viso era una delizia senza pari; di tanto in tanto la baciavo, la lingua in bocca perlustrando il suo palato, cercando la sua lingua; lei si lasciava fare, sempre più abbandonata alla furia della doppia scopata che stava ricevendo.

La monta andò un po’ per le lunghe, ma alla fine arrivò il momento. Stavamo pompando ormai in silenzio, si sentivano solo i respiri affannati di tutti e tre, i colpi dei nostri corpi contro quello di Sara. Ad un certo punto lei disse concitatissima:

“Sto venendo” Io ero già pronto, era da un po’ che mi stavo trattenendo

“François, tu sei pronto?” “Si!” grugnì quasi con rabbia.

E l’ orgasmo arrivò, fantastico, intensissimo, liberatorio, tutti e tre insieme. Un momento divino, alla mia età era la prima volta che mi succedeva! Eravamo totalmente abbandonati: io sotto di tutti sentivo il peso degli altri due, Sara era appiccicata a me, mi stringeva il collo con le braccia e il viso sul mio, François abbattuto su Sara (e su di me…) completamente privo di forze, i respiri ansimanti, i sensi soddisfatti. Raramento ho vissuto momenti di così alta intensità erotica.

Lentamente ci sciogliemmo da quella complicata posizione, rimanemmo seduti sul divano per un po’ di tempo, per riprendere fiato ed energie. Nessuno parlava, non c’ era molto da dire.

Poi Sara mi si mise tra le braccia, come una bambola, François capì che era arrivato per lui il momento di andare, si vestì velocemente, ci salutò e sparì. Io e Sara rimanemmo per un po’ in quella posizione, parlando pochissimo, un momento di dolcezza infinita….

Quando se ne andò le dissi: ”Abbiamo passato un pomeriggio fantastico, però adesso voglio che tu, questa sera, faccia l’ amore con Franco e ti faccia inculare. Voglio che per la prima volta possa dire che hai preso tre cazzi in culo in un giorno.A che ora andate a dormire in genere?”

“Verso le 11.30.”

“Bene, oggi cerca di anticipare un po’, diciamo le 11. Penso che un’ ora ti basti per fare tutto, per cui a mezzanotte vorrei ricevere da te un SMS in cui mi dici solo “FATTO”. OK?” Come sempre ubbidiente assentì. La baciai e se ne andò a casa    

Quella sera mi sentivo benissimo, rilassato, sereno, soddisfatto, sicuro che avevamo messo il seme per qualcosa di bello: non era stata solo una scopata, era stato un atto di sublime complicità. Ero già a letto quando mi arrivò un SMS; era da poco passata mezzanotte; diceva:

“FATTO! Sei un porco e io ti amo”. Sorrisi felice nel buio e mi abbandonai ai pensieri più dolci.

Graditi commenti al: ziopaolo1947@libero.it

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.