;

Week End a Roma

E’ venerdì sono rimasta a Roma per lavoro e ho approfittato del Weed End rivedere la mia amica Federica. Mi sveglio nel mio albergo sono devastata dalla serata passata con lei. Abbiamo parlato ballato e bevuto tutta la notte. Federica prima di lasciami mi ha raccontato di un suo amico nero del quale ne parlava in termini entusiastici.

“Vedrai, ha un cazzo impressionante ed ha una resistenza pazzesca, con lui mi diverto alla grande, lo dovresti provare, sei qui a Roma io domani sono a lavoro e in qualche modo ti devi divertire noo???.”

Federica e’ incredibile parla di quel ragazzo come uno oggetto. Chiaramente io gli dico che non c’era bisogno ma la cosa mi incuriosiva un po’. Sono nuda tra le lenzuola e penso a quello che mi a detto Federica, guardo l’orologio sono le 11:00 tardi per fare collazione in albergo, decido di farmi una doccia. Mentre sono sotto la doccia mi arriva un messaggio, e’ di Federica mi aspetta al bar vicino all’ albergo perché ha una sorpresa per me. 

La incontro al bar e’ in compagnia di un ragazzo di colore, bello, labbra carnose, muscoloso, alto, poco più che ventenne……Per un attimo immagino le sue labbra sul mio corpo…..Ci sediamo a prendere qualcosa, me lo presenta e come se niente fosse, porta il discorso su quel terreno. “Sai, lui e Cristhian il ragazzo che ti avevo parlato”…mi sta scoppiando in una grossa risata; divento rossa, non so cosa dire, sono imbarazzatissima, lui si accorge del mio stato di imbarazzo e non fa che aumentarlo: “ Sei carinissima e mi piaci tantissimo, Federica mi ha detto che sei qui sola a Roma ” farfuglio qualcosa e la stronza di Federica, andandosene, mi consegna le chiavi della sua casa sua e mi dice “ci rivediamo stasera divertitevi”. Mi stampa due baci sulle guance sussurandomi “non fartelo scappare e’ un gran toro letto e’ tutto tuo….divertiti..” , gli molla un bacio sulle labbra a lui e se ne va. E adesso? Sono confusa, non voglio passare da troia….non ho mai adescato uno in questo modo in un bar, ma lui diventa ad un tratto meno strafottente e mi dice: “guarda, non c’è alcun problema, le cose bisogna volerle in due, se non ti va non fa nulla.” Rinfrancata dalle sue parole cin mettiamo parlare, è anche molto simpatico, ridiamo mentre passeggiamo e nell’attraversare il parco semideserto, ad un tratto gli faccio: “Ma è vero quello che dice Federica che …?” e lui: “vero cosa?”

io….

“….e’ che …”

a capito perfettamente cosa voglio, ma si diverte a fare finta di no.

“Potresti non credermi” dice, e nel dire così nel camminare ci avviciniamo nei pressi di un albero, lo spingo spalle all’albero, tiro verso l’esterno i pantaloni elasticizzati che indossa, al mio sguardo curioso si presenta l’immagine di un cazzo a riposo meraviglioso, mi sembra già grosso così, rimango per un attimo allibita, Cristian mi prende la mano e la infila nei suoi pantaloni…..lo tocco….con una mano lo impugno e’ caldo, sento che il contatto con la mia mano lo sta facendo risvegliare…..penso…..e’ davvero grande…..Cristian mi guarda, io non resisto mentre stringo il suo cazzo, lo bacio le nostre lingue si intrecciano, poi lo lascio e in silenzio ci incamminiamo verso la sua auto parcheggiata davanti al bar, raggiungiamo casa di Federica.

Non so cosa mi ci è preso ma già in ascensore abbiamo cominciato a spogliarci, sono tremendamente eccitata, sento già colare gli umori dalla mia fica lungo le cosce. 

Entriamo in casa e Cristian e’ già a petto nudo, e’ bellissimo ha un fisico stupendo. Mi prende in collo mi mette seduta sul tavolo di cucina mi toglie le scarpe e il perizoma, e inizia a baciarmi. Sento le sue labbra carnose che iniziano a baciarmi le gambe, sento la sua lingua scivolare lungo il mio interno coscia fino alla mia fica, mi lecca la sento passare tra le mie grandi labbra, sento le sue labbra carnose succhiare le mie grandi labbra, non resisto gemo, sento la sua lingua frugarmi dentro……non ci posso credere sento già i brividi dell’orgasmo che sta per arrivare. Lo fermo scendo dal tavolo finiamo di spogliarci….sono curiosa di vedere il suo cazzo……ci spostiamo in camera di Federica ci baciamo….sento il suo cazzo premere sul mio ventre, lo tocco con le mani ha delle dimensioni davvero notevoli, Cristian mi fa sedere sul bordo del letto, ora vedo il suo cazzone svettare davanti a me e’ lungo e grosso, e’ il primo che vedo così, sono come in trans Cristian mi fa sdraiare…..e’ bellissimo…..con le mani alza le mie gambe, sono completamente alla sua merce, faccio tutto quello che lui mi dice…..sento la sua cappella strusciare e allargare le mie grandi labbra…la mia eccitazione e’ a mille…..Cristian inizia a spingere lentamente il suo cazzone inizia a farsi largo dentro di me sento male, ma non riesco a fermarlo…..sento arrivare il piacere e sempre di più, sento il suo cazzone farsi largo sempre di più, lo sento strusciare e allargare le pareti della mia fica le apre lentamente. Cristian e’ bravissimo spinge lentamente e ogni tanto si ferma per farmi abituare al su cazzone, quando si ferma ondeggia un po’ i fianchi e io lo sento muoversi dentro di me…..mi sta facendo impazzire dal piacere…..sono attraversata continuamente da brividi. E’ quasi tutto dentro di me e lo sento già toccare la bocca del mio utero. Cristian si ferma e inizia a ondeggiare di nuovo…..e’ bellissimo…si muove dentro di me benissimo…..io ansimo e gemo e con il bacino assecondo i suoi movimenti, lui si ferma di nuovo mi prende per le caviglie mi solleva un po’ e mi tira verso di se. E’ tutto dentro di me sento le sue palle sbattere su di me, lo sento che inizia tornare in dietro, nella posizione in qui ma messo non riesco a muovermi, sta facendo tutto lui, lo sento tornare un po’ in dietro e poi ritornare avanti, mi abbandono hai suoi movimenti ormai ansimo e gemo senza controllo ogni suo movimento mi provoca una nuova sensazione……Federica aveva ragione e’ un vero toro…….ora lo sento e’ quasi uscito tutto da me mi sento come svuotata ma con un colpo lo risento tutto dentro di me, cerco di resistere ma non cela faccio, sento l’orgasmo arrivare, si incito Cristian a continuare…..”… Si dai non ti fermare…..siiii….si così dai……go…goodoooo…..” Sono attraversata da brividi e tremori senza controllo, l’orgasmo mi sconvolge completamente, i miei muscoli vaginali si contraggono da soli senza controllo come il mio ventre. Cristian non si ferma continua  muoversi dentro di me, sento gli umori della mia fica uscire con i movimenti del suo cazzone….sembra non fermarsi mai sento il piacere ritornare di nuovo Cristian si muove sempre più veloce poi si ferma, urla, un urlo quasi disumano….mi da un colpo fortissimo …sento pulsare dentro di me è quando rinizia a muoversi comincia a spruzzare…..sento la sua sborra calda spruzzare dentro di me i suoi spruzzi violenti inondano e riempiono la fica e l’utero, e’ davvero tanta…Cristian continua a muoversi sento la sua sborra uscire da me trascinata dai movimenti del suo cazzo che continua a pulsare. Cristian mi lascia le caviglie mentre ci baciamo lo afferro per le mele e lo stringo a me…..sento ancora il suo cazzo muoversi e pulsare dentro me, bacio Cristian sulla bocca e sul collo ancora è’ dentro di me ma ho ancora voglia di lui, lo stringo a me rimaniamo fermi in quella posizione per un po’ sento il suo cazzone alfosciarsi dentro di me. Lo lascio, lui esce da me, si sdraia sul letto, mi giro lo guardo, vedo il suo cazzo a riposo e’ sporco dei miei umori e della sua sborra, inizio a baciare il suo corpo e a giocare con il suo cazzone  lo lecco e lo massaggio con le mani, ad ogni mio movimento sento colare dalla mia fica la sua sborra.

I miei massaggi cominciano a fare effetto il cazzone sta riprendendo vita comincio a segarlo lentamente, lo sento gonfiare nelle mie mani…..e’ veramente un bel cazzo, ora lo posso vedere da vicino….lo sego e lo lecco, le sue palle sono grosse, e’ completamente depilato, le succhio poi ritorno a leccare il cazzone, con la lingua scorro lungo tutta la sua asta poi giro intorno alla sua cappella, infilo la punta della lingua sul buchino, ci sono ancora dei rimasugli di sborra apro la bocca e inizio a succhiarlo e spompinarlo lentamente, Cristian con una mano asseconda i miei movimenti e con l’altra mi massaggia la fica, sento le sue dita entrarmi dentro, sento la sua sborra ancora uscire da me. Cristian con l’altra mano spinge la mia testa ingoio il suo cazzone il più possibile mi fa soffocare, la cappella batte contro la mi l’ugola fasciando le pareti…..ho gli spasmi di vomito rimango senza fiato. Sono in suo potere….ho perso di nuovo il controllo di me…..strizzo con le mani le sue palle enormi, mi metto sopra di lui lo faccio scivolare tra il solco delle mie tette mi sbatte contro il mento lo lecco e lo succhio di nuovo, non resisto lo voglio dentro di me di nuovo….sono sempre sopra di lui……..lo passo tra le mi grandi labbra….lo sento puntare alla mia fessura, allargo le gambe e con le mani le mie grandi labbra, Cristian da sotto da un colpo violento il suo cazzone entra in un colpo solo fino a mezzo dentro la mia fica……urlo per il dolore e perdo il respiro per un attimo….guardo Cristian, con le mani mi stringe i seni…..abbasso un po’ lo sguardo e vedo il suo cazzone dentro di me……dolore ed eccitazione si mischiano di nuovo…….mi lascio scivolare, mi manca il fiato……ad ogni movimento il suo cazzo entra sempre di più, non finisce mai, mi sento aprire sempre di più, la mia fica sta prendendo la forma del suo cazzo a fatica, pensavo che la seconda volta fosse più facile, le mie gambe non mi reggono più, chiudo gli occhi e mi lascio andare di botto su di lui, entra tutto dentro di me, urlo dal piacere e per il dolore, sento le sue palle toccare le mie grandi labbra e il suo cazzo battere sul mio utero….mi fermo per prendere fiato, mentre ondeggio un po’ i fianchi Cristian mi spinge di lato e mi ritrovo sotto di lui, inizia muoversi senza farmi abituare al suo cazzone, quando lo tira infuori sembra che porti dietro la parete vaginale……mi sta prendendo con violenza…..mi piace, mi eccito ancora di più…..non resisto e vengo mi dimeno e mi contraggo, lo offendo dicendogli delle parolacce, sento che i miei umori che stanno lubrificando il suo cazzone che mi squarta le viscere…..non è un orgasmo che mi soddisfa appieno causa del dolore…..

Sento Cristian che lo sfila da dentro di me……mi procura una strana sensazione vaginale…..lo sbatte e lo struscia sulla mia fica, poi si distende di nuovo accanto a me con il suo cazzone eretto e sostenuto con una mano e mi dice:….”…dai siediti ora sopra…impalati su di me”….non riesco a dire di no……questa volta mi metto sopra di lui dandogli le spalle, a sorpresa mi vedo riflessa nello specchio dell’armadio che è di fronte al letto…….vedermi mi eccita ancora di più……sento e vedo il suo cazzone scivolare dentro di me….mi piace vedermi impalare sul quel cazzone nero lucido e bagnato dai miei umori…..lo sento scivolare dentro di me senza nessun fastidio, Cristian mi fa sdraiare su di lui, con le spalle sento il suo torace muscoloso, le mie gambe allargate contengono le sue, il suo cazzone e’ dentro di me ma con una buona parte fuori causa la posizione, l’immagine riflessa nello specchio mi procura ulteriore eccitazione, mi sento afferrare dai fianchi, mi tiene ferma mentre inizia a muoversi, io assecondo il suoi movimenti ondeggiando un po’ i fianchi……lo sento ansimare e respirare sul mio collo…..gemo….il dolore e’ scomparso…..ora le sue mani sono libere di palparmi e stringermi il seno mentre il suo cazzo si muove dentro di me…..ad ogni colpo il piacere aumenta…..ansimo e gemo, mugolo dal piacere, lo incito a scoparmi sempre più forte…..sento le sue mani stringere il mio seno strizzare i miei capezzoli e accarezzare la mia fica……lo sento muoversi dentro di me, ogni sua spinta mi porta sempre più vicina all’orgasmo non ho più controllo mi abbandono dico cose senza senso…..ho un orgasmo violento più del primo, inarco il bacino sento il suo cazzone sbattere contro il mio utero una due tre volte, non voglio farlo ma gli spasimi dell’orgasmo e la sue stretta mi fanno urlare…..Cristian non si ferma sembra instancabile i suoi movimenti dentro di me sono sempre più veloci, lo sento ansimare, all’improvviso anche il suo corpo si irrigidisce il suo cazzone inizia a pulsare Cristian mi morde alla base del collo e mugolando sento lo sento venire……il suo cazzone inizia a spruzzare con violenza il primo spruzzo lo fa dentro di me…..e’ un momento piacevolissimo mi sento inondare dalla sua sborra calda, ma lui non si ferma continua a muoversi e il suo cazzo esce e il secondo spruzzo finisce sul mio ventree su un seno e’ caldissima, con una mano mela spalmo addosso mentre mi sollevo anche per scappare dal morso, che sicuramente mi Avra lasciato un segno….e mi piego in avanti prendendo il terzo spruzzo in piena faccia, mi guardo allo specchio sono piena della sua sborra, mi chino e inizio a succhiare e ripulire quello splendido cazzone che e’ stato mio…..lo stringo tra le labbra lo sento ancora pulsare mentre Cristian mugola e ansima accarezzandomi la schiena…….sento nella mia bocca il sapore della sua sborra lo lecco e lo succhio fino a quando non lo sento più mugolare. Mi sdraio sul letto accanto a lui anche se sono ancora piena e sporca della sua sborra. Mi addormento, quando mi risveglio trovo un biglietto accanto a me con scritto:…

 “aveva ragione Federica, sei proprio una gran bella gnocca, mi è piaciuto molto, quando torni a Roma sono a tua disposizione.”

Rimango distesa sul letto per un altro po’ la mia fica e’ tutta indolenzita e dilatata come non mai, e’ stata davvero una bella esperienza. Poi mi alzo faccio una doccia e aspetto che torni Federica…..per commenti pipistrelloleo72@alice.it

 

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.