Leggi qui tutti i racconti erotici di: massimiliano

Ciao sono Antonio mi trovavo ad Ibiza per farmi delle vacanze che io avevo sempre desiderato da moltissimo tempo nello stesso tempo io una sera sono andato in discoteca poi ad un certo punto sono uscito alla mattina seguente stavo tornando verso l’albergo che si trovava molto lontano allora io mi incamminai pian piano però ad un certo punto io ero troppo stanco e mi misi a fare l’auto stop ma al inizio non si fermava proprio nessuno ad un certo punto quando io ero quasi crollato per terra dalla stanchezza si fermò una macchina a bordo cera un ragazzo molto più vecchio di me mi disse gentilmente dove io andassi io gli dissi sto andando al mio albergo lui si offri e mi disse per questa mattina ti fermerai a dormire a casa mia a quel punto io dissi non vorrei disturbare lui mi chiese come ti chiami e quanti anni hai io risposi mi chiamo Antonio e ho 20 anni provengo dal Italia lui mi disse piacere mio Antonio io sono Luis e ho 40 anni poi ad un certo punto lui mi disse che si doveva fermare un attimo a casa sua e che avrebbe avuto il piacere di avermi suo ospite a casa sua io gli dissi se proprio insisti io mi fermerò Luis disse certo che ci tengo tantissimo io a quel punto accettai.
però non avrei mai potuto pensare a quello che mi sarebbe successo subito dopo ad un certo punto Luis disse Antonio prima che tu vada a dormire beviamo un pò di sangria io dissi va bene Luis e mi fece bere e nello stesso tempo mi offri anche svariate canne io ad un certo punto mi resi conto che mi girava la testa fortemente a quel punto Luis mi mostrò la mia camera poi mi disse di fare una doccia calda io educatamente dissi grazie mille volentieri poi dopo Luis disse nel armadio ci sono dei vestiti dammi pure i tuoi vestiti Antonio io dissi eccoli qui dopo di che io usci dalla doccia mi distesi sul letto e mi addormentai però quando mi risvegliai mi trovai legato sul letto a pancia in alto con le gambe legate per aria Luis aveva chiamato dei suoi amici che erano talmente arrapati che non guardavano in faccia a nessuno nello stesso tempo questi suoi amici erano talmente cazzuti che avevano dei membri esagerati ed io ero vergine ad un certo punto uno di loro mi fece aprire la bocca e mi infilo in bocca quel suo cazzone durissimo me lo infilò sino ad infilarmi persino le grosse palle in gola ed a non farmi respirare per un pò.
di tempo mentre un altro mi stava lubrificando il mio buchetto vergine ad un certo punto Luis si spoglio completamente nudo e con il suo grossissimo uccellone di circa 30 centimetri mi sverginò io gridai molto forte dal dolore provato lui a quel punto mi disse di tacere in oltre mi disse taci puttana e continuava a stantuffare il suo cazzone fuori e dentro il mio culo con colpi decisi e molto forti mentre uno dei suoi amici disse Luis mettitelo a smorza candela che entro anche io entro dentro al suo culo assieme a te dopo pochi secondi io mi trovai con una doppia penetrazione ed un altro suo amico non contento prese un grosso vibratore ed anche lui me l’ho ficco dentro al culo assieme agli altri due cazzoni che mi avevano slabbrato il mio culo oltre tutto ad un certo punto altri due ragazzi si presero la briga di ficcarmi altri due cazzoni in bocca e nello stesso tempo di venire dentro la mia bocca ed oltre tutto venire persino dentro il mio culo nello stesso tempo altri due mi mettevano una cintura di castità sul mio pisello in modo che io non potessi neanche toccarmi mi avevano stuprato in 8 persone.
per di più loro avevano chiamato un commerciante di schiavi e mi avevano persino venduto questo commerciante di schiavi mi aveva fatto andare come schiavo in egitto da una persona molto importante che questa persona aveva persino un arem
a quel punto quando io arrivai con la nave in Egitto fui prelevato da alcune persone
e fui portato dal sultano che lui quando vide che io avevo ancora i miei testicoli me li fece togliere in modo che io fossi per sempre un eunuco per la protezione del suo arem dove cerano tutte le sue mogli persino le guardi di questo sultano abusarono di me ed una delle due guardie mi mise tutta la sua mano al interno del mio culo dopo di che il sultano disse davanti a tutti i suoi ospiti questo è il mio eunuco che fa la guardi alle mie mogli ed il sultano non perdeva l’occasione per umiliarmi .
questa è la mia storia io sono Antonio che adesso mi chiamo cleopatra per tutti ecco come è andata la mia bellissima vacanza

Autore Pubblicato il: 18 Agosto 2022Categorie: Orgia, Racconti Erotici, Racconti Gay0 Commenti

Lascia un commento