Leggi qui tutti i racconti erotici di: Esposto

Capitolo 2
La Notte ripenso a quello che era successo, non capiva come mai la cosa l’aveva eccitata, lei che è sempre stata cosi pudica, che si vergognava perfino col suo fidanzato, lei che voleva sempre il buio con lui per non sentirsi in imbarazzo, perché si era bagnata? Mentre rifletteva scese con la mano a controllare la sua amichetta, lei non si masturbava mai, la considerava una cosa volgare, d’altronde era cresciuta in una casa dove il sesso era un tabù, ovviamente non era depilata, quando la mano si fece strada arrivo la conferma, si stava di nuovo bagnando, quasi spaventata levo subito la mano e cerco di addormentarsi…
Intanto Mirko era eccitatissimo per la scena che vide e cerco in tutti i modi di convincere il suo amico ad andare oltre, voleva vedere le tette della ragazza che erano rimaste coperte, ma il suo amico sembrava irremovibile, dai insisteva lui, chiedimi qualsiasi cosa, lui ci penso un attimo e poi disse , ok se mi dai il tuo Iwatch te le faccio vedere,ma scherzi , costa 700€ non mi puoi chiedere cosi tanto, ok allora facciamo cosi te le faccio vedere e potrai toccarle e baciarle per 30 minuti, ok ci sto, perfetto organizzo io e ti faccio sapere.
Un nuovo giorno arrivò e come sempre Lorenza stava portando la colazione al cugino, entrata in stanza si avvicino per darle il bacino, come le era stato ordinato, in quel momento né approfitto per darle una palpatina al sedere, dai ti prego, mi vergogno, zitta, o vuoi che chiami tua zia, no scusami e che non sono abituata, allora e meglio che ti abitui, hai visto ieri col mio amico? Sei stata obbediente e io non ti ho spogliata davanti a lui, grazie mi vergogno troppo, neanche il mio fidanzato mi ha vista nuda con la luce, solo al buio, che mi frega di quello sfigato, adesso sei di mia proprietà capito? Si , allora adesso voglio vedere come sei fatta, a quelle parole scoppio a piangere, smettila di frignare, ho io la soluzione, usci dalla stanza, tu aspettami qui, torno dopo poco con in mano una mascherina di quelle che si usano per dormire sull’aereo e delle fascette da elettricista, alzati le ordino, poi le ha sollevato i polsi e legati con forza dietro la schiena tipo manette, lei era bloccata non riusciva neanche a dire niente, poi prese la mascherina e gliela mise, adesso lei non poteva vedere niente, perfetto cosi ti vergognerai meno, adesso vedi di non farmi arrabbiare, poi si avvicino a lei e comincio a baciarla, lei si lasciava fare completamente in balia del cugino, lui comincio a slacciare il costume, prima la parte sopra e poi i lacci sotto, ora era come l’altra volta col reggiseno tenuto su dalla pressione dei due corpi, lui molto lentamente lascio la bocca della cugina e incominciò ad indietreggiare, lei si sposto in avanti ma lui la fermo con la braccia e la spinse indietro, in quel momento lei senti la stoffa del costume che scivolava verso terra, adesso era con le tette al vento, divento rosso fuoco e in quel momento senti come una scossa, sentiva che si stava inumidendo , si sentiva imbarazzata e eccitata allo stesso tempo, Matteo stette un attimo a guardare, poi comincio a palpare quelle tette meravigliose, era una terza, tonde e dure come il marmo, lui le palpava con forza poi ci si attacco e comincio a baciare con vigore, dava anche dei morsetti ai capezzoli tanto da farla sussultare, si sentiva umiliata ma la sua patatina era bagnata fradicia per fortuna il cugino non se ne era accorto, aveva deciso di prendersi un pezzo per volta, prese il cellulare e comincio a scattare delle foto a quelle meravigliose tette, poi nascose il telefono si avvicino a Lorenza e le tolse la benda, rivedere negli occhi il cugino dopo quello che era successo era terribilmente umiliante, per di più aveva ancora le tette scoperte e le mani legate che non si poteva coprire, e brava la mia cuginetta obbediente, vedrai che se sarai sempre cosi la tua vacanza passerà più velocemente, hai capito? Si, sarò brava, ora prese il cellulare per scattare altre foto, no ti prego le foto no, ma mentre diceva così comincio a scattarle, poi gliele fece vedere, adesso oltre le tette si vedeva chiaramente il viso,bene , ora vediamo subito, adesso ti slego, prese le forbici e taglio le fascette, adesso mettiti in ginocchio e fammi un bel pompino, no ti prego non mi piace, allora vuoi che mandi la foto a tutti i tuoi contatti? No ti prego, allora fai come ti ho detto lei prese coraggio comincio a tirare giu le mutande del cugino, il suo membro era già completamente eretto lei stento un attimo poi si avvicino e comincio a succhiarlo, aveva un sapore disgustoso e lei non voleva fare quelle cose , puritana com’era, ma suo cugino ormai l’aveva sottomessa e non si poteva tirare indietro mentre lei le stava facendo un pompino lui aveva di nuovo preso il cellulare e le stava facendo un bel video, lei non se ne accorse, cercava di fare veloce in modo che quel momento finisse al più presto, lui ebbe un orgasmo fortissimo e le teneva ferma la testa, impedendoli di spostarsi mentre lui le veniva in bacca due o tre getti molto grandi , lei manda giù i primi schizzi poi riusci a liberarsi ma aveva tutta la bocca piena di sperma lui la prese per i capelli e la costrinse ad ingoiare tutto e poi a continuare a pulire il suo cazzo ormai moscio, era la prima volta che ingoiava dello sperma ed era quello del suo odiato cugino, brava le disse mentre la faceva rialzare, penso che mi divertiro parecchio con te, lei fece per rivestirsi ma lui la fermo subito, aspetta, ti dico io quando puoi vestirti, poi prese il suo cellulare dalla tasca, qual è il codice? Ma perché, non fece in tempo a finire la frase che le arrivò un ceffone, non devi fare domande , devi obbedire 4488, lui comincio a smanettare col suo cellulare a guardare tutte le sue cose, poi si fece dare anche tutti i codici dei suoi social network, adesso puoi vestirti a andare a fare le pulizie, le si vesti e usci di corsa dalla stanza , lui comincio a guardare tutte le sue cose personali, i suoi messaggi e le sue foto, ma guarda sta troietta neanche una foto in costume, ne una chat con qualche ragazzo, ando a vedere il profilo di lui, uno sfigato penso subito e anche un cornuto hahahaha, vide che loro due avevano tantissimi amici in comune, cosi vide che lui giocava a calcetto e lei aveva tutti i compagni come amici, cosi gli venne in mente un idea perfida, cambio le impostazioni della privacy togliendo dai post futuri il suo fidanzato, ma non i suoi amici…

Come sempre se avete suggerimenti scrivetemi a
Delodo@outlook.it

10
4
Autore Pubblicato il: 4 Gennaio 2022Categorie: Racconti di Dominazione, Racconti erotici sull'Incesto0 Commenti

Lascia un commento

10
4