;

Sorpresa !

477 0

(In altri siti, i miei racconti possono essere pubblicati anche sotto il nome: Inchiostro, o Scribonius. Nei miei racconti i protagonisti sono tutti maggiorenni e consenzienti. Non vi sono rapporti violenti o rapporti con animali)

Era tornato da Parigi Manuele, 23 anni, dove stava studiando lingua e letteratura francese alla Sorbonne. Era partito da Venezia due anni prima ed ora faceva ritorno in patria.

Non vedeva l’ora di riabbracciare la sua famiglia ed il suo cane. All’aeroporto però, il ragazzo rimase interdetto, sbalordito: di stucco, gli occhi di fuori per quella sorpresa inattesa…

Erano passati tre giorni da quando Manuele era tornato a casa per il Natale. La sorpresa in attesa all’aeroporto ancora non era passata; soprattutto perché, elegante, il nuovo seno di sua madre gli era innanzi mattina e sera nella sua casa veneziana del centro storico.

Anna, 48 anni, aveva lasciato il figlio due anni con una 3d di seno. Bella, elegante, fisico snello, aveva salutato nuovamente in estate Manuele quando era tornato in giugno; sempre con la sua 3° di seno. Sempre lei, sua mamma, la mamma di sempre: elegante si ma lei. Ora Anna aveva accolto all’aeroporto il suo amato figlio, ma qualcosa era aumentato, ed era il volume dei suoi seni: quella 5° perfetta, quei settemila Euro spesi bene o, per dirla come pensò Manuele: “da Dio !”. Anna si era accorta degli sguardi del figlio. Come poteva aspettarsi che Manuele non ne rimanesse colpito? A 23 anni poi.

Così la Vigilia: gli aperitivi a casa loro con i familiari, aspettando che le pietanze giungessero sulla tavola. Lucia, la sorella di Anna, aveva insistito per cucinare. Anna, dal canto suo, faceva gli onori di casa ai commensali suoi parenti. Manuele da una parte, in disparte anche se tutti gli domandavano di Parigi. Luca, suo cugino, figlio di Lucia, 22 anni, a guardare il seno della zia rifatto mesi prima. Luca che rifilava battute a sua zia, in disparte. Manuele che sentiva. Manuele che si agitava. Luca che conversava ed Anna sua zia che rideva. Il rossetto rosso intenso di Anna che brillava alla luce delle candele natalizie; le luci soffuse. Manuele che volgeva il capo verso gli altri commensali per rispondere alle domande inerenti i suoi studi, per poi ritornare a guardare sua madre che…”dov’è mamma?” ; che era sparita. Lo sguardo a destra e a manca, in cucina…”e Luca?”.

I commensali che si attardavano con gli aperitivi perché la cena non era pronta, parlavano di lavoro, dell’azienda e di calcio. Manuele saliva con il bicchiere di Prosecco le scale di legno a chioccia verso il secondo piano, dove c’era la sua stanza. Accese la lucetta non molto brillante appena finite le scale. Il passo leggero a percepire ogni rumore. Luca che non si trovava e sua madre che era sparita in due minuti. Le risate sotto ad una battuta del nonno ed un gemito improvviso provenire dal bagno vicino la sua stanza. Manuele che avanzava lento; ancora altre risa sotto ed il ragazzo che ora si piegava per spiare nella serratura. Manuele che tornando da Parigi aveva ricevuta una inaspettata, seppur piacevole sorpresa all’aeroporto; ora non si sarebbe mai immaginato l’altra sorpresa: poggiata al marmo bianco del bagno, sua madre Anna donava all’avida bocca di suo nipote Luca i suoi splendidi seni rifatti. Ansimante, Anna lasciava fare a suo nipote. Luca che mordicchiava, Luca che leccava e succhiava forte prima uno, poi l’altro seno. Sua zia ansimante, gemente con nella mano destra ancora il bicchiere di Prosecco. Luca che con la sua mano destra toccava i fianchi ed i glutei della zia.

Manuele era di pietra, di ghiaccio ma non distolse lo sguardo, se non quando vide sua madre Anna far staccare dai sui seni il nipote:

“zia dai, ancora un po’”

“no ! Ti ho detto solo un po’ e basta!”

Manuele che aprì adagio la porta della sua stanza accendendo la luce, ma rimanendo lì, senza nascondersi. Luca dentro che cercava di darsi pace ai No della zia. Anna che si rimetteva i seni dentro raccomandandosi di non farne parola con nessuno, ricordando al nipote che era quella la prima e l’ultima volta e che si era trattato di un contentino. Manuele che iniziava a sudare; Manuele sconvolto ma spettante l’uscita dei due incestuosi. Uscita che avvenne in un minuto. Gli sguardi di Anna sua madre, il viso impallidito di Luca suo cugino, nipote di lei; gli sguardi silenziosi ma urlanti di Manuele. Il balbettio di sua madre cercante di spiegare al figlio. Il silenzio colmo di timore di Luca ed il gelo di Manuele. Anna che raccomandava a suo nipote di andare di sotto; Manuele che lo intimava di non andare. Anna che cercava spiegazioni cercando di darne a suo figlio sull’accaduto; sapendo che lo stesso aveva visto. Anna ancora con quel bicchiere di Prosecco. Manuele lo aveva appena posato sul mobiletto della sua stanza. Luca che nelle spiegazioni di sua zia si era defilato, prendendo il suo cappotto al piano di sotto per uscire proprio di scena in quella Vigilia. Il gondoliere sotto che intonava una canzone nel silenzio delle calle veneziane: un canto natalizio. Manuele in silenzio, Anna che tentava in tutto i modi di spiegare, di farsi perdonare…Manuele che ora puntava il suo sguardo sul grande e sodo seno materno. Anna che iniziava a comprendere la delusione e sofferenza di suo figlio; tornandole a mente la sorpresa nei suoi occhi quando la vide all’aeroporto.

I commensali ancora erano intenti a fare l’aperitivo. I discorsi sull’azienda di famiglia proseguivano così come anche i cibi intenti nel cuocersi per essere mangiati. Luca che oramai aveva superato Campo San Silvestro pensieroso…ma anche appagato. Anna e Manuele, mamma e figlio, chiusi nella stanza dello stesso ora. Una madre che denudava i suoi nuovi seni per suo figlio. Lo stesso che guardava, lo stesso che iniziava a palpeggiarli fra l’imbarazzo della madre ma anche la quiete ora nel sapere che suo figlio si stava rilassando. Le risate dei parenti di sotto, la lingua di Manuele che si impossessava dei seni materni, a turno, succhiandoli come un ossesso. I gemiti di sua madre, il pene di Manuele che ora era divenuto di marmo…ed un altro gondoliere che passava.

Soffusa la luce della stanza di Manuele, accoglieva lo stesso con sua madre, ora intenta in ginocchio a dar piacere con il seno a suo figlio. Manuele che guardava estasiato, Manuele che ansimava, che gemeva. Sua madre che si muoveva su e già in quella oramai perfetta spagnola: i seni stringevano forte il pene di Manuele; andavano su e giù masturbandolo , per poi allentare la presa per far spazio alla bocca di Anna che baciava e leccava l’asta del figlio. Poi su, in cima, sul glande per baciarlo dolcemente, amoreggiare con lo stesso facendo danzare la lingua dolcemente, poi serpentina e veloce per poi spalancare la bocca ed ingoiare quel pene. Anna che succhiava il pene di suo figlio lentamente , reggendosi con le mani sul letto. Il pene di Manuele che spariva del tutto pian piano ed il ragazzo con gli occhi di fuori, incredulo che la madre potesse mai compiere prodezze orali simili.

Ma la cena era pronta e i parenti iniziarono a chiamarli. Anna che si sentiva quasi in pericolo, scoperta; Anna che dopo alcuni dolci e lenti su e giù nell’immensità di quel pompino, ora si muoveva passionale, quasi spericolata nello stesso lavorando il pene di suo figlio con voga ma incredibile maestria. Manuele che dava il ritmo a sua madre mettendosi seduto mentre lei era in ginocchio, Manuele che spingeva sempre più in un ritmo incalzante. Un pompino delicato che ora era per la fretta, senza volerlo osceno , passionale ma ugualmente perfetto. Non furono due o tre; ma sette gli schizzi densi che il pene di Manuele emise nella bocca di sua madre mentre la stessa rallentava il ritmo per poter bere tutto. La testa di Manuele all’indietro; ansimante, gemente, incredula. Il ripulire di Anna il pene di suo figlio, adagio ma al tempo stesso ratta evitando che qualche commensale salisse.

Uno sguardo, il silenzio. Il ricomporsi di madre e figlio; l’avvicinarsi alla porta e l’abbracciarsi dolcemente ma forte. Anna che ancora voleva scusarsi con suo figlio; anche che gli prometteva non sarebbe più accaduto. Manuele che la rassicurava e prima di uscire, con un dolce bacio sulle labbra, ricambiato, augurava a sua madre:

“Buon Natale mamma !”

“Buon Natale anche a te angelo mio !”

FINE

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.