Leggi qui tutti i racconti erotici di: Yoshi

L’addestramento di Kaori prosegue sia a livello lavorativo che non.
Sono giorni di relativa calma in ufficio.
Sento del rumore dall’ufficio delle ragazze e guardo.
Vedo Kaori con una mano sola impegnata sulla scrivania e Elena con la testa reclinata.
Purtroppo non sento l’audio ma vedo Kaori riprendere a battere il documento che stava battendo con ambo le mani.
Aspetto un po’ poi chiamo le ragazze nel mio ufficio.
Le invito a farmi vedere cosa stavano facendo in ufficio.
Vedo Kaori infilare una mano sotto il vestito di Elena e che inizia a sditalinarla.
Elena gode il trattamento, evidentemente Kaori non è male.
Dopo che vedo godere Elena invito Kaori a usare la lingua sulla sua collega.
Lei si inginocchia e si mette a lappare la figa di Elena sollevandole il vestito.
Elena gode, sta ansimando.
Aspetto che venga ancora.
A quanto pare Kaori è brava… dovrò provarla.
Le dico di passare qui.
Mi slaccio i pantaloni, le dico di provare di essere brava anche con me ad usare la bocca.
Mi lecca l’asta dall’inizio alla fine poi me lo prende in bocca.
Inizia ad andare su e giù usando le labbra e lappando il frenulo.
Continua ad andare su e giù variando spesso il ritmo.
È davvero brava come pensavo, infatti dopo poco le tengo ferma la testa e le scopo la bocca fino a venire.
Dopo esser venuto ed essermi rilassato dico a Kaori di alzare il vestito e mettersi a pecora per terra.
Invito Elena a godersi lo spettacolo mentre faccio chinare la schiena a Kaori e la infilo.
Inizio a scoparla da dietro, già scopare con davanti il suo bel culo è una tentazione a continuare sempre più forte.
Vario ritmo e profondità, a Kaori piace a quanto pare e anche a me piace la sua figa stretta.
Continuo a scoparla avanti e indietro e continuo ad ansimare mentre Elena ci continua a guardare.
La scopo fino a venire ed esco da lei.
La faccio girare e torno a scoparla.
Stavolta la scopo forte, con l’unico obiettivo di venire.
Sempre più forte e vengo ancora.
La faccio rivestire e le dico che può andare a lavarsi poi a casa.
Mentre siamo soli chiedo a Elena come si trova con Kaori.
Lei mi dice che è brava e accondiscendete, sarà un piacere lavorare con lei.
La ringrazio per la consulenza e per l’eccitazione che le abbiamo causato, per ringraziarla la sditalino fino a farla venire ancora.
Lei sospira e ringrazia e esce.

Autore Pubblicato il: 16 Agosto 2022Categorie: Racconti Erotici0 Commenti

Lascia un commento