Skip to main content
Erotici RaccontiRacconti di DominazioneRacconti EroticiTradimento

Vacanza galeotta 3. L’incubo erotico.

By 12 Aprile 2024One Comment

Un paio di manette mi stringevano i polsi, la catena che univa i due anelli era stata fissata a una tubatura idraulica che scorreva orizzontalmente su di una parete bianca scrostata, a circa 1 metro dal pavimento. La stanza era buia, fatta eccezione per qualche raggio di luce che si faceva strada fra le assi che serravano una finestra. Ero inquieta, a disagio per la necessità abbastanza urgente di urinare. Appoggiato alla parete un lettino. Il rumore di passi strascicati preannunciava l’arrivo di qualcuno…..
La vacanza era trascorsa rilassante fra bagni di mare e sole. La pelle ormai ben abbronzata, i pensieri distesi. Mancava però qualcosa per raggiungere la perfezione:
Avrei voluto rivedermi in intimità con Enzo, dopo quella scopata da urlo nella grotta marina, ma i progetti non trovavano occasioni per realizzarsi; le mie colleghe erano sempre con me e temevo di insospettirle con un mio comportamento insolito: dovevo attendere pazientemente l’occasione propizia. Cercavo di informare Enzo dei miei programmi, mediante frequenti SMS, per facilitare un nostro incontro che ormai desideravo con ansia crescente. L’attesa poi, rendeva la voglia sempre più intensa.
Il mercoledì sera con le amiche fummo invitate ad una cena organizzata da alcuni ospiti del residence, con cui avevamo stretto amicizia, presso un bel locale situato sulla costa a pochi chilometri di distanza: era costituito da una terrazza sul mare, assai piacevole, frequentato senza essere eccessivamente affollato, con i tavolini ben disposti e a una giusta distanza fra loro. Le luci azzeccate, creavano un’atmosfera intima e piacevole.
Mentre venivamo accompagnati al posto a noi riservato, Enzo, proprio lui, da un tavolo vicino, fece cenno di avvicinarmi e mi presentò ai suoi amici che interruppero la vivace discussione in cui erano impegnati. Salutai con distaccata cortesia e dopo brevi convenevoli mi diressi al mio tavolo.
La cena fu gradevole sia per il livello delle pietanze, che per la compagnia. Ma qualcosa aveva attratto la mia attenzione, rendendomi distratta e a tratti avulsa dai discorsi e dalle facezie che allietavano la serata. Il tavolo a cui sedeva Enzo era piuttosto allegro e mi resi conto dagli sguardi e dagli ammiccamenti intercorrenti fra i commensali che l’oggetto della conversazione ero proprio io. Enzo sembrava quasi indicarmi con gli occhi, raccontava qualcosa e gli altri scoppiavano in risate e sghignazzamenti: forse raccontava di noi e non si comportava certo da gentiluomo, ma potevo passarci sopra. Notai che in quel tavolo tutti mantenevano un atteggiamento deferente nei confronti di un uomo corpulento che indossava un completo bianco e occhiali scuri, un certo Carmine “o’ciuccio”; anche se non potevo indovinare la direzione del suo sguardo occultato dalle lenti fumé, ero certa mi fissasse: ne avevo una percezione fisica. Nel tragitto di ritorno controllai i messaggi. “Domani sarò libero. Come sai, il villaggio organizza un tour alle Tremiti. So che tu e le tue amiche intendete partecipare. Trova una scusa per non andare. Ti passerò a prendere dopo la loro partenza. Enzo”
Ero soddisfatta e mi addormentai pensando alla nuova avventura che mi aspettava. Sognai.
Che sogno!
Mi trovavo in una stanza buia con Enzo che a un tratto era scomparso, lasciandomi sola. Non riuscivo a muovermi, percepivo odori di pietra antica, di paglia e di origano essiccati. Nessun suono usciva dalla mia bocca nonostante mi sforzassi. Ed ecco avanzare quella forma bianca, glabra, sudaticcia, molliccia ma dotata di grande forza che senza proferire parola si avventò su di me e iniziò a divorarmi: i piedi, le mammelle, le natiche. Tentacoli strisciavano bavosi sulla mia pelle e si insinuavano dentro di me, nella figa, nel culo. Non provavo dolore, ma piacere nel sentirmi preda e cibo di quel mostro cannibale. Mi svegliai di soprassalto per nulla terrorizzata ma pervasa da un’intensa eccitazione. Essere invasa nelle proprie viscere, mangiata…. Chissà se tutto questo racchiudeva un significato erotico: non ero un’esperta ma ne ero sicura.
Come progettato, il mattino successivo, rinunziai all’escursione alle isole, adducendo come scusa, una terribile emicrania, che non mi aveva consentito di riposare.
Enzo passò a prendermi dopo che le amiche erano partite, salimmo in auto diretti alla sua tenuta nella campagna circostante, che raggiungemmo dopo un tragitto di circa quindici minuti. Ero ansiosa per la nuova avventura.

Parcheggiata l’auto ci dirigemmo verso la masseria, passando fra gli ulivi sotto un sole feroce, il cui calore era mitigato dalla brezza proveniente dal mare non lontano. Lui era taciturno. Mi guardò con occhi strani, quasi tristi. Non capivo.
“Ti chiedo di giocare con me”. Mi bendò gli occhi e mi introdusse all’interno dell’edificio e in un baleno mi trovai ammanettata. “Ma Enzo cosa vuoi fare?”
” Tranquilla. Fidati “. E poi farfugliando: ”Non ho scelta, ti spiegherò”.
Si dileguò. Mi trovai sola avvolta in un silenzio irreale, percependo odori che sembravano appartenere a un deja-vu. Riuscii purché ammanettata, a togliermi la benda dagli occhi, trovandomi immersa nella penombra di una grande stanza illuminato solo dai raggi che filtravano fra gli assiti che coprivano le finestre.
La circostanza mi ricordava qualcosa di già vissuto, poi improvvisamente capii: il sogno, ecco cos’era. Qualcuno si stava avvicinando. Sperai fosse Enzo. Lo spalancarsi della porta fece balenare all’interno della stanza la fortissima luce di quel mattino di giugno. Ferì i miei occhi abbagliandomi, ma questo non mi impedì di scorgere una massiccia figura che ingombrò l’uscio e che sollecitamente entrò richiudendo la porta. Lo riconobbi: era l’uomo seduto al tavolo di Enzo. Si avvicinò rapido, nonostante la mole e mi rovesciò sul letto. Avrei potuto urlare ma che senso avrebbe avuto?
Mi tolse le scarpine, mi annusò le estremità dilatando voluttuosamente le narici e ficcò nella sua enorme bocca prima un piede e poi l’altro lasciandone fuori solo i talloni. Succhiava rumorosamente: se li gustava, sembrava volesse mangiarli. Successivamente afferrò con le due mani la pattina della camicetta e con un colpo secco l’aprì scoprendo le mie mammelle che leccò e risucchiò all’interno della cavità orale. Mi mordicchiava dolorosamente i capezzoli.
Sfilatimi i pantaloncini e gli slip fece scorrere la sua linguona sulla pelle delle cosce, dei fianchi, dell’addome. Il mio corpo era solcato delle scie lumacose prodotte dalla sua saliva. Inaspettatamente non provavo paura e anzi ci stavo prendendo gusto: facesse pure di me quello che desiderava. Mi ruotò su un fianco e, afferrati i miei glutei, li allargò. La sua lingua dopo aver lambito e lappato l’ano con tutti i suoi sapori, lo oltrepassò, spingendosi il più possibile in profondità. Una sensazione inedita e molto gradevole percepire quella grossa lingua calda e umida che mi penetrava nel retto. L’emozione, l’eccitazione che stavo provando, unita alla vescica troppo piena, provocò uno zampillare di urina dalla mia vagina. Temevo che Carmine si sarebbe irritato ma, con mia sorpresa, l’uomo si precipitò con il suo faccione a ricevere quella pioggia dorata e aprendomi con le mani le grandi labbra prese a leccarmi la figa, gonfia per il desiderio. Godevo, la sua grossa e instancabile lingua mi sguazzava dentro fra umori e urina: gemevo sensualmente, comprendendo di farlo arrapare sempre di più. Lo sentivo ansimare, sudare e grugnire come un animale. Si spogliò: il suo corpo era pingue, pallido e completamente glabro, lucido di sudore. Immediatamente capii il perché del soprannome “o ciuccio”; potei osservare con stupore e meraviglia un cazzo asinino, smisurato.
Avevo talvolta fantasticato di incontri al buio, e cosa c’era di meglio di quella selvaggia scopata con uno sconosciuto, superdotato per giunta.
“Hai mai visto un cazzo così grosso? Forza datti da fare.”
Mi avvicinò al volto il pene: annusai il pungente, acre afrore e allargando più che potevo le labbra lo accolsi in bocca assaporandone il deciso e selvatico aroma, ma per le cospicue dimensioni mi trovavo in difficoltà a succhiarlo.
Udii una voce roca, con forte accento dialettale, per la prima volta.
“ Adesso basta a fare bocchini, ora ti voglio chiavare e ti aprirò come una cozza. Appena ti ho vista ho capito che sotto le tue apparenze di donna seria e fedele, si nascondeva una gran zoccola e ho deciso di prenderti. Ma vedrai, ti piacerà; ti farò provare qualcosa di speciale che nessuno ti ha mai dato.”
Non avevo dubbi nel confronto che feci mentalmente fra il pene di mio marito e quello di Carmine, mentre già bruciavo dall’impazienza di avere dentro quel fantastico uccello.
Mi allargò le cosce bloccandomi la gamba sinistra contro il materasso e ponendo l’altra sopra la sua spalla destra. Quel glande violaceo faceva quasi paura e quando entrò, facendosi strada nelle mie carni, gemetti. L’uomo, appoggiandomi addosso il grasso addome sudato, mi schiacciava con il suo peso. Avevo a un tempo paura e contemporaneamente volevo gustare pienamente quell’enorme massa palpitante di carne. La mia vagina lottò con quel cazzo fantastico che premeva e si insinuava, avanzava duro e spietato sempre più profondamente e, sconfitta, ne fu travolta, invasa; fu costretta, allargandosi fino al suo limite, ad ingoiarlo tutto fino a raggiungere la cervice uterina. I miei tessuti erano tirati, tesi da sembrare prossimi alla rottura. Non riuscivo a pensare, non connettevo travolta da quella tempesta di lussuria, bruciavo al fuoco della mia lussuria. Dolore e intenso piacere si fusero fino all’esplodere del mio orgasmo.
“ Stupendo, continua ti prego, dai…daiii, godo, godoooo.”
Un fiotto caldo di sperma allagò il mio sesso. Urlai al culmine del piacere e l’uomo grugnì, molto compiaciuto. Mi liberò del suo peso, si alzò e dirigendosi alla porta mi disse ridendo:
“ Torno fra poco zoccola”.
Non era ancora finita, dunque.

20
4

One Comment

Leave a Reply