Leggi qui tutti i racconti erotici di: Bluewings

Roberto era ormai il fidanzato ufficiale di mia moglie, veniva spesso a casa nostra e spesso passava la notte nel suo letto. La situazione era molto anticonvenzionale, soprattutto trent’anni fa. Termini quale cuckold o bull erano sconosciuti e comunque non si sarebbero adattati al nostro caso. Io non ero il cuck che si eccitava guardando la compagna montata da un bull prestante, il nostro era un rapporto a tre in cui la femmina era al centro dell’attenzione di due maschi. Capitava che facessimo l’amore separatamente, ma non disdegnavamo nemmeno farlo insieme, Antonella adorava le doppie penetrazioni ed essere al centro delle nostre attenzioni.
Il fine settimana, in genere, lei lo passava insieme a lui, con l’arrivo della bella stagione lui la portava nella sua casa al mare, mentre io ero bloccato in città. In quel periodo giocavo al calcio, niente di eccezionale, dopo un anno nel campionato di Promozione regionale in cui le partite le avevo viste più che altro dalla panchina, ero sceso (anche per conciliare gli allenamenti col mio lavoro) in prima categoria dilettanti nella squadra del paese dove abitavo, quindi la domenica era destinata al calcio. Anche se non eravamo in trasferta, la mattina c’era il raduno con la squadra, poi pranzo tutti insieme con menù imposto dallo staff tecnico e infine trasferimento al campo sportivo per preparare la partita, sia a livello fisico (massaggi e riscaldamento muscolare) che tattico. Anto qualche volta mi seguiva da lontano insieme alle mogli/fidanzate degli altri calciatori, ma indubbiamente si divertiva di più al mare con Roberto. Questa precisazione non è casuale.
Ancora le televisioni non trasmettevano in diretta gli incontri del massimo campionato e le prestazioni di Juve, Milan, Inter e compagnia le potevi seguire in diretta solo alla radio, quindi anche gli stadi di periferia o dei piccoli paesi erano frequentati, specialmente in occasione dei derby con squadre della zona. In un paese come il nostro (5/6.000 abitanti) la squadra locale era molto seguita e la domenica pomeriggio la partita era un appuntamento da non perdere per paesani giovani e meno giovani. Il pubblico si divideva in tre categorie: giovani che venivano allo stadio più per far casino che per passione sportiva, uomini che si prendevano due ora d’aria per disintossicarsi dalle proprie compagne e donne single che si radunavano dove era concentrata la componente maschile del paese, magari con la scusa di veder giocare il nipote della cugina di secondo grado di sua zia che nemmeno conosceva.
Tra queste c’era Martina, single quarantenne che abitava nel mio palazzo in un appartamento al piano sopra il mio. La classica “zitella”, termine molto brutto che non mi piace usare perché adoro e rispetto il genere femminile, ma questo termine, nell’immaginario collettivo, delinea perfettamente il personaggio senza bisogno di altre descrizioni. Era un tipo che comunque passava inosservato.
Quel giorno la partita era andata molto bene, avevamo vinto con una delle prime in classifica e forse eravamo già salvi, gol in contropiede nei primi minuti e poi barricate fino alla fine. Io da difensore centrale dai piedi non proprio eccelsi, ma dalle entrate decise ed efficaci, avevo avuto il mio bel da fare e comunque me l’ero cavata bene contro avversari sicuramente più validi tecnicamente. Soprattutto ero stato molto impegnato negli interventi di testa, quei maledetti scendevano sulle fasce e buttavano cross in mezzo all’area per il loro centravanti che era molto abile nel gioco aereo. Solo un paio di volte è riuscito ad anticiparmi, ma una volta non ha inquadrato la porta e l’altra è stato bravo il nostro portiere. All’uscita degli spogliatoi ci aspettavano alcuni tifosi che ci fecero i complimenti…mentre salutavo Martina che era lì in compagnia di amiche, arrivò un dirigente che nel passare mi fece il segni di ok con la mano e aggiunse “Oggi di testa erano tutte tua”. Martina e le sue amiche sorridevano, poi sentii distintamente una che diceva ad un’altra: “Per forza…lui sulla testa ha la prolunga”. L’infedeltà di mia moglie era ormai di dominio pubblico anche se nessuno immaginava quanto io ne fossi partecipe.
Capii inoltre che c’era qualche problema logistico per riaccompagnare la mia vicina a casa (la sua amica che era passata a prenderla aveva agganciato un tipo e non intendeva farselo sfuggire) così mi offrii di darle un passaggio…in fondo abitavamo nello stesso stabile.
Accettò di buon grado e ci avviammo a casa, cercai di indirizzare il discorso sui commenti tecnici alla partita, ma capii subito che, oltre a non capire niente di calcio, la partita manco l’aveva vista, forse distratta da tutta la fauna maschile che girava dentro al recinto di gioco e fuori sugli spalti.
Così buttai la: “Che ci fa una come te di domenica pomeriggio con questo bel sole a vedere una partita di calcio di sfigati? Ti immaginavo al mare col tuo ragazzo”
Si fece seria e mi guardò facendo trapelare tutta la rabbia che aveva dentro dicendomi: “Io non ho il ragazzo, sono tutti degli stronzi e quelli buoni, onesti e con la testa sulle spalle se li sono presi tutti quelle puttane che poi la domenica vanno al mare con l’amante…”
L’allusione a me e mia moglie era fin troppo evidente tanto che si affrettò a scusarsi e la cosa le era uscita senza pensare.
Intanto eravamo a casa, scaricai il borsone con la roba sporca e ci avviammo insieme verso l’ascensore. “Adesso immagino che dovrai anche lavarti tutta codesta roba…non credo che tua moglie…” mi disse.
Il discorso un po’ mi infastidiva, ma le risposi col tono più amichevole che potevo.
“No, in fondo sono solo un paio di mutande, una canottiera e poi asciugamano e accappatoio. Per la divisa ci pensa la squadra. Adesso butto tutto in lavatrice e quando torna Anto ci pensa lei. Certo ci sono gli scarpini, quello è il problema più grosso, ma di quelli me ne curo io, non è cosa da donne.”
Prima che l’ascensore si fermasse al mio piano, raccolse tutta la sua spregiudicatezza e, senza guardarmi negli occhi, riuscì a dire: “So che adesso sarai stanco e ti vorrai riposare, ma più tardi, se ti va, puoi salire da me, magari resti per cena così non dovrai pensarci tu…so che quando Antonella va al mare rientra sempre tardi. Magari ci conosciamo un po’ meglio, sono più di due anni che siamo vicini di casa e non siamo mai andati oltre i saluti. Non pensare male, magari approfitto per chiedere la tua opinione su alcune questioni relative al condominio”.
Confesso che rimasi abbastanza sorpreso, comunque le dissi che avrei valutato se fossi stato in condizione. La partita era stata molto tirata e forse la tensione nervosa mi aveva debilitato più dello sforzo fisico. Mi diede il suo numero di telefono e mi disse che se mi andava bastava che glielo dicessi con un po’ di anticipo…avrebbe preparato per due. Scesi dall’ascensore e le lanciai un ultimo sguardo…non l’avevo mai guardata come una femmina. Non era brutta, aveva dei begli occhi che purtroppo nascondeva sotto un paio di occhiali da secchiona sfigata (sapevo che lavorava all’università come assistente di un famoso docente) e anche un bel viso che avrebbe sicuramente valorizzato con un bel trucco ed eliminando qualche peluria. Il fisico non era un granché, piuttosto alta, magra, con delle belle gambe ma non c’era traccia di seno ne di sedere. La cosa che però spegneva ogni interesse era il suo modo di vestire…sembrava avesse saccheggiato l’armadio di mia nonna. Comunque dico la verità…avevo voglia di un po’ di compagnia. Sapere che Antonella era al mare sulla spiaggia con Roberto, magari a scambiarsi tenerezze, mi turbò l’umore. Cominciai a pensare che era giunto il momento di appendere gli scarpini al chiodo, tanto ormai, alla soglia dei trent’anni, non avrei più fatto carriera.
Ero da poco rientrato in casa che mi arrivò la telefonata di Antonella per chiedermi come fosse andato l’incontro e mi disse che nel pomeriggio non erano stati sulla spiaggia, avevano preferito rimanere a letto…sentivo Roberto in sottofondo che mi gridava “Non so adesso fra me e te chi è più stanco…tua moglie è insaziabile…”
Antonella volle precisare che in realtà il porco che non ne aveva mai abbastanza era lui. “Ho la patatina in fiamme” mi disse “stasera me la devi accarezzare come solo tu sai fare…”
A costo di annoiarvi devo chiarire il significato di questa affermazione. Chi ha letto il prologo di questa storia saprà che mia moglie, prima di conoscermi, ha avuto moltissime esperienze sessuali, per cui, quando mi disse di essersi innamorata di me e dopo che ci eravamo messi assieme le chiesi cosa avevo di diverso agli altri. Speravo che fra le altre cose mi dicesse che ero molto bravo a letto, il mio ego di maschio voleva sentirsi gratificato. Non ne fece cenno, per cui dovetti farle una domanda diretta. Mi rispose esattamente così: “Quello che provo quando faccio l’amore con te non l’ho mai provato con nessuno e non è questione né di misure, né di durata, né di intensità. Però se vuoi un giudizio più tecnico da zoccola esperta, ti dirò che col cazzo sei poco sopra la sufficienza, ma con le mani e la lingua sei il numero uno…e sai che di uomini ho esperienza”
Beh, non era andata proprio male, diciamo soddisfatto a metà. Inutile dire che mi adoperavo volentieri in lunghe sedute di cunnilingus fra i preliminari di baci e carezze e quella che poi era la penetrazione. Devo dire che era bravissima anche lei con la bocca però il 69 era una variante che non praticavamo spesso. Quando io la leccavo intimamente e contemporaneamente con le dita andavo alla ricerca del suo punto G, lei adorava chiudere gli occhi e concentrarsi su quello che le facevo, per prima rilassarsi e poi, in un crescendo di eccitazione, esplodere in un intenso orgasmo.
Quello che mi chiedeva quella sera sarebbe stato un massaggio rilassante, ma anche un segno che non ero contrariato del modo come aveva usato la sua patatina nel fine settimana. Certo che poi ci sarebbe stato qualcosa anche per me, se la sua figa non avesse recuperato ci sarebbero state le sue labbra a darmi piacere. In realtà dipendeva solo dal suo umore, la sua passerina avrebbe potuto accogliere chissà quanti altri cazzi senza problemi, magari era lei che voleva variare.
Ma torniamo alla fatidica domenica. Naturalmente, dopo il racconto della partita, parlai anche dell’incontro con la nostra vicina e dell’invito ricevuto. Sapevo che non avrebbe avuto niente in contrario, ma mi raccomandò di essere corretto e sincero con Martina perché non voleva creare problemi di vicinato. Poi aggiunse: “Avevo già notato che la “zia” (così la chiamava lei), ti aveva messo gli occhi addosso…siete voi maschietti che non vi accorgete di niente”.
Così chiamai Martina e accettai il suo invito. Durante la cena la conversazione si focalizzò sul racconto delle nostre vite e di cosa poi alla fine ci aveva portato a essere vicini di casa. Le parlai del mio lavoro e lei del suo e di come gli impegni professionali e un paio di relazioni sbagliate avessero fatto sì che a quarant’anni si fosse ritrovata sola. Io le dissi che ero stato fortunato perché, dopo qualche storiella senza importanza avevo trovato l’amore della mia vita, ma non entrammo nei particolari. Notai però un’espressione di disapprovazione o forse di compassione sul suo volto.
Dopo cena, davanti ad un caffè, mi lodò per la mia dialettica che l’aveva affascinata e poi alla fine trovò il coraggio di dire: “Tu meriti molto di più della donna che hai accanto, perché accetti di essere trattato così? Se io avessi un uomo come te non solo lo rispetterei, ma gli dedicherei ogni attimo della mia vita”. Poi mi chiese scusa dicendomi che non erano fatti suoi, però era quello che pensavano anche altri condomini che ormai erano a conoscenza della tresca di mia moglie. Del resto Antonella, non dovendo nascondermi niente, non si era curata molto di essere discreta e si era fatta sorprendere abbracciata con Roberto o mentre lo baciava appassionatamente sul portone di casa prima di congedarlo.
Nel frattempo si era pericolosamente avvicinata a me e il suo viso, senza gli occhiali e con un filo di trucco mostrava dei bei lineamenti e le labbra invitavano al bacio…ma era la stessa donna? Le sue labbra si avvicinavano pericolosamente alle mie e pregustavo già il piacere del contatto ma…ripensai alle parole di Antonella. Mi ritrassi di colpo e le dissi mentendo spudoratamente: “Martina, sei una donna bellissima e molto intelligente è un piacere stare con te e ti confesso che mi sento molto attratto, ma…io sono di Antonella e non la lascerò mai, non voglio ci siano fraintendimenti”. Lei rimase un attimo pensierosa, poi avvicinò le sue labbra alle mia e ci baciammo…accidenti…la “zia” ci sapeva fare…
Il bacio fu lungo e intenso, le nostre lingue si incontrarono e si scontrarono più volte, era dolce il suo sapore (eppure il caffè lo aveva preso amaro…ironizzai nella mia mente).
Quando le sue labbra si staccarono dalle mie mi guardò un attimo poi disse: “Non ti ho chiesto niente, mi andava di farlo e basta. Adesso vai che fra poco il fidanzato di tua moglie te la riporta a casa”.

11
Autore Pubblicato il: 10 Settembre 2021Categorie: Racconti Cuckold, Tradimento, Trio0 Commenti

Lascia un commento

11