;

Sonia e Lily – 03 – La prima volta

Il rapporto tra me e Sonia si era rapidamente trasformato in una relazione: il segreto che condividevamo e la grandissima complicità che si era instaurata tra di noi avevano fatto scattare la scintilla che immediatamente era divampata. Lily, il mio alter ego femminile, era diventata una parte importante del nostro rapporto e nei suoi panni avevo provato una nuova esperienza sessuale, diversa ma non per questo meno intensa; Sonia mi aveva guidato nella conoscenza della mia parte femminile e mi aveva fatto scoprire quel mix di piacere fisico e mentale quando aveva preso l’iniziativa e mi aveva penetrato, seppur solo con un dito. 

Desideravo rivivere quelle sensazioni con lei e soltanto con lei, ma avevo paura che se le avessi chiesto di essere di nuovo passivo avrei rotto l’equilibrio e rovinato la storia che stava nascendo.

 

Avevamo deciso di tenere nascosta per il momento la nostra relazione in ufficio, per non alimentare i pettegolezzi dei colleghi, anche se trovavamo molto difficile non esternare ciò che provavamo per gran parte della giornata. 

Eravamo in pausa pranzo, seduti al tavolino in un bar in una piovosa giornata invernale Sonia mi raccontava animatamente di un suo capo che l’aveva fatta infuriare. La vidi guardarsi attorno, come ad assicurarsi che non ci fosse nessuno che ci potesse sentire, e mi aspettavo che continuasse ad inveire contro il suo capo; invece mi rivolse uno sguardo complice prima di abbassare il tono della voce e dirmi:

“Adesso che ho realizzato la tua fantasia tocca a te realizzare la mia”

“A cosa ti riferisci?” le chiesi.

“Quella di fare sesso con una donna”, mi rispose e nei suoi occhi lessi la sua curiosità per la mia risposta.

“Pur volendo non potrei aiutarti” le dissi abbassando lo sguardo, deluso. 

L’idea di essere stato un “passatempo” in attesa di una donna mi fece male non poco e non riuscii a mascherare le mie emozioni come invece avrei dovuto. Lei scoppiò a ridere, lasciandomi così spiazzato che mi chiesi cosa avessi detto di così buffo.

“Ma che hai capito!”, mi disse quando si fu ripresa, “io mi riferivo a Lily! Conoscendoti ho capito che forse quell’esperienza mi intriga ancora di più…”

“Ma quella non l’hai già realizzata?” le chiesi riprendendo un po’ di sicurezza.

Si avvicinò e mi sussurrò all’orecchio: 

“Non come volevo io… fidati stavolta sarà ancora meglio, ti farò mia e mi pregherai di non smettere…”

Si allontanò per potermi fissare negli occhi ed aggiunse:

“Perchè lo so che ti è piaciuto e so anche che lo vuoi ancora o mi sbaglio?”

“No no mi è piaciuto” le confermai, arrossendo fino alle orecchie.

Si gustava il mio imbarazzo e si divertiva a giocare con me; sapeva che morivo dalla curiosità di scoprire cosa avevo in mente, ma che per me l’argomento era ancora un tabù per poterne parlare liberamente in un posto affollato.

“Questa volta, però, dovrai aspettare. Voglio che Lily sia perfetta, ti voglio donna! E perciò lo faremo da me quando le mie coinquiline sono via”

Quelle parole accesero una lampadina nella mia mente; l’idea di sentirsi donna ed abbandonare per qualche ora la mia parte maschile aveva un che di affascinante ed allo stesso tempo conturbante. Tornammo in ufficio e per tutto il pomeriggio trovai difficile concentrarmi sul lavoro; fantasticavo su quello che Sonia mi avrebbe fatto indossare e cercavo di farmi un’idea su cosa stesse architettando. 

Passarono due settimane in cui lei non fece accenno al discorso di quella volta né mi chiese di diventare Lily. Dal canto mio, se da una parte la nostra relazione stava ingranando sempre più, dall’altro sentivo la mancanza dei nostri momenti con Lily; il poterne parlare solo con lei ed ancor di più il suo volermi preparare avevano reso il nostro rapporto ancora più forte. 

Mi alzai per fare una pausa e quando tornai alla mia scrivania trovai una mail di Sonia; cercai di incrociare il suo sguardo prima di leggerne il contenuto, ma lei sembrava presa dal lavoro ed aveva gli occhi incollati al monitor. Il messaggio era chiaro e sintetico: “18:30. Non fare tardi”. Guardai l’orologio: erano quasi le 17:30 ed a breve sarei uscito dall’ufficio, avevo un’ora per tornare a casa, radermi di tutto punto ed andare da lei. Spensi il computer, raccolsi le mie cose e mi incamminai a passo svelto verso casa; pensai che Sonia si divertiva a darmi sempre un preavviso così breve, come a voler rimarcare chi era la parte predominante tra lei e Lily. Arrivai trafelato a casa e mi dedicai subito alla rasatura del viso; ebbi soltanto il tempo di darmi una rapida sciacquata prima di dover uscire di nuovo per andare da lei. Arrivai a casa sua con qualche minuto di ritardo e mi diedi una sistemata prima di bussare alla sua porta.

“Finalmente sei arrivato!” mi disse non appena mi vide.

“Ho fatto più in fretta che potevo” tentai di giustificarmi.

“Dai vieni che abbiamo tanto da fare!” mi richiamò tirandomi dentro casa.

Mi accolse con un abbigliamento più comodo rispetto a quello che aveva in ufficio; aveva indossato una tuta, come a voler nascondere l’intimo che aveva deciso di indossare, e delle sneakers. L’abbigliamento casalingo, però, era tradito dal fine make up che le incorniciava il viso: le labbra erano colorate da un rossetto di un rosa molto tenue, mentre sulle guance aveva applicato del fondotinta per renderle le gote leggermente più rosse. Gli occhi cristallini  erano messi in risalto da un ombretto violetto e dalle ciglia rese ancor più lunghe dal mascara. I biondi capelli erano sciolti e le ricadevano morbidamente sulle spalle.

“Spogliati subito e raggiungimi in bagno!” mi disse mentre si avviava.

Feci come mi disse, lasciando tutti i miei vestiti sul divano, e la raggiunsi in bagno; aveva riempito la vasca da bagno e la stanza era illuminata da una decina di candele profumate.

“Facciamo il bagno insieme?” le chiesi abbracciandola.

“Non è come pensi…” mi rispose spostandosi in modo da potermi guardare negli occhi. “Il bagno è per te, voglio che tu lo faccia prima della depilazione…”

“Depilazione?” le chiesi con tono allarmato.

“Te l’ho detto, voglio che tu sia perfetta e la depilazione è il primo passo! Via ogni pelo!”

“Ma così se ne accorgeranno anche gli altri!” protestai. 

“Ti inventerai una scusa… Ora basta discutere ed entra nella vasca” spense così sul nascere ogni mia protesta ed accompagnò la sua affermazione con un sonoro schiaffo sul culo.

Entrai nella vasca, immergendomi nell’acqua tiepida, e chiusi gli occhi per rilassarmi; li riaprì quando sentì le mani di Sonia muoversi lentamente sul mio corpo e cospargerlo con olii profumati. Mi abbracciò da dietro e mi mordicchiò l’orecchio, mentre con le mani si assicurava che tutto il mio corpo fosse stato idratato con gli olii. 

“Adesso dovresti essere pronta”, mi disse porgendomi un asciugamano.

Svuotò la vasca, ma mi fermò con la mano quando provai ad uscire. Cominciò con la depilazione dei pochi peli che avevo sul petto prima di dedicarsi alla zona dell’inguine; tolse ogni pelo che avevo sul cazzo e poi si diresse decisa sul culo, su cui fece un lavoro minuzioso. Quando fu il turno delle gambe, al posto della crema depilatoria passò alla ceretta.

“Ma che stai facendo?” le chiesi perplesso dal cambiamento.

“Tesoro, se vuoi essere una signorina è giusto che provi anche i nostri metodi!”

Provai a protestare, ma non me ne diede il tempo.

“Ahi” le dissi quando strappò via la prima striscia.

“Sai come si dice: se bella vuoi apparire devi imparare a soffrire” mi rispose ridendosela di gusto. 

Quando Sonia fu soddisfatta della sua opera, mi fece uscire dalla vasca e mi condusse in camera da letto, dove potei osservarmi in uno specchio a figura intera; anche se di peli non ne avevo tanti, la differenza tra il prima ed il dopo era davvero evidente e si notava soprattutto sul pacco e sulle gambe.

“Vieni che non abbiamo ancora finito!” mi richiamò Sonia.

Anche se le nostre due fantasie in parte coincidevano, ero molto curioso di scoprire cosa avesse preparato e volevo essere perfetto per lei così come lei lo era stata per me; così quando la vidi agitare la boccetta di smalto, mi andai subito a sedere vicino a lei e le porsi la mano.

“Per questa volta ho scelto di nuovo il rosso perchè mi piace come ti sta e perchè ti fa ancora più porcellina” mi disse sorridendo mentre dipingeva le unghie della mano. “La prossima volta se ti fa piacere potrai scegliere tu il colore”, aggiunse.

Il poter scegliere il colore mi faceva piacere, ma quello che mi rendeva felice era il fatto che già parlasse di una prossima volta, confermandomi ancora di più che le piacevo anche quando ero nei panni di Lily e che la sua presenza nel nostro rapporto non si fermava ora che stavo per soddisfare la sua fantasia. Rimasi in silenzio, mentre passava ad applicare lo smalto alle dita dei piedi, ma il sorriso che avevo stampato in faccia rivelava più di mille parole come mi sentissi in quel momento.

Dopo aver finito con lo smalto Sonia mi lasciò qualche istante per guardarmi, in quello che oramai era diventato un nostro piccolo rituale; ne approfittò per recuperare dall’armadio quello che voleva che indossassi. Non capii subito cosa aveva scelto, poiché lei con il corpo celava ciò che aveva tra le mani, lasciandomi intuire soltanto il colore rivelandomi soltanto il colore: il bianco. 

“Bianco?” le dissi in attesa che lei mi mostrasse cosa aveva tra le mani.

“Si, mi dà l’idea di chi vuole giocare a fare la verginella e poi in fondo è una gran maialina…”

Mi fece indossare un paio di mutandine di pizzo, ma stavolta mi sistemò il membro in modo che scivolasse il più possibile in mezzo alle gambe, così da rendere il rigonfiamento sul davanti appena evidente; anche se trovai leggermente fastidioso avere il cazzo così schiacciato tra le gambe non le dissi niente, anzi fui felice di essere il centro delle sue attenzioni e di contribuire a farle realizzare la sua fantasia. Mi allacciò un reggiseno in coordinato con le mutandine, stringendolo al punto che i miei pettorali, ora completamente glabri, erano strizzati ed assomigliavano a delle piccole tettine; Sonia mi stava preparando davanti allo specchio e questo mi dava la possibilità di guardare la mia figura progressivamente cambiare, come se stessi vedendo un film, e di veder emergere quasi magicamente Lily. 

Lo step successivo fu il reggicalze accompagnato dalle calze in tinta con il resto dell’intimo; era la prima volta che lo indossavo, il reggicalze non era mai entrato nel mio immaginario da crossdresser, ma adesso che mi guardavo allo specchio e potevo studiarmi da varie angolazioni lo trovavo eroticamente stuzzicante. Completò la vestizione facendomi indossare una vestaglietta velata che lasciava intravedere l’intimo sottostante ed un paio di scarpe con il tacco a spillo anch’esse bianche. 

“Mmm già così ti salterei addosso”, mi disse dandomi un pizzicotto sul culo.

“Ti voglio anche io! Ma sospetto che tu abbia qualcos’altro in serbo per me”, le risposi guardando la sua reazione nell’immagine riflessa allo specchio. 

Mi girai e la baciai sul collo, ma lei mi fermò quasi immediatamente, anche se si vedeva che era combattuta nel farlo.

“Dai vieni qui signorina, che ti voglio truccare”.

Mi fece sedere ed iniziò a truccarmi; nell’ordine usò il rossetto, l’ombretto, il mascara ed il fondotinta e quando ebbe finito due cose catturarono la mia attenzione: la figura che vedevo riflessa allo specchio, sempre più armoniosa e femminile, ed il make up che aveva replicato uguale al suo, con l’unica differenza dello smalto che nel suo caso era dello stesso rosa con cui aveva dipinto le labbra.

“Ti manca ancora un piccolo dettaglio ed abbiamo finito…”

Recuperò una busta dall’armadio e ne tirò fuori una parrucca: rossa, con i capelli mossi che ricadevano ben oltre le spalle. Me la sistemò con cura sulla testa, pettinando quella nuova chioma come più desiderava. Quando ebbe finito e mi guardai allo specchio rimasi senza parole: riflessa vi era Lily, femminile, affascinante. Era la prima volta che mi sentivo sexy e desiderabile in abiti femminili e dimenticai la vergogna che di solito provavo quando lo facevo.

Non mi accorsi nemmeno che Sonia era uscita dalla stanza fino a quando non tornò e con un colpo di tosse richiamò la mia attenzione lasciandomi senza fiato per la seconda volta nel giro di pochi minuti: il suo abbigliamento era identico a quello che aveva scelto per me, ad eccezione del colore; lei infatti aveva optato per un look total black ed ora si muoveva verso di me, sinuosa e felina come una pantera.

“Sei stupenda…” furono le prime parole che riuscii a pronunciare quando mi ripresi da quella visione.

“Anche tu sei un bel bocconcino signorina!”, mi disse mentre mi girava intorno. 

Con una presa decisa sul culo Sonia mi strinse a lei per poi darmi un lungo bacio appassionato; quando le nostre lingue finirono la loro danza, la mia partner mi diede un’intensa leccata sul collo seguita da tanti piccoli baci, mandandomi immediatamente su di giri.

Lentamente mi sfilò la vestaglietta, prima di prendermi per mano e di portarmi vicino al letto, su cui mi fece stendere con una spinta decisa.

“Ferma lì porcellina…”

Sonia si tolse le mutandine e me le tirò in faccia, quindi salì su di me ed appoggiò il suo sesso sulla mia faccia. Alzai leggermente la testa e con la lingua iniziai ad accarezzare le grandi labbra, avvicinandomi lentamente alla clitoride; aumentavo e rallentavo il ritmo, cercando di darle sempre dei colpi delicati, mentre lei mi teneva la testa schiacchiata sulla fica e si dimenava ad ogni mio affondo. Con un movimento deciso della mano mi staccò dal suo sesso, mentre io desiderosa la guardavo e leccavo i suoi umori che copiosi mi ricoprivano il viso.

“Pensa anche al mio culetto…” mi disse mettendosi a quattro zampe affianco a me.

Cominciai a morderle il culo, prima di affondare la testa tra le natiche e deliziare con la lingua il suo buchetto.

“Si, Lily continua così…”

Sonia gemeva sommessamente e con la mano si masturbava, mentre io oramai ero al suo servizio.

“Ora tocca a te” mi disse interrompendo le mie attenzioni. “Ma prima ho un’altra sorpresa…”

Si alzò e prese un pacchetto che aveva riposto sulla scrivania; lo aprì e ne tirò fuori un dildo nero di medie dimensioni. Rimasi spiazzato, non mi aspettavo quel tipo di oggetto, ma lo rimasi ancor di più quando fece entrare un’estremità del fallo nella sua fica, puntando l’altra verso di me.

“Non ne avevamo mai parlato” balbettai.

“Dai, con il dito ti è piaciuto ed ora sei pronta per realizzare la mia fantasia…”

Mi baciò sulle labbra e mi sussurrò all’orecchio

“Girati maialina, stasera sei mia e mia soltanto…”

Le sue parole fecero breccia nelle mie difese, lei mi aveva trasformato in Lily e mi stava facendo sentire sexy e desiderata anche con abiti femminili.

Mi girai di spalle ed aspettai che Sonia mi abbassasse le mutandine. La sentii puntare la punta del fallo sul mio buchetto e farla strisciare nel solco fra le natiche prima di mettermi una mano sulla schiena e costringermi a quattro zampe; ero tesa perché mi aspettavo che usasse subito il dildo, ma quando sentì la lingua intorno al mio buchetto e poi infilarsi subito dentro mi sciolsi e desiderai che infilasse il dito come la volta prima. 

Sonia infilò il dito, cominciando a penetrarmi lentamente ed aumentando man mano il ritmo, ed io iniziai a gemere e portai la mano sul cazzo per masturbarmi.

“Ferma!” esclamò accompagnando il suo ordine con un sonoro ceffone sul sedere.

“Sonia, ti prego…”

“Sei la mia signorina, quello non lo devi proprio considerare…”

A malincuore tolsi la mano e lasciai che lei riprendesse a scoparmi, cercando di concentrarmi soltanto dal piacere che ricevevo dalla penetrazione.

Quando inserì anche il secondo dito lasciai andare qualsiasi freno e mi sporsi ancora di più con il culo verso di lei; tutto il piacere della penetrazione e del sentirmi suo era contrastato solo dalla tortura di non potermi toccare e raggiungere l’orgasmo, mentre lei continuava a scoparmi a ritmo sempre più sostenuto.

“Ti prego Sonia, lasciami toccare…” quasi la implorai tra i mugolii di piacere.

“Non ci provare, siamo ancora all’inizio…”

Lei sapeva oramai di avere il controllo, aspettava solo il momento giusto. Quando capì che ero pronta, tolse le dita e mi diede qualche secondo, prima di iniziare a far strisciare il fallo nel solco tra le natiche. Sentì il freddo del gel lubrificante sul mio culetto e mi bloccai per la tensione; il fallo insisteva costantemente sul mio ano, pronto ad entrare. 

Quando Sonia infilò la punta gridai per il dolore; la mia partner tirò via l’attrezzo e si stese accanto a me.

“Scusami non volevo farti male. Ti prego, credimi” mi disse con un velo di lacrime agli occhi.

Mi sentii davvero male, quelle lacrime erano la testimonianza più evidente della sua dolcezza che lottava per uscire fuori anche in quel momento e del fatto che ci tenesse davvero a noi. L’abbracciai e la tenni stretta per qualche secondo.

“Sonia voglio essere tua e soltanto tua”, le dissi guardandola negli occhi, “e sono contento di vivere questa cosa con te…”

Quando vidi un sorriso illuminare il suo viso e spazzare via l’accenno di lacrime, mi piegai di nuovo a quattro zampe ed agitai il culo verso di lei per stemperare la tensione del momento. 

Questa volta provai a rilassarmi quando sentii la punta del fallo appoggiata sul mio buchetto; Sonia fu più dolce nell’ingresso questa volta e mi fece meno male. Infilò lentamente tutta l’asta dentro di me, fino a quando la sua pancia non tocco il mio culo; si fermò per qualche secondo per darmi il tempo di abituarmi prima di iniziare a scoparmi con un ritmo lento e regolare scandito dal rumore del suo corpo che sbatteva sul mio culo. Il dolore sparì velocemente, sostituito da lampi continui di piacere che mi percorrevano tutta la spina dorsale fino ad arrivare come un fulmine al cervello. Presa in quel vortice di lussuria, dimenticai la voglia di toccarmi nonostante sentissi il mio cazzo duro come il marmo e bagnatissimo sbattere tra le mie gambe ad ogni affondo, e desiderai soltanto che lei mi scopasse.

“Scopami Sonia, scopami…” le mie parole si ripetevano intervallando gli urletti di piacere che lanciavo ad ogni colpo.

Sonia si nutriva delle mie urla e dei miei incitamenti ed aumentava sempre più il ritmo; con le mani sui fianchi mi teneva salda mentre io ondeggiavo in risposta ai suoi colpi potenti e passionali.

“Si Lily sei la mia maialina…”

La mia partner mi scopava ad un ritmo forsennato, trapanando il mio povero culetto, ma non per questo la mia voglia diminuiva, anzi semmai era il contrario; non riuscivo più a reggere il ritmo e con uno degli affondi mi fece finire con la faccia sul letto, facendo volare via la parrucca. Sonia non rallentò, ma anzi mi ritirò su tenendomi per i capelli, rimettendomi di nuovo a quattro zampe ma senza mollare la presa sulla mia testa; questo gesto di dominazione mi eccitò ancor di più ed iniziai ad urlare come un’ossessa e a pregarla di non fermarsi. 

“Oddio, oddio Lily sei la mia troietta!!!” mi urlò sovrastando i miei gemiti lussuriosi.

Sonia rallentò il ritmo soltanto quando raggiunse l’orgasmo, dandomi degli ultimi colpi decisi e passionali prima di fermarsi e di accasciarsi sulla mia schiena.

“Dimmi che ne vuoi ancora…” mi sussurrò all’orecchio.

“Scopami… o forse sei già stanca?” le dissi girando la testa e sfidandola.

Estrasse l’asta che era ancora tutta conficcata nel mio culo e con un gesto rapido mi fece stendere sulla schiena; mi guardava stringendo l’attrezzo con la mano, in attesa di un mio cenno. Sapeva che ero sua, ma voleva ancora una volta una dimostrazione. Con le mani mi tirai le gambe all’indietro, in modo da tenerle in alto e mostrarle il mio buchetto ancora pulsante di desiderio, mentre mi passavo la lingua lentamente sulle labbra. Sonia mi penetrò di nuovo con lo strap on, infilandolo tutto in un colpo solo; stavolta non provai nessun dolore, ma godevo soltanto in maniera incontrollata, mentre lei variava il ritmo, aumentando e diminuendo potenza e velocità a suo piacimento. Aveva di nuovo ragione lei: 

“Lily scopami! Sono la sua troietta!!” le gridai in segno di sottomissione.

Ero sua, soltanto sua e, così, ora che aveva avuto il mio gesto di resa decise che potevo avere il mio orgasmo; afferrò saldamente il mio cazzo e con pochi colpi decisi mi portò al momento di massimo piacere, mentre continuava ad affondare l’asta nel mio buchetto mai sazio. L’orgasmo mi lasciò senza fiato, mentre il mio cazzo spandeva su tutto il mio corpo il frutto copioso dell’amplesso. Sonia si fermò e raccolse con il dito una goccia che era caduta sulla mia pancia, per portarla vicino alle mie labbra; come in trance aprì la bocca e le succhiai il dito, mentre lei mi guardava soddisfatta e trionfante.

Soltanto allora tirò fuori l’asta dal mio culo e si venne a sdraiare vicino a me.

“Grazie” mi disse con un filo di voce.

“E come al solito avevo ragione io…” aggiunse

La guardai con un’aria interrogativa, aspettando che concludesse la frase.

“Mi hai pregato di non smettere”, concluse sorridendo con aria soddisfatta, “ se sapevo che eri così maialina ti avrei scopata molto prima…”

Mi guardò e scoppiò a ridere, mentre io arrossì molto più del make up che mi colorava le guance.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.