;

Sara – 03 – Il Boss di Franco

2 0

E venne un lunedì che fu molto importante nella vita di Sara, le cambiò un poco la vita: decise di confidarsi con lo Zio Paolo, ne seguì i consigli e ne trasse grande beneficio.

Mi chiama e come al solito mi dice: “Vengo”;  al suo arrivo tutto come di norma, bacetti,  convenevoli, carezze, si spoglia e cominciamo a fare sesso; però, questa volta si ferma presto, interrompe quello che stavamo facendo, si mette sopra di me, si infila il cazzo nella fica, comincia a muoversi lentissimamente e comincia a parlare.

“Sai, mi è successa una cosa” inizia “Ti ricordi che ti avevo detto che ieri c’ era un incontro con i colleghi di mio marito?”

“Si” nella casa di uno dei due responsabili” risposi

“Si, a casa di Gianni: la facciamo sempre lì perché vive in una specie di villetta-casolare in periferia ed è molto comodo perché c’ è spazio, un po’ di giardino e lui è scapolo. C’ erano tutti, Marcello, l’ altro responsabile con la moglie e i colleghi di Franco con le mogli. È andato tutto bene fino a quando è arrivata l’ ora di andare via; Gianni ha chiesto a Franco se poteva fermarsi un po’ perché aveva bisogno di parlargli di una cosa di lavoro. Franco, in verità, aveva bevuto un po’ troppo e io mi stavo chiedendo se era in grado di guidare, così fui contenta di questo rinvio della partenza. Però Gianni, parlando di lavoro, continuava a far bere Franco, per cui dopo circa mezz’ ora che parlavano, mio marito era chiaramente in difficoltà.”

“Franco! Ma ti senti bene?” chiese Gianni

“Si, ma mi gira un po’ la testa, forse ho bevuto troppo” rispose Franco

“Perché non ti metti un po’ a letto, un po’ di sonno ti rimette in sesto”

“Franco non voleva ma, anche per le insistenze mie, si sdraiò nel letto della stanza degli ospiti. Io ero seduta su una sedia al tavolo del soggiorno e Gianni cominciò a parlarmi: siete una bella coppia, Franco è proprio innamorato di te, state bene insieme, è bello vedervi insieme, etc. E intanto continuava a versarmi vino nel bicchiere.

“Ad un certo momento si alzò e cominciò a passeggiare per la stanza, mi si avvicinava, poi si allontanava; cominciò a farmi qualche fuggevole carezza ai capelli, poi sulle spalle, poi si allontanava. Io mi chiedevo che intenzioni avesse: non mi sembrava possibile che volesse fare cose strane con mio marito nell’ altra stanza. Ad un certo momento cominciò a massaggiarmi le spalle, lo faceva molto bene: io ero un po’ in allarme, ma era troppo bello e non dissi niente. Continuava il massaggio che diventava sempre più  deciso ed il movimento sempre più ampio, ormai oltre le spalle, con la mano arrivava fino quasi alle tette. Ad un certo punto mi diede un bacio tra il collo e le spalle: era bravissimo, mi diede una sensazione fantastica, ma riuscii a dire: “Ma cosa fai, non voglio” ma credo di non essere stata molto convincente. Mi diede altri baci così ed anche un bacetto appena accennato a fior di labbra sull’ orecchio. Mi diede una fitta di piacere direttamente alla fica, non riuscii a controllarmi e mi uscì un gemito. Credo che questo fu la mia fine.”

“Cominciò, infatti, ad accarezzarmi le tette, le prendeva a pieni palmi da sotto e le stringeva, non mi dava retta quando gli dicevo di lasciarmi, continuava imperterrito; da parte mia sentivo un gran benessere, mi piaceva, quel gioco mi stava eccitando. Mi mise le mani nella scollatura per prendere le tette direttamente, le strizzava con forza, mi tolse la maglietta, mi slacciò il reggiseno e mi alzò, mi tirò verso di sé e mi baciò con foga, la sua lingua mi entrò tutta ed io non ho avuto la forza di oppormi. Poi, rapidissimamente, senza che quasi me ne rendessi conto, mi tolse i leggins, gli slip e nuda come ero mi sdraiò sul tavolo, mi aprì le gambe e cominciò a leccarmi. Era delizioso. Lo vidi che si apriva la cerniera dei pantaloni ed estrasse il cazzo: era incredibilmente grosso, non lunghissimo, credo sia più corto del tuo, ma grosso, il più grosso che ho mai visto  Non aspettò neanche un secondo, lo mise all’ ingresso della fica e me lo mise dentro, bagnata come ero non fece certo fatica!”.

“Io ho goduto quasi subito, lui non durò molto, dopo dieci minuti, con un rantolo strozzato (penso per non rischiare di svegliare Franco), lo tirò fuori ed avvenne l’ incredibile: mi spruzzò dappertutto, sulla pancia, sulla faccia, sulle gambe una quantità pazzesca di sborra! Non avrei mai creduto che fosse possibile!”

“Corsi subito in bagno, mi feci una doccia rapidissima, mi rivestii e tornai in soggiorno; anche Gianni si era sistemato e ci sedemmo sul divano; lui voleva toccarmi ancora ed anch’ io ero rimasta un po’ in mezzo al guado, quell’ unico orgasmo non mi aveva soddisfatta e poi volevo conoscere bene quel cazzo incredibile. Cos’ dopo poco glielo tirai fuori e cominciai  a giocare. Lui, un po’ da cafone mi disse: ”Adesso che l’ hai provato, può darsi che te lo farò assaggiare qualche volta!” Non mi piacque, ma feci finta di nulla; però dopo pochissimo sentii il rumore della porta della stanza dove stava Franco e capii che stava tornando; ci sistemammo rapidamente e tutto fu OK.

Tornammo a casa, Franco andò subito a dormire ed io, decisi di concedermi un momento solo per me: mi misi sotto la doccia calda, mi accovacciai facendomi scendere l’ acqua sul corpo ,e pensando intensamente a quel cazzo e a quella sborrata, mi feci uno dei più bei ditalini della mia vita.”

“Vedi, Zio Paolo, a parte la scopata che non avrei dovuto fare, ma che ho subito perché io non ci pensavo nemmeno, però Gianni è un gran bell’ uomo, sempre mi aveva guardato con occhi “strani”, mi ha fatto bere e poi ha questo cazzo grosso come il tuo polso; a parte questo, dicevo, mi ha dato fastidio il suo atteggiamento, quasi mi volesse dire: “Adesso me la dovrai dare quando vorrò, altrimenti a Franco…..”. Non mi è piaciuto nemmeno un po’”

L’ avevo ascoltata con attenzione, mi feci raccontare ancora un po’ di particolari e poi mi venne un’ idea.

“Penso che ci possa essere una maniera per “vendicarti”” cominciai.

“Davvero? Quale sarebbe?” mi disse sollevata e curiosa.

“Immagino che l’ azienda dove lavori si serva di una ditta di spedizioni per le sue necessità.”

“Si, ed ultimamente ha fatto anche qualcosa di non molto corretto!” Disse.

“Tu devi andare dai tuoi due capi, quelli che hai spompinato a Milano, e parlare con loro. Vai da loro in un momento in cui puoi parlare tranquillamente e senza essere disturbati: dici loro che tuo marito lavora per una ditta di spedizioni e ti chiedevi se non fosse possibile dare un po’ di lavoro a questa azienda: sarebbe stato una buona chance per tuo marito, che stava cercando di avanzare nella gerarchia aziendale; e, scherzando ma non troppo, potresti aggiungere: “Così vi potrei perdonare di quello che mi avete fatto a Milano!!”, accompagnando queste parole con una risata. Ti sembra una strada percorribile?” Le chiesi alla fine.

“Oh si! È proprio una buona idea, cerco di parlarne domani stesso!”.

E così fu, Sara fu molto convincente con i suoi due capi e la sua azienda  fece una prova di alcuni mesi con la ditta di Franco, alla fine dei quali decisero di proporre un contratto ideale: avrebbero provveduto alle spedizioni di tutte le agenzie della ditta di Sara presenti in Roma! Questo significò un notevole avanzamento carrieristico di Franco, che fu nominato responsabile di un’ altra agenzia. Anche Sara cominciava ad avere riconoscimenti in azienda perché, oltre alle sue capacità tecniche, stava dimostrando notevoli capacità manageriali. Sempre su mio suggerimento Sara ottenne, tramite un’ amica, che anche l’ azienda dove lavorava l’ amica stipulasse un contratto con l’ azienda di Franco e questo era praticamente un trionfo. Il giorno in cui anche questo secondo contratto fu firmato, Sara venne da me e, come al solito messa a spegni-moccolo, mi scopava ma soprattutto mi parlava di questo contratto. E fu a quel punto che le dissi:

“E adesso è il momento della vendetta!”

“Perché?” non capiva; le spiegai che adesso era lei a tenere il coltello dalla parte del manico e quindi…..

“Fino ad oggi sei riuscita a tenere a bada le proposte di Gianni, anche se hai una voglia da morire del suo cazzo, oggi cambiano le cose.”

Le spiegai brevemente quello che doveva fare e: “Chiamalo!” le imposi.

Mi guardò molto pensierosa, molto concentrata e dall’ espressione del suo viso vedevo che, poco a poco, l’ idea stava prendendo corpo. Senza sfilarsi da me prese il suo cellulare e lo chiamò.

“Pronto Gianni? Sono Sara, tutto bene? Hai saputo del nuovo contratto? Bene, ah sei in riunione? Non importa, tanto ci metto solo un minuto a dirti quello che ti devo dire. Sai benissimo che questi due contratti li avete ottenuti grazie a me! E devi sapere benissimo che a me bastano due telefonate di un minuto per togliervi questi due contratti e sarebbe un gioco da ragazzi fare sapere alla proprietà della vostra azienda che la colpa della rescissione dei contratti sarebbe tua! Per cui, adesso ascoltami bene: tu sei uno stronzo, ma hai un cazzo che non meriti; tu ti sei comportato in maniera assolutamente cialtrona con me, ma io voglio sollazzarmi col tuo cazzo. Quindi, io verrò da te sabato, oggi è martedì e fino a sabato non devi fare sesso, voglio che le tue palle siano stra-piene di sborra! Sabato, poi, ti darò disposizioni per il futuro.  Sono stata chiara?”

Ho ancora negli occhi l’ espressione di Sara, mentre faceva questa telefonata ed il sorriso che aveva quando la finì. Posò il cellulare, era radiosa, mi abbracciò, mi baciò con passione, si rotolò sul fianco rimanendo infilata da me e mi disse: “Grazie Zio Paolo!! Sei fantastico! Che bello avere potere e poterlo esercitare! È la prima volta che mi capita! E adesso scopami e fammi godere chè tanto ormai conosci il mio corpo meglio di me!”

Graditi commenti al: ziopaolo1947@libero.it

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.