Leggi qui tutti i racconti erotici di: Juliana_49

Ormai ogni mattina correvo e andavo in motel,

Carlo ex capo ufficio mi creava appuntamento,

ogni mattina spesso era una persona diversa e finito mi lasciavano dalle 100 alle 300 euri che io mettevo nel conto delle bimbe

non scopavo quasi più con marito lui preso dall agenzia stava spesso fuori,

io spesso a pecora all inizio mi dava fastidio questo patto io scopo e marito fa carriera.

Una mattina entrai nella stanza di motel trovai un vecchietto avrà avuto 70 anni ma si rivelò un toro con aiuto delle pillole mi ha letteralmente devastata domina sottomessa,

entrai lo vidi e feci un sorrisetto malizioso piacere Giuliana dissi lui chi te la chiesto spogliati troia sei la moglie di Giancarlo giusto

si

mi hanno parlato bene di te. Mettiti a 4 zampe cagna

tentenna mi arrivò un manrovescio che mi fece traballare

quando dico un ordine tu  esegui chiaro

mi toccavo la guancia avevo delle lacrime che mi scendevano

a 4 zampe mi ci misi subito mi analizzo come una bestia dita in culo fica denti seno,

Bene ci sarà da divertirsi con te.

Ai figli

si 2

maschi

no

femmine

lui benne diverranno troie come la madre

ma come si permette

mi strizzo un capezzolo urlai dal dolore gridai lasciamelo mi fai male

lui adoro vederti soffrire zoccola

la prego farò quello che vuole

lo so benissimo che lo farai

tuo marito sa che fai la puttana

no

chiamalo

no la prego la supplico

chiamalo

piangevo amore mi

levo il cell senti Giancarlo sono tizio che deve fare quel contratto assicurativo a 300 persone

sua moglie e qui a 4 zampe come una cagna me la prendo per una settimana e d’accordo

ok

apposto attacco

io volevo

Lei non vuole

ma da ora sarà la mia cagna

la porto in uno scantinato del hotel e la mise in una gogna mani e collo immobilizati

starà così per adesso vera scopata e inculcata da chiunque ne avrà voglia

E suo marito la messa così

vede e sempre una puttana sino ha ora ne ha goduto ora sono cazzi suoi

ho stipulato 300 contratti e 300 Sela scoprano e inculeranno così ricupero qualcosa ho messo una cifra simbolica 10 euri

mise una ciotola sotto il mio viso non capivo mi senti entrare in fica era asciutta un dolore soffrivo non ero lubrificata uscì

e mi entro unaltro meno irruente stavo a occhi chiusi e subivo

mi senti dei schizzi in faccia  in parole povere mi scopavano ma mi sburravano in viso

Ipersi il conto a 30 non mi regevano più le gambe e misero un tavolinrtto sotto la pancia per tenermi col culo e fica a portata di cazzo

dallo sforzo svenni ma anche da svenuta mi scopavano

mi arrivò in faccia un getto caldo per farmi riprendere mi stavano pisciando in faccia

ll vecchietto per oggi basta così domani inizi alle 6:00 sino a lle 12:30 mangi poi alle 17:00ricominci sarà così per 7 giorni

ero in quella gogna scomoda e lo pregai di togliermi da lì

lo pregai

lui devi berti tutta la sborra e mi fai un pompino e lo ingoi tutto

ok farò quello che vuoi ma togliamo da qui  mi libero ma non mi regevo in piedi e cadi sdraiata avevo la fica in fiamme era  rossa fuoco

tiro fuori il cazzo sarà stato 25 cm per fortuna no largo mi prese dai capelli mi trascino e mi butto in una vasca puliscitti zoccola che fai schifo mi lavai e mi rilassaI

ero stanchissima

e brava la mia cagnetta te ne sei fatti 50 oggi complimenti sei svenuta 2 volte ma devo dire che sei una cagna che ha resistenza

Mi passo una crema che mi diete sollievo alla fica mi disse di mettermi a 4 zampe lo feci subito ai fame cagna gli dissi

si

bene cammina verso la ciotola era ricolma di sperma e il frutto del tuo lavoro te lo sei meritato lecca lo tutto stavo per dire qualcosa

mi arrivarono due schiaffi sul culo che bruciavano da morire iniziai subito a leccare

Ibrava cagna

senti che mi si posiziono il cazzo sulla rosellina io la prego mi lubrifichi prima

lui zitta e lecca a metà ciotola avevo connotati di vomitoo

lui non provare a rigettare che te la faccio mangiare il vomito

gli chiesi se potevo bere qualcosa lui mi diete del acqua avevo la bocca inpastata un alito che mi dava fastidio a me stessa

mi scatto delle foto e le mando a mio marito ero con collare e catena mi scatto foto anche della fica slabrata e rossa scrivendo che domani tocca al culo fini la ciotola

brava ora fammi un pompino con ingoio iniziai lui tutto lo devi ingoiare non ci riesco cazzo di puttana sei mi mise con la testa fuori dal materazzo mi prese dietro la nuca e me lo infilo tutto in gola mi dimena o soffoca o non vomitare chr ti gonfio ero viola mi uscì cazzo vedi che ci riesci puttana ti rimando a casa che sarai un’altra, la mattina mi svegliai avevo fame lo dissi si ma dopo ora e ora di iniziare la monta stavolta stavo a 90 su un tavolo legata mani e caviglie mi fece dei clisteri mi puli x bene rimise la ciotola sotto è iniziarono a incularmi c’era uno che mi avevano fatto vedere con un cazzo che era una lattina di birra e disse preparatemela bene non vorrei squartalla mi in culo per ultimo ero ormai bella larga e col culo cedevole mi entro senza problemi mi fece avere orgasmi di culo e lui cazzo questa ci gode a farsi spaccare se ne fece tre di inculae solite foto del culo aperto in una settimana mi feci 300 uomini bevuto solo sperma ormai ero dimagrita di 6 kg mi riportarono da mio marito che avevo fica e culo larghi come quelli di una vacca mio marito vedendomi mi lascio e il vecchietto mi fece diventare una vacca da monta. Mi sveglia tutta sudata con mio marito che mi disse cosa ai sognato io era un incubo abbraciai mio marito e mi ripromisi di non fare più grosse cazzate

Lascia un commento