Leggi qui tutti i racconti erotici di: Callumwe

Io e il mio amico Eric avevamo deciso di fare il grande passo. Entrambi da troppo tempo fantasticavamo di essere al centro dell’attenzione di un bel ragazzo o di un signore e di condividerlo. Ci conosciamo ormai da qualche mese, siamo sposati, persone apparentemente lontane da alcuni contesti. Eppure ci siamo conosciuti in chat proprio raccontandoci la reciproca fantasia di provare ad essere passivi in un rapporto con un altro uomo.
Dopo lunghe chiacchierate protetti da uno schermo abbiamo rotto il ghiaccio e ci siamo conosciuti. Avevamo un ottima intesa, lui era simpatico ed assolutamente alla mano. Non avrei mai detto che nutriva nel suo profondo la voglia di essere dominato.. Io stessa cosa.. Insospettabile, ho una compagna, mi piacciono le donne, poi forse per i troppi porno mi sono ritrovato a cercare un cazzo..
Insomma tra il serio e il faceto e dopo mesi di frequentazioni, birre insieme e partite di calcetto ci siamo trovati a dire “Che facciamo?” . Era giunto il momento per entrambi di capire se avremmo sempre fantasticato oppure messo in pratica le nostre fantasie.. Così un giorno a casa di Eric ci trovammo seriamente a pianificare il gran giorno.. Entrambi volevamo un estraneo, una persona “da usare” che non appartenesse neppure lontanamente alle nostre vite. Annunci su internet non promettevano nulla di buono, molti escort e molti chiacchieroni. Decidemmo allora di scendere in campo per selezionare direttamente la nostra vittima.
L’idea venne a me e piacque subito anche a lui.
Gli proposi di andare in un altra città, vicino Milano. Di spacciarci per intervistatori. Avremmo dovuto interpretare il ruolo di 2 redattori di un famoso sito per adulti che avevano l’obiettivo di intervistare a campione dei passanti di varie età e provenienze per carpirne i gusti sessuali. L’obiettivo era capire se “il prescelto” avrebbe gradito un pompino da un uomo.. Una volta ottenuto il si avremmo dovuto trovare il coraggio di provare a portarlo in un motel e farglielo.. Studiammo la parte in ogni dettaglio e fummo davvero bravi a trovare una serie di vie di fuga da adottare durante la conversazione nel caso in cui l’intervistato si sarebbe innervosito.
Eravamo eccitati come ragazzini, il cuore all’impazzata solo perché ne stavamo parlando e ogni tanto ci dicevamo “Lo stiamo facendo davvero?”. Ci dormimmo sopra una notte e l’indomani a mente fredda ci sentimmo. Nessuno dei due aveva dubbi sul piano e così decidemmo di agire. Fissammo l’appuntamento il Venerdì successivo, entrambi in ferie dal lavoro.
Il viaggio di un ora circa fu stranissimo.. Avevo lo stomaco sottosopra e razionalmente volevo fuggire.. Mi obbligati a restare, era troppo tempo che avevo questa fantasia e non potevo scappare. Non parlammo moltissimo, l’unica cosa era ripetere continuamente la parte. Il mio compito era intervistare, Eric almeno apparentemente sarebbe stato colui il quale avrebbe elargito il pompino. In realtà poi avrei aggiunto la possibilità di fare un pompino a 2 e li sarebbero iniziati i giochi..
Arrivammo in una zona commerciale molto frequentata e non lontana da un motel che avevamo adocchiato su internet.
Scendemmo dall’ auto e puntammo un centro commerciale. Ero eccitato come non mai e anche solo fare “selezione” con Eric mi eccitava tantissimo.. Ridevamo come idioti.. lui che mi diceva “Proviamo con lui.. per me ci sta e ha una sberla sotto..” e io che inizialmente non approcciavo.. Alla fine dopo alcuni individui non agganciati feci un respiro e mi dissi “ok basta”. Vidi un uomo, circa 60 anni, un po’ di pancia ma possente, calvo, alto e vestito casual. Stava guardando una vetrina e si capiva che non aveva nulla da fare.. era solo.. lo feci notare ad Erik e lui mi disse “Dai no.. avrà 60 anni.. figurati” e io “sai da quanto non gli succhiano il cazzo a questo? Con lui riusciamo” e lui “fai il serio.. aspettiamo un ragazzo più giovane, magari neppure gli funziona più!”. Per tutta risposta e con uno slancio di entusiasmo ignorai il mio amico e mi lanciai.
“Scusi signore, mi scusi! Ha un minuto?”
“No guardi non compro nulla”
“No no stia tranquillo non vendiamo nulla né la vogliamo obbligare a sottoscrivere abbonamenti. Le vogliamo rubare 5 minuti per parlare di un argomento che sicuramente le piacerà”
“Ma guardi, le ripeto che non mi interessa”
“L’argomento è il sesso, lavoriamo entrambi per un sito di incontri e scambi di coppia.. siamo qui per raccogliere delle informazioni da italiani e stranieri per capire i gusti sessuali. Signore è un argomento a cui non può non essere interessato e stia tranquillo che l’intervista è anonima e non chiediamo documenti”
“Beh il sesso mi piace se è quello che vuole sapere.. ma penso piaccia a tutti!”
“Bene bene, ci fa piacere che abbiano colpito la sua curiosità. Ci dà questi 5 minuti?”
“Si dai.. tanto mia moglie può aspettare e non sentirà la mia mancanza ahahahah”
“Ahahahah ok ok alla prima domanda ha già risposto.. sposato quindi e fascia d’età 50-60?”
“Ne ho 63”
“Complimenti, avrei detto meno. Ok sarò diretto ovviamente nelle domande. Risponda sinceramente. Ha mai tradito?”
“Si”
“Ha un’altra relazione o partner occasionale?”
“”Ho avuto altre donne ma non andavo a puttane, erano conoscenti”
“Ok.. pratica sessuale preferita?”
“Quando me lo succhiano”
“Beh un classico! Il pompino piace quasi a tutti i nostri intervistati e pensi che alcuni lo preferiscono al sesso vero e proprio.. Lei cosa ne pensa riguardo alla diceria che gli uomini siano più bravi in questa pratica rispetto alle donne?”
“Guardi l’ho sentito dire..”
“Se le capitasse l’occasione di ricevere una proposta di un pompino da parte di un uomo cosa farebbe?”
“Ahahahah ma no guardi mi piacciono le donne”
“Quindi rifiuterebbe un pompino, magari potenzialmente il miglior pompino della sua vita?”
“Beh se è il miglior pompino non saprei poi parliamo di teoria e non di pratica quindi così su due piedi non saprei”
“Ok non lo esclude.. penultima domanda. Da quanto non eiacula?”
“Eeeeeeee sarà almeno 2 settimane ahahahah”
“Ahahahah e lei avrebbe il coraggio di rifiutare un pompino dopo tutto questo tempo? Ahahahah”
“No no ha ragione ahahahah”
“Ok perfetto quindi le faccio una proposta.. se le dicessi che c’è una stanza pagata e che lei potenzialmente potrebbe ricevere un pompino tra qualche minuto.. che direbbe?”
“Dov’è il trucco?? Ahahahhaha”
“Nessun trucco.. o meglio il nostro amico Eric potrebbe aggiungere qualcosa”
“Guardi signore se lei vuole potremmo terminare la conversazione in motel.. ”
“Aspettate.. quindi tu vorresti? Davvero? Ahahahah no dai è uno scherzo, c’è una candid camera?”
“No no nessuno scherzo, se lei vuole ho una stanza riservata in un motel qui vicino.. Eric sicuramente potrebbe aiutarla a trovare un po’ di sollievo e lei potrebbe concludere l’intervista dicendoci se un uomo succhia meglio di una donna”
“Ahahahah mi avete spiazzato sono in imbarazzo dai..”
Prese nuovamente la parola Eric che comprese che il nostro ospite stava barcollando
“Ti succhio il cazzo come la peggiore delle troie e ti guarderò negli occhi mentre sentirò il tuo uccello pulsare tra le mie labbra e mi riempirai la bocca.. Andiamo in motel e ti sbrano la minchia..”
Aveva la lussuria negli occhi.. il nostro malcapitato smise di ridere e rimase in silenzio, così incalzai
“Ok andiamo l’accompagno, venga pure con noi”
Passeggiammo in silenzio..
Eric ormai preda della lussuria disse
“Non volevo choccarti.. sono felice che hai accettato di venire.. vedrai che ti piacerà”
“Speriamo..”
“Vuoi darmi delle dritte? Come ti piace il pompino?”
“Lento..”
“Ok.. passionale.. capito Ale? Baci languidi e leccatine..”
“Me lo succhi anche tu,??”
“Se lei vuole.. lo succhiamo insieme..”
Rimase in silenzio ma continuò a camminare
Arrivammo in motel, entrammo.
“Metto un porno per rompere il ghiaccio.. lei vada a rinfrescarsi”
Andò in bagno e guardai Eric in viso..
“Cazzo lo stiamo facendo!!”
“Si cazzo! Sei un grande!!”
“Mi tremano le mani!!”
“Dai dai ormai siamo in ballo, calmati. Sei stato bravissimo. Spero solo abbia un bel cazzo”
“Mamma mia che emozione.. ho il cuore in gola!!”
“Rilassati e goditelo! Sono 10 anni che lo desideri e ora è qui che si sta facendo un bide.. il minimo che puoi fare e spompinarlo come se non ci fosse un domani”
Uscì dal bagno.. aveva un maglione ma sotto era nudo..
Pisello tozzo e palle grosse.. Come nei film vidi a rallentatore. Lui si sedette sul letto e ricordo che io ed Eric mettemmo dei cuscini a terra per le ginocchia.. mentre li sistemavo udì un suono.. il chiaro suono di una ciucciata.. Eric aveva rotto il ghiaccio e aveva preso in bocca il cazzo moscio del nostro ospite.. con la lingua girava intorno all’asta tenendolo in bocca.. io ero immobile.. dopo qualche secondo notai che il lavoro del mio amico stava dando i frutti.. ora era barzotto.. se lo sfilò dalla bocca
“Vieni a salutarlo?”
Lo presi in mano e iniziai a spompinarlo..una mano mi carezzò la testa e poi sembrava dettare i movimenti. Era il nostro intervistato che stava guidando il pompino..lo sfilai dalla bocca per sbatterlo sulla lingua.. gradì.. mi dedicai alle palle così Erik si poté dedicare alla cappella.. facevamo rumori osceni.. e mi sembrava udire delle imprecazioni bisbigliate dal nostro amico..
Scambiammo la posizione e notai che ora era bello eretto. Gli stava piacendo..
Ci mettemmo con le bocche vicine e ci passavamo la cappella da una bocca all’altra.. ora si era buttato all’indietro con gli occhi chiusi.. segno che non sarebbe durato a lungo.
Eric inizió a provocare
“Mi vuoi sborrare in bocca vero?”
Terminata la frase infilò in gola il cazzo fino a tossire..
“Sai che sono sposato e che dopo averti ingoiato la sborra andrò da mia moglie come se nulla fosse?”
Gemeva.. e mentre gemeva Eric stava facendo un pompino ormai di gola.. io ero in estasi e guardavo..
“Dai svuotami i coglioni in bocca.. regalami la tua sborra”
E iniziò a segarlo tenendo la cappella in bocca.. io lo provocai
“Vuole concludere la sua intervista in modo originale? Non mi risponda a parole ma se pensa che un pompino è sempre un pompino si limiti a sborrare in bocca al mio amico.. ”
Si mise la mano sul volto e ansimava
“Sente come le sta ciucciando il cazzo? Si lasci andare e regali la sborra..”
“Sborrami in bocca… Sento le prime goccioline.. non sprecherò nulla..”
“Ha sentito Eric? Ha sete e la sta supplicando di sborrare”
“Dai sborrami in bocca tra un paio di ore dovrò essere a casa da mia moglie e vorrei togliermi l’odore di sborra dall’alito..”
Stava per capitolare..
“Stasera la devo portare a cena fuori.. come ogni Venerdì e mi piacerebbe andare a cena fuori con il tuo sperma come aperitivo.. ”
Venne… E fece un urlo soffocato.. il primo schizzo colpi il viso ma Eric lo infilò subito in bocca e lo serrò tra le labbra.. vedevo chiaramente il cazzo pulsare.. almeno altre 3 pulsazioni con Eric che immobile teneva le labbra incollate.. secondi lunghissimi.. mi guardò con occhi sgranati come a volermi indicare che stava continuando a schizzare.. poco dopo si staccò mostrandomi la bocca.. Era completamente piena di sborra.. nell’aprirla gli sfuggì un rivolo che colò sul mento.. rise e bofonchiò un “È tantissima” trovavo un profondo senso di invidia, ammiravo quello spettacolo a dir poco osceno da spettatore. Vidi Eric che continuava a giocherellare con la lingua cercando di degustare quel nettare. Il nostro comune amico invece era ancora sdraiato con un braccio che gli copriva gli occhi, esausto da quanto appena ricevuto. Infine Eric mi fece segno con il dito indicandomi la gola e poi lo stomaco. Mi stava facendo capire che stava per ingoiare. Lo fece. E lo fece sono veramente.. amplificò il suono dell’ingoio. Non contento dopo aver mandato giù tutto quello sperma si dedicò a leccare ogni singola goccia caduta sulla gamba del nostro comune amico. Io ammiravo praticamente impietrito. Terminata questa operazione Eric chiese “ti è piaciuto? Da quanto hai sborrato direi proprio di sì..”
Il nostro amico era visibilmente imbarazzato e faticava a togliersi il braccio da davanti agli occhi così lo tranquillizzammo entrambi dicendogli che in realtà era stata un’esperienza fantastica e che non c’era nulla di cui preoccuparsi. Un po’ imbarazzato tolse il braccio e faticava a guardarci negli occhi così io per rompere ulteriormente il ghiaccio gli dissi “beh se non ti è dispiaciuto potremmo scambiarci i numeri, tutto sommato potrebbe essere l’inizio di una buona amicizia”
Eric aggiunse
“Assolutamente d’accordo! Non ci siamo neppure presentati, Io mi chiamo Eric”
“Piacere Guido”
“Il piacere è tutto nostro Guido quando vuoi goderti altri pompini chiamaci pure”
È inutile aggiungervi che noi e Guido ci scambiammo i numeri di telefono. Ci frequentiamo da qualche mese e posso garantirvi di aver ingoiato diverse sborrate del nostro amico.. si è rivelato un bel maiale, e piano piano ha iniziato a sentirsi più a suo agio. Dopo una fase iniziale ha iniziato a richiedere sempre di più fino ad arrivare ai giorni nostri. Ormai per farlo contento gli concediamo dei sontuosi pompini in luoghi pubblici o all’ aperto, ma questa è un’altra storia..

Autore Pubblicato il: 1 Novembre 2022Categorie: Erotici Racconti, Racconti Gay, Trio0 Commenti

Lascia un commento