Leggi qui tutti i racconti erotici di: PATROCLO-BIS

Andrea e Daniela, alla fine degli anni ’90, 32 anni lui e 27 lei, sposati da poco, vivono in una piccola cittadina del Veneto, non lontano dal mare. Lei sempre spigliata, manifesta la volontà di qualche innocente trasgressione. Comincia con alzare la gonna mostrando le belle chiappe che ingoiano il perizoma verso la strada trafficata, mentre chiude il portone del garage. Poi una sera d’estate, decide di uscire con un bellissimo vestito a rete nero, senza indossare nulla sotto, passeggiando sul lungomare alla sera, mostrandosi ed al contempo eccitandosi. Una sera, sempre d’estate, decide di fare un’altra sorpresa ad Andrea: uscire con un vestitino di cotone, senza indossare nulla sotto, ma senza avvisarlo, visto che il tipo di vestito non poteva tradirla. Mentre passeggiavano nel centro storico di una cittadina sussurra all’orecchio di Andrea di avere una sorpresa, e per scoprirla di accarezzarle il culo. Andrea tastando a fondo scopre che non indossa nulla, e allora tutto eccitato chiede di prendere l’auto per appartarsi e scoparla. Scelgono lungo la strada che li porta a casa una zona industriale, in una strada apparentemente appartata, ma ben illuminata da dei lampioni, dove sono parcheggiati dei camion senza che ci sia nessuno. Daniela super eccitata, sbottona i pantaloni di Andrea iniziando un vorace pompino, mentre lui le alza da dietro il vestito e inizia ad accarezzarle la fica già ben bagnata. Andrea preso dalla situazione chiede a Daniela se le piacerebbe provare una cosa a 3, con un’altra donna: da come accelera a succhiare il cazzo la risposta è positiva e allora Andrea le infila due dita tra le labbra della fica e inizia a scoparla con la mano. Daniela non resistendo più scende dall’auto e si toglie il vestito rimanendo completamente nuda, appoggiandosi al cofano della Golf, mettendosi a pecorina e implorando Andrea di scoparla. Andrea un po’ titubante e guardandosi in giro si appoggia dietro ed inizia a penetrarla, prima piano poi sempre più forte incitato da Daniela che sembra posseduta. Tutta le scena è nel pieno della luce di un lampione, in questa strada senza uscita ….. ma all’improvviso la scena viene illuminata ancor di più dai fari di un’auto: Daniela e Andrea scoprono che nella vicina campagna buia passa una stradina dove proprio in quel momento transita un’auto che vedendo la scena inizia a suonare il clacson. Presi alla sprovvista scappano all’interno dell’auto e si rivestono velocemente, scappando subito via da quel cul de sac. Però l’eccitazione è rimasta ed entrambi sono insoddisfatti: Andrea sulla strada di ritorno fa una piccola deviazione portandosi sulla statale dove sono solite stazionare nella notte delle prostitute, in particolare nei piazzali delle stazioni di servizio. Fingendo di dover fare il pieno, si lascia approcciare, valutando le caratteristiche fisiche della ragazza: a Daniela, nelle fantasie mentre fanno i preliminari, piacciono le ragazze dell’est, non troppo giovani, con un bel seno e culo abbondante. Fatalità questa incarna proprio le caratteristiche desiderate, quindi Andrea le chiede se è disposta a fare dei giochi a 3 in auto e poi a casa loro, promettendo di riportarla lì prima dell’alba. La ragazza di fronte ad una offerta allettante, pagata in anticipo, accetta. Andrea dice a Daniela di salire sui sedili posteriori dell’auto e prepararsi ad un bel gioco. Fa salire Erika la prostituta dell’est dietro con Daniela e riparte con l’auto. Guidando verso casa e orientando lo specchietto retrovisore per vedere bene cosa succede nelle zone basse dietro, invita le due donne a “conoscersi meglio”. L’iniziativa la prende Erika accarezzando le cosce di Daniela, risalendo piano piano sempre più su, sotto il vestito, fino ad arrivare ad una fichetta fradicia e gonfia, con piacere di Daniela per il dolce tocco. Daniela chiede ad Erika di mostrarle l’abbondante seno, chiedendo educatamente se poteva accarezzarglielo, mentre stava ricevendo un apprezzato ditalino con pressioni crescenti sul clitoride. In 5 minuti Andrea arriva a casa entrando con l’auto in garage, per poi far scendere le due donne: a quel punto chiede ad entrambe di spogliarsi completamente nude per salire le scale esterne del piccolo condominio fino all’appartamento (loro abitavano al secondo piano), salendo lentamente e precedendo Andrea che poteva ammirare i due bellissimi culi, fin dentro l’appartamento ….. ciò che accadde quella notte nel prossimo racconto!

Autore Pubblicato il: 22 Novembre 2022Categorie: Erotici Racconti, Racconti Erotici Lesbo, Trio0 Commenti

Lascia un commento