Leggi qui tutti i racconti erotici di: 1948

Inedito
.
Per lavoro e vacanze viaggio in molti posti e c’è una città dove sono stato diverse volte.
Diversi anni fa ho avuto una storia con una vera pornostar e mi sono trovato benissimo.
Ero con due amici ed alloggiavamo in un hotel molto grande, se non ricordo male al settimo piano.
Era una lunga vacanza poiché la nave su cui avremmo lavorato aveva cambiato porto di destinazione e sarebbe venuta qui solo dopo due settimane.
Poiché eravamo in un’isola dedita al turismo, l’idea era quella di passare al casinò e andare a goderci gli spettacoli musicali nei diversi teatri ma una grande coincidenza ha cambiato tutto in meglio.
Non ricordo se fosse il quarto o quinto giorno quando ho chiesto il servizio in camera. Avevo molta fame ma sembrava che per avere il pasto in camera ci volesse molto tempo, allora sono uscito in corridoio per vedere se il cameriere stesse venendo o se aveva sbagliato stanza. È stato in quei momenti che dalla porta davanti alla mia è uscita una donna in vestaglia molto bella che mi guarda e mi dice che voleva fumare. L’invito sembra quello di una che vuole scopare per soldi.
Lei giustifica la sua uscita per fumare perché il suo compagno era malato e che sarebbe andata nella scala antincendio per accendere e fumare una sigaretta, ed ecco che arriva la coincidenza. Le dico di venire nella mia stanza così avremmo potuto fumare insieme e parlare ed anche tenerci compagnia passando dei minuti insieme.
Lei è sembrata subito entusiasta del mio invito dicendo “Fantastico, così non andrò così lontano!”
Dopo essere entrati da me ed aver aperto la finestra, ci siamo messi a fumare insieme sul balcone.
Tra una tirata e l’altra non parliamo di niente in particolare ma ciò è servito a sentire la sua voce molto sexy, secca e aspra.
La donna non era molto alta, aveva la pelle bianca, i capelli corti.
Il fatto che non si sia subito presentata dicendomi il suo nome mi è sembrato strano ma non ho dato peso.
La chiacchierata fra di noi si è dimostrata spedita e piacevole fino a quando il cameriere ha suonato alla porta per consegnarmi la cena.
“Me ne vado quindi non ti appesto con il fumo” mi fa lei ed è uscita dalla mia camera, ovviamente non abbiamo cenato insieme e, se fosse rimasta, quanto al fumo non mi dà fastidio essendo anche io un fumatore.
“Ma mi cambio i vestiti e ritorno!” dice lei nell’aprire la porta per andare via ”Devo mettere su qualcosa perché sono in abito da festa. Quando mi hai visto stavo andando a fumare ed avevo indosso solo questa vestaglia dell’hotel e sotto ho lasciato le mutandine”
Quando è tornata nella mia stanza abbiamo passato forse tre o quattro ore a parlare di sciocchezze, tra continue risate e abbiamo svuotato tutto il frigo bar della mia camera, abbiamo fumato, ed è stata una notte fantastica. Speravo che mi concedesse qualcosa di più e son rimasto deluso quando mi ha detto che doveva tornare in camera sua, allora ci siamo baciati sulla guancia e se n’è andata.
Il giorno seguente, stessa routine non più in camera, ma abbiamo camminato lungo dei viali andando a pranzo in un ristorante per mangiare un buon piatto di pasta.
Quando l’ho vista pronta per uscire mi ha sorpreso. Infatti, era vestita molto elegantemente, sembrava radiosa, però era come una donna normale con tette medie, culo grosso ma il suo sguardo era quello di una donna sexy.
Nel vederla l’ho trovata carina e mi è sembrato di arrossire come un ragazzino.
Al ritorno in albergo non ci siamo detti niente ma mi fa soltanto un cenno per vederci più tardi.
Ciò mi rende felice e di quella donna non ne parlo con i miei amici.
La sera decido di restare nella stanza nella speranza di rivederla pronta e nuda e con la vestaglia addosso. Ho controllato che il frigo bar fosse pieno e dentro di me mi sentivo pronto a darle l’assalto.
Non è passato molto tempo e la mia speranza si è avverata, ho sentito bussare alla porta e quando ho aperto è apparsa lei la cui figura mi ha fatto emozionare diventando sicuramente rosso poiché sentivo in me un misto di desiderio ed ansia.
Lei indossava nuovamente la vestaglia del giorno prima ed in mano aveva una bottiglia di “Sono venuta per ringraziarti, quindi ti ho portato questo” e me la mostra.
Mi sentivo felice sia per la sua presenza sia per lo spumante e lei appena lo ha capito mi ha fatto ridere molto insieme a lei., ne abbiamo bevuto un calice a testa per altro un po’ abbondante finché sul balcone mi dice, senza guardarmi, che pensava fossi carino che le piaceva che fossi più alto di lei.
Ho risposto senza ulteriori indugi che mi piaceva il suo sedere e mi sono scusato se stavo pensando come un idiota.
Lei si volta e mi guarda dicendo che a lei piace il mio e ridiamo a crepapelle.
“Se mai stato nudo sulla terrazza?”
“Sì, in bikini!” rispondo sarcasticamente ridendo piegandomi su me stesso
Lei nel ridere mi lascia a bocca aperta “Siccome è notte e da sotto non si vede niente…” e non conclude la frase ma lascia cadere a terra la vestaglia.
Nel vederla nuda sono quasi svenuto.
La sua pelle era molto bianca e noto subito che la sua figa era depilata ma con un ciuffetto di peli radi sul monte di venere.
Era meravigliosa.
Anche io mi levo la vestaglia da camera e prima che cada a terra lei mi bacia sulla bocca.
Riprendendomi dallo shock, mi bacia le tette, va alle mie spalle e mi abbraccia da dietro.
Io non so resistere e portando un braccio all’indietro cerco e trovo la figa che tocco facendola saltare per il piacere.
Siamo rientrati in camera e pur restando in piedi ha cominciato a baciarmi appassionatamente e io ho ricambiato baciandola sulle tette morbide, poi sul suo culo grosso e ricco, la metto a faccia in giù e proseguo a baciarle i glutei e le natiche mentre metto le dita allargando lo sfintere.
Quando inizia a muoversi e io affretto un po’ i miei movimenti e lei finisce per dimenarsi sulle mie dita.
É stato pazzesco. Lei mi afferra e inizia a baciarmi il cazzo e non duro un minuto oltre il quale sborro e finisco la mia carica.
La mia sborra esce in abbondanza e lei beve tutto. Quando le prendo il culo e le metto un dito dentro, lei mi dice che le piace. Rispondo che io lo adoro ed allora mi chiede di girarmi e metterci per un 69.
Lei inizia ad infilarmi un dito nel culo, poi 2, stavo per fare lo stesso ma lei mi dice che il suo culo è molto delicato che lui solo il suo uomo lo bacia “Vedi, il mio culo non è delicato, nel culo molto spesso uso altre cose diverse dal cazzo”
Il 69 è stato fantastico e dopo il suo orgasmo abbiamo dormito per un po’. Al risveglio mi ha chiesto con affetto “Sai chi sono?”
“A dir la verità, no! Ma sei molto carina”
“Io sono una pornostar, mi chiamo MM” (il suo nome non è dato sapere)
“Beh, ti giuso che non lo sapevo. Comunque ciò che abbiamo fatto è stato fantastico. T sai chi sono io?”
“No, lo ignoro proprio e poco mi interessa” ed aggiunge “Per ciò ho scelto te per fare sesso perché eri sconosciuto. È stato fare del piacevolissimo sesso” e mettendosi un dito sulle labbra in modo provocatorio aggiunge “È stato proprio bello … non dirlo ai tuoi amici”
“Poiché lavoro in quel campo, è decisamente complesso essere naturali e venire spontaneamente anche se a me capita spesso”
A me viene subito in mente la prostituzione ma dopo aver scopato e sborrato con lei non ho più nessun problema…
Le chiedo “Potrò vederti in qualche scena dal vivo?” ed arriva in quel momento la cosa più incredibile.
Infatti quella settimana c’erano il gala per video porno più visti e lei mi ha invitato alla cerimonia di premiazione, per mia fortuna avevo un abito adatto ed ho accettato. Nel passare insieme nella hall dell’albergo ero un po’ imbarazzato ma quando siamo arrivati e siamo scesi dall’auto tra i flash dei fotografi con lei che tenevo per mano, allora sì che mi sono sentito imbarazzatissimo ed in un atro mondo. Ho tentato di sganciare la mia mano dalla sua ma lei me l’ha stretta ancora di più, poi su richiesta dei fotografi è rimasta sola ma loro hanno fotografato anche me e mi hanno chiesto chi fossi. Poi per entrare nel teatro l’ho presa sotto braccio e ci siamo avviati all’interno. Aveva un vestito comprato per l’occasione con una scollatura pazzesca che lasciava le tette quasi fuori dal vestito e le gambe apparivano per qualche frazione di secondo nel muoversi facendo intravvedere anche le scarpe a tacco altissimo che la rendevano figa più di quel che era.
Quell’evento per me è stato pazzesco. Ho incontrato molte donne che avevano interpretato scene porno anche negli anni passati che sono rimaste nella storia del porno. Ciò che più ha attirato sono stati gli uomini che erano ben diversi dalle scene, forse per essere alla portata delle fighe e dei culi delle attrici, erano piccoli, bassi e molti di loro, mi ha detto MM, erano gay. Sono rimasto meravigliato perché nelle scene si dimostravano decisamente etero con dei cazzi a dir poco splendidi. Ho immaginato che i loro partner gay se li godessero molto ma la cosa non mi ha interessato più di tanto.
La mia amica ha vinto 3 premi e con lei sono salito anche io sul palco per riceverli. Non sapevo come comportarmi però lì, davanti a tutti, il mio comportamento è stato naturale e niente di speciale. Senza farle fare brutta figura.
Nei giorni seguenti ci siamo visti sempre più spesso. Il suo uomo è andato via senza farsi sentire da nessuno, lei si è trasferita nella mia camera.
Essendo arrivata la mia nave, mi sono imbarcato e lei è andata in altra città a lavorare, ovviamente a afre scene porno.
Durante le pause di lavoro ci simo tenuti in contatto e al mio ritorno a terra ci simo rincontrati e ci siamo amati tantissimo prima di portarla con me nel mio paese a conoscere i miei. Lì abbiamo passato cinque giorni. In quella scarsa settimana ho scoperto che lei è molto famosa come MM ma il fatto che tutti sappiano che è un’attrice porno non mi disturba affatto. Lo sanno anche i miei che l’hanno accettata volentieri e con simpatia.
Non posso credere alla fortuna di averla incontrata e tutt’ora, grazie alla sua esperienza, facciamo tanto sesso fantastico.

1
2
Autore Pubblicato il: 27 Aprile 2022Categorie: Racconti Erotici Etero0 Commenti

Lascia un commento

1
2