;

Come rovinare una mogli 1

Sia 100 volte maledetto me, per aver convinto   Eva “mia moglie”  a soddisfare il mio desiderio sfrenato di far sesso.
Tutto ha avuto inizio così:
– la sera durante la cena già sapevo che andando a letto lei si sarebbe accontentata della classica scopata “del missionario”, a me non bastava, ma lei non si muoveva oltre quello, stanco di tutto questo ménage mi sono proposto di dare una svolta a questo tran tran.
Eva 35 anni, 170 cm di altezza, 58 gli di peso, una terza di seno che….. nonostante avesse avuto un figlio poteva permettersi di non indossare il reggiseno, capelli lunghi che portava sempre con molta molta curata, insomma….. un fisico da fare invidia a molte donne, un culo che grazie a Dio faceva  venire anche il torcicollo al più casto dei mariti.
Acune volte, passeggiando con lei, notavo che uomini rallentavano di proprio il passo per trattenersi dietro di lei ed ammirare quel suo naturale ancheggiare.
Insomma, uscire con lei delle volte sentivo dei commenti molto porci nei sui confronti e qualche commento meno lusinghiero sul mio conto, della serie “poverino, chissà quante corna”.
Insomma passare da cornuto senza esserlo proprio non fa piacere, ma L’orgoglioso di avere una moglie così mi faceva superare anche questo.
Ormai avevo ordito il mio piano e per iniziare il tutto ho messo all’attenzione di Eva “se mai non se ne fossa resa conto, di come altri uomini la osservavano” lei, maliziosamente ma anche con un po’ di rossore, “che non vedevo da tempo sulle sue guance” con aria tra il sorpreso e l’ingenuo mi ha dato dello scemo sorridendo.
È stato quel suo sorrisetto, che mi ha fatto capire che quel suo modo di vestire e di porsi, non era proprio innocente come sembrava,  ma in lei c’era una velata malizia seduttiva.
Forse ero stato io l’ingenuo nel non vedere e nel non essermi accorto del suo ostentare quel fascino seduttivo. Avevo capito che avrei trovato, se fatto con intelligenza, terreno fertile.
Tutta questa castità esternata da parte sua, non era altro che un retaggio educativo familiare. Ecco…….ora avevo trovato la motivazione  per disinnescare questo atteggiamento.
Non ho perso più tempo a farmi seghe mentali e la sera stessa
io:-“tesoro, ti sei resa conto quanto sei osservata quando andiamo a passeggio?“
Lei subito rossa in viso come non mai ed in palese imbarazzo:-“Dai…. non dire scemenze!”.
Io:-“no no, è così e mi sono reso conto anche che a te questo non dispiace!”.
Lei:-“non penserai mica che io ti faccia le corna?”.
Io:-“ no no, ma scherzi…. non lo dire nemmeno per scherzo, so che sei fedele, ci metterei le mani sul fuoco, anzi…. ti dico che fino ad ora ti ho visto sotto un aspetto sbagliato, mi piaci moltissimo nella tua femminilità”.
Lei:-“ma io sono sempre stata cosi, sei te che non mi hai mai fatto sentire come sono!”.
Io;-“hai ragione tesoro e desidero molto vederti così, anzi…. vorrei vederti molto più intraprendente.”.
La serata, “messo a letto il bambino” non è stata la solita noiosa serata, mentre metteva in ordine la cucina i sui movimenti sensuali mi facevano capire il suo desiderio di donna piacente, io di conseguenza, non capivo il perché ma ho avuto una erezione che non finiva più.
Il desiderio di possederla subito era molto forte, mi sono alzato dal divano e sono andato da lei per abbracciala da dietro, lei si è fermata per assaporare più profondamente quell’attimo diverso dal solito.
Scansati i suoi splendidi capelli ho iniziato a baciarla sul collo, invece di ritrarsi mi si è avvicinata maggiormente ed ha appoggiato la sua testa sulla mia spalla, le ho fatto sentire l’erezione tra le chiappe e lei ha iniziato a strusciarsi e spingere con forza per sentirlo meglio.
Solo in quel momento con una mano mi sono slacciato i pantaloni e mi sono tirato giù tutto, mutande comprese, con il cazzo duro come un pezzo di legno glielo ho spinto tra le gambe facendogli entrare tra le cosce anche la gonna.
Il suo respiro si è fatto forte, ansimava e continuava a muoversi come se la stessi scopando, preso dalla situazione ormai incandescente ho osato, “e dicendo dentro di me od ora o mai più”, le ho sollevato le gonna e scavalcando le giarrettiere sono riuscito  ad afferrare il suo perizoma, con una mano l’ho e glielo ho abbassato fino alle auto reggenti.
Ormai travolti dalla passione lei, senza parlare si è stesa con l’addome sulla cucina, non creano più dubbi, voleva che la scopassi in quel modo, l’ho penetrata, i suoi umori erano talmente abbondanti tanto da inumidirgli anche le cosce.
Io fermo dentro di lei che cercavo di allontanarmi dall’orgasmo, lei che continuava a muoversi ed io:-“ dimmi la verità, lo volevi proprio così, desideri essere trattata come una puttana <<e mentre la tiravo a me tenendola per i fianchi>>, dillo!!! Dillo, ammettilo che ti piace essere trattata come una puttana!!”
Lei:-“ siiiii se proprio vuoi che te lo dica, si, desidero essere trattata cosi sono una puttana”.
Purtroppo sono bastati due colpi perché io raggiungessi.
Lei;-“ancora, ancora, lo voglio non ti fermare! Lo voglio, lo voglio, dammelo, di più di più”.
Io che ancora non ero uscito da lei ma che stavo perdendo l’erezione :-“ dimmi la verità, lo vorresti anche più grosso?”
Lei capendo la mia situazione Con voce flebile è sempre più sensuale:-“ siiiiii lo voglio più grosso”.
Non c’era più niente da fare, con quelle sue intime parole “lo voglio più grosso” ho dovuto gettare la sugna.
Ci ricomponemmo entrambi ed io tornai seduto sul divano e lei con tenerezza è venuta a mettersi proprio sulle mi gambe e abbracciandomi come per consolarmi:-“ dai, non state così, lo rifaremo!”.
Tutto fu rimandato a quando andammo a letto. Come sempre mi feci la doccia ed infilai sotto le lenzuola aspettando lei, ormai ero nuovamente pronto per un altro rapporto è lei lo capiva dalla sporgenza che vedeva da sopra il lenzuolo, ma si fece desiderare, continuava a camminare per la camera con tutto il suo intimo più sexy del solito, proprio da puttana e Troia come piaceva a me.
Alla fine anche lei è infilata sotto le lenzuola, ed invece di girarsi verso di me e prendermi il cazzo in in mano si è girata dall’altra parte e girata di un attimo verso di me mi ha dato un bacino sulla fronte e mi ha dato la buona notte.
Ma come facevo con l’erezione che avevo, tanto che decisi che comunque la avrei scolata, mi girai verso di lei e come ho fatto in cucina glielo ho messo tra le cosce, lei faceva finta di niente, anzi:-“dai tesoro dormiamo”.
L’ho presa, l’ho fatta mettere supina e, spostatomi si suoi piedi le ho allargato le gambe, mi sono messo i suoi piedi sulle spalle e con l’uccello in mano mi sono avvicinato a lei, lei non voleva, ma quel suo no per me era un non voglio, ma se non lo fai…
ormai avevo le suoi polpacci sulle spalle e lei, nonostante il suo no si preparava per essere scopata, ma continuava a dire:-“no dai, non lo fare, e poi in questo modo sembro proprio una puttana”.
Io, capita l’antifona :-“ no, tu sei una puttana e d’ora in avanti ti scoperto solo come voglio io!”, anche lei iniziava ad entrare nel discorso e mentre iniziano a penetrarla:-“siiiii, mi piace, sono la tua puttana”,
Io;-“ no, tu non sei la mia puttana, tu sei una puttana ed anche un po’ Troia, <<ormai la stavo sconpando, vedevo i suoi seni sballottolare al ritmo della scolata>> lei aveva allungato le braccia e mi aveva messo le mani sui fianchi accompagnato I miei moviventi.
Lei;-“ siiii sono una puttana da strada e te il mio cliente, devo soddisfarti!”
Io già troppo sudi giri:-“ Troia, Troia e maiala vogliosa!”.
Lei;-“ siii sono quello che desideri, anche Troia vogliosa, lo voglio lo voglio”.
Ormai la stavo sbattendo chiamandola di tutto un pò da parecchio e lei, come me stava per raggiungere lorgasmo.
Lei;-“ lo voglio più grosso più grosso”
E queste sono state le ultime parole prima che raggiungessimo l’orgasmo insieme.
Passammo la nottata felici e soddisfatti,
Ora…. solo per amore nei suoi confronti, sono stato tutta la notte a pensare come poter fare per soddisfarla a pieno. Quello che non potevo dargli io era il cazzo più grosso, questo era certo.
Ma il desiderio di soddisfarla senza farla sentire in colpa ha preso la mia mente per giorni, tutte le volte che facevamo l’amore emergeva sempre questo fatto “PIÙ GROSSO, PIÙ GROSSO”.
Così, sapendo che a lei piaceva la seduzione l’ho avvogliata a fare un gioco, quasi l’ho sfidata.
Durante il pranzo l’ho provocata toccando la sua vanità e il suo orgoglio femminile e……
Io;-“ si, tu sei eccezionale ma ci sono persone che nemmeno con la tortura riusciresti a sedurre”.
Lei:-“ ma che dici, se volessi e se mi ci mettessi d’impegno farei cadere chiunque nella mia rete, solo credo che diventeresti geloso e questa è l’unica cosa che non desidero”.
Io:-“ Geloso???? Questo se veramente tu fossi a caccia, ma se sapessi che sarebbe solo una scommessa mi divertirei e basta”
Lei:-“ e va bene, ti faccio vedere io come si fa, tu trovami un pezzo di ghiaccio ed io ti faccio vedere come faccio per farlo sciogliere.”
Io:-“ ovvio che è solo un gioco, ad un certo punto tu devi fermarti”
Lei;-“ ok, te trovami uno che sai essere veramente irremovibile e vedremo.”
Ovviamente io in questi giorni avevo già individuato la persona giusta, non tanto perché irremovibile, ma perché sicuro della sua dotazione, lui, si chiama Rex e frequenta la mia solita palestra, quando facciamo la doccia insiemi ho avuto modo constatare i requisiti, a riposo lo aveva più grosso è più lungo del mio in erezione.
Dovrò farmelo amico.
Così è stato, prima ci trovavamo alcuni giorni casualmente insieme, ora casualmente i nostri orari e giorni coincidevano sempre.
Da qui diventare amici il passo è stai breve.
Ovviamente ne ho parlato ad Eva, lei, determinata a smentirmi, ma non volendo farmi sentire in imbarazzo non sapeva come fare, le sono venuto incontro io, lui sarebbe venturo a cena da noi quale mio amico e poi avremo deciso come fare. Il gioco età iniziato.
I dubbi di Eva erano sinceramente molti, ed è dipeso fortemente ed esclusivamente da me portare avanti questa storia, sapevo che se avessi detto basta, Eva non avrebbe avuto niente da recriminare, forse avrei dovuto un po’ subite qualche piccola allusione ma niente più.
Fu così che invitai Rex a cena per il giorno dopo.
Eva, saputo questo ha manifestato solo agitazione, non era più serena, dentro di se sapeva che forse sarebbe potuto accadere anche qualcosa di diverso e impaurita di questo ha provato a tastare il mio stato d’animo.
Io sempre convinto di volerla fare felice sono stato irremovibile;-“ dai, ormai l’ho invitato e tu potrai fare quello che vuoi, puoi provare a fare quanto abbiamo detto, ma potrai anche metterti in pantofole e pigiama e per me non cambierà niente.”
Si è sentita subito rasserenata e così abbiamo cenato serenamente, serenamente siamo andati a letto e non abbiamo fatto l’amore, ma ci siamo addormentati abbracciati l’uno all’altra, ovviamente ognuno nei suoi pensieri per il giorno successivo.
La mattina appena svegli lei;-“ stamani andrò dalla parrucchiera e dall’estetista, poi porterò Piero dalla nonna e farò un po’ di spesa, in vada abbiamo veramente poco.
Non è stato necessario che le chiedessi le sue intenzioni ed ho fatto finta di niente, questo per non metterla a disagio, l’ho salutata come sempre e sono andato a lavorare.
La sera sarei rientrato dopo la palestra con Rex.
Così è stato, ho suonato in campanello perché Eva venisse ad aprire, così le avrei presentato Rex, è venuta ad aprire, era bellissima e dopo averle presentato Rex i suoi complimenti non finivano più.
Lei subito davanti a noi ha fatto strada, dietro di lei ho mandato Rex perché potesse apprezzare subito le forme “come se ce ne fosse stato bisogno” del mio tesoro e per ultimo io.
Eva la abbiamo fatta mettere tra noi due, in quel modo le età vicino e poteva essere servito meglio.
I suoi occhi non di distoglievano dal suo splendido devolute e lei non perdeva occasione nel servirlo di strusciarsi un po’ a lui, lui con fare rispettoso ma non indifferente godeva di tutte queste attenzioni.
S metà cena chiese di andare in bagno ed al suo ritorno notammo sia io che Eva che qualcosa nei suoi pantaloni era cambiato
La cena finì con soddisfazione di tutti, con lei sempre più vicina lui, fu lei ad accompagnarlo alla porta con un invito per la settimana successiva. Invito ovviamente graditissimo.
Non era successo niente “a parte due maschi arrapati e l’aver gettato le basi per il futuro incontro.
Appena soli Eva:-“ e quello lo ritieni irreprensibile? La prossima volto ti dimostrerò il contrario, ovviamente devi dami l’occasione di trovarmi alcuni minuti da sola con lui!”
Io:-“ è certo, come potresti fare con me li presente, ti darò una decina di mimuti.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.