Leggi qui tutti i racconti erotici di: francesca

Come stordita rileggo il messaggi e riguardo il Video
Mi sto toccando…sono bagnata,eccitata come non lo ero mai stata nella mia vita.
Sono confusa…Ma cosa mi sta succedendo? perché reagisco così …dovrei essere scandalizzata,provare schifo
Invece…Sono preoccupata,per i desideri osceni,perversi che le parole e le immagini mandate da quel personaggio volgare, truce ,violento , hanno fatto uscire dentro il mio corpo e mente,
Ripenso alla situazione vissuta in ascensore , alla sua dura e lunga virilità…al suo odore animalesco ai suoi modi bruschi e decisi…
Ho l’anima devastata …non so cosa fare,,,ho paura perché sta prevalendo in me la …voglia di cedere di provare di concedere tutta me stessa senza limiti….
Non riesco a resistere….Scusami Piero…scusami amore mio…
Rispondo al messaggio…
“ACCETTO!”
Squilla il telefono…e lui….Rispondo…
“pronto….”
“Brutta Troia finalmente ti sei decisa a rispondere Da adesso in poi farai tutto quello che ti dirò,senza se e senza ma…Non puoi immaginare quali cose subirai e farai…Scenderai la scala delle perversioni più estreme
Dominata e abusata a più riprese soprattutto analmente e ovviamente a pelle senza preservativo sborrandoti dentro in tutti i buchi anche in figa….Chiaro Puttana ? Sei pronta?
Brividi mi corrono lungo la schiena….paura…? Ma continuo a masturbarmi…mi infilo due dita nella vagina…
“Siii”…come un sussurro…Non riconosco quasi la mia voce e…non smetto di toccarmi…
” Bene puttana per prima cosa levati reggiseno e mutande,d’ora in avanti sarai sempre Nuda sotto ,solo dei micro perizoma con il filo che ti daremo noi in certe occasioni… Mettiti sempre pantaloni aderenti o Comprati leggins voglio che si veda lo spacco della figona quando sei al lavoro o in giro. Muoviti…esegui …Poi chiama il prossimo cornuto di tuo marito e digli di andare da solo a casa…vai con amiche in giro per negozi.
Ti aspetto nei sotterranei del palazzo nei garage Ce solo la mia macchina…Svelta…” riaggancia
Chiamo subito mio marito…
” Piero non mi aspettare vai pure,vengono a prendere le amiche vado in centro a fare un giro…”
“Ok Francy…ma stai bene? sembri agitata…”
“Tranquillo Piero…sarà una tua impressione”
” D’accordo…ci vediamo stasera a casa…”
Non era un impressione sbagliata …Esco dal bagno privato…mi guardo sono arrossata in volto…uno sguardo..non mi riconosco….Mi spoglio e butto biancheria nella borsetta.
Mi guardo allo specchio…mi vedo nuda….con occhi diversi…ammiro il mio corpo maturo e formoso
Mi rivesto ,esco dal nostro bagno privato e dal retro entro nel buio corridoio del palazzo che porta nei garage.
Ho il cuore che batte a mille…sto sudando…consapevole che la mia vita cambierà per sempre fra poco.
Sono arrivata in fondo al corridoio sono arrivata di fronte alla porta che da sul parcheggio sotterraneo
Metto la mano sulla maniglia…per un attimo mi passa davanti la mia tranquilla vita di moglie e madre..
Faccio un respiro profondo..e…apro…
Il fresco dell ambiente contrasta con il calore che ho addosso e…in mezzo alle gambe
faccio un passo dentro e mi fremo.Mi guardo in giro in un silenzio ovattato ,sono in un ambiente poco luminoso per qualche lampada al neon bruciate.C’è una macchina parcheggiata in fondo quasi al buio
Mi arriva una sfanalata…mi incammino
Sono quasi a metà percorso sotto una delle poche lampade funzionati, quando vedo la porta lato guidatore aprirsi….è Salvo
Sto per riprendere il cammino..quando con stupore e panico vedo che si apre anche la porta lato passeggiero
Mi fermo agghiacciata…
Ne esce un uomo maturo forse più vecchio di salvo …con una pancia prominente,grasso .calvo
Rimango impietrita …ferma sotto la luce..Poi Salvo parla….
” Togli i vestiti e anche le scarpe ..ti voglio Nuda…Sbrigati ,e vieni subito qua da noi…”
Non mi muovo…impietrita…Vedo Salvo che si avvicina…mi guarda con occhi gelidi penetranti e…improvvisamente mi prende da sopra il maglione con le dita i miei capezzoloni turgidi e me li stringe forte
Non resisto dal dolore…urlo …
Ahggggghhhhhh mi fai male AHHHHHHGGGH ” Metto le mie mani sulle sue per farlo smettere…
Mi tira uno schiaffo in faccia…e torna alla macchina….Si gira e mi dice..
” Sei ancora in tempo ad andartene …nessuno ti obbliga…”
Lo guardo…li guardo…guardo il suo amico pancione che intanto ha tirato fuori il suo membro e se lo mena
Anche se non sono vicina si intuisce…che è grosso lungo
Mi guardo in giro…nessuno…Come un automa comincio a spogliarmi…appoggio i vestiti per terra e ancora con quel pudore che mi rimane, mi copro con un braccio quel che posso del mio grosso seno e con una mano la vagina…
Salvo mi urla…
“Leva quelle mani troia facci vedere finalmente come sei fatta e mettiti le mani dietro la schiena SVELTA!!”
In silenzio ubbidisco e rimango ferma in silenzio..in attesa…
” Che ti dicevo Ciro…guarda che tettone e che figa che è nonostante ha 60 anni la nostra Francesca…che culone e fianchi …Forza,raccogli abiti e scarpe e vieni qua.”
Faccio come mi dice e mi avvicino. Me li strappa di mano.
” Dalli a me…non ti serviranno oggi…” e li butta nel baule e mi butta qualcosa ai piedi
“Indossali” mi ordina
E’ un collare nero con anello tipo quelli che si mettono ai cani con scritto in bianco SLAVE
e un paio di sandali neri con le zeppe alte 10 cm minimo
Faccio fatica ad indossarli…non ne ho mai portati a differenza della mia amica Lucy
” ahhh Così ci siamo….abbigliamento perfetto per una Lurida Schiava come diventerai…Forza Ciro…”
Ciro era il nome del omone panzuto si avvicina
Il mio respiro si fa affannoso
Tutti e due…mi circondano…Ciro dietro mi appoggia ,struscia, il suo membro semi eretto nel solco delle mie chiappone e fa su e giu, Mi bacia e slingua sul collo mentre le sue mani cercano di prendere strizzare il seno
” Cazzo Salvo avevi ragione….che poppe….Faccio fatica a prenderle in mano da quanto sono grosse”
“Mnnnn mnnnnn” dalla mia bocca escono gemiti…
Arriva Salvo….mi guarda negli occhi e d’improvviso con la sua mano mi schiaffeggia la vagina
“AAAHHHHHH NOOOOOOOO” …urlo
Mi prende per i capelli ..sento il suo alito di vino….alcool
“Apri la bocca Troia” mi prende il viso con una mano e mi forza ad aprire la bocca…
Apro..e lui comincia a frugarmi dentro con la lingua…Mi LIMONA…La lingua guizza …vortica
Con una mano questa volta con dolcezza mi accarezza in basso la vagina prima schiaffeggiata e tutto d’un colpo …
mi infila 2 dita dentro e comincia a farle andare veloci su e giu …fuori e dentro…mi scopa con le dita..
La mia lingua seguendo un istinto svelato d’istinto cerca la sua Le nostre lingue si cercano.
Restituisco con un ardore mai conosciuto il suo bacio…Ci stacchiamo gli ansimo in faccia..
” Siiiiiii Salvo Siiiiiiiii….così cosi…li li ….più veloce….”
I miei gemiti..i nostro occhi si cercano…Le sue ruvide dentro di me…Mi soffia in faccia
” TROIAAAA…alla fine hai ceduto guardala la brava mammina e moglie fedele…sei una Cagna in calore!”
Si stacca e prende il cellulare…e mi fa una foto
” No Salvo no ti prego!” mi desto dalla lussuria del momento
” Forza Ciro avvicinati fatti fare una sega …e tu troia menalo e sorridi…mente scatto…”
Ciro mi affianca senza che me lo chieda impugno il suo grosso membro nodoso e lo masturbo.
Le mie piccole mani cicciottelle fanno fatica a stringerlo tutto…Ciro mi mugola nell’orecchio..
” Continua piccola…non vedo l’ora di fotterti quando sarà il mio turno…di riempirti con la mia crema calda e vischiosa di sborrare dentro la tua figona da Sposa….mmmm lo vuoi Il Cazzone dello Zio Ciro….lo vuoi sentire caldo duro e grosso fino alle palle?
Non sto capendo più nulla….
quasi gli urlo…
“SIIIIIIIII Ciro SIIIIIIIIIII SIIII…lo voglio …”mentre continuo a masturbare il suo uccello
Salvo interviene…
” Adesso basta segarlo Puttana, entra nel bagagliaio che ti portiamo in camporella…
Vede il mio sguardo impaurito e mi risponde
” Non ti preoccupare..ci sono fori per respirare … non sei stata e non sarai l’unica che portiamo cosi…
O preferisci che ti vedano nuda in macchina con 2 uomini…?
Forza entra Culona e mi da uno schiaffo forte sul culo
Mi aiuta a entrare …faccio fatica..ma mi rannicchio e ci riesco…Chiude.
In effetti ci sono buchi passa aria e luce…meno male…
Sento che partiamo e usciamo alla luce del Sole.
Non so da quanto viaggiamo …venti minuti forse…Sento dai sobbalzi ha preso una strada sconnesse
forse sterrata di campagna…poichè la macchina sobbalza prendendo qualche piccola buca
Rallenta…ci fermiamo …Silenzio intorno…
Si aprono le portiere…scendono…passi si avvicinano…

eventuali commenti
milfslavefrancy@gmail.com

10
14
Autore Pubblicato il: 11 Gennaio 2022Categorie: Orgia, Racconti Cuckold, Racconti di Dominazione1 Commento

Commenti per questo racconto

  1. Notorius 11 Gennaio 2022 at 13:04

    Sono quello che aspetti… sono quello che con la mente può regalarti brividi ed emozioni, sono quello a cui puoi aggrapparti per vivere quello che dentro di te desideri. Abbi coraggio, buttati… certi treni passano solo una volta. mastermind1755@gmail.com

Lascia un commento

10
14