Leggi qui tutti i racconti erotici di: yemail

Poco dopo tornai nella stanza, ma con una corda. Mentre mi muovevo verso di lei, sentì un lieve accenno di panico che minacciava di crescere, ma lo respinse. Tuttavia, quando le afferrai il piede destro e iniziai a tirarlo verso di me, quel panico si ripresentò. Fece una specie di tentativo di lottare, e avrebbe voluto gridare “no”, ma la parola non arrivò alla bocca. Lei grugnì e si lamentò alla prospettiva di essere esposta completamente a me. Si girò a pancia in giù mentre la tiravo per tutta la lunghezza del suo corpo, e poi sentì la corda avvolta intorno alla sua caviglia.

Cercò di incrociare la caviglia libera sull’altra per tenere unite le gambe. La lasciai andare ma la corda era tesa, e quando lei si guardò indietro, vide che la legavo alla gamba del suo letto.

C’era abbastanza gioco per evitare che le manette le tagliassero i polsi, ma per il resto era distesa sul pavimento. In contrasto con il suo lieve panico c’era il fatto che questa nuova posizione le faceva sentire davvero bene, dal momento che non aveva allungato bene le braccia e le gambe da quando era stata ammanettata per la prima volta.

Alla fine si calmò e smise di lottare, ma respirava ancora un po’ pesantemente. Lasciai la stanza un momento, e poi tornai con il secchio e un asciugamano.

“Hai intenzione di… lavarmi?” Sussurrò.

Inizialmente non vedeva il lato negativo, ma poi si rese conto che potevo essere intenzionato a lavarla tutta, il che significava che avrei visto e toccato indirettamente i suoi seni e la sua figa, e il suo cuore batteva forte alla prospettiva.

Posai il secchio accanto a lei e vi immersi la spugna. Dopo averlo strizzato, lei chiuse gli occhi e posò la fronte sul tappeto. La spugna era calda, ma non da scottare. Partendo dal polpaccio della gamba fasciata, lo posai su di lei e poi lo spinsi e lo passai lungo il suo corpo lentamente, come se stessi facendo un massaggio.

È stato così rilassante che ha immediatamente spostato il suo piede sciolto dall’alto verso il basso, in modo da potersi rilassare tenendo le gambe unite. Divenne un po’ più ansiosa mentre mi avvicinava alla sua natica. Rinfrescai la spugna, e poi la appoggiai sulla sua chiappa nuda. Questo da solo le rendeva i lombi più caldi, ma poi la mia mano premette sulla sua carne, facendola espirare di piacere. Mi feci strada fino all’altra natica, per poi scendere fino al piede, rinfrescando la spugna lungo il percorso. Il piede legato che prima avevo saltato, è stato quindi recuperato.

Il tessuto dei miei pantaloncini le sfiorò la pelle mentre mi alzavo in ginocchio, mentre mi trovavo a cavallo di lei, e la spugna calda le cadde sulla parte bassa della schiena. Feci ampi movimenti circolari dalla spina dorsale ai lati delle costole e alla schiena, spostandomi gradualmente fino alle spalle. Poi mi sono spostato ulteriormente, i miei pantaloncini le sfioravano la parte superiore della schiena.

Poteva sentire una mano sul tappeto vicino alla sua testa e il mio busto muoversi sopra di lei mentre la spugna le lavava le braccia. La sua ansia tornò con la realizzazione che tutto il suo lato posteriore era finito, e presumibilmente ora era il momento per il davanti.

Era congelata sul posto. La sua pelle umida si irrigidì in pelle d’oca per l’aria fresca, anche se era ancora abbastanza caldo dentro la stanza.

Tornai alla posizione originale, e poi misi la mano sulla caviglia del suo piede sciolto. Fece un tentativo di resistere, ma riuscii facilmente a sopraffare la poca forza che faceva. Tirai via la sua gamba dall’altra, e un po’ all’indietro, trascinandole il corpo di lato, per quanto la corda me lo consentiva, e poi la feci capovolgere.

Sussultò e fissò i suoi occhi sbarrati sui miei, per vedere dove stavo guardando. All’inizio la guardai negli occhi, ma poi scesi giù. Poteva quasi sentire il mio sguardo passare sopra i suoi seni nudi, il suo ventre, il suo pube rasato, finché non tirò su il ginocchio per coprirsi l’inguine con la coscia. Non ho cercato di fermarla, ma tanto sapeva anche lei cosa sarebbe successo alla fine.

Chiusi momentaneamente gli occhi, come se fossi turbato, poi lei notò il gonfiore della parte anteriore dei miei calzoncini. Deve aver cercato di ignorare la mia eccitazione.

Mi inginocchiai di nuovo, e procedetti a lavarla dallo stinco verso l’alto, massaggiandole la coscia mentre forzavo la mano sotto quella incrociata. Mi tolsi e poi mi spostai sullo stinco laterale dell’altra gamba, sopra il ginocchio e lungo la parte superiore della coscia, ma una volta terminato, rinfrescai la spugna e iniziai a tirare su quel ginocchio.

Emise piccoli gemiti di disapprovazione e cercò di tenere il ginocchio abbassato, ma la mia spinta era forte e costante. La spugna era appoggiata sul mio palmo all’insù, e una volta che la gamba di lei era sufficientemente spostata, feci atterrare sia la spugna che il palmo direttamente sulla sua figa.

Lei sussultò. Le lasciai il ginocchio e la sua gamba scattò all’indietro stringendosi intorno alla mia mano.

I suoi occhi si chiusero e il suo corpo rabbrividì per l’improvvisa pressione sul suo clitoride. Cercò di piegarsi in posizione fetale, ma non ci riuscì. Un gemito smorzato le sfuggì di gola. Sforbiciò lentamente la gamba, tentando di schiacciarmi dentro di sé, mentre contemporaneamente cercava di resistere all’impulso.

Le sue opzioni erano di crollare e darsi piacere disperatamente, o di aprire le gambe a me. Dopo un momento, scelse quest’ultima e lasciò la presa.

Poi la strofinai. La sua testa si piegò all’indietro involontariamente e la sua bocca aperta la tradì nella stanza altrimenti silenziosa.

“Uhhhhhh.”

Quando la spugna le si avvicinò al ventre, piagnucolò di nuovo. Il suo addome tremava. La sua gamba ha tentato di chiudersi di nuovo, ma mi ero chinato su di lei per bloccarla con il mio corpo. Su per le costole, e poi i suoi seni mi sentirono arrivare. Prima uno e poi l’altro, li massaggiai e le pulii a fondo i capezzoli. Si contorse lentamente, respirando pesantemente e in modo instabile, quasi sull’orlo di un orgasmo tattile, ma poi la lasciai. Un involontario gemito di delusione.

Mi tirai indietro per rinfrescare la spugna, e poi tornai su di lei, ora a cavalcioni sul suo stomaco, la mia erezione che la sfiorava. I miei occhi catturarono la sua attenzione, guardando in profondità nei suoi mentre il panno caldo le premeva sull’ascella e su per il braccio, poi giù nell’altra mano.

Spostai la spugna sopra la parte anteriore della sua spalla e attraverso la sua clavicola dall’altro lato. Su per il collo, lungo la mascella. Avvicinai il mio viso finché non riuscì a sentire il suo respiro riflettersi su di me.

Il suo cuore batteva forte e il suo respiro era veloce e superficiale.

«Mi bacerà? Sta per baciarmi? Oh, dio, baciami.» I suoi pensieri si facevano affannosi come il suo respiro.

L’unico movimento che feci era fuori dalla sua vista, ed era la mia erezione coperta che premeva contro il suo addome.

I suoi occhi divennero disperati quando improvvisamente mi tolsi, facendola espirare bruscamente. Rimisi la spugna nel secchio mentre si alzava e le afferrai di nuovo il piede sciolto. Non c’era più resistenza in lei. Tirai la gamba e la feci girare di nuovo sullo stomaco.

La sua confusione aggravava il suo senso di impotenza. Si girò e mi vide togliermi i pantaloncini, e un lieve panico calò di nuovo su di lei.

Quando il mio corpo si mosse verso di lei, lei guardò rapidamente avanti e si preparò. Il mio peso era improvvisamente sulla parte superiore del suo culo, cosa che la confondeva ulteriormente. Ci è voluto un momento per capire cosa sentiva succedere al di fuori della sua vista.

Le mie palle erano sulla fessura delle sue natiche e sentì la mia cappella toccarla ripetutamente. La mia mano si muoveva velocemente, mentre i miei fianchi si muovevano lentamente e in modo alquanto irregolare. Iniziai a premere su di lei più forte, sotto il suo coccige, cosa che fece premere i suoi stessi fianchi sul tappeto.

La combinazione della pressione e del mio movimento, le ha fatto sfregare il pube, colpendo solo a malapena direttamente il suo clitoride. Chiuse gli occhi e tentò di regolare la posizione dell’anca, ma con scarso risultato.

Presto sentì i miei grugniti tra il suono dei movimenti della mia mano, e poi sentì il calore del mio liquido lungo tutta la sua spina dorsale.

«È venuto. È venuto sulla mia schiena. Lui… si è appena masturbato con me.»

Poco dopo che i grugniti e sospiri cessarono, mi alzai da lei. Un momento dopo, le asciugai la schiena e alla fine le tolsi la fasciatura intorno alla caviglia.

Quando me ne andai, tornò strisciando al suo posto a lato dell’armadio, chiuse gli occhi e cercò di calmarsi. La frescura della stanza la fece rabbrividire, ma pochi minuti dopo un morbido calore la coprì. Aprì gli occhi per vedermi allontanare e spegnere la luce mentre la lasciavo per la notte.

Non poteva vederla al buio, ma dall’odore e dalla sensazione, riconobbe che aveva addosso la coperta del suo letto. La sistemò per bene su di lei e la sensazione estranea della stoffa sulla sua pelle la stuzzicava. Rifletté sul fatto che le avevo dato modo di non stare al freddo senza che fosse lei a chiedermelo, mi ero preso cura di lei anche se interpretavo il suo aguzzino. E si bagnò, ma si trattenne dal toccarsi.

Si sdraiò su un fianco, il più comodamente possibile, in una sorta di posizione fetale. La coperta sfiorò il suo sesso e le fece venire un brivido. Si asteneva ancora dal toccarsi.

Presto una goccia dei suoi umori fuoriuscì lungo le labbra della sua figa. Poteva sentirlo come qualcosa da togliere. Cercò di ignorarlo, ma persistette. Il mio odore ancora addosso e questa sensazione al suo basso ventre la frustrarono finché non riuscì più a resistere.

Si riposizionò e allungò le dita verso il basso.

«Oh, dio» sospirò mentre la sua umidità appiccicosa si imbrattava per tutta la lunghezza della sua figa dal fondo al clitoride, e non riusciva a fermarsi. Già preparata e gonfia, non aveva bisogno di riscaldamento.

La sua mano e le sue dita si muovevano freneticamente. Le sue gambe si spostarono cercando di regolare i fianchi in una posizione soddisfacente, ma non fu mai del tutto comoda.

«Mmmmmmmm…» ripeté dolcemente in un misto di piacere e frustrazione, ma si stava intensificando con il suo continuo assalto al clitoride.

Poi il suo corpo si bloccò e squittì attraverso la bocca spalancata. Un’onda elettrica bruciante si irradiava dal suo centro verso l’esterno attraverso la superficie della sua pelle. Le sue gambe si contrassero inutilmente e rilasciò il respiro trattenuto, finendo per collassare, stordita ed esausta.

“Ohhhh, mio ​​Diooooo” sussurrò, ancora occasionalmente contorcendosi negli spasmi residui e iniziò a piangere piano, anche se non riusciva a capire perché. Non aveva mai pianto dopo aver raggiunto l’orgasmo, e comunque anche se questo era sicuramente tra i primi tre dei suoi migliori, non era il numero uno.

Sistemò goffamente la coperta e presto si addormentò.

Dalla mia posizione sul divano avevo sentito e intuito quel che aveva fatto. Sapere che si stava masturbando nella stanza a fianco con la porta aperta mi fece tornare di nuovo un’erezione. Dovetti distrarmi un po’ da quei pensieri per riuscire a prendere sonno.

Alcune ore dopo, è stata svegliata da un bisogno piuttosto urgente di urinare e non ci ha pensato due volte a chiamarmi.

“Devo fare pipì.”

Aspettò, ma non arrivai. Guardò alla finestra e vide che fuori era ancora buio. Capì che probabilmente stavo dormendo.

“Ho bisogno di fare pipì”, gridò più forte, il che accresceva solo la sua urgenza fisica, e pensò che sarebbe stato meglio resistere ancora un po’.

Quando chiamò per la terza volta, mi svegliò di colpo ed alzandomi inciampai in qualcosa mentre mi muovevo al buio in quella casa non mia.

“Porca pu-” esclamai prima di entrare nella camera ed accendere la luce con uno schiaffo.

Con la faccia preoccupata, misi il secchio sotto di lei. Una delle sue gambe cedette momentaneamente e le afferrai rapidamente le cosce, tenendola contro il mio corpo per assicurarmi che non cadesse. Quando ebbe finito, la lasciai andare e mi avvicinai zoppicando al rotolo di carta igienica, srotolai un batuffolo e glielo porsi. Lei lo prese e saltai all’indietro per sedermi sulla sedia a strofinarmi le dita dei piedi.

Inizialmente mi fissava semplicemente, insicura su cosa avrebbe dovuto fare. Doveva asciugarsi, o aspettarmi, e parte della sua mente rifletteva sul fatto che mi fossi fatto male accidentalmente per il suo bene. Anche nel dolore, avevo fatto di lei la mia priorità. Non ero io il rapitore, in quel momento.

Si asciugò con calma, lasciò cadere la carta igienica nel secchio e poi si sedette di nuovo, a guardarmi.

«Forse è ora di smettere» rifletté. Il mio atteggiamento faceva pensare che non fosse solo il dolore al piede ad affliggermi.

Quando ebbi sufficientemente alleviato il mio dolore, mi avvicinai per raccogliere il secchio e non la guardai affatto. Quando mi voltai, lei parlò senza pensarci.

“Ehi.”

Mi fermai e le rivolsi un orecchio.

“Fammi uscire” disse lei, a bassa voce.

Dopo un momento, lasciai la stanza ed andai a sciacquare il secchio. Poco dopo aver completato, tornai e sconsolato gettai le chiavi delle manette sul tappeto ai suoi piedi, mi voltai e me ne andai. Di nuovo, senza mai guardarla.

Non si mosse per un po’, provando fitte di colpa. Voleva davvero liberarsi adesso? Forse essere stata ammanettata come una criminale ora sembrava improvvisamente appropriato.

«No. Devo fare qualcosa, ora. Non posso lasciarlo in questo stato.»

Raccolse le chiavi e si smanettò, si sfregò i polsi e si alzò dolorosamente. Stare in piedi le sembrava strano, e dovette bilanciarsi per un momento. Indossò un paio di pantaloncini e una maglietta, poi afferrò la sua coperta e spense la luce mentre usciva dalla stanza.

Ero già di nuovo sul divano con la luce spenta, sdraiato su un fianco, di fronte a lei.

Camminò fino a sdraiarsi accanto a me, mise la coperta sul suo corpo e sulla mia spalla mentre il suo braccio si stendeva sul mio, abbracciandomi. Non feci una piega.

Mi ero già alzato quando si è svegliata. Si alzò pigramente dal letto e andò in bagno. Era insolito sedersi davvero comodamente a fare pipì. Si lavò le mani e tornò, trovandomi in cucina a preparare la colazione.

Lei rimase dietro di me e mi massaggiò la schiena con una mano, ma la ignorai.

“Stai bene?” Chiese.

“Sì” risposi, ma dal tono si capiva che ero ancora un po’ sconvolto.

Mi avvolse le braccia attorno, premendo i palmi delle mani ed il corpo contro il mio busto, appoggiando il lato della testa sotto il mio collo.

“Vuoi della colazione?” Le chiesi.

L’offerta l’ha sollevata. Voleva appianare la cosa. Voleva alleviare il mio dolore.

“Sì” disse, facendo scivolare lentamente le mani verso il basso. Le sue dita scivolarono delicatamente sulla parte anteriore dei miei pantaloncini, finché non sentì il mio membro inerte saldamente incassato nella biancheria intima. “Dopo”, ha aggiunto.

All’inizio sembravo indifferente, ma poi alla fine sentì indurirsi il mio pene. Ho continuato a cucinare, quindi lei mi ha accarezzato delicatamente il rigonfiamento sodo. Le sue azioni divennero meno aggraziate, ma continuavo a non darle corda, quindi si mosse verso la mia cintura per sganciarla e spingere lentamente i pantaloncini e la biancheria intima fino a quando il mio pene non si liberò.

Sussultai e mi fermai mentre le sue dita scivolavano sulla calda lunghezza del mio cazzo. I suoi occhi erano chiusi, sentendo il suo calore e la sua consistenza, conoscendo finalmente ciò che aveva solo immaginato prima. Lo afferrò e lo accarezzò, facendomi esalare un sospiro, poi spostai la padella su un fornello freddo e spensi quello caldo prima di girarmi.

Stavo per dire qualcosa che suonava molto come un’obiezione, così iniziò ad abbassarsi, e quando mi girai verso di lei, lo stava avvolgendo con la bocca.

Inciampai all’indietro contro il forno e le mie mani trovarono immediatamente i lati della sua testa. Il mio respiro rabbrividì mentre lei si muoveva avanti e indietro, così dolcemente.

Finalmente conosceva il sapore della mia carne. Il mio cazzo le riempiva la bocca.

Feci una specie di grugnito e dovetti abbassarmi a terra prima che le ginocchia cedessero, quindi lei mi seguì tenendosi ai fianchi per rimanere sincronizzata.

Assaggiò la dolcezza del mio liquido preseminale che si combinava con la sua saliva per aumentare la morbidezza della sua scorrevolezza. Il mio respiro aumentò e lei seguì l’esempio, il che fece solo diventare il mio respiro ancora più irregolare, finché i miei fianchi non si sollevarono contro di lei.

Afferrò la base per tenerlo in bocca senza andare troppo in profondità. I miei fianchi si contrassero fino ad un ultimo rialzo.

“Oh, dio!” dissi con un respiro corto e poi un gemito, mentre mi liberavo nella sua bocca. Lei tenne con decisione, mungendolo finché ogni convulsione non fosse cessata, e poi succhiandolo di più, prima di allontanarsi in modo netto.

Si alzò per premere la fronte contro la mia e lo inghiottì. La avvolsi tra le braccia e l’abbracciai stretta.

Senza dirci nulla, alla fine ci alzammo, le preparai la colazione e poi mangiammo insieme.

Autore Pubblicato il: 8 Ottobre 2022Categorie: Racconti di Dominazione, Racconti Erotici, Sensazioni0 Commenti

Lascia un commento