;

SORELLA MAGGIORE CAPITOLO 3

14 1

Pomeriggio di agosto a mare, il mare vicino il mio paese dove abito, in spiaggia con le amiche che all’ora di pranzo sono andate via a casa a mangiare e poi sarebbero discese, salgo sul lido a prendere un gelato, e di colpo chi vedo? MANUEL IL CAPO BULLETTO DEI RAGAZZINI CHE BULLIZZAVANO MIO FRATELLO, COETANEI DI MIO FRATELLO QUINDI, QUELLO CHE MI AVEVA GIRATO QUEL PICCOLO VIDEO E CHE ANCORA NON LO AVEVA CANCELLATO, QUELLO CHE PER FORTUNA NON INCONTRAVO DA QUALCHE MESE PIU.

Era con un altro ragazzino come lui, tamatto come lui, capelli gialli, no biondi, ma gialli tinti, con la cresta, l’orecchino e due tatuaggi uno al braccio e un diavoletto sotto l’ombelico.

Manuel si avvicina a me , mi saluta, io ricambio con un ciao

…federica, è da molto che non ci vediamo

…meglio

…perche?

Poi si gira verso l’amico e gli dice

…pensa come ci siamo conosciuti con Federica…mi ha preso a schiaffi perché avevo picchiato il fratello

…è stata coraggiosa, bona e coraggiosa ahahah

…si ma poi siamo diventati amici vero fede?

…si

…vieni che mi devo fumare una sigaretta e non voglio che passa mio padre e mi vede che poi mi prende a calci in culo ahahah

…ma sto facendo la fila alla cassa

…e poi la fai, ci fumiamo una sigaretta e torniamo

…dove?

…qua alla pineta

…ok dai

Vado con loro e ci inoltriamo nella pineta per non essere viti, tira fuori un pacchetto di sigarette l’amico e mi dice se ne volevo una, e io accetto, ma Manuel non mi da tempo di accenderla, che poggiato a un muretto nella pineta, mi tira verso di lui e cerca di baciarmi, io lo scanso ma non riesco a svincolarmi dall’abbraccio e dico

…no dai

Cercando di scansare la sua bocca che cercava di baciarmi

Poi Manuel rivolto all’amico in dialetto

…a soru e paolino è federica ahahah

….ummm Paolino? Tutto per tutto quello scemo

Mentre l’amico commentava, anche se io scansavo i baci Manuel mi prese il lobo dell’orecchio tra  le labbra, mi venne la pelle d’oca, ero la in bikini, avevo un bikini mutandine rosse e pezzo di sopra verde acqua

…non ho più 18 anni Manuel ne ho 19

…e quindi?

Dall’abbraccio che mi bloccava a lui, le sue mani sono scese sul sedere e in un attimo tirandomi verso di lui e in un attimo con le mani mi ha allargato le natiche trascinandomi verso di lui, ma il guaio è che il bastardo con una mano ha tirato il costume quindi per un attimo con quel gesto praticamente mi ha spostata il costume e l’amico che era dietro mi ha praticamente vista la fica, e da come mi ha allargato le natiche penso che l’ha vista proprio bene visto che ha commentato

…wuaaa e come è rossa mmm labbra scure e rossa dentro io con la mano ho cercato di rimettermi apposto il costume ma lui mi ha baciata e io

…daiiii basta mi si vede tutto

E con la mano cercavo di rimettermi apposto le mutandine del costume

E lui

…jaaaa che Matteo è n’amico

L’amico

…hia na bella fissa Federica

Poi Manuel nell’orecchio mi dice

…dai fammi un pompino

…no dai

…federica fai la brava

L’amico

….jaaa che non gli diciamo niente a Paolino

Manuel

…paolino sa tutto lo sa che Federica ha la fissa rotta

…ahhh bene è che ha detto?

…che cazzo deve dire? Vero Federica? 

L’amico

…si eccita che gli fottete la sorella maggiore? Ahahah

…che tanto è nu scemu chi cazzu ha da direte alla sorella glielo buttiamo nel culo

…dai federica solo un pompino e basta

L’amico

…si dai federica dicono che sei brava che al campetto te l’hanno sfondata

Io

…chi lo dice?

…tutta la scuola lo sa che ce l’hai rotta

Manuel

…dai fagliela solo vedere a Matteo dai e poi ci fai un pompino

Ho tolto lle mani dlle mutandine, le ho poggiate sulle spalle di Manuel e ho abbassato la faccia come a nascondermi come se mi fossi arresa a loro e in un attimo Manuel ha ripetuto il gesto di prima allargandomi le natiche ma tenendo le mutandine con una mano esponendo la mia fica al suo amico commentando diesse

…mammamia Federica che bellezza che hai

E le mani di Manuel che cercavano di abbassarmi le mutande e io con una mano mentre l’altro braccio lo usavo ancora per nascondermi la faccia, con l’altra mano ho cercato di non farmele abbassare dicendo pure

…no ragazzi questo non

E l’amico

…dai che non si vede niente, fammi vedere bene

Con il suo aiuto le mie mutandine del costume sono cadute a terra e manuel mise le sue mani alla base delle mie natiche allargandomele in un modo osceno tanto che ho sentito le labbra della fica schiudersi, a quel punto ho capito che ero del tutto esposta, mi vergognavo e sono rimasta con la testa in quella posizione come a coprirmi il viso ma senza protestare, nemmeno quando, con la fica opera in quel modo ho sentito un dito che mi entrava dentro, era quello di Matteo che disse

….mamma che fissa sbundata

Mi sentivo accaldata bagnata, il dito da uno sono diventate due, mi masturbav, disse

…non ho mai visto la fissa di una di 19 anni state belle scassate a 19 anni

Avevo la pelle d’oca ansimavomanuel che ormai non mi teneva più le natiche allargate, si è abbassato il costume ma io ero ancora in quella posizione mi coprivo il viso e ansimavo, ho fatto solo un gemito

…ahhhhhh

Quando ho sentito l lingua di Matteo sdentro la mia sic che adesso teneva lui allrfata con le dita, e prese a leccarmela, io ansimavo e gemevo

…ahhh ahhhhh

Ho sentito un calore alla pancia scendermi verso giu, ho iniziato a gemere sempre più forte fino a quando ho sentito proprio liquido caldo colmi giu dalla fica, ho inarcò un po la schiena e manuel mi disse

…sei venuta?

Rispose Matteo 

…ha pisciato come una fontana

Avevo goduto avevo avuto una colata

…mo facci godere pure a noi fede

…mi vergogno dai se passa qualcuno mi vede

…e inginocchiati che dietro sto muretto non ti vede nessuno

Mi sono inginocchiata avevo solo il pezzo di sopra e le infradito, gli ho preso i cazzi in mano e ho peso a succhiarli a turno, loro non facevo che ripetere

…brava dai succhia brava

E io succhiavo

…le palle lecca le palle pure

Avevano i cazzi con i peli non erano depilati, non ricordo i peli che mi sono finiti in bocca

Gli leccavo le palle con la lingua poi salivo lungo il cazzo e lo riprendevo in bocca mentre loro godevano come maiali e mi dicevano

…che pompinara brava sei succhia, manuel non mi disse niente e nemmeno me se sono accorta che stava per venire e mi sono sentita due schizzi in bocca prima di togliermi il cazzo dalla bocca e prendere il terzo schizzo in faccia, si è rialzato il costume e si è spostato, mentre Matteo mi disse

…alzati alzati

…che vuoi?

Girati un attimo dai

Mi sono girata e poggiata al muretto, il cazzo di Matteo, un aereo ragazzino che andava a scuola con mio fratello, il suo cazzo mi è entrato nella fica bagnata, prese a scoparmi forte e veloce, manuel gli disse

…non ti sei fatto succhiare il cazzo pure da Paolino a scuola?

Matteo

…e mo pure dalla sorella ahah

Neanche 5 minuti passarono da quando mi stava scopando e mi sono sentita sborsare sulla fica, lo tolse in tempo ma mi sono sentita questi schizzi caldi sulla fica, borbottando

…mmmm siiii maialaaaaaa siiiiiiiizoccolaaaaa

E poi uno schiaffo sul sedere 

…bella porconaaa

Io

…mi avete sporcata tutta mo che faccio?

E Matteo

…ci sta il mare va lavati a fissa a mare che veniamo pure noi

…no dai ragazzi non voglio che ci vedono insieme vado sola

E manuel

…e vai puttanedda vai 

Matteo

…va va sbrigati va lavati  porcella.

Per qualsiasi commento la mia mail è federicacozza2000@libero.it

1 commento

  1. mi sa che invece di difendere il fratellino il cazzo ti piace

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.