;

Sorelline!

‘Sorelline’!

Di Master E.
e-mail: master_master_40@yahoo.it
Il mio blog: www.lecatenedellamente.blogspot.com

passo dopo passo.
Grazie a chi vorrà inviarmi commenti o ‘ critiche

_______________________________________

Al Suo fianco, ancora una volta
Al Suo fianco, finalmente
Quell’hotel, il vostro,
ascensore, quella sensazione nota e non controllabile di ‘ ansia
sentendo i Suoi occhi su te, accentuata da quello spazio angusto
il corridoio, quasi non noti la fila di porte che sfilano, seguendoLo.
La porta che si apre, entri ‘
lei
Immobile al centro della stanza
La benda a rubarle la vista
Le mani allacciate dietro la nuca
Composta e fiera
Solo quello slip a coprirla
Puoi quasi annusare l’odore della sua tensione, dell’attesa, ma intuisci, senti, capisci che c’&egrave altro.
Eppure, anche leggendo in lei quel coacervo di sensazioni, la vedi orgogliosa di ciò che &egrave.
Lui la ignora, al tuo fianco, in silenzio, con un gesto t’invita a spogliarti, sedendosi come sempre su una poltroncina.
Il Suo sguardo non ti abbandona un attimo mentre tu sposti la vista da Lui a lei.
I tuoi abiti diligentemente piegati, come sai Lui si aspetta, nuda davanti a Lui, nuda nel corpo e nell’anima.
Ancora silenzio,
ancora solo un gesto per farti inginocchiare ai Suoi piedi, sfilargli le scarpe, le calze.
Chini la testa sfiorando con le labbra le Sue dita
oppressa da un vago senso di rimorso.
Non puoi ignorare la presenza di lei, diversa questa volta, non partecipe, ma presenza silenziosa, quasi ingombrante; non perché ti infastidisca, ma perché assurdamente ti metti nei suoi panni, sai che sente, che vede con i sensi, che sa.
Sai quanto vorrebbe essere al tuo posto o almeno partecipare.
Vorresti chiedere il perché di quella punizione ma sai di non potere.
Lui afferra i tuoi capelli, strappandoti un gemito, sollevandoti la testa, fissandoti.
Poche parole dure ‘ ‘guardala, ha ciò che si merita per un errore, Guardala’
Ti volti verso lei, sai che sente il tuo sguardo, sai che forse intuisce le lacrime che inghiotti perché non vorresti che lei soffrisse, ma sai anche che se così ha deciso &egrave giusto così.
Il tuo volto schiacciato sul Suo ventre ora. Premuto con forza, senti attraverso i pantaloni dell’abito il Suo cazzo duro, teso, e nonostante tutto non puoi impedire all’eccitazione di prenderti;
la cerniera scende, il Suo odore, lo riconosceresti tra mille,
il Suo sapore sulle labbra, tra le labbra, e un lungo gemito che ti sfugge.
Più severa la Sua mano sul tuo capo ora, più decisa, mentre con forza ti scopa in gola, saliva che cola, gemiti soffocati, conati a stento trattenuti. E lei che sente, lei che sa, lei che vorrebbe e non può.
E sei combattuta tra il piacere che stai vivendo e il dispiacere per lei.
Esce da te, ti fissa e sussurra quelle parole che non avresti mai voluto sentire
‘parla ora, dimmi ciò che hai fatto, che ti ho fatto, che hai vissuto, sentito, dimmi ciò che ti cola tra le cosce, dimmi dei tuoi capezzoli turgidi ed eccitati, ORA’
il respiro ti muore in gola, &egrave difficile, lo &egrave sempre per te parlare, ora ancor più perché sai che le tue parole per lei saranno immagini ancor più vive, ma il Suo sguardo &egrave duro, severo,
&egrave lo sguardo Padrone che ami e’lentamente’parli, inizi a dirti, incalzata da Lui, che pretende particolari, facendoti voltare la testa verso lei mentre parli, vedendo il suo corpo reagire alle tue parole, quasi fossero carezze e baci sulla sua pelle.
Vedi il suo seno gonfio e teso, vedi le sue cosce stringersi a cercar piacere, vedi il volto non coperto dalla benda dire’di ciò che prova e desidera, scoprendo che il tuo stesso dirti &egrave piacere per te, perverso e violento piacere.
Poi un gesto ti intima il silenzio, si alza, lentamente si spoglia, davanti a te, la Sua cinghia sul tuo collo a trascinarti attraverso la stanza come cagna eccitata, verso lei, davanti a lei.
Ed ora non &egrave più solo il suo corpo a dirti ciò che prova, ora puoi sentire l’odore della sua voglia, sentire il suo respiro sempre più rapido e scomposto, ora Lui afferra i tuoi capelli e la accarezza leggermente con quelli e sai quanto fatica a trattenere un gemito.
Vedi la sua pelle rabbrividire a quella carezza lieve, vedi i muscoli contratti che vorrebbero, cogli l’arrestarsi del respiro.
E ancora le Sue parole, per te, ‘vedi, ha l’obbligo del silenzio, credi sia facile? Credi che faticherebbe a dirsi ora? Cosa credi vorrebbe dire ora?’
E ancora davanti al Suo sguardo, a fatica, trovi le parole, parli, dici, dici ciò che probabilmente lei vorrebbe, ciò che tu vuoi, dici del desiderio, del bisogno di sentire ancora quel cazzo davanti al volto a farti stordire dall’odore di Uomo
Dici della voglia di sentirlo scivolare tra le labbra, sulla lingua, in fondo alla gola
Dici del perverso piacere di soffocare nella tua saliva e sentirla colare sul seno
Dici del bisogno di sentir mani decise stringerti i polsi, sfidarti a baciarlo, sapendo che più ti avvicinerai più si allontanerà da te
Dici del desiderio di sentir mani frugarti la figa, stuzzicare il clitoride
Lingua e labbra a leccarti e succhiarti
Dell’urgenza di sentirti spalancare le cosce e fottere fino in fondo all’anima
Di esser piagata con il viso schiacciato contro il materasso e DOVER aprire le natiche con le tue mani, offrendo anche quella parte di te, sentendola bagnare di saliva e della tua voglia, sentendola forzare con decisione
Prendere
Pretendere e possedere
E ad ogni parola la tua voglia aumenta, e sai quanto le tua parole accendano lei.
E ancora Lui a chiedere, a chiedere se credi che questo sia ciò che lei vorrebbe, che lei desidera, e in un sussurro rispondi si, nell’assurda speranza che le venga concesso, e poi concesso a te.
Ma il Suo sguardo ti gela l’anima, e ancor più le Sue parole, quando ti dice, ‘vieni qui cagna, ora avrai tutto ciò, ma lo avrai tu, e solo tu’ e vorresti gridare no, vorresti dire che anche lei lo merita, e nel contempo gridare ‘si Padrone, si, si cazzo, si ora, ora qui fottimi, scopami prendimi culo e gola, fino in fondo’.
Per un attimo Lui smette di ignorarla, le afferra i capelli, la fa inginocchiare. La guardi, la invidi per come sa esser fiera e composta anche in quel momento certo così duro per lei.
Il capo sollevato,
la schiena diritta,
le mani allacciate dietro la nuca, i gomiti ben aperti.
Ed &egrave davanti a lei che ti fa inginocchiare, davanti a lei, vicina, così vicina che il vostro seno quasi si sfiora, cos’ vicina che puoi cogliere il suo calore.
&egrave davanti a lei che Lui afferra il tuo capo e ti fotte la gola, davanti a lei che ti scopa in bocca e sai che ad ogni colpo un brivido la scuote e forse, sotto quella benda qualche lacrima cade.
&egrave davanti a lei che ti fa alzare e fruga tra le tue cosce trovandole fradice di voglia per avvicinare poi le mani lorde di te al suo viso per farle annusare il tuo odore. Vedi i suoi muscoli tendersi, tremare, non certo per lo sforzo ma per la tensione e il desiderio che deve reprimere.
&egrave davanti a lei che ti fa alzare a con voce dura ti dice, ti ordina, ‘voglio il tuo culo, offrimelo’
e, davanti a lei, ti chini in avanti, il tuo viso davanti al suo, le mani ad aprire le natiche, sentendo il Suo sguardo frugarti, sentendoti stupendamente puttana.
&egrave davanti a lei che gemi quando le Sue dita bagnano di saliva e della tua voglia il tuo culo, quando il Suo cazzo si appoggia, scivola per un attimo tra le grandi labbra a bagnarsi di te, batte sul clitoride e già l’orgasmo grida, torna su quel buchino e’spinge
Spinge
Spinge
Forzando
E, davanti a lei, ti mordi le labbra per trattenere finché possibile quel gemito di dolore, che presto si trasforma in altro, in piacere, alitandole sul viso il tuo piacere, la tua voglia, il tuo abbandono, vedendola tremare sempre più.
Colpo dopo colpo nelle tue viscere, mentre la mano sfiora il clitoride, lo preme, lo muove e l’orgasmo &egrave li, pronto ad esplodere e fai violenza a te stessa per trattenerlo e non chiederlo, per non far subire a lei anche questa punizione.
Ma’ &egrave troppo e le parole ti escono dalla gola, inaspettatamente e chiedi, implori urli. Vuoi il tuo orgasmo, vuoi godere con quel cazzo nel culo, vuoi esplodere nel piacere, ed al Suo ‘si’ le gambe si piagano, appoggi le mani sulle sue spalle per non cadere, il tuo viso contro il suo persa nell’orgasmo, senza rendertene conto, sentendoLo alla fine uscire da te, sentendo i Suoi occhi osservare quel buco rimasto per un istante infinito oscenamente aperto, e solo allora renderti conto che sei praticamente abbracciata a lei, accentuando involontariamente la sua punizione, lei che ha sentito dalla tua gola, dal tuo respiro, dal fremito del tuo corpo ‘ il tuo orgasmo. E non importa se sarai punita, ma le accarezzi piano i capelli sussurrandole ‘scusami’.
Ma già le Sue mani Padrone sono su te, già ti riportano in ginocchio davanti a lei, il Suo cazzo davanti a te;
odori nelle tue narici, nel tuo cervello, e ancora domande, che pretendono di sapere, domande che chiedono cosa senti e sai bene che non puoi fingere o esser vaga, e a fatica sussurri che senti l’odore del tuo culo, correggendoti subito ed aggiungendo ‘e’. di merda Signore’.
E apri la bocca, pronta a ripulirLo. Ma’&egrave a lei che rivolge attenzione, &egrave su lei che dirige il cazzo, &egrave sul viso di lei che lo muove’sporcandolo, &egrave la bocca di lei che viene forzata, la lingua di lei che lo ripulisce. E ancora una volta la guardi con rispetto per come sa esser slave e servirLo.
Un sorriso appena accennato sul volto di Lui, mentre strappa la benda, lei che finalmente vede, ti vede, Lo vede, e sussurra un ‘grazie Signore, meritavo questa punizione’
e un semplice ‘SI’ secco e deciso le dà ragione.
Ma ora i Suoi occhi si fanno più dolci, ora una carezza scivola sui suoi capelli, ora guida il tuo viso verso il suo, le vostre labbra si incontrano, in quel bacio desiderato da entrambe, ma non ti basta, vuoi dimostrarle che hai capito quanto quella punizione sia stata dura per lei, e lentamente, con la lingua, cancelli dalle sue guance quelle tracce luride di te.
Per poi sorriderle con gli occhi lucidi.
‘sorelline’.

Copyright legale 13-06-2011

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.