Leggi qui tutti i racconti erotici di: pippo196767

Era la prima settimana di settembre , io e mia moglie Grazia abbiamo deciso di concederci un’ultima settimana al mare visto la bella stagione.

Settembre è un mese splendido per vivere il mare…tranquillità, niente caos e relax .

Arriviamo alla nostra casa il venerdì sera, apriamo le finestre e notiamo, con nostra piacevole sorpresa che la casa che confina con la nostra è abitata.

Era stata tutta l’estate chiusa e ora vederla con luci in giardino accese e finestre aperte ci mette buonumore.

Il sabato mattina, dopo aver fatto colazione, andiamo in giardino per sistemare le biciclette; in quel preciso istante sentiamo una voce di uomo che ci dice: “Buongiorno”.

Ci giriamo verso il cancello e vediamo una coppia che ci saluta; ci avviciniamo e contraccambiamo il saluto.

Si presentano dicendoci che hanno comprato la casa accanto alla nostra quest’estate e sono riusciti a venire a sistemare un po’ , solamente in questa prima settimana di settembre.

Sono marito e moglie: lui si chiama Carlo, 49 anni, alto circa 180cm, peso circa una 90 di Kg., capelli rasati, occhi profondi, con occhiali; lei si chiama Laura, 46 anni, alta 170cm, peso direi una 60kg, capelli lisci colore castani.

Le nostre case confinano ma sono protette dal vedere delle persone da belle siepi alte che non lasciano intravedere niente; solamente dal terrazzo del primo piano riusciamo a vedere il giardino dell’altra casa.

Li facciamo entrare, ci dicono che sono della provincia Sud di Roma e che purtroppo Laura non potrà trattenersi durante la settimana per motivi di lavoro e lascerà solamente Carlo a cercare di fare qualche piccolo lavoretto nella loro nuova casa.

Felici di questa nuova conoscenza, io e Grazia diciamo che se volessero prendere un po’ di sole in questi giorni non si devono fare problemi e possono venire al bagno dove andiamo noi.

Ci ringraziano e Laura precisa che spera di riuscire a mettersi in costume il fine settimana altrimenti lascerà Carlo ad approfittare della settimana di sole che il meteo prospetta.

Anche noi il sabato e la domenica mattina sistemiamo in casa, mentre la domenica pomeriggio decidiamo di invitare i nostri vicini al mare per prendere uno squarcio di sole.

Carlo e Laura accettano volentieri, arrivati al bagno ci cambiamo in cabina e poi ci rechiamo sul mare.

Sono una bella coppia, Carlo ha un bel fisico e Laura non è da meno bel culetto e belle tette (forse una terza di seno).

Durante il pomeriggio vedo Carlo che parla quasi sempre con Grazia non staccandole mai gli occhi dal viso e soprattutto dal seno…e noto anche che cerca di coprire con le mani un accenno di erezione manifestato sotto lo slip.

La sera torniamo a casa e ci salutiamo.

Il lunedì di prima mattina sento una macchina che parte, è Laura che saluta Carlo e gli dice che tornerà Venerdì in tarda serata, traffico permettendo.

Io e Grazia ci alziamo verso le 09,00 e dopo aver fatto colazione e sistemato in casa, ci rechiamo sul mare.

Lascio andare Grazia al bagno perché devo andare alla ferramenta a comprare una guarnizione per sistemare il rubinetto della cucina.

Arrivo verso le 11 e con mia gradita sorpresa trovo sotto l’ombrellone anche Carlo che sta chiacchierando con Grazia.

Appena mi vede mi dice che sono fortunato ad avere una moglie come Grazia perché oltre ad essere una donna che parla spaziando su molti fronti è anche una bella donna e sorridendo mi dicendo: Chissà quanti uomini te la invidiano!

Aggiunge, quando siamo in disparte, che lui è uno di quelli e sicuramente con quella bocca e soprattutto con quel seno chissà quante seghe si faranno gli uomini.

Di quella affermazione sono rimasto sorpreso ma , anche , molto eccitato pensando che Carlo avrebbe voluto scoparsela e capisco che anche Grazia ha sentito le sue affermazioni e guardandoci ci sorride e sussurra un grazie molto sensuale.

Il giorno passa velocemente e Carlo continua a coprire di apprezzamenti Grazia che nel tardo pomeriggio Grazia ci dice che va a fare la doccia in cabina lasciandoci soli.

Appena lei si è allontanata Carlo mi dice che le piace molto Grazia e soprattutto spererebbe di poter vedere il suo seno perché lo eccita molto e in quell’istante mi fa notare che il cazzo si è rizzato solamente a parlare di lei e a stento riesce a non fuoriuscire dallo slip.

A sentire le sue parole, mi eccito anche io, ma cerco di non invogliare questo suo desiderio e tronco il discorso.

Finito la doccia, Grazia ci avverte che andrà a casa e anche noi la seguiamo con Carlo che non le stacca mai lo sguardo dalla sua persona.

Il martedì mattina, Grazia apre le finestre della nostra camera e vedo che guarda il giardino dei nostri vicini…non capisco come mai.

Mi alzo, vado accanto a lei e, con mio stupore vedo Carlo nudo in giardino che si masturba.
Grazia non stacca gli occhi dal suo cazzo e inizia a toccarsi le tette e si sofferma sui capezzoli.

Carlo si accorge che lo guardiamo, si gira verso di noi , ci sorride e dopo poco viene con moltissimi fiotti di sborra che cadono sull’erba.

Grazia è eccitata ma non vuole fare sesso; ci vestiamo e andiamo sul mare.

Carlo ci raggiunge nel pomeriggio e nessuno fa riferimento a quanto accaduto la mattina.

Quando Grazia va a fare la doccia vedo Carlo che si alza dal lettino, faccio finta di dormire, lui si gira e vedendomi assopito la segue.

Dopo poco vado anche io, trovo la cabina che non è chiusa a chiave, apro la porta e vedo Grazia tutta nuda in ginocchio con in bocca il cazzo di Carlo.

Mi guardano, Carlo dice che devo entrare; richiudo la porta e assisto a Grazia intenta a leccare le palle di Carlo e poi a passare la lingua sulla sua asta, gioca con il buco della cappella e poi mette tutto in bocca…due -tre pompate e Carlo non resiste e la riempie di sperma caldo che le cola dalla bocca e va a depositarsi sulle tettone .

Grazia passa con un dito le tette, raccoglie la sborra e la infila in bocca.
La scena mi ha eccitato molto ma ancora di più quando Grazia si alza e Carlo vede la fica non del tutto
depilata e le dice: Domani vorrei portarti a depilare tutta e assisterò mentre ti depilano, facendo finta di essere marito e moglie.

Carlo e Grazia mi guardano e capisco le intenzioni di lui.

Grazia mi guarda, vedo nei suoi occhi una bramosia per quella richiesta e aspetta la mia risposta.

Dico a loro che a me va bene e capendo le intenzioni di Carlo aggiungo che appena finito devono tornare così potrò assistere a tutto quello che lui vorrà fare a Grazia.

I due annuiscono, Carlo è entusiasta; sulla via del ritorno ci fermiamo dalla ragazza dove va sempre mia moglie a depilarsi per fissare l’appuntamento….. è alle 14,30 del giorno dopo.

Il giorno dopo alle 14,30 Grazia e Carlo sono da Anna l’estetista, una bella ragazza sui 30 anni, alta 170cm, capelli mori e occhi scuri.

Li accoglie nel suo studio con un camice bianco e quando Grazia le espone la richiesta di poter far assistere Carlo alla depilazione, lei si meraviglia un po’ (sapendo che non è suo marito) ma le risponde che non ci sono problemi, anzi per lui sarà una bella sorpresa vedere le posizioni della depilazione.

Chiude la porta dello studio e li fa accomodare in un box spazioso con un lettino diviso in tre parti; la parte centrale fissa e lo schienale e quello per le gambe removibili .

Anna prepara una sedia per Carlo e la piazza a fianco della sua; Grazia inizia a spogliarsi.

Toglie dapprima la maglietta, lasciando il reggiseno, poi i pantaloni e mostra sotto delle piccolissime mutandine di pizzo che dopo poco toglie sotto l’ordine di Anna.

Anna la fa sdraiare sul lettino con la spalliera tirata su, le si avvicina togliendole il reggiseno….le tette di Grazia hanno un sobbalzo.

Anna gira lo sguardo verso Carlo e gli dice che è meglio che Grazia sia tutta nuda tanto non proverà alcun tipo di vergogna ad essere vista dal marito facendo un bel sorriso c gli piacere il suo metodo di depilazione.

Lui è in silenzio ma, inizia ad eccitarsi e monta l’erezione del suo cazzo a vedere Grazia nuda sul lettino con le gambe leggermente aperte.

Anna si toglie il camice e rimane in perizoma e reggiseno; Carlo ha un sussulto.

Inizia la depilazione , prima il monte di venere lasciando un piccolo ciuffettino, dopo l’inguine e poi Anna dice a Grazia di alzare le gambe e metterle quasi al petto.

Appena Grazia obbedisce al suo ordine, Anna fa scendere la parte del lettino su cui poggiavano le gambe e Grazia rimane con la schiena alzata e le gambe al petto che le schiaccino le tette.

In quella posizione la fica è aperta del tutto ed in bella in mostra, Carlo inizia a toccarsi e Anna gli dice che si può spogliare e può mettersi di lato a fianco di una gamba per vedere meglio il suo trattamento.

L’uomo si spoglia e mostra un cazzo duro con la cappella rossa dalla eccitazione.

Anna inizia piano piano a toccare Grazia, prima la parte interna delle cosce , poi si infila un dito in bocca, lo inumidisce e penetra Grazia.

Grazia ansima, Carlo si prende il cazzo in mano e comincia a toccarsi, Anna non contenta alterna le dita alla lingua che si appoggia prima sulle labbra gonfie di Grazia e poi cerca il clitoride.

Mia moglie viene nella bocca di Anna che non contenta continua a sditalinarla e girandosi verso Carlo prende con l’altra mano il suo cazzo.

Masturba entrambi e Carlo entusiasta della situazione non regge e viene abbondantemente; gli schizzi finiscono , con maestria di Anna nel dirigere il cazzo, prima sulle tette e poi sulla fica aperta di Grazia che gode anche lei una seconda volta.

Finito di ripulire entrambi, non tralasciando di toccare le tette di Grazia, Anna li fa rivestire sperando che il servizio a loro riservato sia stato di buon livello.

Loro felici di quanto accaduto la ringraziano sorridendo.

Tornati a casa, vado ad aprire la porta e vedo negli occhi di Grazia una eccitazione che mi fa presagire che dall’estetista sia successo qualcosa.

Entrano, guardo Carlo e gli chiedo cosa vuole fare con Grazia.

Lui mi guarda e decide che devo preparare la doccia in depandance , collegata al resto della casa da un corridoio ed è composto da una camera con letto matrimoniale e un bagno con doccia.

Da bravo maritino eccitato, obbedisco…..apro la doccia aspetto che sia calda l’acqua e li chiamo.

Si presentano davanti a me già nudi ; arriva prima Grazia e subito dietro Carlo con il cazzo già ritto; in quel momento mi rendo conto delle dimensioni del suo uccello: 18 cm (circa) e una bella cappella grossa.

La doccia è spaziosa e non fanno fatica ad entrarci e stare comodi per le loro effusioni.

Entra prima Grazia, Carlo la segue e dopo che è entrato, gira mia moglie con le mani alla parete.

In quella posizione le appoggia il cazzo in mezzo alle chiappe; le mani cingono il corpo di lei e finiscono sulle tette, giocano con i capezzoli tirandoli e strizzandoli …poi una mano la fa scendere lungo la pancia e con delicatezza di insinua in mezzo alle gambe di lei.

Grazia si sente penetrata da un dito e per reazione manda indietro il culo, così facendo sente la cappella di Carlo che punta il suo buchetto…cerca di divaricare più possibile le gambe, sia per far entrare in fica due dita ma più che altro per cercare di far entrare il cazzo in culo senza che quella cappella possa farle male.

Lui la fa chinare ancora di più lungo la parete e piano piano con una mano dirige il cazzo vicino al buchetto, non la penetra ma fa scivolare il suo pene dentro la fica…Grazia mugola…sentire un cazzo le fa sempre piacere e la fa godere.

Grazia si piega ancora di più per sentirlo meglio tutto dentro, Carlo si aggrappa sempre di più alle tette di lei che ballonzolano molto sotto i colpi di lui.

La situazione mi eccita e inizio a spogliarmi…ho voglia di masturbarmi.

Appena mi sono spogliato sento Grazia e Carlo che lanciano un gemito di piacere…sono venuti entrambi contemporaneamente.

Carlo chiude l’acqua della doccia e uscendo estrae il cazzo dalla fica di Grazia…sono entrambi bagnati sia dall’acqua ma anche dal piacere.

Escono e Carlo vedendomi con il cazzo in tiro mi dice: Vuoi godere anche te?

Io annuisco e lui mi dice che con Grazia non ha finito anzi ha voglia di scoparla nella posizione che era dall’estetista.

Io non capisco, ma sto al gioco.

Carlo fa sdraiare Grazia sul letto, mette due cuscini sotto la schiena, le gambe penzoloni fuori dal letto.
Io mi eccito ancora di più a vedere mia moglie in quella posizione e ancora di più quando Carlo mi ordina di leccare la fica di Grazia….obbedisco.

Mi inginocchio , Grazia allarga le gambe e davanti alla sua fica aperta con il cazzo in tiro, mi avvicino , lecco il contorno delle labbra ed infilo la punta della lingua dentro…è già bagnata; non mi ci vuole molto a farla godere e anche io senza toccarmi esplodo e sborro in terra preso da quel momento così coinvolgente.

Carlo, appena ho sborrato, si avvicina al corpo di mia moglie con il cazzo ancora moscio.

Grazia capisce cosa vuole, si mette a sedere sul letto, lo prende in mano ed inizia una lenta sega per farlo diventare nuovamente duro…non solo sega ma alterna alla mano anche la bocca.

Bastano poche leccate per far fare in modo che Carlo fosse di nuovo pronto.

Lui le ordina di sdraiarsi sui cuscini, di prendersi le gambe e tirarle al petto, la visione che si prospetta è magnifica: Grazia con la fica allargata, depilata ed in attesa di un cazzo duro che la scopi.

Carlo prende in mano il cazzo bagna con la saliva la cappella, si avvicina al letto , con due dita allarga le labbra depilate della fica, si abbassa un pochino e infila tutto il cazzo dentro fino alle palle.

Grazia chiude gli occhi e geme…,Carlo comincia un lento dentro fuori.

Alterna il ritmo , passa il cazzo ogni tanto sul clitoride che diventa bello grosso, le labbra sono gonfie.

Le mani le appoggia sulle tette e Grazia cerca la posizione migliore per farsele toccare.

In quel momento Carlo dice di mettermi al fianco di lui per vedere il suo cazzo come scopa la fica di Grazia.

Avrei avuto voglia di mettere in bocca di lei il mio cazzo, ma vedendo Grazia che ansima e geme sotto i colpi di Carlo, ho deciso di assistere solamente.

Carlo ci sa fare, vedendo Grazia capisco che la fa godere molto ….urla , si morde le labbra, chiude gli occhi estasiati e stupendomi viene ancora una volta.

Carlo non resiste e anche lui non resiste….sta venendo ancora una volta e dal modo come pigia il suo cazzo dentro la fica capisco che vuole vuotare tutto lo sperma che aveva nei coglioni.

Estrae il cazzo, Grazia rimane nella posizione a gambe aperte tirate al petto….vedo dalla sua fica colare così tanta sborra che non avrei mai pensato che Carlo ne avesse così copiosa.

Grazia, lascia con una mano una gamba e raccoglie quella crema calda, che le cola dalla fica, la infila in bocca leccando avidamente.

Appena fatto, si alza e ripulisce con la lingua sia il cazzo di Carlo sia il mio.

Esausti da questa giornata lussuriosa ci facciamo una bella doccia e poi ci salutiamo.
Il fine settimana arriva anche la moglie di Carlo che appena scesa di macchina si meraviglia di trovarci tutti insieme in giardino a parlare.

Inconsapevolmente ci dice che in questa settimana dobbiamo aver fatto molta amicizia e inoltre ci chiede come mai non siamo abbronzati visto la bella stagione.

La risposta di suo marito è stata che io e Grazia abbiamo avuto bisogno del suo operato per risolvere delle questioni impreviste successe nella doccia.

Per scambiare opinioni e chat scrivere a:
email: pippo196767@yahoo.com

Skype: PippoPippo (live:pippo196767_1)

11
2

Lascia un commento

11
2