Leggi qui tutti i racconti erotici di: pippo196767

… entrano in casa e Grazia lo invita a seguirla.

Salgono le scale e la prima porta che trovano è la camera e ci entrano con Grazia che apre un armadio e prende dei pantaloncini e una maglietta per farglieli indossare.

Grazia dal solito armadio prende una camicia molto ampia e si reca in bagno per cambiarsi.

Giuseppe inizia a togliersi i vestiti bagnati e rimane nudo ma non avendo niente per asciugarsi, prova a guardare se ne trova uno nell’armadio.

Passano pochi secondi e (pensando che l’uomo non trovasse qualcosa con cui asciugarsi) si presenta in camera Grazia con in mano l’asciugamano.

Giuseppe ha un sussulto, inizia a coprirsi con le mani il cazzo che vedendo la donna inizia a non essere più moscio dal freddo della pioggia.

Grazia non si tira indietro, anzi si avvicina ed inizia ad asciugare Giuseppe.

Passa l’asciugamano, prima sulle spalle, poi sul torace; fa girare Giuseppe e continua l’opera con estrema delicatezza ed abbassandosi inizia a passare prima il culo (si rende conto che per l’età che ha l’uomo è ancora bello tonico), sulle gambe e piano piano gli prende la vita e lo gira.

Si presenta davanti a lei un uomo, titubante del trattamento che sta ricevendo, e con le mani che cercano di coprire il cazzo dall’imbarazzo; Grazia toglie le mani e davanti ai suoi occhi si manifesta un uccello che si è notevolmente indurito e due palle molto gonfie.

Eccitata gli chiede da quanto tempo non fa l’amore con una donna, lui con il viso rosso (un po’ dalla vergogna di quanto gli sta succedendo un po’ sorpreso della domanda), le risponde con una voce molto flebile che sono quasi tre anni che non riesce a fare l’amore con una donna.

Grazia, sorpresa dalla risposta, lascia cadere in terra l’asciugamano, accarezza le palle e passa la mano sul cazzo che , nel frattempo , ha evidenziato una cappella di notevoli dimensioni.

Giuseppe guarda Grazia inginocchiata, ha la camicia aperta e sotto non indossa niente.

Alla visione delle sue belle tette penzoloni il cazzo inizia ad avere i primi sussulti, Grazia se ne accorge e inizia con la lingua a passarla dalle palle fino alla estremità dell’asta.

Giuseppe è in estasi, sente la bocca umida di Grazia soffermarsi sulla capella e con la mano inizia una lenta masturbazione.

Grazia riesce a comprendere che Giuseppe non resisterà molto ed comincia un lento pompino, con le mani tocca le palle strizzandole un po’.

Giuseppe, con occhi chiusi dal piacere, prende la testa di lei ed inizia a spingerla sul cazzo così da ingoiarlo tutto e comandando il ritmo si prepara a venire.

Non tarda molto e i primi fiotti di sperma arrivano quasi subito….Giuseppe regge la testa di Grazia facendo in modo che non lasci fuoriuscire dalla bocca neanche una goccia di sborra calda….. a lei sembra quasi di soffocare.

La sborra era parecchia e Grazia non riesce a ingoiarla tutta e qualcosa finisce sulla camicia

Giuseppe sente le gambe che non lo sorreggono e esausto si abbandona sul letto; non riesce a muoversi e a parlare, non avrebbe mai pensato che succedesse questo.

Grazia si alza, si abbottona la camicia e uscendo di camera dice a Giuseppe che fra una ventina di minuti la pasta è pronta e che se vuole si può riposare qualche minuto sul letto, perché dopo lo aspettano altre sorprese.

Mentre Grazia scende le scale, eccitata per quanto successo, mette una mano fra le gambe e sente la fica bagnata; nella sua mente la giornata non è finita ….anche lei vuole godere …….

20
2
Autore Pubblicato il: 31 Agosto 2021Categorie: Racconti Cuckold, Racconti Erotici, Sensazioni, Tradimento0 Commenti

Lascia un commento

20
2