;

Sara in spiaggia

2 0

Erano le 3 del pomeriggio, caldo torrido ma me ne stavo beatamente sdraiata al sole sorseggiando una corona ghiacciata. 

Come sempre ero in topless, ormai una delle poche del lido, e col mio micro slip del costume bianco.

Mi ero già data la crema, sotto gli occhi curiosi del vicino di ombrellone, che senza farsi beccare dalla moglie aveva assistito all’operazione, senza togliere lo sguardo soprattutto mentre mi spalmavo la crema sul seno. 

——-

Tutti tirchi in questa spiaggia…. nessuno che vuole spendere…. almeno ci sono delle troiette in calore che mi fanno passare meglio la giornata….. chissà se anche oggi c’è quella che sta con le tette al vento….. 

Si eccola…..

Ciao bela…. vuole collana o bracciale… borsa? 

Tu vuole qualcosa? 

——-

Ciao! In realtà non mi serve niente, però hai delle belle catenine. 

Mi fai vedere qualcosa? 

Avevo deciso di farlo un po’ impazzire, così gli dissi di non stare lì in piedi ma di appoggiare le sue cose e di sedersi. 

Io mi misi seduta con le gambe a cavallo del lettino, e lo osservai mentre si sedeva e mi fissava le tette.. 

——-

Questa troietta vuole giocare con me….. e farò finta di stare al gioco…..

Guardala….. è tutta sudata ed ha anche le tette imperlate di sudore…..

Ecco guarda bella

Iniziò a stendere le varie catenine sul lettino in mezzo alle sue gambe… 

Tutte belle, per bella ragazza..

Mi metto nella sua stessa posizione,

In modo tale che il mio pacco sia in vista.

——

Le collanine sono brutte, ma sto al gioco. 

Ne prendo una e la indosso, mi cade fra le tette, mi inarco e gli chiedo come sto? 

Molto bene, mi dice. 

Ne provo altre 3, in modo che possa guardarle bene e a lungo. 

——

Questa ha voglia di cazzo….. 

L’ultima collanina le si attorciglia un po’… così con scusa di sistemarla sfioro appena le sue tette…. vederle così da vicino mi provoca un erezione, difficile da nascondere, visto le dimensioni…. 

C’è una che piace te? 

Le chiedo abbassando lo sguardo in mezzo alle sue gambe  

——

Mi ha sfiorato un capezzoli con una scusa..sono così duri.. 

E mi sto bagnando, temo se ne sia accorto perché mi guarda fra le gambe lo slip bianco. 

Si, queste é carina, gli rispondo. 

Poi osservo il suo materiale in terra e mi viene una idea per dargli il colpo finale.. 

Ma hai anche i tatuaggi all’henne?? 

——

Guarda guarda questa troietta come si sta sciogliendo…. ha macchiato quel suo mini costume… 

Quando mi chiede del tatuaggio mi viene un colpo….

Si, ma non qui…. dove vivo io ho…..

——

Ma li fai tu a casa tua? 

Mi piacerebbe un jeko se sei capace. 

Abiti lontano? 

——

Li faccio dove posso…. non è lontano…. io sa fare tutto….. 

Cerco di rimanere calmo mentre le parlo, ma so già che quando arriverà a casa….. 

il tatuaggio sarà l’ultima cose che le farò….

Se tu vuole segue me, torniamo tra poco

——

Va bene, tanto gli altri sono via oggi pomeriggio

Mi alzo e faccio per seguirlo..non ti vesti mi dice? 

Ma no, hai detto che é vicino.. 

——

Ha voglia di giocare…. bhe giocheremo…

Per me no problema… se va bene te… segui me…

Ci avviamo verso “casa” mia. È una baracca costruita nella pineta….. Più o meno pulita ed ordinata. Però è ricavata in un vecchio edificio abbandonato…

Ecco… me qui vive

——

Alla faccia della casa..una baracca

Cmq eravamo vicini alla spiaggia, ero tranquilla., anche se mezza nuda. 

Mi fai vedere I disegni dei tatuaggi? 

——

Gli mostro alcuni disegni….. avevo studiato disegni a casa mia.. so di essere bravo…. 

Me bravo a disegnare…. Tu dove vuole disegno? Me sa fa ovunque… quanti ne vuoi tu?

——

In effetti sembra bravo 

Magari ne facciamo 2, mi piacerebbe per iniziare quella bella fatina. 

Potremmo farla sulla spalla o su un braccio che ne pensi? 

——

Io direi sulla spalla… che dice tu?

Vado a prendere cose…..

Mentre sistemo le varie cose mi avvicino a te…. mi siedo dietro di te… ed appoggio il mio cazzo al tuo culo…. e lento inizio a disegnare

——

Il suo pennellino inizia a passare sulla mia pelle e mi mette i brividi, ho la pelle tesa e inizio a sentire caldo. 

Inoltre sento il suo pacco appoggiato al sedere, bollente… 

Stai ferma mi dice, ma non é facile. 

Viene bene? Chiedo 

——

Credo si, vuoi vedere tu?!? 

Mi sposto… sfiorando il suo corpo con il mio cazzo…. vado a prendere uno specchio e mettendomi davanti alla su faccia con il mio cazzo le metto lo specchio dietro…

Che dice tu? 

——

Non so se guardare il suo pantaloncini, sotto cui vedo la forma del suo cazzo mezzo duro.. Molto molto grosso e lungo.. O lo specchio. 

Li guardo entrambi e dico, favoloso! 

——

Cosa piace tu?! 

Tutto quello che vede?

Le dico sornione……. 

vuoi che completa me disegno? O vuole tu altro?   

——

Mi ha beccata a fissare il suo pacco

Si, finisci il disegno, rispondo. 

Torna dietro di me, ma quasi attaccato, ora lo sento pulsare. 

——

Sorrido e mi metto dietro di lei…. non può vedermi…. ma tirò fuori il cazzo dai pantaloncini…..

Lento mi alzo sfiorandole la schiena…

Finito me…..  Dove tu vuoi altro? 

Le dico standole dietro e sfiorandole la spalla con la cappella

——

Ha finito, non riuscivo più a stare ferma..finalmente. 

Mi suona il cellulare, é il mio compagno che passando dalla spiaggia mi ha chiesto dove sono. 

Devo tornate un attimo al mio ombrellone, ti scoccia prendere la roba e facciamo il secondo in spiaggia? Tanto lui torna al torneo, ma controllo che non ci freghino nulla. 

Gli chiedo e penso perché resta dietro di me.. 

——

Meglio qui stare….

Le dico 

Più tranquillo…. 

Non si è ancora accorta che sono con il cazzo di fuori…. lentamente mi sposto e mi porto davanti a lei…

Per altro disegno mi serve quello pennello

Dico afferrandomi il cazzo con la mano ed iniziando a fare su e giù 

——

Ma é nudo!! 

E ha un cazzo enorme..mai visto niente del genere. 

Io devo tornare x forza al mio ombrellone, se vieni la..poi trovo il modo di ringraziarti ok? 

E gli do un bacino sulla cappella, mi alzo e mi avvio alla spiaggia. 

Porta tutto eh!? 

——

La afferrò per un braccio d la tiro a me

Tu chiama ora tuo uomo.. di che vai a prende cose e poi torna qua…

Mentre parlo ti afferro per i capezzoli e li stringo con forza… 

Me nu può fare qua e là co donna bianca me poi problemi.. chiama… ora… me vuole sentire..

Dico senza mollarti i capezzoli 

——

Ok ok, lo chiamo.. 

Spiego al mio compagno del tatuaggio senza specificare troppo e che vado e torno qui, intanto lui mi prende entrambi i capezzoli e li tira forte..mi tremano le gambe e mi bagno fra le gambe in un modo impressionante.. 

Faccio in un attimo ok? Posso andare? 

——

Va tu… ma non mentire me… me sempre in spiaggia…

Torna qui e poi tu ha questo le dico dandole un ultima strizzale tette  

——

Esco e vado verso la spiaggia, sono sudata fradicia e tremo.. 

Arrivo e gli mostro il tatuaggio

Bello mi dice, non hai finito? 

No ne faccio 2..e penso al suo enorme cazzo nero. 

Vado, a dopo. 

E vedo il marito della coppia che mi sorride.. 

——

Mi faccio trovare nudo e con una semi erezione…

Me sapeva che tu torna…. Tu Bianca ha voglia di cazzo nero….. 

Le dico divertito….. 

Tu ora è mia troia… tu viene qua a succhia cazzo nero…. se tu riesce a prende tutto in bocca….. 

E le indico il cazzo 

——

È enorme, e vuole che glielo succhi.. Mi inginocchio, lo prendo in mano e provo.. La cappella scura é come una prugna, mi entra a malapena in bocca.. Lo sento ridere. 

Allora lo lecco, dalla base alla punta, e mi accorgo che saranno 25 o 30 cm.. Spero non vorrà scoparmi.. 

——

Succhia troia me detto…..

Ti effetto per i capelli ed inizio lento a spingertelo in bocca…. mentre con le dita inizio a stuzzicarti figa e culo…… 

Succhia bene troia… che poi me fa male quando entra…

——

Mi vuole scopare! Mi uccide, penso mentre mi spinge giù la testa..

Ha il cazzo coperto di saliva, lucido e duro come un bastone. 

Mi prende e mi fa sdraiare, mi strappa via lo slip e lo appoggia sulla figa, fradicia.. 

——

Pronta tu ora…. tu è già lago…. me sente già….. 

Entro lento fino in fondo……. fino a che non sento le palle contro il tuo culo…..

Mmmhhh mi piace la bianca, stretta tanto è…. 

Ed inizio a fare un lento dentro e fuori completamente….. inizio a morderti i capezzoli per poi sussurrati…..

Me dopo culo fa te….. 

Ed inizio a darti forti colpi fino in fondo

——

Lancio un urlo quando entra tutto, sento l’utero scoppiare, mi fa male.. Ma lui mi sbatte sempre più forte, più urlo più mi sbatte. 

Gli dico il culo no, mi rompi tutta.. Ma ride.. 

——

Culo si… ancora più stretto è…. 

Ti prendo e ti giro……  Ti ritrovi sopra di me….. inizio a mungere e succhiare le tue tette….. mentre inizio a sbatterti sempre più forte… 

Amo sentire bianca godere…. cola bene su mio cazzo che dopo il tuo culo prende

——

Mi scopa da sotto, ma fa meno male ora

Mi sollevo e inizio a cavalcarlo forte, lo sento in pancia ma inizio a godere con un orgasmo devastante, urlo fortissimo e mi accascio su di lui senza più forze

——

ora me pronto per tuo culo…..

Esco da sotto e mi metto dietro di te… ti afferro e ti alzo per i fianchi…… 

ora rilassa tu…. 

Punto la cappella sul tuo buco, entro e mi fermo di colpo….. Da dietro vedo la figura di un uomo che si tocca….

——

Sono nelle sue mani, non ho la forza di protestare.. Sento che lo appoggia al mio culetto inerme, ma si ferma e dice.. 

Abbiamo compagnia 

Guardo verso la porta e vedo il marito della spiaggia che ci guarda con il cazzo in mano. 

——

Viene qui tu… troia tu succhia lui… così meno male fa…. 

Il tizio si avvicina, è quasi in trance, inizii a succhiarlo, io mi porto dietro di te…. spingo ed entro fino alle palle…

Lento ma deciso 

——

Anche con un cazzo in bocca lancio un urlo, mi é entrato tutto nell’intestino, sento la pelle tirare e aprirsi, ne porterò i segni per giorni mi sa.. 

Inizia a incularmi come una macchina, non si ferma mai, mentre il vicino di ombrellone me lo mette in bocca e mi dice che lo voleva fare da giorni 

——

Usa lei come buco… quello è… Usa tette come vacca… 

Mi metto seduto e le metto la sua schiena contro il mio petto….. le spalanco le gambe….. 

Entra anche tu…. che noi poi insieme……  Dopo me fa altro disegno….. 

Ti sussurro in un orecchio…..  

——

Mi stanno scopando in 2,il culo é completamente rotto mentre l’altro mi chiava davanti sudando e strizzando le mie tette martoriate ormai. 

Li sento al limite, sento le loro cappelle pulsare e mentre vengo fra i loro cazzi li sento venire dentro di me. 

——

Tu va… che noi abbiamo ancora da fare….. 

Dico al vicino di ombrellone….. 

Prendendoti come un sacco di patate…. ti infilo nuovamente il cazzò in bocca…. 

Tu succhia ora mentre me fa disegno….. 

Senti iniziare a disegnare sulla tua chiappa. 

——

Nn capisco più cosa succede.. So solo che ho di nuovo il suo cazzo in bocca mezzo duro mentre disegna qualcosa 

Colo sborra fra le gambe, sarà meglio che il mio compagno non sia in spiaggia quando arriverò. 

——

Inizio a disegnare una farfalla che vola via… 

Forse questo più bello di altro… 

Ora però succhia che voglio venire….. poi domani tu dice me cosa ha detto tuo uomo 

——

Gli torna duro.. E vuole un pompino.. Racimolo le ultime forze finché non riesco a farlo godere, ma all’ultimo si stacca dalla mia bocca, mi tiene per i capelli e mi inonda il viso. 

——

Così tu è perfetta….. se tu vuole me te lava…. 

Ti dico con un ghigno tenendoti per i capelli  

——

Hai la doccia? Non posso tornare così

——

Si me ha…… 

Ti porto in bagno…. 

prima tu fa altra…

Ti metto in ginocchio nella doccia ed inizio a pisciarti addosso…. 

Ora tu perfetta…. 

——

Non ho potuto fare nulla, mi ha pisciato addosso.. E ora mi ha lasciata in doccia sotto il getto di acqua ghiacciata.. 

——

Noi vede domani in spiaggia

——

Suona come una minaccia.. 

Prendo lo slip ma é strappato, così esco nuda attraverso la pineta, sotto lo sguardo incredulo di chi mi incrocia. 

Arrivata alla spiaggia lo metto e lo tengo su alla meglio con una mano e arrivo al mio ombrellone. 

Il mio compagno non c’è, ci sono i vicini, lei mi guarda e mi chiede se sto bene.. Si é scucito passaggiando le dico.. Lui sorride.. 

Mi metto su lettino e dormo beatamente. 

——

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.