;

Nuovi orizzonti: voyeur alternativo

180 2

Racconto

Sono il lui di coppia e scrivo questo racconto per condividere e ricordare una delle esperienze più eccitanti della mia vita, partendo però dagli inizi del nostro approccio a questo mondo fantastico.

Siamo una coppia trentenne, siamo fidanzati da 3 anni, la nostra è stata fin da subito una relazione a distanza iniziata alla fine di ottobre. Entrambi abbiamo avuto esperienze da single, entrambi non siamo dei santi.

Io ho avuto esperienze come bull di coppia, ho chiacchierato tanto con i lui cuckold, ho ascoltato tanti pensieri della gente , ma ho comunque sempre avuto il mio, ho sempre seguito la mia indole.

Valentina ( il nome della mia fidanzata ) è una ragazza molto perspicace, provocante o impostata in base alla necessità, alta circa 170cm, con seno taglia terza e gambe molto allenate a seguito dei suoi continui anni di allenamento con la danza, che all’epoca dei fatti ancora praticava.

Da subito ho espresso a lei le mie idee, la mia propensione allo scambio di coppia, alla coppia aperta, all’esibizionismo, e lei dal canto suo ha sempre condiviso questi pensieri anche se in questo mondo non vi era ancora entrata. 

Il nostro rapporto era basato, soprattutto durante il primo anno, su videochiamate erotiche, masturbazioni telefoniche, ed accettabile sincerità. I nostri incontri al

Punto di vista  sessuale sono stati da sempre molto spinti, ma limitati a quei pochi giorni nei quali eravamo insieme, e quando non eravamo insieme, i nostri pensieri diventavano perversi sempre più. Arrivò l’estate e andammo in vacanza in una località pugliese, lascio immaginare la voglia di trasgressione che usciva da ogni poro della nostra pelle, io non vedevo l’ora di vederla provocante dinanzi a tanti sconosciuti,  i pensieri e i discorsi principali oltre l’esibizionismo erano portati a un terzo incomodo o a un’altra coppia, io ero super propositivo, Valentina invece accettava ma non si sentiva mai sicura ( riguardo a terze persone con cui giocare ). La vacanza la trascorremmo da soli ma con una piccola perversione che stagnava nei pensieri, ovvero l’esibizionismo, in quei 7 giorni, non ci fu giorno nel quale Valentina indossò un misero perizoma, tutte le giornate dedicate al turismo , dal mattino alla sera, salvo le mattinate in spiaggia, erano circondate da eccitazione, tutto il tempo era stato dedicato a foto osé dove Valentina mostrava orgogliosa la parte più preziosa del suo corpo allargando dolcemente e ampiamente le gambe, facendo in modo che anche altri , oltre me, furtivamente potessero provare eccitazione nel vedere quello spettacolo pazzesco. Quella è stata un po’ la vacanza della svolta. In seguito siamo tornati alle nostre vite eccitanti ma monotone, ma qualcosa era cambiato, Valentina aveva iniziato a non indossare intimo anche da sola anche in situazioni comuni, e in me quotidianamente c’era un’immensa voglia di lei. Fu così che iniziai a proporle spudoratamente di provocare qualcuno, di incontrare qualcuno, di far sì che succedesse qualcosa con qualcuno, ovvio, il desiderio era il sesso ma mi sarebbe bastato anche un bacio o una provocazione fatta bene. 

Il successivo capodanno causa lavoro non abbiamo avuto la possibilità di stare insieme, quella notte è stata per me sublime nonostante le difficoltà. Valentina si preparava per uscire e mi videochiamò chiedendomi consigli sull’abbigliamento, i nostri pensieri erano molto perversi in quel periodo, io spinsi per un abbigliamento molto sexy contornato dall’assenza di intimo, lei non fece obiezione e alla fine indossò un vestito viola mezzo trasparente  dal quale in condizioni normali era più che visibile il perizoma, l’obiettivo era nasconderlo sotto al cappotto fino all’arrivo alla festa, per poi proseguire  la serata come nulla fosse con i rischi di esser notata ,alti ,seppur limitati dalla poca luce. Tra gli amici c’era anche un suo ex, o meglio un ragazzo con cui lei aveva avuto un lungo rapporto di scopamicizia ma mai trasformato in una vera relazione.

Durante la serata mi scrisse molti messaggi per aggiornarmi, più volte scrisse di sentirsi un po’ a disagio ma quasi sicura che nessuno se ne fosse accorto tra amici e amiche perlomeno.

Era notte , quasi le 3, Valentina non mi scriveva da oltre un ora, mi provò a chiamare ma io non badai al telefono, così mi scrisse un messaggio dove esponeva il suo stato di ubriachezza completato dal pensiero che più di qualcuno avesse notato il suo fondoschiena nudo, da quel messaggio il suo telefono fu riposto in borsa. Alle 5 del mattino mi arrivò un’altra telefonata, era lei, era notevolmente ubriaca, cercava di dirmi qualcosa ma si capiva pochissimo, temporeggiai finché lei uscii fuori e finalmente ascoltai le prime eccitanti situazioni di quella notte lunghissima. Mi spiegò che aveva flirtato con sconosciuti, ballato con amici , baciato una sua amica (cosa comune quando alza il gomito) e che mentre era al bancone del bar ad aspettare per un cocktail qualcuno le aveva ripetutamente palpato il sedere e che in pista era successo lo stesso, in quel momento non mi diede molti dettagli in più. Nei giorni seguenti respiravo aria felice, avevo il pensiero costantemente dedicato a lei, soprattutto quando pochi giorni dopo mi confessò di essersi masturbata immaginandosi alla festa in mezzo a più ragazzi che giocavano con lei. 

Avevamo scoperto il piacere che provocavano queste situazioni e non volevamo smettere, le mie richieste si trasformarono, iniziarono a diventare più focalizzate, Valentina non riusciva a lasciarsi andare con altri, diceva sempre che non c’era la situazione è che non voleva farlo con gli amici. Io ero moto logorroico a volte, proponevo di tutto, incontri tramite app, creare situazioni, vestire sexy, lei mi raccontava tutto, era sempre eccitante, era bello sentirle dire che parlava di sesso con gli amici o con ragazzi conosciuti da poco ma sempre si limitava anche se c’era feeling con qualcuno, perché non se la sentiva. 

In questo stesso periodo una sera, le feci una proposta, lei aveva ordinato una pizza  e io logorroicamente proposi lei di ricevere il ragazzo in abbigliamento sexy. Mentre noi discutevamo lui arrivò, e lei in fretta e furia andò ad aprire , subito dopo era pentita, lui era un bel ragazzo e lei avrebbe voluto provocarlo. Questo nuovo gioco diventò subito molto piacevole, al punto che successivamente quando si creò di nuovo la situazione, la mia ragazza accolse il fortunato fattorino, mentre indossava un babydoll nero, senza reggiseno e con il perizoma, mi raccontò il tutto subito dopo, mi disse che era un ragazzo giovane, che l’aveva guardata in modo focoso e che si era sentita super desiderata. 

Durante questo periodo Valentina era spesso con un vicino di casa e suo fratello, mi diceva sempre che non era interessata al vicino con cui parlava sempre , bensì al fratello più piccolo. Entrambi vivevano in una casa divisa. Passavano molte sere a chiacchierare , io ogni volta speravo inutilmente, Valentina mi spiegava che in tutti i modi provava a provocare il vicino più piccolo ma lui sembrava non capire, cioè lui si vantava delle sue doti ma non faceva mai il passo. 

Questo lo posso definire un periodo diverso da quello già vissuto composto dai suoi racconti, questo era il periodo del voyeur alternativo, ovvero io ero anche se non presente, partecipe. Un dettaglio mancante è che la mia amata viveva da sola in un piccolo bilocale, al piano terra di un palazzo di corte, ovvero con tutti gli ingressi interni al cortile, intorno al giardino. 

In questo periodo quando capitava che era a casa per cena, facevo sempre le stesse proposte di ordinare un pasto o una pizza e provocare il fattorino , o comunque qualsiasi occasione era buona, le iniziai a chiedere di rendermi partecipe, di posizionare lo smartphone in modo tale che io potessi assistere a quel che succedeva. Nelle nostre videochiamate facevamo prove con i vestiti, quali erano più sexy, quali si sollevavano di più, sceglievamo quale abbigliamento avrebbe utilizzato, parlavamo di quel che avrebbe fatto, ovvero come si sarebbe spostata e piegata, e ipotizzavamo anche se fosse successo qualcosa, ma quest’ultima era una fantasia quasi irrealizzabile.

Fece una terza volta questo gioco ma il maledetto telefono cadde e mi ritrovai solo ad ascoltare, li sentii parlare e ringraziare e poi dovetti accontentarmi del racconto di Valentina che esponeva come avesse dato modo al fattorino di guardare tra le sue preziose gambe. La mia eccitazione in questo caso si scontrò con la delusione di non aver visto, Valentina mentre cenava mi diceva che era eccitatissima e avrebbe voluto avere rapporti con chiunque per quanto era eccitata, a tratti i suoi pensieri cadevano su uomini maturi che vedeva passare dalla sua abitazione, ma restavano pensieri.

Il tempo passava, era inizio maggio, Valentina parlando con i due fratelli si era ritrovata ad invitarli a cena, i miei pensieri erano da una perversi, ovvero sesso con tutti, i suoi invece si bloccavano, mi spiegava chiaramente che con il fratello grande non avrebbe mai voluto. 

Quel giorno ordinò la cena e io super logorroico le proponevo di provocare il fattorino e poi stare senza intimo con i vicini, lei era stata pensierosa inizialmente, poi aveva deciso di accontentarmi, organizzammo la provocazione che sarebbe avvenuta solo se fosse stata sola, di fronte ai vicini non l’avrebbe fatto. Eravamo pronti, lei indossava un vestito elasticizzato che poteva tirar su senza problemi, tacchi 12 e tanta voglia. Arrivò per fortuna il fattorino prima dei vicini, Valentina subito posizionò il telefono lasciandomi vedere tutto, e io mentre lei andava alla porta d’ingresso ripetetti più volte “ alza di più alza di più, tutto fuori quando ti pieghi”. 

Arriva alla porta il fattorino, lei apre, aveva già il vestito sollevato al punto che quasi mezzo culo era fuori, il fattorino era un ragazzo sui 25 anni circa, forse meno, bassino e molto allenato. Dalla mia prospettiva vedevo la porta d’ingresso e la cucina a lato. Valentina prende sull’uscio della porta, due buste con i cibi, si volta e va nell’altra stanza dove c’era il soggiorno/camera da letto, a lasciare le buste e vedo il ragazzo oramai rimasto solo nell’inquadratura, sporgersi per guardarla. Valentina torna, chiede se c’è altro, Il ragazzo risponde negativamente e lei dice lui di aspettare per la mancia,si volta verso la telecamera dando un’occhiata verso me e si piega a 90 sparendo dall’inquadratura, vidi il ragazzo con la bocca aperta e sorridente che ammirava lo spettacolo che gli veniva offerto. Valentina torna verso lui, che nel frattempo era entrato in casa e aveva poggiato la borsa termica sul mobile della cucina/ingresso. Dall’inquadratura non vedevo bene perché il ragazzo era entrato e quindi non riuscivo a vedere il vestito di Valentina, vedo Il suo busto, di spalle che maneggia il portafoglio a poco più di un metro dal ragazzo e mentre gli da la mancia le monete cadono a terra, li la vidi piegarsi sulle ginocchia, con le gambe un po’ aperte verso l’altra stanza, il sedere sembrava essere fuori , il ragazzo fece un movimento furtivo abbassandosi un po’ cercando di vedere di più , io per assurdo non connettevo sulle parole ma solo sui movimenti, avevo il cuore che batteva forte. Valentina si rialza e gli ridà la mancia, lo saluta, e lui resta un momento imbambolato. Quando lui si sveglia e va via, Valentina va alla porta e si affaccia leggermente, per poi chiuderla, li la vedo, con il vestito totalmente sollevato sul sedere quindi anche frontalmente, una scena stupenda, sublime. 

Prese di nuovo il telefono ed era eccitatissima, mi disse subito che era stato stupendo  per lei, che anche lei aveva il cuore che batteva forte ed era chiaramente rossa in viso. Ci stavamo scambiando le emozioni, Valentina era sul divano letto che mi stava mostrando l’eccitazione che aveva provato senza minimamente toccarsi, aveva manifestato il proprio piacere in quanto il ragazzo era molto carino, mi stava dicendo che con lui avrebbe fatto il pensierino quando suona ancora il citofono, lei va a rispondere e mi dice che era di nuovo lui, aveva dimenticato la borsa termica, Valentina mi chiese cosa avrebbe dovuto fare, furono pochi ma intensi secondi, dissi “provocalo provocalo provocalo”, suonarono alla porta, lei lasciò il telefono in camera ma con inquadratura verso la cucina, molto ma molto limitata era la mia visuale. Vidi che andò ad aprire la porta, aveva tenuto il vestito alto sopra il sedere in modo molto molto provocante, sento lontane delle voci poi vedo Valentina indietreggiare e quindi entrare nell’inquadratura, rideva e mi parve di sentire che dicesse qualcosa tipo anche tu, io vedevo a questo punto solo lei con le sue parti intime in bella mostra avanti al fattorino, poi apparve il fattorino, da questa prospettiva vidi quanto realmente era alto, arrivava più o meno con la fronte alle labbra di Lei, lo vidi cercare il bacio, mentre con le mani cercava di toccare il sedere, Valentina invece era immobile a questo punto poggiata sull’angolo della porta, vidi per la prima volta in vita mia, la mia ragazza che stava baciando un completo sconosciuto che gli aveva portato la cena, anche questi furono secondi magici, si diedero baci aggressivi con la lingua e il ragazzo appena aveva iniziato a baciarla aveva infilato le dita tra le gambe iniziando una velocissima masturbazione, fu una scena incredibile, vidi Valentina di spalle al cornicione della porta con le gambe un po’ divaricate che respirava affannata  mentre il ragazzo cercava velocemente di masturbarla. In quel momento si stavano guardando, mentre lui deciso la masturbava e avevano smesso di baciarsi. La scena é durata circa 40 secondi, quando vidi Valentina spingere via il ragazzo e cercare di ricomporsi nascondendosi in soggiorno, disse al fattorino di andar via e con il viso eccitato e spaventato mi fece segno di no con la testa e poi chiuse la telefonata. 

Io tremavo come poche volte era successo in vita mia,restai in attesa di un suo messaggio, di una sua chiamata, ero pensieroso, non capivo cosa fosse successo, finché dopo 20 minuti mi scrisse che mi avrebbe chiamato in seguito  perché era con i due vicini.

A fine serata finalmente riuscii a parlarci, capendo finalmente cosa era successo, in pratica il fattorino quando era tornato aveva iniziato a fare complimenti a Valentina e viceversa lei a lui, il ragazzo dopo queste parole ha chiesto se fosse stato possibile entrare in quel momento, e nel dirlo aveva fatto un passo in avanti lasciando però la porta socchiusa,  Valentina aveva risposto che in quel momento aspettava ospiti ma lui si era fatto coraggio e si era avvicinato tanto che lei si è sentita presa lasciandosi poi andare a quello spettacolo al quale avevo assistito, il problema non fu il fattorino, bensì il vicino più grande, che mentre Valentina si esibiva, lui aveva bussato alla porta e si era affacciato, vedendo la parte finale della scena ovvero il fattorino solo e Valentina che si abbassava il vestito, anche uno scemo avrebbe capito cosa stava succedendo. Valentina si difese per quanto possibile e banale, ma in compenso non fu detta parola avanti al fratello piccolo, evitando ulteriori imbarazzi, e nel corso della serata Valentina aveva riindossato un perizoma perché si sentiva troppo osservata dal vicino più grande. 

Mi sembra giusto spendere due parole per questo vicino di casa, bravissimo ragazzo, più grande di noi, molto educato e docile, che ha avuto davvero grande rispetto per la mia fidanzata nonostante quel che ha visto…

Precisamente due settimane dopo Valentina e il vicino più piccolo decisero  di andare a cena fuori, il grande lavorava quella sera. 

Come facile immaginare io speravo in quel fatidico vero tradimento, questa era,dopo le situazioni anticipate , l’occasione giusta, lei attratta da lui, sarebbero tornati insieme a casa, Valentina vestita super sexy e poi chissà magari il fratello grande aveva  confidato al piccolo quel che aveva visto e quindi era diventata una questione di principio. Valentina indossava una minigonna di jeans a mezza coscia, stivali alti,calze auto reggenti alte, non portava intimo ovviamente, e  sopra aveva un maglione oltre al giubbottino. Durante la cena mi scrisse molto e mi mandò anche selfie con lui, (mi spiegava che lei ha sempre detto loro che io non sono geloso perché mi fido, ovviamente la realtà è inimmaginabile). Parlavano  di discorsi basati sul sesso, ma nessun riferimento a quella serata pazza di due settimane prima. Escono dal pub e mentre rientrano Valentina mi tranquillizza spiegandomi che probabilmente non sarebbe successo nulla , in tutto ciò io non ero uscito sperando e strasperando di ricevere quel così tanto atteso tradimento o se meglio si vuol chiamare, momento di eccitazione del gioco di coppia.

Passarono 25 minuti dal suo ultimo messaggio dove mi aveva detto che stava rientrando , mentre io ero a letto a fantasticare, ma con davvero speranze nulle, quando ricevetti da lei una videochiamata improvvisa , il primo pensiero fu: ora mi fa vedere che sta scopando; il secondo a catena fu: è a casa e non è successo nulla.

Si avvia la connessione, Valentina è sul divano letto della casa si riprende in viso, mi dice più volte “amore amore amore”, il viso era elettrizzato non capivo, chiesi cosa fosse successo e mi rispose sono a casa e mostrò con la fotocamera posteriore i mobili, ( dentro me ero rassegnato) tornò sulla fotocamera anteriore, la vidi in viso e poi scese con l’inquadratura mostrando prima i seni nudi e poi le calze e le scarpe senza la minigonna, rialzò l’inquadratura e mi disse guardando nello schermo che stava aspettando il suo vicino, che era andato a prendere i preservativi dalla casa e in me in quel momento era scoppiato un incendio, il cuore aveva iniziato a battere all impazzata e a malapena riuscivo a capire cosa diceva. Mi disse che si erano baciati, che avevano avuto un rapporto orale a vicenda e che si erano fermati per mancanza di preservativi.

Nel bombardamento di emozioni che era in atto nella mia testa, iniziai a implorarla di posizionare il telefono, Valentina era indecisa e si guardava attorno, poi bussano alla porta e lei mi fece segni mimici come a dire stai zitto, e io le dissi in un attimo di farmi almeno ascoltare e d’improvviso lo schermo diventò nero, momenti di tentennamento rabbioso e confuso invadevano il mio corpo finché sentii la porta chiudersi, fu lì che posizionai gli auricolari  alle orecchie,misi la videochiamata impostata su muto da parte mia e mi lasciai immergere nella situazione.

Sentii inzialmente rumori, mezze risate, non capivo bene cosa si dicessero, poi silenzio, leggeri mugolii da parte di Valentina, poi ancora silenzio. Una risata interruppe quel vuoto, sentii rumori,(provo a scriverli ma mi è difficile) sembrava un effetto di sottovuoto,come il verso che si fa con la lingua sul palato , era continuo, il ragazzo ansimava e disse a Valentina: “sei bravissima, siiii”. Usò un tono delicato, questo continuo rumorino continuò per alcuni minuti finché dopo che smise sentii dei movimenti e poi ancora silenzio dal quale pochissimi secondi dopo arrivarono i mugolii della mia dolce metà, a tratti sentivo il respiro di lui e l’ansimare di lei. 

Io ero nel letto, tremante, stavo ascoltando in diretta la mia ragazza durante il rapporto sessuale con il suo vicino di casa, li sentivo baciarsi , sentivo ansimare e sentivo dentro me un emozione indescrivibile. 

Erano passati circa 20 minuti dall’inizio della telefonata e almeno 15 da quando avevano iniziato con i rapporti orali e il sesso. Iniziarono a sentirsi dei colpi, sentivo chiaramente il rumore dei corpi che sbattevano e immaginavo la posizione del missionario con la testa rivolta verso il telefono, i colpi continuarono diversi minuti da parte del prestante ragazzo, poi rallentarono fino a fermarsi, ancora movimenti, ancora respiri pesanti e poi di nuovo, direttamente a fondo, direttamente forte. Ascoltai il rapporto che in quel momento era molto deciso, sentivo i forti colpi e sentivo la mia Valentina che mentre ansimava si lasciava andare a parole e frasi piene di eccitazione e che come lei ha poi confermato erano dette al fine di farmi eccitare di più, le sue parole furono, per quanto io possa rimembrare, “ si sì si, ti prego continua , ti prego , mi piace mi piace , forte forte” e lui che ci dava dentro e così immaginai che si stavano esibendo in una fantastica pecorina. Tra me e me pensavo a quanto il ragazzo fosse sorprendente, furono forse dieci minuti intensi, aggressivi , goduriosi, e arrivò il momento della stanchezza , lui rallento , lei continuava a mugolare anche senza altri rumori, piena di eccitazione e trasgressione. Ancora movimenti, il ragazzo chiese come avrebbe dovuto mettersi e sentii Valentina dire : “qui,così” , e via…, ricominciarono, ancora come prima,aggressivi al massimo, Valentina respirava  affannata accompagnando l’affanno alla lettera a, mentre il ragazzo non si sentiva e il rumore principale era il sesso, i colpi forti, i corpi che sbattono. Anche questa non finiva e non finiva, quando tra colpi, mugolii e respiri affannati sentii Valentina con tono di voce alto quasi urlare: “ si sì si  ah ah ahhhhhh ahhhh ahhh , allungato in modo esagerato, e poi ancora colpi, più lenti e accompagnati da un rumore come uno squiccio costante. Erano oramai 40 minuti buoni che avevano iniziato a far sesso, i colpi erano stati estremamente forti, tutto era eccitante. I rumori diminuirono, rimasero dei sospiri pesanti e affannati seguiti da, sicuramente, vogliosi baci. 

Valentina disse d’esser stanca, che le gambe le tremavano, li capii che ci aveva dato dentro in quella che è la sua posizione, la donna a cavalcioni ma con i piedi sul letto mentre si impegna nell’esercizio dello squash. Sentii altri leggeri rumori, il ragazzo che disse “oh Dio“ più volte e poi non capii il resto, ancora sentii dei passi e d’improvviso lo schermo del telefono s’illuminò, riapparve l’immagine, c’era Valentina che con il dito sulle labbra mi faceva segno di star zitto, scrisse allo stesso tempo un messaggio, dove chiedeva se avessi sentito, io annuii, avevo lo sguardo euforico, felice. L’immagine gira e mostra lei, senza scarpe, con addosso solo le calze, un primo piano alla meraviglia della natura che tra le gambe e poi risale verso il viso, chiedo se lui avesse sborrato e la risposta è negativa, ma mi mostrò il letto con una chiazza enorme. Scrissi solo “squirt?”, la risposta fu: “tanto”.

La mi dolce metà aveva squirtato mentre era a cavalcioni su di lui bagnandolo completamente e poi continuando per poco a infilare e uscire il suo membro inzuppato dalla meraviglia.

Ancora un rumore proveniente dal bagno e lo schermo del telefono tornò nero, sentivo il ragazzo che ripeteva “mamma mia”, sembrava per certi versi scioccato dalla situazione o forse dallo squirt. Ancora baci, parole a bassa voce, movimenti. Io non avevo più sensibilità, sembravo immobilizzato nel letto, facevo davvero fatica a muovermi, sembrava che avessi corso tre maratone. 

Ero così perso a immaginare quei piccoli rumori che non mi resi conto che stavano parlando, non capii praticamente nulla, so solo che quando cercai di ascoltare anziché perdermi, sentii silenzio accompagnato da mugolii, questa volta i colpi sembravano più delicati , sentivo di nuovo Valentina ansimare vicino al telefono,ma non durò molto , poco dopo si fermano, sentii lui dire qualcosa e Valentina rispondere:

 “si vai…..(silenzio)… ahh.. ahhh… ahhh… ( iniziarono i colpi, in progressione sempre più forti e veloci)… si sì si ( con sospiri a ogni parola ) .. si sì così si bravooo bravoooo ( i colpi erano ora costanti) mi stai inculando, mi stai inculandoo… era quello che volevi eh … continua siiii…” 

Stavo godendo come non mai . Non so quanto tempo durò, so che per me era infinto, so che la mia fidanzata lo incitava dicendogli con toni medio alti che la stava inculando, che era bravo e che godeva, il tutto fortemente ascoltato da me e come immaginavo  Valentina era a pecora con il viso vicino al telefono. Era un momento di puro sesso violento, lui mentre dava i colpi veloci e forti respirava affannato e buttava fuori delle lettere come uuuu uuu fino a dire  improvvisamente che sta per venire, lo ripetette anche lui con tono medio alto, ancora movimenti ma senza sesso e lui che mugolava durante l’orgasmo. 

Sapevo che era venuto, sapevo che era finito,  avevo vissuto qualcosa di incredibilmente eccitante, ero venuto due volte e avevo continuato a masturbarmi come nulla fosse successo.

Come in precedenza ascoltai i passi e rumori vari, di nuovo lo schermo si illumina, l’immagine riprende il viso di Valentina con una goccia di sperma tra labbra e mento , mi sorride e si morde il labbro, il ragazzo la chiama e lei ( me l’ha confermato dopo) involontariamente chiude la videochiamata.

Mi richiama dieci minuti dopo, quando lui è andato via, parliamo di quel che ha fatto , era eccitata in modo incredibile , non aveva fatto altro che pensare a me durante tutto il rapporto, aveva fatto di tutto per farmi felice e farmi godere, aveva  ingoiato solo parte dello  sperma, l’altro era nel preservativo e sul letto, inoltre aveva allargato le chiappe mentre era a pecora per fargli capire dove lo voleva esser poggiato, nell’ano, aveva fatto di tutto per me. 

Dopo esserci raccontati in parte le emozioni vissute riguardo al rapporto, le chiesi quale fosse stata la reazione del ragazzo alla scoperta dell’intimo mancante, la risposta è stata che appena toccata, l’ha spinta sul divano e allargato le gambe per fiondarvisi in mezzo con la bocca. 

É stato l’inizio della nostra vita perversa che continuerà per molto molto tempo, e sarò qui a raccontare…

Certe esperienze sono molto forti soprattutto per chi le ha vissute, spero possa esser stato letto con piacere 

Questo è l’inizio della mia storia da VOYEUR ALTERNATIVO

2 commenti

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.