Leggi qui tutti i racconti erotici di: NuovoMenestrello

Ricordo come fosse ieri il giorno in cui i miei genitori mi regalarono il motorino. Avevo 19 anni e perdevo il mio tempo fingendo di studiare all’università. I miei mi ripetevano sempre che me l’avrebbero regalato solo se mi fossi impegnato di più nello studio, se fossi diventato come mia sorella che a 25 anni già lavorava come infermiera. Eppure nonostante i risultati non arrivavano i miei me lo regalavano comunque, in fondo nel paesino dove vivevo era impossibile farne a meno.

La storia che voglio raccontarvi inizia quando una mattina scendo per andare all’università e, sul bivio che porta sulla strada principale, una macchina mi colpisce in pieno. Non ricordo benissimo cosa mi successe, in parte persi i sensi e in parte il ricordo è confuso. L’unica cosa che so è che mi facevano male tutte le ossa del corpo.
Essendo maggiorenne nell’ambulanza mi chiesero se volevo che avvisassero qualcuno. Feci cenno di no con la testa perché non riuscivo a parlare. Loro insistetterò ma il mio secondo no fu deciso quanto doloroso. Che stupido, a pensarci ora. Avevo paura di cosa i miei avrebbero detto, ma in realtà era chiaro che prima o poi l’avrebbero scoperto. Nella fattispecie molto poi, visto che ero uscito di casa molto presto quella mattina e i miei sapevano che sarei tornato solo a notte fatta visto che, in teoria, dovevo andare anche a giocare a calcetto.

Mi portarono in ospedale. Capii subito che era lo stesso dove mia sorella lavorava come infermiera. Mi ingessarono le braccia e le gambe. Dovettero fasciarmi con forza anche il busto. Il naso era rotto e quindi anche il volto era completamente fasciato. La mascella mi faceva malissimo e mi avevano messo un collare. Ero completamente impossibilitato a parlare e completamente irriconoscibile, eppure mi avevano messo un campanello in mano per chiamare aiuto se avessi avuto bisogno di qualcosa.

Ero lì, in una camera d’ospedale, solo e in balia del destino. Come l’avrebbero presa i miei? Che mi avrebbero detto? In quel momento poco importava anche perché sentivo l’impellente bisogno di fare pipì. Schiacciai il pulsantino del campanello e qualcuno subito accorse. Ovviamente il destino si diverte a rendere le situazioni più assurde possibili e si presentò in stanza mia sorella Laura. Aveva un il camice bianco addosso e, sotto, non si riusciva ad intravedere nulla. Lei era una bella ragazza, alta, bionda e con un seno abbondante. Si avvicinò senza riconoscermi.
– Bisogno di aiuto?
Mugugnai qualcosa, cercando di dirle “Laura! Sono io!”, ma i mugugni non erano comprensibili e mi causavano solo dolore. A quel punto mi arresi e puntai lo sguardo verso il pappagallo poggiato sul comodino.
– Ah si certo, non c’è problema
Disse Laura e chiuse la porta della stanza. Con calma mi scoprì il bacino e afferrò con due dita il mio pene moscio per indirizzarlo verso il pappagallo. Il tocco di mia sorella mi fece scorrere un brivido lungo la schiena. Per un attimo perse la presa e sentii le sue dita far scorrere la pelle lungo l’asta moscia, scappellando leggermente la punta. Non disse nulla, non commentò. Si piegò verso di me per indirizzare al meglio il pappagallo e mi sorrise. Da quell’angolazione vedevo il suo seno, grande e quasi strabordante dal reggiseno che indossava. Chiaramente aveva piegato il pene verso il basso, in modo che finisse tra le mie gambe per intenderci. Lentamente finalmente riuscii a fare pipì. Cercavo di concentrarmi su qualsiasi altra cosa, ma il mio pensiero non faceva che correre sul facco che Laura stesse maneggiando il mio pene rivolgendo le sue enormi tette alla mai vista, ignorando chi fossi in realtà. La reazione naturale e ovvia fu un’erezione.

– Non si preoccupi – si affrettò a precisare vedendo la reazione – è perfettamente naturale.
Non ebbe nemmeno il tempo di dirlo che l’erezione si accentuò e la presa del mio cazzo sfuggì dalle sue mani. Per un breve istante il mio pene si impennò e il fiotto di urina zampillò verso l’alto bagnandole il volto e i seni e, in parte, ricadendo sul mio bacino.
– Sono mortificata! – si apprestò a dire indirizzando nuovamente il pene verso il pappagallo con difficoltà. Così duro era difficile da indirizzare tra le mie gambe e quella pressione verso l’alto non faceva che aumentare l’eccitazione.
Appena ebbi finito portò il pappagallo in bagno e tornò con una pezzuola umida. Il suo intento era chiaramente quello di ripulirmi. Iniziò a strofinare prima il bacino, quindi l’asta del pene. Lo afferrò alla base tra le dita e iniziò a tamponare la punta. Sotto la pelle si nascondevano ancora delle goccioline, così, con un sorriso imbarazzato, scoperchiò la cappella per tamponare meglio l’urina. Nuovamente le sfuggì di mano, questa volta complice anche il fatto che risultasse bagnato. Per non lasciarselo scappare lo afferrò prontamente a mano piena alla base, scoprendo totalmente la cappella che ora era rossa e gonfia, pronta ad esplodere. Cercando di riparare al danno tirò su la pelle con la mano, accennando praticamente e senza farlo di proposito l’inizio di una sega.

– Sono realmente mortificata – disse col tono di chi si rendeva conto di fare un errore dopo l’altro.
L’odore pungente dell’urina riempiva la stanza. Tirai su col naso un paio di volte, annusando quell’odore. Laura dovette prenderla come una critica e si guardò addosso.
– E’ colpa mia, ho il camice sporco
Detto ciò andò in bagno e, dalla porta socchiusa, intravidi che se lo stava togliendo. Sotto aveva una gonna a tubino nera che le finiva poco sopra le ginocchia e un reggiseno bianco. Nient’altro.
Mugugnai qualcosa, sperando che capisse che fossi io e quella follia si interrompesse. Laura dovette credere che avevo ancora bisogno di lei e quindi corse indietro, nonostante fosse mezza nuda. Non disse nulla, notò che il pene era ancora durissimo.
– Ora la pulisco per bene e poi la lascio in pace… Mi scusi…
Tornò in bagno e prese una spugna e una bacinella. Iniziò a strusciare i testicoli con la pugna, quindi un po’ più in giù, fin quasi al buchino del mio ano. Quel contatto così strano non faceva altro che aumentare la mia eccitazione. Quindi prese a strusciare la spugna bagnata sull’asta. Teneva fermo il pene mantenendolo alla base e strusciava la spugna intorno alla cappella scoperta, sopra e sotto, salendo e scendendo. Sentivo qualcosa di molto simile ad una sega. Per un istante cercai di non guardare, ma poi aprii gli occhi e la mia attenzione si focalizzò sul suo seno, ancora imperlato di alcune gocce. Guardai Laura farmi qualcosa di molto simile ad una sega, con attenzione e precisione. Stuzzicava la corona della cappella, poi il buchino sopra. Sembrava che quella cosa eccitasse anche lei. Era lentamente diventata paonazza e i suoi capezzoli risaltano perfino dal reggiseno. Quando emisi un mugugno di piacere lei non perse altro tempo, senza una parola o una spiegazione lasciò perdere la spugnetta e iniziò a farmi letteralmente una sega.
Una mano reggeva i coglioni e li massaggiava mentre l’altra saliva e scendeva lungo l’asta umida, ruotando con esperienza indice e pollice intorno alla corona della cappella, stuzzicandola. Ormai quello che era fatto era fatto, così aprì la bocca e iniziò a leccarmi il cazzo. Leccava lungo tutta l’asta, dal basso verso l’alto, ruotando il polso per far trovare alla lingua il giusto passaggio. Erano però ancora movimenti lenti, come se tutto fosse solo e appena iniziato.

Lentamente lasciò il mio pene e si alzò la gonna a tubino fino alle anche. La mano destra si insinuò in mezzo alle gambe che ora erano leggermente divaricate ed iniziò a masturbarsi. Poi con la sinistra afferrò di nuovo il mio cazzo e se lo infilò in bocca, iniziando a succhiare la cappella.
Più aumentava la sua eccitazione e più il ritmo del pompino aumentava. Io ero completamente immobilizzato, completamente in balia della sua bocca e delle sue mani. All’improvviso smise di masturbarsi e mi poso le dita della sua mano sulle labbra, perché io le leccassi. Istintivamente, colto dal piacere, tirai fuori la lingua e leccai quelle dita. Il sapore della sua figa mi riempì la bocca. Dopo avergliele succhiate e leccate, Laura tornò a masturbarsi. Faceva movimenti circolari sul clitoride mentre l’altra mano scendeva e saliva lungo l’asta insalivata del mio cazzo. Succhiava con piacere, aumentando sempre di più il ritmo. Improvvisamente ebbi la sensazione che non avrei potuto durare ancora molto.
Non avevo modo di avvisarla del mio orgasmo imminente, immobilizzato e incapace di esprimermi, quindi mi limitai a venirle in bocca, riempendola del mio seme che copioso fiottò dal mio cazzo. Non se l’aspettava, infatti ebbe un breve sussulto, tuttavia più sentiva il mio cazzo schizzare più accelerava i movimenti delle sue dita sul clitoride. Praticamente mentre il mio ultimo schizzo riempiva la sua bocca la sentii gemere di piacere. Quando finalmente fu venuta, alzò la testa dal mio cazzo e ingoiò tutto lo sperma che le avevo riversato in bocca. Una esclamazione liberatorio segnalò che aveva ingoiato proprio tutto. Quindi si rivestì.

Appena pochi attimi dopo entrò un medico con in mano una cartella. Inizialmente mi disse alcune cose riguardo al mio stato di salute, poi aggiunse:
– Sono costretto ad insistere ancora. Vuole che chiami il suo numero di emergenza? Così i suoi genitori potranno venire qui e sapere che sta bene.
Ormai peggio di così non poteva andare. Sconfitto annuii.
– Ah bene, finalmente… E’ la cosa giusta da fare. – detto ciò porse un bigliettino a Laura e le disse – chiama i genitori di questo ragazzo per cortesia…
Mentre il medico usciva Laura leggeva quel bigliettino. Il suo volto diventò paonazzo mentre riconosceva il numero e il nome dei nostri genitori. Mi guardò, guardò il bigliettino e, senza una parola, uscì fuori dalla stanza.

19
3

Lascia un commento

19
3