Leggi qui tutti i racconti erotici di: Alexhole

Abito con mia madre, mio padre dopo l’ennesimo tradimento è andato via di casa. Mia madre lo sanno tutti che si fa scopare da tanti io mi sento insicura perché mi vergogno un po’ a farmi vedere in giro.
Amo la musica e mi sono comprata una chitarra qualche mese fa, l’ho acquistata nel negozio di musica di Luca, lui è un ragazzo di quaranta anni, malato di musica e con una grande cultura musicale, ama raccontare aneddoti sul rock e delle curiosità della musica e io mi fermo spesso nei pomeriggi, rompendogli magari le scatole ma a volte aiutandolo a spostare oggetti nel negozio.
Mi ha proposto di esercitarmi nel magazzino del suo negozio dicendo “se vuoi strimpellare qualcosa, visto che a casa ti rompono vieni pure a me fai compagnia e potrei darti qualche dritta” proseguendo con una espressione timida “La mia ragazza mi farebbe una scenata se mi sentisse dirti che puoi stare qua con me in negozio”
Io rispondo “Sii….! una ragazza cosi’ bella come lei, gelosa di me, figuriamoci” aggiungo poi mentre gli occhi mi si bagnano “Non mi prendere in giro, lo so che non ti piaccio fisicamente e che io al massimo ti vado bene per spostarti delle scatole.Io Luca vengo qua perché non penso a nient’altro che a te”

Lui mi guarda e mi dice “Mi piaci e tanto, voglio farel’amore con te”.
Chiude il negozio , abbassa le luci e viene verso di me, mi bacia le labbra le guance e il collo, le gambe mi tremano.
Ho una tuta addosso, lui infila le mani sotto la felpa e mi sgancia il reggiseno con una mano in una frazione di secondo, poi mi stringe a se è facendomi sentire il pacco sulla mia pancina. Mi abbassa i pantaloni e io mi ritrovo in mutande, mi solleva e mi siede sul pianoforte togliendomi pantaloni tuta e scarpe.Mii accarezza le gambe e inizia a baciarle, mi sento le mutande bagnate appiccicate alla passera, Luca risale e me la annusa con un fare animalesco dandole un bacio appassionato sopra le slip. Lui si spoglia e ha il cazzo duro dritto e tra un po’ vorrà entrare dentro di me.
Io sono vergine, non voglio perdere la verginità oggi. Scendo dal pianoforte gli chiedo di sdraiarsi per terra, apro la cerniera della tuta e gli faccio vedere le tette, vado su di lui lo bacio e comincio a sbocchinare. Il cazzo è abbastanza sottile ma lungo, lui vuole mettermelo in figa ma io non voglio, ho 20 anni sono vergine e alleno il mio buchetto del culo da tempo godendo e immaginando un cazzo dentro.
Glielo ungo strofinando la passerà sulla sua cappella, mi insalivo un dito è me lo metto nel culo.
Mi posiziono e iniziò a farlo entrare in culo mentre Luca è esterrefatto. In un paio di minuti lo prendo tutto dentro risalgo e ridiscendo con i piedi piantati a terra e le mani sul petto…alla terza o quarta discesa sento 4-5 fiotti nell’intestino e lui che si scuote per il suo orgasmo.
Cazzo e’ già venuto… Io allora mentre lui è sdraiato gli metto la figa davanti alla bocca perché voglio godere, lui è durato niente. Mi sditalino, lui lecca e io gli squirto in faccia il mio piacere.

3
2

Lascia un commento

3
2