Skip to main content

Una moglie pudica scopre la sua sessualità.

Gianni guardava fuori dalla finestra della sala da pranzo Stefania sposata cinque anni prima che prendeva il sole indossando un bikini molto pudico il quale faticava a malapena a nascondere il suo fantastico corpo. Lui conosceva ogni centimetro di lei e gli piaceva tutto a cominciare dal suo bel viso con quei grandi occhi ed i lunghi capelli castano scuro che sono la causa dell’attirare la sua attenzione quando si conobbero.
Gianni ha lasciato che i suoi occhi scivolassero lungo il suo corpo soffermandosi sulle straordinarie curve delle tette perfettamente formate. Avanti la guardò vicino agli addominali e verso il basso ha osservato con attenzione la le leggera protuberanza del pube facendosi venire l’acquolina in bocca al pensiero che ci fosse anche la striscia morbida di peli che aspettava la sua lingua. Il suo sguardo è proseguito lungo le sue incredibili gambe lunghe che hanno contribuito in modo sorprendente alla sua altezza di 1.78 centimetri, altezza fuori dal comune per una ragazza di una famiglia le cui altezze non superavano il metro e settanta.
Stefania era magnifica. Gianni sapeva di avere una moglie perfetta. Se lei non fosse mai cambiata, lui sarebbe stato felice per il resto della sua vita. Sapeva che Stefania non aveva ancora esplorato molti lati della sua sessualità e lui desiderava che lei le scoprisse.
Quando Stefania si lasciava andare in camera da letto era chiarissimo che a lei piaceva il sesso. Il problema era farle perdere le remore e lasciare che la sua sessualità si scatenasse. Talvolta lei era così repressa che era ridicola. Era così timida e così pudica che era un ostacolo essere la persona che sapeva che poteva sessualmente essere.
Gianni aveva provato molte cose durante i cinque anni del loro matrimonio nel tentativo di aprirla con poco o nessun successo ma non si era arreso e spesso pensava come riuscirci. Nel corso del tempo aveva pensato a qualcosa il cui obiettivo era quello di convincere sua moglie a lasciare andare i suoi modi pudici e dare sfogo la sua sessualità repressa. Si era reso conto che era un’operazione delicata che poteva fallire in un istante. Infatti Stefania avrebbe potuto decidere di andarsene e mettere fine a tutto ciò che lui aveva organizzato e sognato di fare. Fortunatamente ha trovato un buon aiuto in una coincidenza di situazioni.

Era metà giugno e come ogni anno era tempo della visita annuale della sorella maggiore di Gianni, Lucia che aveva trent’anni contro i ventotto di Gianni. La visita annuale delle vacanze era l’unica volta in cui i fratelli potevano riunirsi durante l’anno. I due erano tutto ciò che rimaneva della loro famiglia originale ed erano molto legati fra loro. Era una festa sacrosanta e nulla rimandare o annullare quella occasione.
In quei giorni dell’anno l’incontro non si sarebbe potuto fare e Stefania guardava attonita suo marito e lui riusciva a malapena a guardare sua moglie “Non ho scelta. Questa volta o mi promuoveranno oppure mi licenzieranno. Non ho scelta. Devo essere qui per trattare con alcuni degli azionisti. Non riesco a concentrarmi ed allora penso che sia meglio che tu vada per prima da mia sorella. Sarà dispiaciutissima e si offenderà se nessuno di noi si presenterà a casa sua. Ho bisogno, spero, di qualche giorno al massimo per trattare con quelle persone. Una volta che avrò finito, prenderò l’aereo e ti raggiungerò. Quando sarò lì con te avremo ancora cinque giorni per stare insieme. Pensi che potrai andare da Lucia?
Stefania sembrava a disagio e Gianni sapeva il perché. Lucia era molto aperta sul sesso e questo intimidiva sua moglie ma lui ha cercato di rassicurarla “Sai che a Lucia piaci moltissimo. Penso che così voi due abbiate un po’ di tempo da passare da sole e potrebbe essere un bene per entrambe. In fin dei conti non hai mai avuto la possibilità di trascorrere un po’ di tempo da sola con lei”
Gianni ha visto sul viso della moglie che la proposta poteva essere accettata e che lei ci stava pensando su pensando che in alla fin fine l’idea non era da scartare poiché sapeva quanto fosse importante quella vacanza per lui e non voleva deluderlo. Il minimo che lei poteva fare era quello che lui le chiedeva. Con una dose di tristezza e di malumore Stefania ha accettato di andare da Lucia prima di suo marito.
La mattina seguente Gianni ha lasciato Stefania in aeroporto, l’ha baciata, l’ha trattenne per un momento prima di separarsi dicendo “So che Lucia a volte può essere un po’ troppo contraria la tuo carattere, ma per favore dalle una possibilità. Invece di bloccarla, per favore pensa e rifletti a ciò dice. Apri un po’ la tua mente. Voglio che tu sia il più felice possibile e penso che Lucia possa aiutarti in questo. Se rende felice, se ti eccita allora non chiuderti, lasciati andare. Giuro che sarò felice per te e non ti giudicherò se lo farai. Ti voglio bene”
Stefania ha sollevato un sopracciglio ” penso che dovremmo parlarne. Qualunque cosa tu abbia pensato che io possa fare ne parleremo, ma in questo momento ho un aereo da prendere. Anch’io ti amo e ci vediamo tra due giorni”
Stefania è entrata in area sterile dell’aeroporto e poche ore dopo era al ritiro bagagli in arrivo nell’aeroporto di arrivo. La sua testa sembrava una girella in cerca di Lucia e subito l’ha vista. Anche Lucia l’aveva individuata e si era fatta strada tra la folla. Appena si sono trovate vicine Lucia ha stretto Stefania in un abbraccio che sembrava molto intimo poiché Lucia ha spinto una gamba tra quelle di Stefania fino a quando la parte superiore della coscia di Lucia è andata a contatto contro il cavallo della cognata. In altre situazioni e con altre persone, Stefania si sarebbe tirata indietro ma quel giorno le parole di suo marito le sono risuonate nell’orecchio. Lei si era accorta che Lucia stava iniziando a rompere le sue remore. Lei ha permesso a Lucia di abbracciarla strettamente ed anche lei l’ha anche abbracciata ricambiando quell’abbraccio e si è sentita imbarazzata nel rendersi conto che l’essere abbracciata da una donna in quel modo le dava sensazioni che la facevano stare abbastanza bene.
Poi con il suo trolley ha seguito Lucia fuori dall’aeroporto fino alla sua auto.
Durante i trenta minuti di viaggio per arrivare a casa Lucia ha parlato velocemente raccontando tante cose tra cui del divertimento che avrebbero avuto nella nuova piscina e di come avrebbero passato a lungo la serata nella vasca idromassaggio bevendo qualcosa. Stefania l’ha ascoltata snobbandola un po’, lei continuava a pensare a ciò che Gianni le aveva detto e al nervosismo per essere sola con la cognata. Stefania aveva promesso a sé stessa che non avrebbe permesso a Lucia di farle fare qualcosa di stravagante.
Le due donne erano appena entrati in casa quando il marito di Lucia, Roberto le ha messo un bicchiere con un cocktail in mano. Durante la settimana successiva Stefania avrebbe scoperto che raramente avrebbe avuto entrambe le mani libere poiché ci sarebbe stato sempre un drink da bere. Quel cocktail è stato l’inizio di un percorso di ebbrezza quasi costante durante quella settimana.
Vista la quantità di drink che le venivano offerti, Stefania ha deciso di limitare il suo bere ma ha fallito miseramente perché le bevande erano troppo gustose e si è ritrovata a godersi immensamente il piacevole stordimento dovuto all’alcol a cui lei non era abituata. Però è riuscita a capire che, quando beveva qualche drink, era molto più facile sopportare la giocosità di Lucia.
Il fratello di Roberto, Biagio, è comparso soltanto per salutarla e lei ha capito che era il fratello, non perché le fosse stato detto, ma per la somiglianza. Ora che vedeva Biagio, si è resa conto che entrambi i fratelli erano belli e molto in forma. Era qualcosa che lei non aveva notato fino a quando non li ha visti per la prima volta in costume da bagno per altro piuttosto stretti. Inoltre, non ha potuto fare a meno di notare i rigonfiamenti sostanziali che entrambi gli uomini sfoggiavano.
Stefania è diventata rossa per l’imbarazzo ma i suoi occhi continuavano ad attirare gli sguardi.
Se Gianni era piuttosto ben dotato, il rigonfiamento di Biagio era ancora più grande, ma la sua valutazione poteva essere anche non corretta poiché lei era tutt’altro che un’esperta. Lei aveva visto solo un altro cazzo eretto prima di incontrare Gianni e la vista, anche se sotto un tessuto teso, di un sesso era naturalmente una novità che la incuriosiva.
Lucia l’ha accompagnata nella stanza che aveva riservato a lei e Gianni. Il letto king size sembrava invitante per la stanca Stefania, ma Lucia aveva altre idee.
“Cambiati in bikini e andiamo a nuotare!”
Stefania ha poggiato la valigia sul letto e l’ha aperta, ci ha frugato dentro per alcuni minuti, poi ha alzato lo sguardo confusa dicendosi “È strano. Nessuno dei costumi da bagno è in valigia, eppure sono sicura di averli messi in una busta e messi dentro” si è quindi immagino di dover andare a fare shopping per comprarne di nuovi ed ha detto a voce alta a Lucia che per quella sera non avrebbe potuto entrare in acqua nella piscina.
Lucia ha fatto un cenno con la mano “Sciocchezze. Tu ed io abbiamo quasi le stesse misure. Sì, sei un po’ più grande nella zona tette, ma dovresti essere in grado di indossare uno dei miei bikini senza problemi. Aspetta qui, torno subito”
Lucia è volata fuori dalla stanza e in pochi istanti è tornata dando a Stefania un bikini bianco che lei ha guardato con diffidenza. Non era un micro bikini ma era molto più piccolo di quello che Stefania avrebbe pensato di indossare, tuttavia, non si sentiva troppo imbarazzata nell’indossarlo dal momento che non si sarebbe mostrata in pubblico.
Il bikini lo ha provato davanti a Lucia che si è subito complimentata con lei per quanto fosse bella. Stefania era contenta di essersi depilata tra le gambe ed anche dietro tra i glutei, lo aveva fatto proprio quel giorno di mattina presto, inoltre era molto contenta del modo in cui la parte superiore delle sue tette le si era gonfiata a causa dell’esiguità del reggiseno però, muovendosi, si è sentita abbastanza sicura che non fuori uscissero anche se erano molto esposte agli sguardi.
Dopo un’ora e diversi cocktail, Stefania ha mangiato un hamburger appena cotto sulla griglia, non metteva niente nello stomaco da quando aveva fatto colazione e sperava che l’hamburger avrebbe compensato l’effetto dell’alcol. Però aveva fatto male i conti perché non aveva contato il fatto che Roberto si assicurasse che avesse sempre qualcosa da bere. Comunque dopo un po’ ha smesso di preoccuparsi ed ha perduto il conto dei cocktail bevuti, di certo aveva superato il suo limite normale. A quel punto Stefania ha anche dimenticato tutte le preoccupazioni circa il bikini bianco. Lì sul bordo piscina rideva e si divertiva.
Quando è sceso il buio completo, Lucia ha acceso delle torce intorno alla vasca idromassaggio ed ha spento le luci elettriche, si è avvicinata a Stefania e le ha preso la mano dicendole “Dai! Entriamo nella vasca idromassaggio”
Stefania ha pensato che Lucia avesse avuto un’idea meravigliosa. Si è anche detta che i getti nella vasca idromassaggio si sarebbero sentiti bene sulla pelle ormai stanca.
Per godersi maggiormente l’effetto rilassante dell’idromassaggio è entrata nell’acqua e si è seduta nell’angolo più lontano poggiando le spalle sul muro che proteggeva dalla vista dell’abitazione vicina.
Lucia è entrata alla sinistra di Stefania, seguita da Roberto. Biagio è entrò sistemandosi accanto a Stefania.
La giovane donna si è resa conto che era circondata dal muro accanto a lei e dalle persone dentro la vasca e non sarebbe stato agevole uscirne, l’unica via d’uscita dalla vasca era consentita solo se qualcuno ne fosse uscito.
Stefania ha messo le braccia sul bordo della vasca ed ha inclinato la testa all’indietro per guardare le stelle, i getti nella vasca stavano facendo il loro effetto ed cominciato a rilassarsi maggiormente. I suoi pensieri sono andati a Gianni che non poteva godersi la serata con lei che desiderava davvero che lui fosse lì perché si stava arrapando.
Quando Lucia ha aggiustato i getti, Stefania ha sentito che le bolle cominciavano a colpirle con delicatezza il cavallo e, nonostante si dimenasse un po’, questo sembrava solo peggiorare le cose ma a suo vantaggio in realtà tutto si stava rivelando una bella cosa.
Poiché lei si stava eccitando, ha pensato che non molto dopo sarebbe andata nella sua stanza per iniziare una delle sue rare notti in cui si masturbava, cosa che, per la sua morale, raramente si permetteva di fare.
Per uscire dalla vasca doveva aspettare che qualcuno si fosse spostato o ne fosse uscito ma ciò non avveniva perché erano in vasca da poco e lei non voleva disturbare nessuno.
Accanto a lei, Lucia e Roberto stavano sussurrando e ridacchiando ed il rumore della vasca le impediva di sentire ciò che si dicevano. Pochi minuti dopo Roberto ha iniziato a baciare sua moglie e Stefania ha pensato che fossero parole tenere ed affettuose fino a quando le loro lingue non si sono impegnate. Stefania si sentiva a disagio a guardarli, eppure continuava a guardarli con la coda dell’occhio non riuscendo a staccare gli occhi da loro due uniti in quel bacio che nella sua mente era attraente e lussurioso allo stesso tempo. Lei aveva notato che le braccia che lei avrebbe messo attorno al collo o di uno o dell’altra, non si vedevano, erano impegnate sott’acqua. Infatti Roberto e Lucia sommerse e Stefania vedeva che si muovevano ma non capiva cosa stessero facendo.
Quando le mani di Roberto sono emerse dall’acqua ed hanno stretto le tette di sua moglie da sopra la parte superiore del bikini, Stefania è rimasta un po’ scioccata e continuava a guardare di nascosto i due per cercare di carpire le loro usanze sessuali.
“Non dovrei stare a guardarli” ha pensato ma lo spettacolo, che i suoi occhi vedevano, era piuttosto eccitante. Lacerata dal desiderio di osservarli più da vicino oppure andare via, Stefania è rimasta lì seduta congelata mentre suo cognato continuava a palpare manifestamente sua moglie, lei si è quasi alzata quando Roberto ha tirato su il reggiseno di Lucia esponendo le sue tette. La sua bocca cadde sul suo seno sinistro e cominciò a succhiarle e leccarle il capezzolo. Stefania si morse il labbro, poi si rese conto che anche Biagio era nella vasca e si stava la vista incredibile delle tette della moglie di suo fratello ma ha proseguito a restare seduto tranquillamente sorseggiando il suo drink e guardare la scena erotica.
Stefania era in forte imbarazzo e non sapeva cosa fare per ciò che stava succedendo. Una parte di lei le diceva di uscire dalla vasca e di andare nella sua stanza, l’altra parte, che per l’educazione ricevuta e per sue convinzioni, ascoltava raramente, le diceva di restare a guardare. Era incantata non avendo mai assistito ad effusioni talmente erotiche che l’hanno affascinata, lei era lì nell’acqua, inebetita ed insensibile tanto che non ha visto la mano di Lucia scivolare e girare il comando del getto.
Dopo quella manovra le bolle che sbattevano contro il suo cavallo hanno aumentato sia la pressione sia la frequenza e di conseguenza si è trovata a dover subire un aumento sempre maggiore della sua eccitazione e, per resistere ed anche godersi quelle sensazioni, Stefania ha inclinato la testa all’indietro tendendo il collo esponendolo a chi l’avesse voluta leccare o baciare. Nonostante tutto le è mai venuto in mente di smettere di guardare anche se sembrava, in alcuni istanti, guardasse con la coda dell’occhio ma quasi sempre osservava direttamente quella coppia che metteva sempre più intensità nel loro gioco amoroso. Infatti ha visto Roberto far scorrere le mani sul corpo di Lucia fino a quando non Stefania le ha perdute di vista poiché sott’acqua.
Lucia ha emesso un forte urlo e ha riso per il piacere e la felicità mentre suo marito la tirava fuori dall’acqua e la faceva sedere sul bordo della vasca idromassaggio spingendola indietro fino a quando non si è sdraiata sul bordo della vasca e lui le ha aperto le gambe divaricandole.
Stefania è rimasta sbalordita nel vedere che Lucia non aveva più lo slip del bikini. La sua gamba destra quasi toccava Stefania anche se era piegata al ginocchio. Roberto era posizionato proprio di fronte alla cognata e non c’era modo che lei potesse uscire dalla vasca idromassaggio senza interrompere l’amplesso della coppia.
Per Stefania quel tipo di spettacolo era al di fuori della sua esperienza sessuale e mentale e ciò la spaventava ma anche la lacerava. Si è resa conto che era molto eccitata e, per essere onesta con se stessa, si stava godendo lo spettacolo tuttavia ha deciso di andare via anche se doveva interrompere le effusioni dei due amanti. Però si chiedeva come fare, quale scusa dire, come giustificare l’abbandono della vasca idromassaggio ed anche lo spettacolo che i due avevano messo in scena. Quando stava per aprire bocca perché aveva trovato il coraggio di parlare, Roberto si è messo tra le gambe di Lucia ed cominciato a leccare la figa della moglie.
Per la posizione in cui si trovava Lucia, Stefania aveva una visione diretta tra le gambe di sua cognata e poteva vedere tutto chiaramente, le è stato istintivo guardare la lingua di Roberto che accarezzava la figa depilata di sua moglie.
Stefania non poteva non essere estasiata di ciò che stava avvenendo.
Lei non aveva mai visto nulla di simile ed era estremamente curiosa. Ha continuato a guardare per diversi minuti mentre Lucia diventava sempre più loquace e lei sempre più immobile ed incantata a guardare. All’improvviso Stefania si è ricordata che si era riproposta di uscire dalla vasca ed allontanarsi per dare un po’ di privacy a suoi cognati ed anche a lei che aveva una forte voglia di sgrillettarsi. Non aveva alcun interesse a guardare un atto così intimo pertanto, ferma nella sua decisione, ha cominciato a muoversi quando improvvisamente Lucia, vedendo il disagio della cognata, ha allungato la mano ed ha afferrato tenendola stretta una mano di Stefania mentre raggiungeva l’orgasmo spruzzando sul viso di suo marito.
Per Stefania il tocco è stato così intimo, così eccitante, che è sprofondata di nuovo nella vasca, ha fissato le loro mani che si stringevano, poi ha guardato il volto felice e soddisfatto di Lucia ed infine le loro mani. Le bolle contro il suo cavallo continuavano a costruire e rinsaldare la sua eccitazione.
Lucia è scivolata di nuovo nella vasca ed ha trascinato suo marito allacciata in un bacio appassionato.
Stefania ha capito che la scena erotica era finita ed ha provato un brivido di delusione ma era consapevole che non avrebbe mai dimenticato ciò che aveva visto.
Ora era ansiosa di raggiungere la sua stanza e già pensava che sicuramente si sarebbe masturbata senza stabilire quando e non le importava più quanto fosse brutto fare una cosa del genere.
Lucia però non aveva ancora lasciato andare la sua mano, la tratteneva e Stefania non aveva intenzione di staccarsi da lei.
Lucia sorrise a suo marito Roberto e Stefania l’ha vista strizzargli l’occhio. Solo allora Lucia ha lasciato andare la mano di Stefania, si è sporta in avanti ed ha messo le mani sotto l’acqua, ha mosso le braccia si mossero per diversi secondi e, quando le ha rialzate, aveva in mano i costumi da bagno suo e di suo marito. Roberto le ha sorriso “Pensi che non mi alzerò?”
Lucia ha ridacchiò dando un bacio a Roberto e maliziosamente gli ha detto con tono di sfida “So che non lo farai!”
Invece Roberto ha si è fatto coraggio e si è alzato facendo spalancare la bocca di Stefania la quale non riusciva a staccare gli occhi dall’erezione che si era improvvisamente trovata molto vicina al suo viso e di cui non ha potuto fare a meno di paragonarla a quella di suo marito Gianni nonostante fosse molto contenta del grosso cazzo di cui lui era dotato. Roberto sembrava avere il cazzo un po’più lungo ed anche altrettanto grosso.
Stefania si è trovata a muovere inconsapevolmente la mano destra sott’acqua contro la sua volontà facendo scorrere le dita su e giù per il cavallo coperto dal tessuto del bikini, tanto meno avrebbe ammesso quanto era eccitata.
Ora il pensiero di lasciare la vasca idromassaggio aveva completamente abbandonato la sua mente, non era una priorità.
Stefania ha guardato affascinata Lucia che avvolgeva la mano intorno al cazzo di suo marito e lo avvicinava alla sua bocca.
Stefania ha emesso un gemito involontario mentre Lucia avvolgeva le labbra intorno al cazzo di Roberto e gradualmente lo ha fatto scomparire tra le labbra e poi dentro la sua bocca inserendone quello che poteva ed ha subito cominciato a pompare lentamente quel cazzo.
Stefania non aveva mai visto nulla di così eccitante.
Le bolle e le dita la spingevano vicino all’acme.
Quando era ormai quasi troppo tardi si è resa improvvisamente conto che non voleva che gli altri vedessero il suo orgasmo ma in quegli istanti è caduto l’ulta resistenza delle sue remore diventando rumorosa emettendo suoni ben chiari di goduria quando ha raggiunto l’orgasmo e l’ultima cosa che desiderava era che la sentissero.
In altre occasioni lei sarebbe morta per l’imbarazzo invece ha costretto le sue dita a smettere di muoversi appena in tempo.
Lucia ha continuato a succhiare e pompare il cazzo di suo marito Roberto fino a quando il corpo del cognato si è irrigidito e Stefania ha visto Lucia aprire la bocca e ricevere tre spruzzi di sborra sulla lingua, quando l’ultimo spruzzo ha colpito la lingua, lucia ha chiuso la bocca intorno al glande e lo ha succhiato delicatamente.
Stefania l’ha vista ingoiare e poi lasciò andare il cazzo del suo uomo che è crollato di nuovo sul suo sedile all’interno della vasca idromassaggio.
Stefania non ce la faceva più, ava necessità urgente di raggiungere la privacy della sua stanza e si è alzata bruscamente ed è leggermente scivolata quasi cadendo “Sono davvero stanca e devo andare a letto!” e con un passo ha scavalcato il bordo vasca e si è allontanata a piedi andando in camera sua senza badare al percorso che stava facendo nonostante fosse bagnata e gocciolasse acqua lasciando una traccia sul pavimento. Una volta arrivata lì ha concretizzato di aver attraversato il corridoio fino al bagno e di essersi allontanata il più velocemente possibile da quella vasca. L’unico pensiero nella sua mente era quello di raggiungere l’orgasmo conscia che non ci sarebbe voluto molto a raggiungerlo.
Quando stava chiudendo la porta, Lucia è entrata nella stanza e le ha chiesto “Stai bene, tesoro? Sei scappata così in fretta che ero preoccupata per te”
Stefania è rimasta in piedi tenendo la porta nella speranza che Lucia se ne andasse il prima possibile “No, sto bene. Ho bevuto troppo e sono molto stanca, sai il viaggio ….!”
Lucia sapeva di più, l’eccitazione di Stefania era ovvia, il rossore le scorreva dal petto fino al viso, i suoi capezzoli erano decisamente duri come pietre è spuntavano dal top del bikini ed inoltre era visibile la pelle d’oca sulle sue braccia. Lucia sapeva che sua cognata era disperatamente arrapata e per un desiderio inconscio di vederla godere, ha deciso di ‘spingerla’ un po’ solo per vedere quali potessero essere gli sviluppi. Per farlo si è avvicinata a Stefania e l’ha stretta in un abbraccio “Sono molto felice che tu sia qui. Mi manchi così tanto quando siamo lontane”
I loro corpi quasi nudi erano premuti l’uno contro l’altro e Lucia sentiva tremare Stefania.
Lucia ha abbassato la testa all’indietro in modo da poter guardare il viso di Stefania, l’ha baciata leggermente sulle labbra poi l’ha guardata negli occhi “Sei così bella e sei una persona così meravigliosa. Non c’è da meravigliarsi che mio fratello ti ami disperatamente”
“Sai che anch’io ti amo, vero? Non farei mai nulla per farti del male!”
Stefania è riuscita soltanto ad annuire con la testa non fidandosi di sé stessa.
Lucia l’ha baciata di nuovo sulle labbra questa volta un po’ più a lungo mentre le sue mani accarezzavano la schiena. Quando le loro labbra si sono separate, Lucia si ha leccato le labbra “Le tue labbra sono così morbide. È così piacevole baciarle. Spero che non ti dispiaccia, ho bisogno di baciarti ancora per un po’ “.
Lucia si è avvicinata ed ha baciato Stefania come fanno le amanti.
Se il primo bacio ha scioccato Stefania, il secondo l’ha quasi disfatta ed il terzo bacio le ha tolto ogni resistenza che avrebbe potuto opporre. Le labbra di Lucia si sentivano molto bene sulle sue e lei ha lasciato che la sua bocca si aprisse contro di lei.
Lucia ha lasciato che la punta della sua lingua toccasse quella di Stefania e lei ha risposto nello stesso modo. Le due donne si sono alzate e si sono baciate appassionatamente così come la cognata aveva fatto con Roberto.
Le mani di Lucia erano in costante movimento accarezzando la schiena, le braccia e il viso di Stefania.
Lucia ha smesso di baciare Stefania in bocca ed è passata a baciarla sul collo ed infine sull’orecchio che ha mordicchiato, poi è tornata alle labbra. Allo stesso tempo una mano era sul petto di Stefania e l’altra aveva vagato giù. Il pollice della mano sul petto è passato tra tracciando il contorno dei capezzoli eretti di Stefania mentre premevano contro il bikini. Stefania ha sollevato le mani e si sono calate sui capelli di Lucia trascinandola in un bacio più profondo. Lei non si è accorta di quando il suo bikini bianco e semi trasparente fosse caduto a terra, stava vivendo uno dei migliori baci della sua vita ed i suoi capezzoli venivano succhiati meravigliosamente.
Lucia ha fatto scivolare la mano lungo la pancia di Stefania fino a quando le sue dita hanno trovato l’elastico dello slip del bikini che ha fatto scivolare verso terra e le dita sono andate a cercare il monte di venere di Stefania ma non si sono fermate lì. Infatti hanno proseguito a muoversi verso il basso tra le grandi labbra coprendosi della sua umidità.
Quelle dita si sono fermate per accarezzare l’intimità andando su e giù per la figa di Stefania. Le sue gambe hanno iniziato a tremare poiché quasi sopraffatta dal bisogno di avere un orgasmo.
Lucia ha continuato a giocare con quella figa aumentandone l’eccitazione, quando le dita hanno accarezzato il clitoride per Stefania era troppo e lei ha emesso una serie di forti gemiti nel raggiungere l’orgasmo.
La cognata sarebbe crollata a terra se Lucia non l’avesse condotta verso il letto prima che le gambe cedessero completamente.
Stefania era distesa sul letto ancora tremante per l’orgasmo mentre Lucia si è levata lo slip del bikini. Lucia ha tirato le coperte su Stefania, poi si è chinata e le ha accarezzato il viso e l’ha baciata profondamente.
” Stefania, ti amo. Dormi bene”
L’ultima cosa che Stefania ricordava era la restituzione del bacio ed i fremiti in tutto il suo corpo.
Lucia è rimasta in piedi lì accanto alla cognata e l’ha vista addormentarsi prima di uscire dalla camera e chiudere la porta dietro di lei.
Durante la notte Stefania ha sognato una donna che sulla porta della sua camera da letto e la guardava nonostante l’oscurità. Lei non riusciva a vedere il suo viso, ma immaginava che fosse una bella donna ed immaginava i suoi occhi su di lei nel buio facendola eccitare ed essere felice che lei era lì. Era come se stesse vegliando su di lei mentre dormiva.
Stefania ha immaginato che sorridesse ed aveva lo stesso sorriso della cognata quando era felice.
Poi quella donna si è avvicinata a lei e nel sogno vedeva il contorno del suo corpo nell’oscurità e si è accorta che era quasi nuda, vedeva anche il suo sorriso ed i suoi occhi che erano proprio come gli occhi di sua cognata. Ne vedeva anche il petto le tette dalle forme arrotondate che si l’era trovate lì davanti a lei e distingueva appena il cerchio dei suoi capezzoli che Stefania invidiava alla cognata.
All’improvviso si è accorta che non stava solo in piedi e la guardava ma stava facendo anche qualcos’altro. Infatti le mani della donna si muovevano ma Stefania non riusciva a capire cosa stessero facendo. Quella misteriosa donna era lì nella stanza, al buio, in vestaglia con la vestaglia aperta e si vedeva il movimento nell’ombra. Lei avrebbe voluto vedere di più, vedere cosa stava facendo, ma aveva paura di aprire gli occhi perché se fosse stato un sogno sarebbe svanita e forse non l’avrebbe mai più rivista.
La mattina dopo Stefania si è svegliata prestissimo, forse svegliata dal sogno, e si è sdraiata nel letto pensando alla donna sognata. Qualcosa le diceva che era sua cognata che voleva baciarla e tenerla con la testa al suo petto proprio accanto alle sue belle tette. Quel pensiero ha entusiasmato Stefania che si è girata ed ha abbracciato il cuscino immaginando di abbracciare quella donna. La sua mano si allontanata dal petto fino al suo punto speciale e si è sgrillettata pensando a lei. Quando ha finito, ha abbracciato il cuscino molto forte e l’ha baciato immaginando quella figura sognata. Ma il ricordo del sogno era molto vivido e anche dopo essere venuta, nella mente di Stefania qualcosa era rimasto e se la immaginava ancora ad occhi aperti.
È stato allora che ha visto il suo viso gentile ed amorevole, ha visto le curve delle tette e la pancia liscia, ha anche visto che si toccava sotto le mutandine proprio come si era toccata lei. Era chiaro che quella donna la voleva e che oltre ad essere sua amica voleva che fosse di più. Quella donna voleva di nuovo abbracciarla e baciarla proprio come nel sogno già fatto.
La stanchezza del viaggio e di ciò che aveva avuto il giorno prima l’ha fatta riaddormentare.
Al risveglio la mano di Stefania era già tra le sue gambe a titillare il suo clitoride, toccandosi come si toccava quella donna e pensava al suo viso, ai suoi occhi e al suo corpo, cercando di mantenere l’immagine di lei nella sua mente in modo da poter essere proprio come lei, in modo da potersi sgrillettare guardando lei nello stesso modo in cui lei la guardava.
Il desiderio di Stefania era di poterla sognare ogni notte, e svegliarsi la mattina pensando a lei mentre si toccava ad occhi chiusi. In quella situazione si è infilata le mutandine ed ha visto nella sua mente un po’ della figa della donna ed anche come muoveva le dita e si sgrillettava mentre la guardava ed ha anche immaginato che le sue dita la toccassero in quel modo ed è venuta davvero forte.
Per Stefania era meraviglioso pensare a lei e si è sgrillettata altre due volte prima di alzarsi.
La giovane donna ha pensato a lei per tanto tempo chiedendosi perché la stesse sognando insistentemente. Perché veniva da lei nei suoi sogni? E perché l’ha guardata soltanto? Perché non l’ha toccata? A volte Stefania ha provato a sognare davvero intensamente che la toccasse ma la donna non lo ha mai fatto.
La donna è salita sul letto e Stefania ha pensato che si sarebbe accoccolata con lei ma invece si è fermata su di lei. Nel suo sogno Stefania ha visto tutto.
Stefania ha immaginato di guardarla con gli occhi socchiusi mentre si sgrillettava ed ha fissato la sua bella figa nel modo in cui la donna fissava lei. Alla giovane donna faceva male dentro il vedere la bella donna in piedi su di lei, che la vuole ma non vuole toccarla. Infine è accaduto che nel buio la donna si è inginocchiata su Stefania con le sue gambe su entrambi i lati della testa, la sua figa appena sopra la faccia. Messa così Stefania ha avvertito il profumo una donna adulta accanto al suo corpo, un profumo che non avevo mai sentito prima. Nella sua immaginazione Stefania ha visto quanto fosse bagnata, quanto la eccitasse solo per essere sdraiata sul letto. Ha anche sentito una sua goccia toccarle la guancia, avrebbe voluto aprire gli occhi ma non voleva uscire dal sogno ed ha tenuto gli occhi chiusi.
Quando l’immagine della donna è svanita, Stefania si è svegliata e si è toccata la guancia constatando che l’umido della goccia era ancora lì.
A Stefania è venuto da chiedersi se anche quello era un sogno o realtà ma alla fine si è convinta che era realtà e non un sogno. Non sapeva come fosse successo ma quella donna era lì e la voleva davvero ma soprattutto chi era quella donna?
Stefania non ha eliminato la traccia della goccia dalla guancia ed ha inspirato profondamente lasciando che il profumo la riempisse.
Quella mattina Stefania ha avuto un lento risveglio, ha sorriso mentre si svegliava gradualmente e si è stiracchiata sbadigliando, si sentiva molto rilassata e contenta. Le sensazioni sono rimaste in lei fino a quando non è stata completamente sveglia. Durante quelle riflessioni è rimasta distesa sul letto, ed ha ripensato a ciò che il marito Gianni le aveva detto all’aeroporto.
Lui cosa intendeva? Quello che era successo era così sbagliato? Cosa avrebbe pensato Gianni se l’avesse vista la sera prima?
Stefania sospettava fortemente che lui non solo sarebbe stato d’accordo, ma l’avrebbe anche spinta a fare di più ciò perché la spingeva costantemente ad essere più aperta e sensuale.
Se fosse stata onesta con sé stessa, Stefania avrebbe ammesso che per lei, la notte precedente, aveva vissuto l’esperienza più erotica che avesse mai avuto e si chiedeva se era così sbagliato.
Alla fine Stefania ha concluso di né riferire niente a suo marito per non rovinasse la sua visita alla sorella, né di dirgli niente quando lui l’avrebbe chiamata al telefono quella sera.
Alla fine si è levata dal letto per recarsi in bagno per pulirsi con una doccia ed ha indossato hot pants e canottiera.
Poi è andata in cucina dove sua cognata Lucia stava preparando la colazione.
Stefania si sentiva molto felice ed è corsa da lei dandole un grande abbraccio mentre Lucia stava finendo di preparare la colazione per entrambe.
La cognata l’ha sentita entrare e si è girata verso di lei sorridendole dolcemente e poi le si è avvicinata per baciarla. All’inizio Stefania si è spaventata e si è tirata indietro ma il tocco delle labbra di Lucia sulle sue era troppo dolce ed anche un’attrazione unica. Le due donne sono rimaste a baciarsi per alcuni minuti prima di separarsi e sedersi a fare colazione.
Stefania aveva quasi finito di mangiare prima che la dolce sensazione che sentiva, dovuta al bacio, si dissipasse. Ha sollevato lo sguardo dal tavolo ed ha detto “Lucia, non so cosa pensare di ieri sera. Mi sento come se avessi fatto qualcosa di sbagliato, eppure è stato tutto così eccitante. Non voglio fare nulla che possa turbare Gianni o danneggiare il nostro matrimonio”
Lucia ha allungato la mano ed ha accarezzato la mano di Stefania.
“Sai che io e Gianni parliamo tutto il tempo delle nostre telefonate, giusto?”
Stefania ha annuito “Sì, certo. Voi siete davvero intimi”
Mentre Lucia parlava le unghie delle sue dita hanno fatto delle tracce andando su e giù per il braccio di Stefania.
“Allora dovresti sapere che abbiamo parlato di te più di ogni altra cosa. Posso dirti che ti ama più di quanto possa mai immaginare. Posso anche dirti che non avrà problemi per qualsiasi cosa tu faccia qui. Ti prometto che, se farete qualcosa qui, vi dirò se vi state avvicinando ad oltrepassare la linea della perversione. Fidati di me, non causerò mai problemi né a te né a Gianni. Sappi solo che lui vuole che tu sia felice anche se non è proprio così. Lui vuole che tu sia gioiosa e pensa che ampliare la tua sessualità ti porterà a raggiungere proprio quella gioia che lui desidera che tu abbia”
Stefania non sapeva davvero come rispondere a quelle parole ed stata salvata da Roberto dal rispondere perché è entrato in cucina avvicinandosi alla moglie baciandola con gusto sulle labbra. Il cognato ha dato il buongiorno anche a Stefania nello stesso modo e Stefania stata molto sorpresa per quel bacio sulle labbra prima di dirle ‘buongiorno’.
Lui non l’aveva mai fatto prima e lei non riusciva a pensare a nessuno, tranne che a suo marito il quale non l’aveva mai baciata sulle labbra in quel modo per dire soltanto ‘buongiorno’ e di ciò è rimasta un po’ sorpresa perché non la disturbava più di tanto.
Roberto si era allontanato un attimo ma è tornato in cucina e nel giro di pochi minuti ed ha consegnato dei Bloody Mary a Stefania ed a Lucia. Stefania ha fatto un respiro profondo ed ha pensato “Beh, prima almeno ho mangiato qualcosa!”
I tre si sono seduti insieme ed hanno continuato a parlare facendosi prendere dai ricordi di ciò che era accaduto nelle loro vite riprendendo dall’ultima volta che si erano visti. Biagio è entrato durante la loro conversazione ed ha fatto colazione mentre gli altri parlavano.
Dopo il secondo Bloody Mary la conversazione ha cominciato a rallentare e Lucia si è levata dalla sedia.
“Dai, andiamo in piscina! Stefania, vai a cambiarti e stendiamoci a prendere un po’ di sole!”
Stefania è andata, senza obiettare, nella sua stanza e prese il solito bikini bianco e nella intimità della sua camera la sua mente ha fatto tanti pensieri tra cui gli eventi della sera prima erano costantemente nella sua mente. Era sconcertata dal fatto che avrebbe dovuto sentirsi in colpa ma sorprendentemente tutto ciò che sentiva era felicità e serenità. Ha ripensato che si era goduta la sera prima il vedere il sesso tra marito e moglie, suoi cognati, e la seduzione di Lucia e pochi minuti prima, quella mattina, il bacio di Lucia e nonostante ciò non aveva avuto danni anzi era sana e salva e tutto era stato estremamente piacevole.
Indossato il bikini è uscita dalla sua stanza con un sorriso sul volto che le era comparso ricordando quei fatti. Nel tornare da Lucia si è chiesta se la notte precedente sia stato solo una coincidenza e dubitava che la cognata avrebbe fatto altro di così erotico davanti a lei ma se lo avesse fatto si avrebbe goduto lo spettacolo.
Stefania ha preso il romanzo che aveva iniziato a leggere e si è diretta al bordo piscina dove Lucia la stava aspettando, si è sdraiata sulla poltrona imbottita accanto a Lucia preparandosi a leggere e possibilmente a fare un pisolino. Ha trovato anche Roberto che era già vicino alla moglie e che aveva preparato aveva un altro Bloody Mary poggiato sul tavolo accanto a lei. Lucia ha sollevato il busto e si è voltata verso Stefania “Mettiamoci la lozione abbronzante prima di bruciarci”
Detto questo, Lucia ha prese la bottiglia di crema protettiva e si è alzata scendendo dalla sua sdraio “Girati! Te la spalmerò prima sulle spalle”
Stefania si è girata sullo stomaco mentre Lucia si avvicinava, ha sentito le mani di Lucia sulle sue spalle e non ha impiegato molto a godersi le mani che scivolavano con piacere sulla sua pelle.
Stefania in quel momento ha pensato che Lucia si stesse attardando a spalmare la crema perché i movimenti erano diversi dai soliti, ma l’ha lasciata fare perché non le importava. Era bello così e si voleva godere quei momenti.
La combinazione delle bevande e delle mani di Lucia aveva reso Stefania molto rilassata. Occasionali gemiti da parte di Stefania hanno fatto sorridere Lucia che si faceva strada lungo il corpo di Stefania e la giovane donna, finito di applicare la crema solare sulla schiena di Stefania, e si è spostata alle gambe. Stefania sapeva che spalmarsi da sola le sue gambe ma si stava godendo la sensazione delle mani di Lucia, quindi non ha detto nulla e quando le mani le sono passate sulle cosce e le dita hanno sfiorato il cavallo, Stefania non ha detto neanche una parola, ha proseguito a restare stesa lì dov’era diventando sempre piacevolmente più eccitata. Quando Lucia ha finito, Stefania è rimasta un po’ delusa perché avrebbe voluto che quei passaggi della mano della cognata sulla sua pelle fossero proseguiti fino a farla venire.
Ora era il turno di Stefania di spalmare la crema solare sulle spalle di Lucia. L’intenzione era quella di non fare delle carezze seducenti sulla pelle della cognata e finire alla svelta il lavoro.
Ma qualcosa è cambiato quando ha iniziato a spalmare la crema sulla schiena. Infatti la pelle di Lucia era così bella e piacevole da toccare e le dita scivolavano così delicatamente con facilità, che non aveva fretta di finire. Una volta che ha iniziato a spalmare la crema sulle gambe di Lucia, ha scoperto che le piaceva sentire i muscoli delle sue cosce ed il suo sguardo era sempre più fisso sul cavallo di Lucia cercando di scoprire una eventuale macchia di succhi vaginali sullo slip davanti a lei. Stefania ha azzardato a passare non accidentalmente le dita lungo il cavallo di Lucia e ciò che ha fatto è stato continuare a massaggiare la crema all’interno delle cosce. Alla fine la cognata si è risvegliata dal torpore delle carezze della spalmatura e sorridendo le ha detto “Tesoro, per quanto mi stia divertendo, credo che me ne abbia messo a sufficienza”
Stefania è diventata rossa per l’imbarazzo e si è accorta che negli ultimi minuti aveva fatto scivolare le mani su e giù sulle cosce di Lucia, le sue dita le stringevano ancora delicatamente quando fermandosi si ha guardato le mani orami asciutte. Solo allora le ha allontanate e si è seduta rapidamente sulla sua poltrona un po’ imbarazzata sdraiandosi a pancia in giù cercando di riprendere fiato.
Era molto eccitata e non riusciva a capire cosa le stesse succedendo, ciò non le ha impedito di appisolarsi.

I due cognati di Stefania, Biagio e Roberto, si sono uniti a loro sul bordo della piscina sedendosi sulle loro poltroncine di plastica bianche per parlare serenamente mentre le due donne sonnecchiavano crogiolandosi al sole.
Dopo un po’ Lucia e Stefania si sono mosse svegliandosi dal torpore dovuto al caldo del sole e l’acqua della piscina sembrava essere molto invitante per un bagno rinfrescante anche se si erano immerse non molto prima che arrivassero i due cognati.
Le due donne hanno deciso d’accordo di tuffarsi e stare un po’ di tempo dentro l’acqua parlando di pettegolezzi. Quando sono uscite si sono asciugate, ma non molto, godendosi il refrigerio del bagno ed hanno parlato per un po’ fino a quando Lucia ha pensato che era il momento di abbronzarsi le parti frontali del corpo che non erano state interessate dalla crema solare prima del bagno in piscina. Lucia nel proporre la spalmatura della crema ha fatto anche un’espressione maliziosa sul viso e si è rivolta a Stefania “Immagino che sia ora di mettere la lozione sul nostro petto e sulla pancia. Che ne dici? Mi faresti il favore di spalmarmela, poi io lo farò a te”
A quelle parole la bocca di Stefania si è spalancata per lo shock e i pensieri hanno affollato la sua testa pensando “Può fare tutto da sola. Perché vuole che lo faccia io? Io vorrei farlo ma sarebbe troppo sfacciato davanti a Roberto e Biagio. Però voglio tentare, lo faccio, ma sono nervosa da morire” ed ha ripreso il controllo della bocca rimasta aperta rispondendo a voce alta “Ok”.
Con quell’unica parola Stefania si è messa su una via che non si sarebbe mai sognata di prendere. Già il giorno prima non avrebbe mai accarezzato l’idea di toccare un’altra donna in quel modo ed ora non vedeva l’ora di farlo.
Lucia si è rilassata ed ha guardato Stefania con la lussuria negli occhi e un sorriso accogliente sul volto.
Stefania aveva bisogno di riprendere le sue capacità cognitive ed uscire dai sogni ed i pensieri, così ha deciso di spalmare la crema dapprima sulle braccia di Lucia pensando che quel compito banale l’avrebbe calmata e le avrebbe permesso di pensare più chiaramente. Si sbagliava. Lei è stata presa dalla libidine non appena ha avvolto le mani intorno al braccio di Lucia ed ha iniziato a farle scivolare su e giù per il braccio. A lei piaceva la sensazione della pelle di Lucia e dei muscoli. La crema ha lubrificato la pelle facilitando i suoi sforzi ed ha reso il processo molto più erotico assicurandosi che entrambe le braccia fossero completamente spalmate prima che le sue mani si spostassero sul collo della cognata. Poco dopo le sue mani sono scivolate sui i lati del collo di Lucia e alla fine si sono fermate quando le dita hanno massaggiato delicatamente le orecchie. Stefania era così presa da quello che stava facendo che non aveva idea di quanto lo spalmare la crema avesse stimolato la cognata.
Prima che Stefania potesse incremare il petto, Lucia si è missa a sedere “Fammi togliere di mezzo questo reggiseno”
Stefania ha guardato Lucia levarsi il bikini rivelando le tette, si è sdraiata ed ha aspettato.
Stefania ha versato altra crema sulle sue mani ed ha appoggiato le mani sulle spalle di Lucia ed ha iniziato a massaggiare facendosi strada verso il basso. Quando è arrivata al seno di Lucia ha esitato per un momento, poi ha continuato scoprendo che le piaceva sentire nelle sue mani le tette della cognata trovandole piacevoli per giocarci. I palmi delle mani passavano su ogni capezzolo rendendoli ancora più sporgenti e turgidi facendo ansimare Lucia per l’eccitazione.
Lucia voleva afferrare Stefania e posare le sue labbra sulla cognata ma è riuscita a controllarsi.
Stefania ha trascorso un bel po’ di tempo ad assicurarsi che le tette di Lucia fossero adeguatamente coperte di crema ed alla fine ha continuato l’applicazione sullo stomaco.
Lucia si è arrapata tantissimo quando le dita di Stefania si sono fatte strada sotto il suo slip del bikini. La cognata stava solo cercando di assicurarsi che Lucia non scoprisse la figa ma non si resa conto che stava illudendo Lucia. Quando Stefania si è spostata ai piedi di Lucia non è durata a lungo.
Stefania ha continuato a lavorare lentamente sulle gambe di Lucia fino a quando non è arrivata ai piedi.
Solo allora Lucia ha allargato le gambe per assicurarsi che Stefania avesse tutto lo spazio di cui aveva bisogno per toccarla e Stefania ha fatto passare le mani andando su e giù per le cosce della cognata ed i pollici sfioravano delicatamente il monte di venere di Lucia.
Lucia si morsa il labbro e ha lottato contro la sua volontà per evitare di spingere i fianchi verso Stefania. Alla fine Stefania, a lavoro finito, si è sdraiato sulla sua sdraio.
Lucia è stata lasciata dalla moglie del fratello ansimante per diversi minuti prima di potersi sedere e poi si è trasferita da Stefania per restituirle il favore, le ha messo le labbra a pochi centimetri e le ha sussurrato “Grazie. Nessuno mi ha mai messo la crema solare in modo così meraviglioso” e si è avvicinata finché le labbra si sono toccate e le due si sono baciate. Infatti Lucia si è avvicinata e la sua lingua è guizzata fuori andando a leccare il labbro superiore di Stefania la quale ha sospirato mentre guardava negli occhi la cognata.
Stefania era completamente fuori dal suo normale comportamento e non sapeva davvero cosa stava facendo ma sapeva che le piaceva.
Quello che nessuna delle due donne si è ricordata era che c’erano due uomini che vedendole si erano molto arrapati ed avevano visto ciò che le due donne avevano e stavano facendo. Entrambi gli uomini sapevano quanto Stefania fosse solitamente riservata e ciò era l’unica cosa che li faceva esitare a farsi coinvolgere.
Sia Biagio che Roberto desideravano essere coinvolti in quel che stava accadendo su quelle sedie a sdraio.
Lucia ha afferrato il flacone della crema solare per rendere arrapata quanto lo era lei al termine del massaggio ed ha pensato che anche Stefania avrebbe dovuto provare le medesime sensazioni dovute all’applicazione di quella crema solare. la donna sapeva quanto Stefania l’avesse eccitata e voleva che Stefania provasse simili sensazioni pertanto ha iniziato proprio come Stefania aveva fatto sulle sue braccia e tutto è partito da lì. Quando le mani sono arrivate al petto di Stefania, l’ha tirata su e Lucia si è messa dietro di lei.
“Non penso che dovrei togliermi la parte superiore. Roberto e Biagio sono proprio lì a guardare” ha fatto osservare alla cognata.
Lucia si è avvicinata ed ha baciato Stefania incurante dei due maschi che le guardavano. Questa volta il bacio è continuato fino a quando la lingua di Lucia ha esplorato la bocca di Stefania e quando le loro labbra si sono separate, la resistenza di Stefania era scomparsa lasciando che Lucia le levasse il reggiseno del bikini e sdraiandosi potesse spalmarle la crema sul petto e sulle tette accarezzandole languidamente. Quel palpeggiamento piaceva davvero a Lucia che si godeva ogni passaggio delle mani.
Come Stefania, Lucia non era mai stata con una donna. Le cose che lei faceva con Stefania erano così naturali e meravigliose che non aveva problemi a continuare e già si eccitava pensando a ciò che sarebbe potuto accadere dopo tra lei e la bella cognata. Anche Stefania si sentiva più o meno nello stesso modo. Aveva solo qualche difficoltà ad ammettere quel che aveva fatto, sia quella mattina che la sera prima, a sé stessa.
Mentre Lucia continuava l’applicazione della crema, la resistenza di Stefania stava svanendo rapidamente.
Lucia ha mosso le mani sul corpo di Stefania spalmandola anche sulla pancia. Quando le sue dita sono scivolate sotto la parte superiore dello slip del bikini di Stefania, non si si sono fermate appena sotto la cintura ma hanno proseguito verso il basso fino a quando non hanno incontrato le grandi labbra.
Stefania era molto bagnata e le dita di Lucia hanno raccolto un po’ di quell’umidità di cui avrebbe avuto necessità quando le sue dita avrebbero iniziato ad accarezzare il clitoride.
La giovane cognata ha inclinato la testa all’indietro e si è lamentata quando le dita di Lucia hanno trovato clitoride.
Un calore meraviglioso ha pervaso il corpo di Stefania che ha proseguito a gemere in segno di apprezzamento. Lei ha avvertito le labbra di Lucia sulle sue ed ha ricambiato baciandola con avidità. In realtà Stefania si stava rapidamente avvicinando all’orgasmo quando le labbra di Lucia si sono separate dalle sue e le dita di Lucia hanno dato una meravigliosa carezza al suo clitoride. Gli occhi di Stefania si sono aperti ed hanno visto Roberto e Biagio in piedi accanto alle rispettive sedie a sdraio e lei ha visto anche, chiaramente, il contorno delle loro erezioni imperiose. Un abbaglio ha accecato temporaneamente la vista.
Lucia ha afferrato la mano di Stefania e le sussurrato “Aiutami con questo. Prendi Biagio e fai quello che faccio io” ed ha allungato una mano per afferrare la cintura del costumi da bagno di suo marito che ha tirato giù liberando il cazzo eretto e rigido.
Stefania guardava affascinata ma si è anche lei avvicinata fino a pochi centimetri dal viso di Lucia la quale ha girato la testa ed ha esclamato “Beh?”
Per tutta risposta Stefania si è girata verso Biagio. Le sue mani sembravano avere una mente propria perché senza quasi volerlo hanno afferrato i fianchi all’altezza della vita. La sua mente era in subbuglio, ma questo non le ha impedito di tirare lentamente giù lo slip del costume del ragazzo ed il cazzo si è liberato scattando per aria verso l’alto ed il glande le ha sfiorato le labbra. Per effetto della sorpresa gli occhi di Stefania si sono aperti enormemente guardando sbalordita il cazzo più grande che avesse mai visto.
Il cazzo di Biagio non era molto più lungo di quello di suo fratello ma era significativamente più grande di circonferenza.
A Stefania è venuta l’acquolina in bocca nel fissare quel bel cazzo, poi ha guardato Lucia per cercare di capire cosa avrebbe dovuto fare dopo e si aspettava di fare al più un pompino
Il forte erotismo di ciò che stava facendo ha spazzato via le riserve e le inibizioni dalla mente di Stefania.
Lei era così eccitata che tutto ciò che voleva fare era eseguire le medesime azioni di Lucia. Inoltre ha promesso a sé stessa, prima di perdere tutte le inibizioni, che non si sarebbe lasciata andare completamente. Il volto di Gianni le passato velocemente nella mente ed ha visto che il marito la guardava in modo severo ed accigliato disapprovando. Al contrario lei era sorridente e piena di eccitazione, era troppo presa per dedicarsi ad una analisi mentale ed analizzare cosa significasse quell’immagine mentale in quel momento.
Lucia si è alzata ed ha avvolto la mano intorno al cazzo di suo marito, lo ha accarezzato lentamente mentre guardava Stefania la quale ha pensato “Dio, sembra così morbido ancora, così duro. Adoro la sensazione di un cazzo duro. Continua. Sicuramente non ti morderà”
Imitando Lucia, Stefania ha allungato la mano ed ha afferrato il cazzo di Biagio trovandolo molto grande e molto duro ed ha avuto una meravigliosa sensazione nelle sue mani. Lei ha cominciato a stringerlo mentre le mani lo accarezzavano lentamente. Era tutto quello che le era consentito fare per staccare gli occhi da lui e guardare Lucia.
Non ha dovuto aspettare molto prima che Lucia si comportasse in altro modo ma ad un livello completamente diverso e nuovo.
Lucia ha avvicinò il cazzo di suo marito alla bocca, ne ha baciato la punta del cazzo, poi la lingua è uscita tra le labbra ed ha leccato il glande chiudendole per nasconderlo nella cavità orale ed ha iniziato ad affondare il suo cazzo fino alla gola.
La sua testa ha iniziato a muoversi a tempo con i lenti colpi della mano che faceva una sega ed un gemito è sfuggito dalla bocca di Roberto mentre lei lo spompinava lentamente.
Per imitarla, Stefania si è voltata verso il magnifico cazzo di fronte a lei. Voleva assaggiarlo così tanto che ha spinto la sua riluttanza in fondo alla sua mente ed ha seguito l’esempio di Lucia baciando la testa del cazzo di Biagio, la sua lingua è guizzata fuori ed ha leccato la morbidezza del glande.
Stefania era rapita da quel cazzo che teneva in mano, ha spalancato la bocca e lentamente ha ingoiato tutto ciò che poteva di quella massiccia erezione. la sua bocca scivolava su e giù sopra quell’albero e si godeva la meravigliosa morbidezza setosa nella sua bocca. Era delusa che non potesse assolutamente prenderlo tutto, ma la sua mano che accarezzava il cazzo rimasto fuori faceva il resto.
Biagio gemeva rumorosamente in segno di apprezzamento per gli sforzi fatti dalla cognata.
Prima che potesse perdersi completamente in quello che stava facendo, Stefania ha guardato Lucia ancora una volta vedendola stesa a terra e Roberto era tra le sue gambe. Stefania ha visto lui mentre faceva scivolare il suo cazzo nella figa bagnatissima della moglie.
Stefania in quel momento non se l’è sentita di farsi scopare Biagio e, voltatasi verso di lui, ha continuato a succhiargli il cazzo attardandosi perché le piaceva moltissimo quello che stava facendo.
Anche a Biagio piaceva tanto quel lavorio e le sue mani sono andate ad accarezzare le guance mentre lei gli faceva il miglior pompino della sua vita.
Le mani di Biagio sul suo viso hanno aiutato Stefania a tirare e spingere più velocemente e lei ha aumentato il ritmo della sua bocca.
Biagio gemeva in continuazione mentre il suo cazzo entrava e usciva dalla bocca.
Stefania si stava innamorando del cazzo che aveva in bocca e stava facendo un profondo effetto su Biagio fratello del marito il quale si è trovato ad essere in breve tempo vicino all’orgasmo.
Stefania ha sentito il cazzo gonfiarsi ancora di più, ha sentito le urla e le parole di piacere di Lucia quando il primo spruzzo di sborra di Biagio si è depositato sulla sua lingua, lo ha ingoiato avidamente mentre un altro spruzzo seguiva il primo.
Lei ha munto il cazzo del marito raccogliendo ogni goccia che usciva lasciando infine il cazzo esaurito.
Non molto dopo, poiché Roberto era di nuovo in tiro, si è fatta scopare a fondo da suo marito.
Lucia aveva visto Stefania succhiare il cazzo di Biagio e questo l’aveva portata al suo primo orgasmo.
Guardare la sua pudica e riservata cognata ingoiare la sborra di Biagio aveva scatenato in lei un secondo orgasmo poco prima che suo marito esplodesse ancora dentro la sua figa.
Al termine dell’amplesso, Roberto e Lucia giacevano a terra ansimanti mentre Biagio ha barcollato su una sedia a sdraio ed è crollato esausto su di essa ma è riuscito, con le poche forze residue, a guardare Stefania con ammirazione e ringraziarla “È stato il miglior pompino che una donna mi abbia mai fatto. Non riesco a credere quanto sia stato sorprendente. Grazie, Stefania”
Il viso di Stefania al complimento si arrossato, in quel momento lei si sentiva meravigliosa, si sarebbe sentita in colpa più tardi. In quel momento era euforica e si crogiolava nelle lodi ricevute ed era anche disperatamente arrapata.
Lucia è riuscita a raggiungere ed a sedersi vicino a Stefania. le due si sono subito baciate con la lingua in bocca condividendo il gusto di Biagio.
Finito il loro bacio entrambe si sono sdraiate sulle rispettive sedie a sdraio e Stefania si è crogiolata nei sentimenti che le passavano per la mente.
Poco dopo tutti si sono decisi ad entrare in piscina per rinfrescarsi e non molto dopo Roberto ne è uscito per preparare dei cocktails, quando è tornato tutti sono usciti dall’acqua e si sono seduti a bere e parlare come se nulla fosse accaduto.
Quando Lucia e Stefania si sono accorte dell’ora tarda, sono andate a preparare il pranzo.
Dopo pranzo, Stefania ha sentito la necessità di un pisolino ed è andata nella sua stanza. Pur essendo pronta per il pisolino, prima aveva un altro compito molto importante di cui occuparsi. Poiché era estremamente arrapata, aveva tutte le intenzioni di fare qualcosa al riguardo non appena fosse rimasta sola ma non sapeva che il destino aveva altri progetti per lei.
Lucia l’ha seguita ed è entrata in quella camera dietro Stefania che si è girata con il sopracciglio alzato che aveva il significato non detto di chiedere il motivo della presenza.
Lucia ha rispose alla sua domanda non detta avvicinandola e baciandola appassionatamente. Le due donne sono rimaste a baciarsi per un tempo infinito mentre le loro lingue danzavano dentro e fuori la bocca. Stefania non era mai stata così eccitata in vita sua.

Lucia si è avvicinata a Stefania poggiandole le tette sul petto e subito il reggiseno di Stefania è caduto sul pavimento. Lucia ora sapeva come eccitare Stefania succhiandole e mordendole le sue fantastiche tette. Stefania ha portato la testa all’indietro ed ha emesso un lungo gemito. La mano di Lucia è scivolata sotto lo slip del bikini ed ha trovato facilmente la figa di Stefania dove le dita hanno dato inizio ad una danza tra le grandi labbra e sul clitoride. Stefania ha sentito le ginocchia indebolirsi e Lucia la portata sul letto. Poi ha tirato lo slip di Stefania lungo i fianchi e le gambe e lo ha lasciato cadere sul pavimento ed è salita sul letto sistemandosi tra le gambe senza perdere molto tempo in preliminari inutili.
Lucia ha avvolto la figa di Stefania con la bocca ed ha passato la lingua per tutta la lunghezza della figa. Stefania cominciò a muovere i fianchi facendo scorrere la figa contro la bocca di Lucia la quale ha sollevato una mano e lentamente ha fatto scivolare due dita nella figa bagnatissima della moglie del fratello lavorandola fino a trovare il punto G. inoltre ha fatto scivolare le dita avanti e indietro su quel punto sensibile mentre titillava anche il clitoride di Stefania.
Cinque minuti delle abilità orali di Lucia sono bastati e Stefania ha urlato andando in estasi mentre uno dei migliori orgasmi della sua vita attraversava il suo corpo come un incendio ed in contemporanea scosse elettriche la scuotevano. Una Lucia sorridente ha estratto le dita ed ha guardato Stefania che tremava sul letto.
Le urla di Stefania hanno attratto la curiosità di Biagio il quale ormai nudo si è fermato sulla soglia della camera a guardare e si è avvicinato al letto, ci è salito su e si è sistemato tra le cosce della cognata la quale ha aperto gli occhi ed guardato cosa stava accadendo tra le sue cosce. Ha visto lui passare e ripassare il glande del suo cazzo contro le sue labbra ed il clitoride muovendo i fianchi a tempo con i passaggi.
Ciò è servito a mettere e far scivolare il suo cazzo lungo le labbra di lei centrandolo sull’apertura. Biagio muovendo i fianchi in avanti è entrato lentamente in Stefania che gemeva e diceva “Oh no! Non posso farlo!”
Le sue parole successive sono state “Oh merda!” ma Biagio, incurante di quello che diceva la cognata, gradualmente ha affondato il suo grosso cazzo in lei.
Una volta che il cazzo di Biagio era ben piantato dentro di lei, la resistenza di Stefania è sparita e si è messa a guardare quel grosso cazzo muoversi dentro e fuori dalla sua figa eccitandosi ad un livello completamente nuovo. I suoi fianchi hanno cominciarono a salire per incontrare quelli del cognato ed i suoi colpi, lui ha ritenuto opportuno aumentare il ritmo della scopata.
Non molto dopo lui l’ha accarezzata profondamente nell’intimità con il cazzo e lei ha raggiunto un forte orgasmo.
Biagio ha mantenuto il ritmo mentre tornava il suo orgasmo e subito si immergeva per averne un altro. Lui non riusciva a smettere di sborrare guardando il suo grosso cazzo servire Stefania la quale non aveva idea di quante volte avesse raggiunto l’orgasmo prima che lui finalmente si tuffasse a fondo in lei fermandosi a sparare la sborra contro la sua cervice uterina.
Stefania è rimasta in uno stato di torpore per diversi minuti prima che Lucia le cavalcasse il viso e la guardasse negli occhi pieni di lussuria “Ora tocca a te. Mangia la mia figa!”
Stefania aveva completamente perso le sue inibizioni. Questo, unito al fatto che trovava Lucia irresistibilmente attraente, l’ha portata a immergere volontariamente la lingua nella figa di Lucia.
Non essendo mai stata con una donna le ci sono voluti pochi minuti prima che la sua lingua trovasse la strada verso i posti giusti dell’altra. Una volta che lo ha fatto, Lucia era nelle sue mani.
Il piacere è stato tanto alto e bello che Stefania ha passato i successivi dieci minuti a dimostrare a Lucia che la sua figa non era mai stata leccata ed occupata così bene.
Lucia cominciò a dondolare la sua figa contro il viso di Stefania e Stefania l’ha gratificata succhiandole il clitoride colpendolo rapidamente con la punta della lingua e questo ha fatto partire Lucia che raggiunto un orgasmo così forte che è caduta dal viso di Stefania atterrando sul letto accanto ad un Biagio sbalordito.
Stefania si è asciugata il viso con la mano ed è stata la sua ultima azione da cosciente prima che il sonno la prendesse.
Ore dopo Stefania si è svegliata e si è sentita euforica.
Un corpo caldo era rannicchiato contro di lei ed aprendo bene gli occhi ha visto Lucia facendole illuminò il volto con un dolce sorriso mentre la guardava.
Biagio se n’era andato e lei era felice di avere del tempo da dedicare a Lucia con riservatezza la quale stava ancora dormendo. La sua mano si è avvicinata ed ha levato delicatamente i capelli dal viso di Lucia. Guardando il volto di Lucia mentre dormiva, Stefania ha sentito il suo cuore gonfiarsi per i nuovi e meravigliosi sentimenti. Lei è rimasta a guardala fino a quando Lucia finalmente si è mossa ed aprendo gli occhi guardando in alto in quelli di Stefania. Lucia sorrideva e si è allungata languidamente prima di girare la testa e baciare amorevolmente la moglie del fratello che ha restituito felicemente. Le due donne si crogiolavano nel loro nuovo tipo di affetto.
Lucia ha visto un cambiamento sul viso della moglie del fratello, l’ha vista lacrimare. Lei sapeva esattamente cosa stava dicendo la coscienza di sua cognata “Stefania, fermati! Non hai fatto nulla di male. Gianni vuole questo per te. Metti da parte il tuo senso di colpa, le remore dovute alla tua educazione moralista e goditi ciò che sta accadendo. Vedrai che andrà tutto bene, no, anzi sarà meraviglioso!”
Stefania per sincerarsi che quei pensieri avessero un minimo di verità ha guardato il suo amante speranzosa che lui stesse agendo per farle avere il meglio e che suo marito non ne venisse mai a sapere e si è rivolta a Lucia “Gianni vuole davvero che io faccia le cose che abbiamo fatto? Sei sicura?”
Lucia ha annuito ed ha preso Stefania tra le braccia e l’ha baciata mettendole la lingua a fondo prima di baciarla su tutto il viso, alla fine l’ha fatta sorridere e si è sentita sollevata nel vedere che con il suo nuovo amante sarebbe andato tutto bene.
Lucia si alzata e, allungando le braccia nella sua direzione, ha tirato su Stefania mettendola in piedi. Le due hanno camminato mano nella mano verso il bagno dove insieme hanno fatto una lunga doccia toccandosi e accarezzandosi, scoprendo ulteriormente i corpi l’una dell’altra. Lucia ha anche trovato un altro bikini per Stefania per sostituire quello bianco che era in lavatrice, quel bikini era rosso e mostrava molto più del corpo di quello bianco ma Stefania non ha battuto ciglio quando si si è vista allo specchio. Poi è andata nella sua stanza ed ha telefonato al marito.
Lei sentiva il dovere di dirgli tutto quello che era successo. All’improvviso aveva paura terribile che lui, dopo il racconto, divorziasse da lei.
Gianni appena ha risposto al telefono, Stefania ha iniziato a raccontare tutto quello che era successo. Al termine piangeva inconsolabilmente durante il suo soliloquio non ha sentito il marito dire qualcosa. Alla fine nel suo cervello sono rimaste le parole di Gianni che faceva il suo nome per cercare di interrompere il suo fiume di parole. Lei si è fermata per riprendere fiato perché c’era altro da confessare.
“Stefania? Stefania? STEFANIA!” e lei ha singhiozzato “Sì?”
La voce profonda di Gianni è uscita dal telefono “Va bene tesoro. Non sono arrabbiato con te né con altri. Sono contento che ti sia divertita e, prima che me lo chieda, non sono arrabbiato né con Lucia né con Biagio. Ora voglio che tu continui a divertirti, amore mio. Ora devo tornare alla cena con gli azionisti. Ci vediamo presto, amore. Forse domani non ti potrò chiamare ma ci vediamo mercoledì quando arriverò. Ti amo. Devo andare, ciao”
Stefania rimase per diversi minuti nella sua stanza a fare una profonda riflessione.
Quando ne è uscita era distesa e felice e, nel momento in cui sul bordo piscina si è presentata ai cognati, stava sorridendo felice.
Biagio si è avvicinato immediatamente a Stefania, l’ha presa tra le braccia e l’ha baciata appassionatamente e quando ha sciolto l’abbraccio ha tenuto una mano di lei nella sua.
“Sei la donna più straordinaria che abbia mai conosciuto. Fare sesso con te è stato strabiliante per me ed è stato un qualcosa che non dimenticherò mai”
Stefania è arrossita e l’eccitazione l’ha travolta “Grazie. Anche tu sei davvero fantastico”
Il tardo pomeriggio lo hanno trascorso godendo della reciproca compagnia e bevendo. Arrivata la sera Roberto ha arrostito delle bistecche sulla griglia.
La cena è stata una continuazione del divertimento dal pomeriggio.
Scese la notte, Lucia ha preso la mano di Stefania e l’ha condotta nella vasca idromassaggio. Dopo aver acceso le torce e spente e le lampadine, Lucia le ha levato il bikini rosso e le ha sussurrato “Forza! Stasera entra nella vasca idromassaggio senza. Sei troppo bella per nascondere il corpo”
L’idea l’ha lasciata molto eccitata ed ha esitato per abitudine però poi ha seguito l’esempio di Lucia ed ha spogliato la cognata così come era stato fatto a lei, ha gettato i due bikini su un tavolo vicino ed ha raggiunto la moglie del cognato nella vasca idromassaggio.
Lucia le è subito scivolata accanto e l’ha trascinata in un lungo bacio languido assai lussurioso che si è dilungato per diversi lunghi minuti ed è stato interrotto da uno schizzo di Roberto e Biagio che si sono uniti a loro per divaricare le loro grandi labbra.
Entrambe le donne erano molto eccitate e non ci voleva un Einstein per vederlo sui loro volti.
Stavolta Roberto è andato dall’altra parte della vasca puntando direttamente Stefania mentre Biagio ha messo gli occhi su Lucia.
Gli occhi di Stefania erano enormi guardando Roberto che si avvicinava a lei per prenderla tra le braccia.
Lei è rimasta scioccata per un momento quando le sue labbra hanno incontrato quelle del marito della cognata ma rapidamente si è rilassata in quel bacio. Stefania non si era mai chiesta se Roberto fosse un buon baciatore o meno, quel pensiero non era mai passata nella sua mente però in quel momento ha avuto la risposta ed era un “Sì” deciso e definitivo perché il bacio di Roberto l’ha lasciata senza fiato.
Per il momento lui apparentemente soddisfatto, si è seduto accanto a lei e le si è appoggiato all’indietro e la sua mano è andata ad accarezzare la coscia sotto l’acqua. Ma gli occhi di Stefania erano attratti da Lucia e Biagio che cercavano di ingoiare le lingue l’uno dell’altra.
Stefania aveva sperimentato tanto sesso nell’ultimo giorno e mezzo che le ha consentito di superare lo shock piuttosto rapidamente per sentire un meraviglioso formicolio nel cavallo.
I getti della vasca idromassaggio e la mano che le accarezzava la coscia sono aumentati il formicolio e le hanno dato una scarica nella figa.
Intanto Biagio e Lucia hanno smesso di baciarsi in modo che lei potesse far mettersi sul bordo della vasca, le ha allargato le gambe in modo he Stefania vedesse tutto nei dettagli e le rimanesse ben impresso nella mente ed ha affondato la faccia tra le gambe di Lucia. Nel giro di pochi minuti l’ha fatta ululare mentre gli veniva in bocca.
Biagio si è lavato la faccia con l’acqua della vasca idromassaggio e si è alzato. Il suo cazzo era spaventosamente eretto e non perduto tempo a centrare l’apertura di Lucia. Lentamente è scivolato in profondità dentro ed ha iniziato a scoparla. Lucia lo ha stretto incrociando le gambe intorno alla vita e lo attirato dentro ansimando di piacere. Stefania si è rivolta a Roberto “Ti piace vedere tua moglie che scopa con tuo fratello?”
Roberto sorrise: “Eccome! Mi piace vederla farsi una bella scopata, soprattutto con qualcuno di cui mi fido e che possa trattarla bene”
Stefania era molto eccitata ma voleva fare ancora delle domande.
“Non capisco. Come puoi condividere tua moglie in questo modo?”
La mano di Roberto ha iniziato a muoversi lungo il cavallo di Stefania eccitandola ulteriormente.
“Posso farlo perché so che lei mi ama e io la amo. Non nascondiamo nulla l’uno all’altra. Non diamo modo alle altre persone di intrufolarsi. Dopo tutto è solo sesso, gioioso e meraviglioso”
Stefania improvvisamente si insospettita “È così che la pensa Gianni?”
Roberto improvvisamente è sembrato preoccupato ed ha replicato “Questa è una domanda per Lucia”
Stefania ha ribattuto “Caro mio queste sono stronzate amico! Cosa ne pensa Gianni?”
Roberto ha annuito con la testa “Io ne sono abbastanza sicuro che lo sappia”
Stefania si è alzata ed ha inciampato fuori dalla vasca. Ha afferrato un asciugamano e si è asciugata ed è andata in casa. Lei era molto incazzata con Gianni e si chiedeva perché non le aveva detto come si sentiva? Ciò l’ha fatta diventare un po’ sospettosa e si chiedeva come fosse stato possibile passare da casalinga molto riservata a troia bisessuale in meno di due giorni?
Gianni aveva intenzione di passarla ad altri uomini?
Le è venuto il dubbio di essere stata manipolata e di non aver mai voluto che accadessero atti sessuali per lei così folli dimenticando quanto si era divertita. A quel punto della giornata Stefania non è stata aiutata dall’essere ubriaca e non al suo meglio per fare delle analisi psicologici.
Lei ha barcollato fino alla sua camera da letto ed è crollata sul letto piangendo.
Pochi istanti dopo era addormentata.
~~~~~{}~~~~

Lucia deve aver controllato Stefania parecchie volte quella notte perché quando la mattina dopo la moglie di suo fratello Gianni ha aperto gli occhi, era in piedi accanto al suo letto. Stefania si sentiva una merda. Non riusciva a ricordare di essere mai stata così incerta.
Lucia era pronta ed aveva vicino un grande bicchiere di acqua ed alcune pillole.
Stefania ha ingoiato i farmaci ed è andata in bagno. Al termine della doccia calda l’avrebbe resa abbastanza sveglia da fare colazione. Un’ora dopo si sentiva benissimo. Stefania non sapeva cosa le avesse dato Lucia, ma ha visto che funzionava e si è convinta che si sarebbe potuta rilassare ulteriormente sul bordo piscina con il primo Bloody Mary della giornata e si è stesa su un lettino.
Si è così abbronzata da sola per un’ora prima di sentire qualcuno avvicinarsi a lei. Ha aperto gli occhi ed ha visto Roberto in piedi vicino a lei. Lui si è chinato e l’ha baciato. L’ha salutata e l’ha baciata di nuovo e presi dal piacere e dalla libidine, in pochi istanti si stavano baciando appassionatamente e Stefania si stava eccitando molto. Le mani di Roberto le hanno stretto le tette anche se erano coperte dal reggiseno del bikini. Poi lui si è portato alle spalle di lei ed ha sganciato la parte superiore del bikini e subito la sua bocca è andata a trovare un capezzolo. Roberto ha palpato le tette per un po’ eccitandosi prima di tornare alla bocca di sua cognata per baciarla forte mentre le sue mani le accarezzavano e tiravano i capezzoli.
Stefania non riusciva a smettere di contorcersi, ha sentito le mani di Roberto muovere le gambe e metterle dietro la testa.
Guardando più in là ha visto Biagio afferrare il suo sedere e lei lo ha aiutato sollevando i fianchi.
Biagio le ha spalancato le gambe e le ha baciato le cosce. La sua bocca ha trovato la figa bagnata e la sua lingua le ha leccato le grandi labbra.
Stefania gemeva mentre la lingua di Biagio le titillava il clitoride.
Lucia era a guardare dietro la porta del patio. Il vetro colorato serviva a nascondere il suo voyeurismo nei confronti di Stefania, supponendo che guardasse.
Gianni era in piedi dietro sua sorella e guardava con lei.
Come previsto, Gianni era arrivato a casa di sua sorella senza che Stefania lo sapesse. Era in piedi abbastanza vicino al punto che la sua erezione premeva contro il sedere di sua sorella ed era così preso dalla scena che avveniva davanti ai suoi occhi sul bordo piscina, che non si rese conto che stava spingendo contro il sedere di Lucia su cui ha messo le mani sulle spalle e le ha parlato a basso volume all’orecchio “Il mio piano era un po’ imperfetto, ma vedo che sta funzionando”
Lucia sentì il cazzo di suo fratello premere su di lei e la stava trasformando in qualcosa di fortemente eccitata. A Lucia mancava il tocco di suo fratello.
Loro due non erano stati più intimi da quando Gianni aveva iniziato a frequentare Stefania. Ora si chiedeva se sarebbero stati in grado di fare sesso di nuovo. Tuttavia, era preoccupato.
“Non essere troppo orgogliosa di te stessa. Stefania si sta sicuramente aprendo ma l’hai ingannata e ci sono buone probabilità che quando lo scoprirà si incazzi molto con te. Devi essere onesta con lei e dirle tutto. Potrebbe non perdonarti mai se non lo fai”
Le mani di Gianni si sono mosse lungo il corpo della sorella poiché gli piaceva la sensazione di lei tra le sue mani e non l’aveva più toccata da qualche anno.
A lui è venuto in mente di stringerle le tette trattenute dal bikini facendola sospirare. Poi si è disteso dietro di lei ed ha lasciato la parte superiore. Lucia è caduta a terra e Gianni ha continuato a manipolarle le tette e con le dita hanno pizzicato e tirato i capezzoli molto duri.
Tornando a ciò che accadeva sul bordo piscina, Stefania aveva entrambe le mani sulla testa di Biagio pressandola forte contro il suo inguine ed urlando mentre veniva sul suo viso.
Quanto a Biagio, Stefania ha inclinato all’indietro la testa e lui si è messo tra le gambe di lei ed ha guardato il suo cazzo entrare in lei facendola sospirare, mugolare e lanciare urletti di piacere quando è sprofondato in lei così come aveva fatto Roberto. Muovendosi avanti e indietro l’ha scopata a lungo ed in profondità mentre Roberto era lì vicino tenendole la testa tra le mani per poter poggiare il suo cazzo sulle labbra e lei istintivamente ha aperto la bocca per poi succhiarlo.
Vedendo i fratelli scoparsi la sua donna, Gianni ha abbassato ed ha allontanato lo slip del bikini di sua sorella ed ha anche slacciato i suoi pantaloni che sono finiti sul pavimento liberando il suo cazzo. Ha poi appoggiato il suo corpo ormai nudo contro la schiena di Lucia ed il suo cazzo eretto e turgido, per l’arrapamento dello spettacolo offerto dalla moglie Stefania con i due suoi fratelli, lo ha indirizzato verso lo sfintere della sorella con l’intenzione di allargarlo. Lucia si è piegata in avanti e lo ha pregato di infilarle quel grosso cazzo incitandolo a farlo.
Poiché era esattamente ciò che Gianni voleva non ha esitato a farlo. Ha guidato la cappella del suo cazzo sullo sfintere di sua sorella ed è affondato nel culo lentamente fino alla radice. Il piacere dell’allargamento e dell’introduzione ha portato entrambi a mugolare, aprire la bocca e respirare profondamente mugugnando per le sensazioni dando inizio alla lunga scopata della sorella mentre i due accoppiati continuavano a guardare Stefania farsi scopare fin nel cervello.
Biagio scopava Stefania dandole un ennesimo orgasmo prima di tirarsi fuori. Poi i due fratelli si sono scambiati di posto e Roberto ha iniziato a scopare la cognata forte e velocemente. Stefania era chiavata così forte che non c’era modo di succhiare il cazzo di Biagio che voleva assolutamente avere in bocca ma le piaceva il cazzo duro che Roberto le stava dando.
Non è passato molto tempo prima che avesse un orgasmo esplosivo che l’ha lasciata stordita e senza sensi.
Roberto, per lato sudatissimo, ha rallentato il suo ritmo frenetico e Biagio ne ha approfittato per poggiare premendo il suo cazzo contro la bocca di Stefania che ha aperto volentieri nonostante gli effetti dell’orgasmo non fossero ancora passati, ed ha cominciato a succhiare con entusiasmo.
Roberto ha continuato a scoparla e si avvicinava rapidamente al cosiddetto punto di non ritorno.
Stefania è riuscita a sentire il cazzo di Biagio gonfiarsi ancora di più mentre pulsava quando la sborra le è stata data in bocca e lei l’ha ingoiata alla svelta poiché era qualcosa che le piaceva immensamente. Pochi istanti dopo il corpo di Roberto si è irrigidito, ha infilato il suo cazzo in profondità nella vagina ed ha spruzzato scaricando anche lui la sborra in profondità proprio sulla bocca dell’utero. Le sue braccia sono riuscite malamente a impedirgli di crollare su Stefania ed è stato obbligato a tirarsi fuori e lasciarsi cadere sulla sdraio vicina cercando di riprendere fiato.
Biagio si chinò a baciare dolcemente il viso e il collo di Stefania facendole i complimenti e dicendole “Sei una donna straordinaria”
Gianni e Lucia erano persi nelle sensazioni e si hanno goduto solo alcuni frammenti della scena finale che avveniva all’esterno essendo entrambi impegnati a venire e sborrare, poi si sono separati per riprendere fiato.
Lucia ha preso alcuni tovaglioli di carta per pulirsi mentre Gianni raccoglieva i suoi vestiti. Lei si è vestita ed ha aperto la porta del patio. Gianni è uscito dietro di lei e si si sono avvicinati tranquillamente a Stefania che ha sollevato lo sguardo mentre suo marito si avvicinava.
Il marito le ha sorriso dicendo “Vedo che ti sei divertita un po’! È stato divertente, vero?”
Stefania non sapeva cosa dire, non c’erano scuse per quello che aveva fatto. Suo marito l’aveva appena colta in flagrante nel mezzo di orgasmi multipli causati da due uomini, nNessuno dei quali era suo marito, che la avevano scopata a fondo e con suo enorme piacere.
Per la vergogna che l’ha presa Stefania si è messa a piangere e le lacrime le hanno riempito gli occhi immaginando che il suo mondo dovesse crollare.
Invece Gianni ha allungato la mano e lei è indietreggiata quando la mano di lui le ha toccato per accarezzarla e sorridendo “Non piangere tesoro. Volevo tutto questo per te. Volevo che provassi gioia nel sesso e penso che tu l’abbia finalmente trovata. Andiamo su nella nostra stanza così ne parliamo” e l’ha aiutata a rialzarsi.
Arrivati nella camera di Stefania, Gianni ha chiuso la porta ed ha preso sua moglie tra le sue braccia., l’ha baciata appassionatamente e Stefania si è ritrovata di nuovo eccitata. Gianni si tirato indietro abbastanza per potersi spogliare freneticamente dei suoi vestiti ed in pochi secondi la coppia era sul letto.
Stefania aveva un disperato bisogno di riaccoppiarsi con suo marito ed ha allungò una mano sul cazzo.
Gianni ha guardato sua moglie stando su di lei.
“Sono molto felice che abbia aperto la tua mente e realizzato la meravigliosa creatura sessuale che sei”
Stefania ha lasciato il cazzo e felice per quelle parole ha sollevato le mani per accarezzargli il viso. Quando le mani si sono poggiati sui lati della testa, lui ha avvertito l’odore della figa di Lucia sulle mani ma i quel momento Stefania ha avuto una reazione inattesa.
I suoi occhi si sono spalancati e Gianni ha visto la rabbia prendere il sopravvento in sua moglie che si è arrabbiata come non lo era mai stata ed improvvisamente ha portato le mani a premere contro il suo petto urlando “Ecco, prendile, maledetto. Prendile, sono tue!”
Stefania stringeva le tette tirandole in avanti offrendole al marito ed ha anche sollevato le gambe per spingerlo allontanandolo e si è levata dall’altra parte del letto urlando a suo marito “Bastardo! Mi hai manipolato. Per te ero una pedina, come se non fossi altro che un giocattolo! Poi hai scopato tua sorella! É di questo che si trattava quando mi hai convinta a venire qui? Mi hai mandato a farmi scopare da Roberto e Biagio in modo che tu potessi scopare Lucia?”
L’immediata risposta di Gianni è stata “No! Proprio no! Non era mia intenzione. Sai bene che ho cercato per anni di farti capire quanto sei sensuale. Sapevo che ti mancava tanta felicità perché ti comportavi in modo molto, forse troppo, riservato e, francamente, molto pudico. Sappi che ti amo più di ogni altra cosa al mondo. Voglio che tu sia il più felice possibile ed è per ciò che ho escogitato questo piano. Puniscimi se lo vuoi, ma lascia che ti chieda <Hai avuto un tempo meraviglioso migliore di questi giorni da quando sei qui? Non ti è piaciuto il sesso selvaggio?"
Stefania non riusciva a smettere di pensare a come suo marito avesse fatto sì che due uomini l’avessero scopata per non parlare del sesso fatto con Lucia.
"Stai cercando di trasformarmi nella tua troia in modo da potermi passare in giro a qualsiasi uomo tu voglia?!"
Gianni ha congiunto le mani implorando "No, mai! Ho solo affidato a Lucia, Roberto e Biagio la cosa più preziosa che ho sulla terra. Non condividerei mai quella fiducia con nessun altro. È sempre stata la tua scelta tesoro. Se avessi detto tutto si sarebbe fermato ma non volevo che tu rifiutassi. Volevo che tu trovassi il tua vera sessualità e la liberassi”
Stefania è rimasta senza parole ed ha fissato suo marito immersa nei suoi pensieri riflettendo sul contrasto di sensazioni poiché le era piaciuto immensamente il sesso selvaggio. Infatti negli ultimi due giorni quando si era lasciata andare erano stati meravigliosi. Il sesso con Lucia, Roberto e Biagio era stato il più incredibile che avesse mai avuto nella sua giovane vita e mai avrebbe pensato a quegli accoppiamenti così fantasiosi senza escludere il sogno della donna che è rimasto nel limbo tra realtà e fantasia. Inoltre Stefania si è resa conto che il piano di suo marito era stato l’unico modo per farle affiorare la propria sessualità accettando l’incesto e gli accoppiamenti multipli con i cognati. Si è anche ricordata che Lucia diceva sempre che certe cose la facevano incazzare e che non le capiva e che a volte il contorcersi durante un atto sessuale era dovuto al pudico imbarazzo e che poteva anche dipendere dall’accendersi dell’immaginazione.
Le lacrime di felicità le hanno riempito gli occhi ed è corsa dall’altra parte del letto ed è volata tra le braccia di suo marito per baciarlo forte e guardarlo negli occhi.
“Allora, da quanto tempo scopi tua sorella?”
Gianni non ha distolto lo sguardo dal viso della moglie.
“Siamo sempre stati sempre molto intimi. Ero al liceo, avevo appena compiuto diciotto anni, quando abbiamo iniziato a dormire insieme solo per stare vicini l’uno all’altra. Lucia aveva attraversato una brutta rottura con un ragazzo e dormire con me la consolava. Io ero il suo conforto. Dopo un po’ abbiamo iniziato ad aiutarci a vicenda per alleviare la tensione. La notte in cui mi sono laureato abbiamo fatto l’amore per la prima volta ed abbiamo continuato ad avere una relazione sessuale fino a quando tu e io abbiamo iniziato a frequentarci. Come sai, Lucia ha sposato Roberto un anno prima che ti incontrassi. Roberto sapeva che io e Lucia facevamo sesso e non gli importava affatto e l’ho anche fatto con Roberto e Lucia, tutti e tre insieme.
“Quando io e Lucia e io ti guardavamo dalla finestra del patio non siamo riusciti a trattenerci. Non pensavo che ti sarebbe dispiaciuto considerando quello che stavi facendo. Spero che tu non sia arrabbiata per l’incesto che abbiamo fatto in molti anni ed anche oggi. Se è ciò che vuoi, non toccherò mai più mia sorella anche se mi spezzerebbe il cuore. Sei la cosa più importante del mondo per me e non voglio mai perderti”
Quelle parole erano una nuova dichiarazione d’amore e Stefania non ha potuto non sorridere a suo marito.
“Beh, da quando ho lesbicato con lei, non posso dirti di non farlo. Pensavo anche che forse noi tre possiamo divertirci un po’, non credi?”
Gianni ha levato un capello errante dal viso di sua moglie e le ha detto baciandola sulle labbra “Significa quindi che non sei più arrabbiata con me?”
Stefania ha finto uno sguardo severo “Beh, signore, non sarò arrabbiata finché non avrai altri piani per me. Niente più schifezze. Devi essere onesto con me o con questa proposta sessuale il nostro matrimonio non funzionerà. Capito?”
Gianni ha sorriso a sua moglie ed esclamato “Sì mamma!”
La faccia di Stefania è diventata maliziosa ed ha concluso “Allora, andiamo a divertirci un po’!”
Gianni ha gettato sua moglie sul letto “dammi cinque minuti. C’è tempo. Tu ed io ci fotteremo il cervello a vicenda, dopodiché, se hai le forze, ci uniamo agli altri e ci divertiamo un po’. Ti va?”
Mentre saliva sul letto, Stefania con uno sguardo curioso sul volto “A proposito, cosa è successo ai miei costumi da bagno?”
Gianni ridacchiando “Li ho tolti dalla valigia prima che partissi. Volevo che tu fossi in qualcosa di un po’ meno classica e bigotta”
Stefania guardando suo marito “Bigotta vero? …Hum! Te lo farò vedere io quanto lo sono!” e si è messa a cavalcioni sui fianchi di Gianni mostrandogli quanto si fosse evoluta.
Il resto della loro vacanza è stata una gioiosa esplorazione della sessualità di Stefania.
Lei ha accettato pienamente la sua natura bisessuale e ha fatto progetti con Gianni per esplorare più a fondo il sesso tra loro due ed anche altre persone quando sarebbero tornati a casa anche se, per Gianni, Lucia avrebbe sempre avuto un posto speciale nel suo cuore e nel suo letto.

Prima che Gianni e Stefania ritornassero a casa loro, lei si è fatta accompagnare dal marito a fare compere e mentre giravano per negozi, tra di loro si scambiavano molte fantasie erotiche senza inibizioni ed ogni volta, al ritorno a casa, ne scaturiva una scopata memorabile. La notte precedente Gianni aveva detto alla moglie che gli sarebbe piaciuto vederla nuda prendere l’iniziativa e fare sesso con altri maschi.
Stefania si era stizzita e ci scherzava su rispondendo che quella fantasia era vecchia e che comunque, avendo avuto esperienze con Roberto nella figa e Biagio in bocca contemporaneamente, tre maschi per lei erano troppi. Lui ha proposto di fare una festicciola con delle persone molto serie e stimate e di conseguenza estremamente riservate.
Quella sera lei doveva andare fuori citta ad un incontro con delle amiche di Lucia e si è fatta accompagnare Gianni che al rientro a casa è chiamato al telefono da un suo amico locale che non vedeva da più di una un anno e di cui era stato compagno di liceo e di scorribande alla ricerca di ragazze più o meno disponibili.
Al termine della chiacchierata Gianni ha pensato di invitare l’amico a cena ed anche Stefania, senza sapere dell’invito fatto da marito, ha invitato a cena la stessa sera due colleghi presenti alla riunione. Quegli uomini erano lì perché forse amanti di alcune amiche ed erano troppo belli e di buona compagnia per approfondire la loro amicizia.
Appena finita la riunione Stefania ha telefonato a Gianni e gli ha comunicato la sua iniziativa, di rimando lui le comunica l’invito che lui aveva fatto.
Gianni ed Stefania non erano proprietari di una bella casa con piscina ed intorno un bel giardino, la loro casa aveva tante cose in comune con quella dove abitavano Roberto e Lucia.
La giornata stabilita dall’invito era molto calda ed anche la sera, sebbene fosse ormai notte, l’aria non ha rinfrescato. Per fortuna non si vedevano in giro zanzare e quindi era la sera ideale per cenare all’esterno.
tra una risata e l’altra, facendo conoscenza reciproca i presenti hanno bevuto un po’ e lo ha fatto anche Stefania che solitamente non beve poco o niente ma in casa di Lucia si era lasciata andare ed aveva voluto sperimentare quale fosse il limite di sopportazione dell’alcol.
Come già detto la giornata di giugno era calda e uno dei presenti proposto, visto il caldo e la piscina disponibile, di fare un bel tuffo per rinfrescarsi un po’.
Gianni ha dato la piena disponibilità della piscina per tutti e che era lì a loro disposizione.
Stefania ha chiesto “Ma voi avete i costumi?”
La risposta è stata ovvia perché gli invitati tutto potevano immaginarsi ma che ci fosse una piscina proprio no anche perché l’invito era per una cena ma uno di loro l’ha buttata così “Siccome non abbiamo il costume, allora ci tuffiamo nudi”
Dal momento che era tornata a casa lasciando quella di Lucia e Roberto, Stefania era ridiventata un po’ morigerata ed ha risposto sorridendo “Voi siete matti! Io nuda con voi tre maschi? Siete proprio fuori!” e rivolgendosi a Gianni ha chiesto “Tu lo faresti?”
La risposta del marito è stata bloccata da uno degli invitati “Allora non hai mai fatto il bagno nuda a mezzanotte in spiaggia?” e Stefania gli ha risposto “No”.
Gli altri in gruppo, sorprendendo Gianni e la padrona di casa, hanno detto “Beh! Noi lo facciamo comunque!” e si sono rapidamente spogliati.
Gianni era molto sorpreso ma in cuor suo felice ed ha detto a Stefania, che guardava perplessa “Dai facciamo un tuffo anche noi, cosa vuoi che sia? Non sarà certo il vedere due tette e la figa che ad eccitarli!”
Un attimo dopo, senza aspettare la reazione della moglie, Gianni si è spogliato e si tuffato è per raggiungere gli altri che erano già in acqua e che hanno invitato Stefania ad entrare dicendole che era magnifico stare immersi.
Loro hanno tentato in tutti i modi di farla entrare in acqua in particolare incitandola a non vergognarsi “Dai Stefania! Guarda che sei fatta come tutte le donne e per noi non è la prima volta che vediamo una donna nuda! Dai non essere antica!”
Di sicuro al vedere le belle forme del corpo di Stefania non si sarebbero scandalizzati.
Per prendere coraggio e far cadere le ultime barriere che la frenavano, Stefania si ha versato un altro bicchiere di vino ingurgitandolo tutto d’un fiato e si è denudata facendo uno spogliarello imitando le professioniste suscitando l’ilarità di tutti quelli che erano in piscina.
I maschi che nuotavano in piscina hanno esultato facendole un applauso dicendole che era brava ed hanno proseguito tra le risate generali anche di lei molto divertita dallo spettacolo che offriva e da ciò che dicevano quelli.
Essendo la prima volta che faceva uno spogliarello davanti ad estranei, Stefania si è eccitata ed era un po’ confusa anche per effetto del vino ingurgitato in quantità in pochi sorsi.
Con indosso solo gli indumenti intimi lei si è ritrovata in piedi a bordo piscina ed è rimasta ferma un po’ e poi si levata il reggiseno liberando la sua terza di seno che si manteneva ancora bene. Mostrava anche un bel culetto a mandolino, nonostante avesse quasi quarant’anni. Aveva le braccia decorate con dei tatuaggi a colori molto eleganti. Ciò che rendeva sensuale Stefania era il bel culetto a mandolino sulle cui natiche c’erano altri tatuaggi. Lei li aveva voluti dopo l’esperienza fatta a casa dei cognati. Infatti loro ne avevano e Lucia l’aveva convinta farsene almeno uno ma poi dal tatuatore ha visto tanti bozzetti e si è lasciata convincere a farne altri fino a quelli che mostrava quella sera e sperava adi poterne fare altri poiché aveva visto che in giro attirava gli sguardi.
In quel momento dalla piscina ci sono state delle grida di gioia e Stefania ha visto che anche gli altri erano eccitati forse più di lei. Ha notato che tutti i maschi, marito compreso, l’avevano già duro.
Per togliersi lo slip ha chiesto che tutti chiudessero gli occhi, si è girata mostrando la schiena ed ha abbassato lo slip. Naturalmente nessuno per la curiosità ha chiuso gli occhi.
Stefania si è girata ed è entrata in acqua andando vicino al marito a cui ha dato un bacio. Tra di loro hanno scambiato poche parole innocenti mentre gli altri lanciavano un po’ d’acqua divertendosi ed ogni tanto lei guardava sotto la superficie i loro cazzi duri spinta dalla curiosità di vederli eretti ed anche perché il fatto la eccitava parecchio.
Per festeggiare la nudità esibita della moglie, Gianni è uscito dall’acqua e è andato a prendere dei bicchieri e la bottiglia del limoncello con il cazzo duro in bella vista.
Stefania lo ha seguito con lo sguardo ed uno degli ospiti, Luca, rivolto a Gianni gli ha detto a voce alta in modo che anche gli altri sentissero “Vedi come te lo guarda!” e lei è diventata rossa e si è appoggiata al marito che l’ha abbracciata per farla sentire protetta mettendola maggiormente a suo agio. Toccandole le tette le ha dato un bacio con la lingua in bocca, Stefania ha ricambiato sotto lo sguardo attento degli altri.
Gianni si è avvicinato al bordo della piscina con i bicchieri di limoncino sedendosi sul bordo proprio dalla parte dove c’era Stefania. Il suo cazzo era ancora dritto e le ha dato un bicchiere mentre anche Dario si è seduto a bordo piscina al fianco di Gianni.
Lo sguardo di Stefania si è spostato sull’ospite non avendo notato sottacqua che aveva un cazzo enorme intorno ai 20 – 22 centimetri considerando che quello che lei riteneva grande era quello del marito Gianni che era lungo 18.
Dario ha subito notato che la donna lo guardava e lui, visto lo sguardo meravigliato, le ha chiesto senza il minimo imbarazzo se ne avesse visto altri così grandi.
Stefania non era ancora molto esperta e non aveva ancora avuto esperienze con sessi di quella dimensione, ha risposto di non aver mai visto un cazzo così grande e dopo alcuni istanti è diventata rossa mentre tutti maschi sono scoppiati a ridere.
Il limoncello aveva fatto l’effetto di rendere tutti molto allegri ed eccitati.
È passato un po’ di tempo e tutti erano felici di spruzzarsi acqua e ridere tra batture e leggeri toccamenti reciproci.
Infine i maschi sono usciti dall’acqua e soltanto Gianni e Stefania sono rimasti in piscina non osservati dal resto della compagnia.
Gianni ha chiesto alla moglie “Ti piacerebbe mettere realizzare una delle nostre fantasie?” e lei immediatamente gli ha risposto sottovoce “Ma sei fuori di testa? Il limoncello ti ha cotto il cervello!”
Quelle parole di Stefania sono state dette con poca convinzione e Gianni l’ha aiutata ad uscire dalla piscina. In quel momento e arrivato Dario che le ha dato l’asciugamano e l’ha squadrata da testa ai piedi rompendo il ghiaccio della riservatezza “Sei veramente figa!”
Luca che aveva sentito le parole di Dario, ridendo ha fatto una battuta “Anche se le fai i complimenti un pompino non te lo fa!”
Stefania capendo che ormai la riservatezza era scomparsa e che l’intimità era svanita ha fatto ai due un segno con il dito medio e sfacciatamente ha aggiunto con tono di sfida “Chi te lo dice che non glielo faccio?!”
A quella battuta provocatrice gli altri hanno guardato Stefania e Luca ha detto “Non lo fa perché c’è suo marito!” e Dario ha insistito “Perché se non ci fosse lo farebbe?”
Luca ha ribattuto “Penso che non lo farebbe solo a lui!” e poi si sono voltati verso Stefania che per sfida, ma anche per voglia, stava già toccando l’enorme cazzo di Dario.
Intanto Gianni è arrivato con altri limoncini e vedendo la scena si è fermato davanti a loro osservando la moglie e Dario ed ha poggiato il vassoio sul tavolo.
La mano di Dario era andata a toccare la figa di Stefania.
Luca aveva fatto un piccolo passo i due ma Gianni lo ha fermato e Luca è rimasto a bocca aperta per la sorpresa di vedere Stefania maneggiare il cazzo e lui sgrillettarla.
Luca si è inchinato a guardare la figa della donna e per un attimo ha guardato Gianni per avere il consenso a proseguire ed è andato a toccare le tette.
Stefania si era scatenata e le sue remore scomparse. Da quando aveva fatto sesso con i cognati aveva anche scoperto il piacere di poter fare sesso diversi maschi e quella sera aveva l’occasione di realizzare una delle fantasie proposte dal marito.
Gianni ha lasciato scaldare sia la moglie che Dario a cui lei stava facendo una lenta sega e quando si è avvicinato Stefania stava baciando Dario e Gianni si è dedicato a succhiare le tette.
Quando anche Luca si è avvicinato a loro, lei si è staccata dalla bocca di Dario, Gianni si è fermato e Stefania ha guardato il marito senza staccare la mano da quel enorme cazzo.
Dopo qualche secondo, Gianni ha baciato la moglie riguardandola negli occhi vedendo la sua voglia e le ha preso la testa tra le mani per darle un altro bacio, poi ha guidato la testa verso quel cazzo che lei ha preso in bocca dando il via ad un pompino meraviglioso.
Gianni le stava toccando le tette per tenerla eccitata e farle avere i capezzoli più sensibili.
Chi era in ritardo sugli avvenimenti era Luca che solo in quel momento ha realizzato quello che stava accadendo ed ha esclamato “Arrivo! Ci sono anche io!”
Gianni si era già messo a terra ed aveva già la lingua sulla figa di Stefania che mai aveva sentito così piena di umori; se l’ha gustata un po’ e poi ha fatto spazio a Dario.
Subito dopo Luca ha succhiato le tette di Stefania la quale aveva ancora in bocca quel cazzo che spompinava con tanta passione mai vista nei rapporti coniugali.
Gianni si è poi seduto lasciando Stefania in mano a Luca e Dario e si ha goduto quella scena tanto fantasticata.
Staccandosi dalle mammelle di Stefania, Luca ha chiesto a Dario di dargli il cambio ritenendo fosse ora di godersi anche lui la bocca della donna.
Gianni si è sollevato dalla sedia, ha fatto spostare Dario ed ha infilato il cazzo di Luca in bocca alla moglie.
Dario arrapato notevolmente non voleva restare fermo ed ha fatto scansare Gianni per infilare la sua lingua nella figa piena di umori.
Quando il marito si è avvicinato a Luca, la donna ha iniziato a succhiare due cazzi per la prima volta in vita sua.
In quel momento Stefania realizzava un’altra sua fantasia avendone due in bocca ed uno a succhiarle la figa.
Quando Dario si è staccato dalla figa smettendo di leccare, l’ha penetrata con quel cazzo enorme.
appena quel cazzo ha aperto l’intimità di Stefania, lei ha urlato di piacere.
I quattro hanno continuato finché Dario non ha detto che stava venendo.
Allora Stefania ha lasciato i due cazzi, si è girata e ha preso in bocca quel cazzo che stava per sborrare mentre Luca ha approfittato del buco libero per infilare il suo cazzo.
Anche il fare un pompino ed essere chiavata era una fantasia di Stefania che si stava realizzando e non era completa perché desiderava che la sborrata avvenisse sulle tette, cosa che è avvenuta. Infatti Dario ha sborrato riversando la crema bianca sule tette di lei.
Nel frattempo il cazzo di Dario è tornato duro e stava già nuovamente godendo della bocca della padrona di casa.
A quel punto vedendo la moglie piena di cazzi ed anche godere di quelle situazioni, Gianni le è venuto dentro mentre Stefania continuava a spompinare a turno gli altri due.
Poiché Stefania aveva la sborra che colava dalla sua bella fighetta Gianni è andato a leccarla finché Dario non è arrivato con il suo cazzo che ha avvicinato alla figa sfiorando la lingua di Gianni e l’ha penetrata di nuovo.
Il padrone di casa è andato a baciare sua moglie che sapeva di cazzi ed era una sensazione fantastica.
Dario ha proseguito la monta e non ha tardato a dire che stava venendo.
Stefania non si è mossa ed ha voluto che la sborra restasse nella sua figa. Lei era ferma come fanno molti animali al momento della fecondazione e nel momento in cui ha avvertito il caldo della sborra appena spruzzata ha urlato tutto il suo piacere.
A turno gli altri, marito compreso, hanno montato Stefania sborrando chi dentro chi fuori la figa e poi, per rilassarsi, tutti insieme si sono tuffati in piscina per levarsi il sudore ma scherzando hanno anche giocato e toccato l’un l’altro
Infine sono usciti dall’acqua e con dispiacere si sono rivestiti, si sono salutati lasciandosi con un sincero “Ci rivediamo?”

15
1

Leave a Reply