;

Il nuovo ordine mondiale. Cap 2

82 0

Conosco Guido da quando eravamo bambini. Giocavamo insieme nei lunghi mesi estivi in un borgo in toscana di cui le nostre famiglie si erano innamorate e avevano deciso di comprare una casa per passarci qualche fine settimana, La sua una megavilla con piscina (i suoi si vantavano che era stato il set di un film di Bertolucci) quella dei miei un vecchio casolare restaurato con passione e con un vergognoso spreco di soldi.

Quando scoppiò il caos avevamo 15 anni ed entrambe le famiglie ritennero quel posto il più sicuro dove rifugiarsi. Passammo così quasi 3 anni in simbiosi. Le due famiglie non potevano essere più diverse e fino a quel momento si erano ignorate per non odiarsi. I miei venivano da generazione di intellettuali di sinistra. Nipoti di partigiani avevano pensato che la rivoluzione si potesse anche fare sorseggiando prosecco con la Roma che conta sulla terrazza che affaccia su piazza Navona. Come gli dissi il giorno che me ne andai da casa, l’ultima volta che li ho visti, loro amavano il popolo e la massa odiavano però la gente, quella che puzza e che si fa il culo per guadagnare uno stipendio al limite del dignitoso. Nei loro saggi e articoli (in un paio di occasioni mio padre si avventurò anche a scrivere dei romanzi) parlavano di un mondo che non conoscevano e che non gli apparteneva come se fosse il loro.

La famiglia di Guido veniva invece dalla tradizione di una destra reazionaria e legalitaria. Negli ultimi tempi però, come tanti, si erano lasciati andare a una deriva più becera fatta di razzismo e xenofobia. In realtà l’unica cosa che gli interessava dalla politica erano gli scarsi o nulli controlli fiscali. Preoccupazione superflua visto che questo veniva regolarmente garantito da tutti i governi che si alternavano.

Il pericolo di perdere tutto annullò però molte differenza. In quel posto sperduto si costruì così una piccola comunità di potenti che volevano sopravvivere. Ci trasferimmo quindi tutti nella villa dei Marangon trasformata in una specie di fortezza, con gli uomini armati a difenderla. Per me e Guido furono fatti venire alcuni professori selezionati con attenzione dalle nostre madri. Passavamo le mattinate studiando con un impegno degna di un collegio gesuita. Erano ore interminabili fatte di versioni di latino e teoremi di matematica di cui non riuscivo a capire l’utilità ma che apprendevo con dedizione, spinto dal mio innato senso del dovere. Invidiavo a Guido la sua capacità di prendere tutto con leggerezza. Il pomeriggio invece era il momento in cui il nostro essere maschi si esaltava. Il padre di Guido, considerando il mondo che c’era fuori, pretese che imparassimo a difenderci. Il collegio gesuita si trasformava così in una accademia militare. In quei tre anni penso di aver usato ogni tipo di arma e imparato ogni tecnica di autodifesa. Anche mio padre, che era sempre stato un convinto pacifista, sembrava quasi contento di questo mix di educazione. Ogni tanto con Guido sfuggivamo al controllo dei nostri educatori per vivere qualche avventura di caccia fuori: caccia che poteva essere al cinghiale oppure alle due figlie di un contadino che viveva a metà strada fra la nostra fortezza Bastiani (questa era il nome che io Guido iniziammo ad usare dopo aver scoperto Buzzati) e il paese. Al ritorno da queste battute di caccia, eravamo quasi sempre orgogliosi del nostro bottino (più tangibile nel caso del cinghiale) e anche i nostri genitori ci rimproveravano dissimulando però soddisfazione. La scoperta del sesso arrivò però prima di conoscere le due sorelle che prendevamo in giro per la loro c aspirata e ci scambiavamo con una certa leggerezza.

La nostra nave scuola fu la cameriera trentenne che i Marangon si erano portati dalla loro villa palladiana, pensando forse che quell’accento padovano e lo strepitoso fegato che sapeva cucinare li avrebbe fatti sentire a casa. Per anni con Guido, ogni volta che ci siamo sentiti, abbiamo ricordato quella notte in cui eravamo stati spavaldi con le parole e impacciati nei movimenti. Prima di entrare nella sua stanza, che lei ci aveva lasciato intendere sarebbe stata aperta, ci facemmo coraggio ripetendoci le pratiche estreme che avremmo praticato “io me la scopo mentre tu te la inculi” e la mattina dopo ne uscimmo ringraziandola timidamente come si ringrazia una zia che ti offre una bibita. Non ho mai capito se fu una sua libera scelta oppure era parte dell’offerta formativa che il signor Marangon aveva preparato per noi. In questo secondo caso non finirò mai di ringraziarlo. Gli incontri con la cameriera divennero un piacevole appuntamento che scandiva la nostra settimana e alla fine riuscimmo anche a fare quello che avevamo ipotizzato la prima sera, ma per essere onesti solo quando fu lei a proporcelo.

L’anno che compimmo 18 anni la situazione iniziava a normalizzarsi e le città stavano tornando più sicure. La fortezza Bastiani ridivenne la lussuosa villa di una famiglia arricchita e le nostre strade si separarono.

Dopo 3 anni anche le università riaprirono e io fui uno dei primi a laurearmi per entrare nell’apparato statale dove con una carriera fulminea arrivai ai vertici nella mia agenzia. Una struttura che aveva il compito di coordinare, controllare e indirizzare il lavoro di tutti e ministeri e delle principali aziende statali. Un mestiere che mi faceva viaggiare molto e che mi dava un ceeto potere. Potere che però esercitavo, come la vecchia classe dirigente democristiana, in modo morigerato e autoritario. Ero attento a non apparire troppo anche se spesso ero quello che prendeva la decisione finale. Forse per questo understatment non ero ancora stato cooptato nella upper class, ma la cosa non mi preoccupava. Mi ritenevo fortunato ed ero soddisfatto della mia vita.

Con Guido ci sentivamo sempre meno spesso ma mi piaceva ogni tanto informarmi su quello che faceva. Negli anni in cui tutte le nuove regole dovevano ancora essere definite si dimostrò uno squalo della finanza e del commercio accumulando una ricchezza spropositata. Questo gli aveva aperto le porte della casta degli eletti. Quelle poche volte che mi chiamava alla mia domanda su cosa fai la risposta era inequivocabilmente sempre la stessa “me la spasso”. In questa risposta me lo immaginavo circondato da schiave bellissime che lui si divertiva a umiliare e a torturare. Questo era un altro nostro piccolo segreto. Il primo anno in toscana spesso ci nascondevamo in un piccolo boschetto dove avevamo costruito il nostro quartier generale (una piccola capanna con dei rami a fare da tetto) per il quotidiano rito della masturbazione. Per eccitarci immaginavamo di essere i padroni della fortezza e che tutti gli abitanti fossero al nostro servizio. A turno inventavamo storie in cui gareggiavamo a chi era più sadico e diabolico. Ero certo che lui, ormai classe dominante, avesse trasformato quel gioco e quelle fantasie in realtà. Avevo anche letto di una ex attrice per qualche anno abbastanza famosa che lui si era aggiudicato in un’asta milionaria e non osavo immaginare quale destino gli era toccato. Questa mia solidarietà nei  confronti dell’artista fu però mitigata dal ricordo di come recitava, praticamente una cagna. Di mio ero invece frenato da una asfissiante sovrastruttura culturale e da un ingombrante senso etico, anche se devo ammettere che qualche volta con la mia segretaria e, soprattutto con la coppia di giovani fidanzati che sono al mio servizio (omaggio di una donna dell’upper class che  mi è particolarmente affezionata) avevo messo in pratica qualcuna delle fantasie della nostra pubertà.    Ma di sicuro nulla a che vedere con quello che Guido faceva con i suoi schiavi.

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.