;

Di ritorno da una splendida vacanza

2 0

Siamo scesi dall’aeroplano e saliamo sul bus che ci porterà al terminal. Siamo rilassati, di ritorno da una bella settimana di vacanza al mare, ce la siamo goduta, baciati dai raggi del sole, soli io e mia moglie.

È stata una settimana all’insegna del sesso e del gioco erotico, ma ora si sta per tornare alla vita normale. Prima di partire sono riuscito a convincerti, nonostante i tuoi primi, ed in apparenza, insuperabili rifiuti, all’ultimo gioco. Farai il viaggio senza intimo, una ultima concessione dopo questa settimana, quindi, sotto la gonnellina larga a fantasia floreale che arriva a metà coscia e sotto la maglietta bianca semplice non indossi né le mutande né il reggiseno.

Durante tutto il viaggio, seduti in aeroplano, ti ho stuzzicata accarezzandoti il seno ad ogni occasione, ad ogni carezza i capezzoli divenivano ben visibili e puntavano fieri la maglietta. Nonostante le tue proteste e gli inviti a smetterla, ho iniziato ad allungare una mano in mezzo alle tue gambe trovandoti eccitata.

Il viaggio in aeroplano è passato via troppo veloce e, come dicevo, ora ci troviamo sul bus che ci porterà al terminal.

Entriamo, il bus è stracolmo, ti faccio entrare e trovi posto vicino ad un palo e ti aggrappi, con le gambe leggermente divaricate avendoci posto la valigia in mezzo, io non riesco ad entrare dalla stessa porta, quindi, mi dirigo alla porta centrale dove trovo un piccolo posto, siamo distanti ma ti vedo e tu sei rivolta verso di me.

Si chiudono le porte e noto che alle tue spalle si posiziona un ragazzo, ti è praticamente incollato, vista la folla. All’inizio tutto bene ma con il passare dei minuti vedo il tuo viso avvampare, mi cerchi con lo sguardo, ci fissiamo negli occhi e capisco che succede qualcosa, ma non so cosa.

Il viaggio sembra durare una eternità, il ragazzo è stato sempre alle tue spalle incollato, mi è parso di aver intravisto le sue mani sul tuo seno, ma non ne sono sicuro, nonché dei movimenti, ma potrebbero essere stati dettati dai sobbalzi del bus.

Finalmente si aprono le porte, il bus si svuota, ti avvicini, mi prendi la mano, hai la faccia sconvolta, gli occhi languidi, ti chiedo cosa sia successo, ma mi rispondi nulla di brutto.

Entrati nell’aeroporto mi dici che hai bisogno del bagno, ti ci accompagno ed aspetto che tu esca. Ti ripresenti dopo svariati minuti, ma sembri rigenerata, recuperiamo l’auto, torniamo a casa, ceniamo e ci mettiamo a letto.

Fa caldo e siamo praticamente nudi, ti avvicini e cominci ad accarezzarmi e a baciarmi, mi fissi negli occhi e mi dici: ti devo confessare una cosa successa oggi, diventi rossa in viso ed il mio istinto mi suggerisce che il racconto riguarderà quanto accaduto sul bus.

Mi prendi il cazzo in mano e cominci una lenta sega e cominci il tuo racconto.

Quando sono salita sul bus mi sono aggrappata al palo, per evitare di cadere quando il bus sarebbe partito, ho posizionato la valigia in mezzo alle mie gambe per averle più larghe e quindi essere più stabile. Quando si è chiusa la porta, alle mie spalle si è posizionato un ragazzo che si è praticamente incollato a me, si è scusato dando la colpa alla eccessiva folla.

Gli ho detto, credendo nella sua buona fede, di non preoccuparsi che capivo la situazione e gli ho suggerito di aggrapparsi da qualche parte per evitare di cadere.

A questa mia risposta il ragazzo si è aggrappato allo stesso palo dove ero appoggiata io, sembrava quasi mi abbracciasse, questa posizione ha fatto aderire perfettamente il suo bacino al mio sedere. Partito il bus e dopo i primi sobbalzi ho iniziato a sentire il suo cazzo che ha iniziato ad ingrossarsi ed si è inserito perfettamente tra le mie natiche, più il bus si muoveva e più il suo cazzo diventava duro. Ho cercato di spostarmi per sottrarmi al suo tocco ma innanzi a me avevo il palo ed ero impossibilitata nei movimenti, ho provato a spostarmi a destra o a sinistra ma mi sono accorta che i miei spostamenti laterali, provocando maggiore strofinamento, non facevano altro che eccitarlo maggiormente.

Mia moglie, interrompe il racconto, mi guarda negli occhi e mi dice: ti è venuto durissimo ti ecciti a sentire che un porco, approfittando della situazione, ha strofinato il suo cazzo duro sul mio culetto? Era una domanda che non meritava una risposta verbale, la risposta era ben visibile dalla eccitazione del mio cazzo ed, infatti, lei prosegue il racconto.

Il ragazzo stacca una mano dal palo e la porta verso il basso appoggiandomela su un fianco, ormai sentivo che il suo cazzo, appoggiato tra le mie chiappe, era in piena erezione, e non aspettava più i sobbalzi del bus per muoversi, ma lo strofinava tra le mie chiappe simulando una sega.

Ti confesso che la situazione mi ha eccitato, le attenzioni di quel ragazzo più giovane nei miei riguardi hanno avuto il loro effetto, la sua mano, dal mio fianco, è lentamente passata sul mio sedere.

Ormai era in preda ad un delirio erotico, simulava un rapporto muovendo il bacino contro il mio sedere ma strofinava il suo cazzo duro tra le mie natiche, in un attimo ha spostato la mano e l’ha infilata sotto la gonna scoprendo che non indossavo le mutandine, che tu hai voluto non mettessi.

Mi ha toccato la passera, trovandola bagnata, avevo le gambe leggermente divaricate, avendo la valigia nel mezzo, e non ha avuto alcuna difficoltà ad inserire un dito dentro. Ho sentito le gambe cedere, lui si è accorto del mio momento di debolezza ed ha staccato l’altra mano dal palo appoggiandola sulla mia tetta, è inutile che ti dica che avevo i capezzoli turgidi e ben visibili dalla maglietta.

Interrompe il racconto, mi guarda dritto negli occhi con uno sguardo da maiala e mi dice se sei geloso smetto di segarti e di raccontarti cosa ha continuato a farmi, però sappi che la colpa è tua che non mi hai fatto indossare l’intimo, allora cosa mi dici mi fermo?

La guardo e la invito a continuare il racconto e lei replica dicendo: ho sempre saputo che sei un porco.

Il ragazzo era in preda all’estasi, ritengo non potesse credere alla situazione che gli era capitata, non si tratteneva più. 

Indossava un pantaloncino con elastico in vita, mi ha alzato la parte posteriore della gonna, utilizzandola come paravento, ed ha tirato fuori il cazzo riposizionandolo tra le mie chiappe.

Non so se gli altri passeggeri si siano accorti di qualcosa, in quel momento la cosa interessava poco sia me che il ragazzo.

Lui ha iniziato nuovamente a strofinare il cazzo tra le mie chiappe, simulando una scopata, ed ha appoggiato tutte e due le mani sulle mie tette.

Il contatto del suo cazzo nudo sulla mia pelle mi ha fatto arrossire, ti ho cercato con lo sguardo, tu eri la e mi hai fissata negli occhi, non sapevi cosa stesse succedendo, beh, ora lo sai, avevo il suo cazzo appoggiato tra le chiappe che si strofinava e le sue mani sulle mie tette.

I suoi movimenti di bacino sono diventati più frenetici, ho capito che non sarebbe durato molto, ed infatti, mi ha sussurrato all’orecchio: sborro, ti sborro tutta, e poco dopo ho sentito il suo sperma caldo in mezzo al mio culo che colava verso il buchetto.

Sento che anche il tuo cazzo è pronto per sborrare, ti piacerebbe venirmi sul culetto come ha fatto il giovanotto? Mia moglie si è stesa prona invitandomi a posizionare il cazzo in mezzo alle chiappe ed incitandomi a strofinarglielo in mezzo. AD un certo punto si è girata e mi ha detto mi è piaciuto che il ragazzo mi abbia riempita di sborra voglio vedere se fai altrettanto, non ho resistito più ed le ho inondato il culo di sborra.

Mia moglie ha proseguito dicendo, ora che ti sei sfogato ti racconto la fine: il ragazzo ha rimesso il cazzo nel pantaloncino e si è spostato, una signora, li vicino, che evidentemente aveva visto tutto, mi ha guardata e mi ha rivolto un sorriso complice, probabilmente le sarebbe piaciuto essere al mio posto, mentre un uomo maturo mi ha guardata e si è toccato il pacco, facendomi vedere che lo aveva duro.

Per fortuna l’apertura delle porte mi ha evitato il protrarsi di quella situazione imbarazzante, sono uscita venendoti in contro e prendendoti la mano, poi mi hai accompagnato in bagno, ricordi? Sono entrata nel primo bagno libero e mi sono masturbata forsennatamente sino a godere, ne avevo proprio bisogno.

Poi mi sono data una ripulita mi sono tolta la sua sborra dal culo e sono tornata da te. Visto che hai apprezzato, quanto me, l’accaduto proverò a rifarlo alla prima occasione.

Commenti e suggerimenti a: giocodicoppia40@gmail.com

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.