;

La Vendetta Perfetta- Quarta parte

441 0

Premessa…questo racconto non è di fantasia ma è successo davvero.

Quando Enzo si presentò in camera e esclamò “stasera comando io” non avevamo idea di cosa intendesse….per prima cosa tirò fuori dallo zaino delle strisce di tessuto che solo dopo capimmo essere “corde” per legare una persona al letto…Prima di cominciare Serena gli chiese di cancellare il video che aveva sul cellulare altrimenti non saremmo andati avanti e lui le diede direttamente il telefono dicendole ” cancellalo pure”…Fatto questo la mia donna sembrava un pochino risollevata… pensava che almeno finita la serata sarebbe finito tutto…. ma si sbagliava…

Dallo zaino tirò fuori prima delle corde per me ….mi legò polsi e caviglie ad un mobile e con il viso rivolto verso il letto….per lei,invece, oltre a questo aveva una mascherina senza buchi…quindi impossibilitata a vedere…

Appena lei fu bendata Enzo mi fece l’occhiolino per farmi capire che era tutto sotto controllo. Cominciò a baciarle le caviglie….poi salì sempre di più fino ad arrivare all’interno coscia…e poi si dedicò delicatamente alla figa da abile linguista. Lei non poteva accorgersi che nel frattempo lui aveva cominciato a fare un video con il suo cellulare… e piano piano i lamenti iniziali si stavano trasformando in gemiti…tanto che lui mi diceva ” guarda la tua cagna come è bagnata”… effettivamente notavo che Serena di tanto in tanto si mordicchiava il labbro…vuoi la situazione… vuoi la bevanda…cmq era quello che mi sembrava di percepire…dopo un pò finalmente Enzo con il suo enorme membro si diresse verso la sua bocca……sembrava che faceva fatica ad entrarci tutto….

Dopo una decina di minuti passati così finalmente decise di scoparsela…. scese dal letto ed aprì un piccolo scomparto nel muro dove c’erano dei preservativi…ne indossò uno ….si diresse tra le gambe di Serena e con un colpo netto la penetrò.

In quel momento non riuscivo a capire se le smorfie della mia donna fossero di dolore o di piacere…o tutte e due….effettivamente Enzo aveva davvero un bell’arnese.

La scena continuò per vari minuti fino a quando chiunque avrebbe capito che la mia lei stava godendo molto…nel frattempo lui le chiedeva costantemente se potesse togliersi il preservativo… ma lei non rispondeva… fino a che lui le disse “o mi rispondi oppure me lo tolgo”…. anche questa volta non ci fu risposta quindi lui si sentì in dovere di sfilarselo….

passarono trenta interminabili secondi..nei quali lui non fece altro che strofinare la sua cappella contro la figa di Serena…fino a quando delicatamente lo infilò tutto dentro e nella stanza echeggiò un “Siii”….ormai Serena era in balia di Enzo che continuò per alcuni minuti e poi di colpo si bloccò e scese dal letto…si rivestì ed uscì dalla stanza….rimanemmo soli e legati per alcuni minuti… minuti che ci diedero la possibilità di parlare….io le chiesi cosa stesse succedendo e lei mi rispose che era un po su di giri per colpa dell’alcool e che non sapeva bene cosa accadeva….

Circa 15 minuti dopo fece ritorno Enzo…ma non era da solo…era in compagnia del ragazzo mulatto con il quale aveva ballato in precedenza Serena…fu a quel punto che le tolse la benda perchè voleva che vedesse quello che stava per succedere. A quel punto il ragazzo di colore che si chiamava Abdoul si distese su di lei, ma prima mise il profilattico che sinceramente copriva il suo cazzo solo a metà…era di dimensioni spropositate…non avevo mai visto nulla di simile…

Cominciò a stantuffare la mia donna prima con calma poi sempre più selvaggiamente…a quel punto Enzo mise di nuovo in funzione la videocamera del cellulare e cominciò a riprendere…quando Serena se ne accorse provò a protestare ma Enzo le disse di stare tranquilla e lei non disse più nulla. Dopo qualche minuto bussarono alla porta…era un cameriere con una bottiglia di champagne…la aprirono e mentre era ancora legata ne versarono un po nella bocca di Serena che nonostante tutto sembrava gradire… Quando pensavo di aver visto ormai tutto vidi Abdoul che sotto indicazione di Enzo prese un gel lubrificante….pensavo fosse per il culo di Serena… ma mi sbagliavo…il marocchino ne versò un bel quantitativo nella mano e si avvicinò a me…si posizionò dietro di me … me lo spalmò sul buco del culo e piano piano cominciò a penetrarmi…nel frattempo Enzo continuava a riprendere. Devo dire che inizialmente provai un dolore immenso…ma forse, grazie alla situazione che si era venuta a creare, cominciavo a provare un leggero piacere…

Finito questo supplizio Enzo ci spiegò che ormai eravamo costretti a ubbidire a tutti i suoi ordini e che da quel momento dovevamo chiamarlo padrone.

A quel punto si rivestirono…ci slegarono e uscirono dalla stanza lasciandoci soli ma non prima di averci detto ” godetevi la serata…ci vediamo dopo”.

Rimanemmo immobili per una ventina di secondi poi contemporaneamente ci dirigemmo l’uno verso l’altra e ci abbracciammo….lei mi chiese scusa perchè si era lasciata andare …. diede la colpa al bere ma mi disse anche che stranamente la cosa le era piaciuta … solo che era preoccupata in quanto adesso Enzo aveva video molto più compromettenti del primo.

Parlammo un po e alla fine decidemmo che ormai non potevamo fare molto e dovevamo cercare di trovare un modo per recuperare i video, così ci dirigemmo in sala come se niente fosse successo e per una mezz’ora effettivamente non successe nulla dopodichè vedendo Enzo da solo dissi a Serena che forse era il caso di prenderlo da parte e provare a convincerlo a darci i video…magari offrendogli una bella somma di denaro….lei mi disse che era un’ottima idea..così le ordinai un drink e la lasciai al bar nel frattempo feci cenno al mio amico di seguirmi.

Una volta arrivati in camera scoppiammo a ridere per il piano ideato..tranne il fatto che mi aveva fatto inculare da un superdotato, ma lui mi disse che era stato necessario per farle credere che fosse tutto vero…così cominciammo a pensare al seguito.

Io gli spiegai che lo avevo portato in camera con la scusa di offrirgli dei soldi affinchè non rendesse pubblica la cosa e lui mi disse che non aveva fatto nessun video ma che Serena non lo sapeva.. quindi bisognava pensare solo al passo successivo.

Rimanemmo d’accordo che comunque , con l’evolversi della serata, qualcosa avremmo inventato, quindi ritornammo al centro del locale ma di Serena non c’era traccia… per un attimo pensai che fosse scappata via…anzi ne ero quasi certo, ma per sicurezza decisi di fare un giro per il locale. 

Andai al piano di sopra e cominciai a guardare in tutte le stanze…ma di lei nessuna traccia… allora tornai da Enzo e gli dissi che Serena non era più nel locale…a quel punto mi disse di andare con lui… che mi avrebbe portato in una stanza dove c’erano le telecamere a circuito chiuso e se ci fosse stata l’avremmo sicuramente vista.

Io avevo controllato in tutto il locale tranne una stanza che era chiusa e non aveva spiragli per sbirciare….così guardammo stanza per stanza ma niente…fino a che i nostri occhi si diressero proprio in quella stanza chiusa…si vedevano chiaramente Abdoul e Serena intenti a pomiciare come due fidanzatini… e poi lei che gli chiedeva di scoparla…lui rispose di aspettarla qualche minuto perchè non aveva preservativi con lui ma lei gli rispose che non c’era problema…così cominciarono a fare sesso e noi spiavamo da un’altra stanza. Lui venne quasi subito e così si rivestirono e uscirono dalla stanza…io le andai incontro e le chiesi dove fosse stata e lei mi rispose che aveva fatto un giro fuori e che poi era andata in bagno…insomma zoccola dentro.

continua

Lascia un commento

I racconti erotici di Milù DEVI ESSERE MAGGIORENNE PER POTER ACCEDERE A QUESTO SITO.